LIVE MotoGP, GP Doha in DIRETTA: promossi e bocciati. Valentino Rossi caso unico nella storia

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

L’IMMAGINE OFFUSCATA DI VALENTINO ROSSI: UN CASO UNICO NELLA STORIA

I PROMOSSI E BOCCIATI DEL GP DI DOHA DI MOTOGP

DUCATI SENZA UN LEADER IN PISTA PAGA DAZIO

VALENTINO ROSSI STA PERDENDO IL PIACERE DI CORRERE E DIVERTIRSI

IL GP DI DOHA: IL PIU’ LOTTATO DI SEMPRE

VALENTINO ROSSI: “PENSAVO DI CHIUDERE TRA I PRIMI DIECI”

LA CRONACA DELLA MOTOGP

L’ORDINE D’ARRIVO DELLA MOTOGP

LE PAGELLE DELLA MOTOGP

LA CLASSIFICA DELLA MOTOGP

IL DIVERTIMENTO VIENE MENO PER VALENTINO ROSSI

VALENTINO ROSSI E L’ENIGMA YAMAHA

YAMAHA PETRONAS IN CRISI

OCCASIONE MANCARA PER FRANCESCO BAGNAIA?

IL PESO DELLA RICONFERMA BLOCCA JOAN MIR

FABIO QUARTARARO: “PRESSIONE QUANDO SEI AL POSTO DI VALENTINO”

JOHANN ZARCO: “CONTENTO CHE ABBIA VINTO UN FRANCESE”

JORGE MARTIN: “DEDICATO A FAUSTO GRESINI”

FRANCO MORBIDELLI: “POCO VELOCE SUL DRITTO”

JOAN MIR: “SONO ARRABBIATO CON MILLER”

JACK MILLER: “EPISODI DI GARA”

MAVERICK VINALES: “RISULTATO CHE DA’ FIDUCIA”

ALEX RINS: “BUONA GARA”

VIDEO GLI HIGHLIGHTS DELLA MOTOGP

VIDEO LO SCONTRO TRA MIR E MILLER

VIDEO COSA SI SONO DETTI MIR E MILLER

VIDEO JOAN MIR: “MILLER NON HA AVUTO RISPETTO”

VIDEO JACK MILLER: “HO PROTETTO LA TRAIETTORIA”

VIDEO LA PARTENZA DI MIGUEL OLIVEIRA

VIDEO GLI HIGHLIGHTS DELLA MOTO2

VIDEO GLI HIGHLIGHTS DELLA MOTO3

LA DIRETTA LIVE DELLA MOTO2

LA DIRETTA LIVE DELLA MOTO3

E’ tutto per questa DIRETTA LIVE. Un saluto dalla redazione di OA Sport.

Fabio Quartararo dunque si impone con grande intelligenza davanti a Zarco e a Martin. Bagnaia paga un errore ed è sesto, mentre Morbidelli 12° e Valentino Rossi 16° non sono riusciti a raddrizzare un brutto weekend.

L’ORDINE D’ARRIVO (top-10):

1
20
F. QUARTARARO
42:23.997
2
5
J. ZARCO
+1.457
3
89
J. MARTIN
+1.500
4
42
A. RINS
+2.088
5
12
M. VIÑALES
+2.110
6
63
F. BAGNAIA
+2.642
7
36
J. MIR
+4.868
8
33
B. BINDER
+4.979
9
43
J. MILLER
+5.365
10
41
A. ESPARGARO
+5.382

 

Vince Quartararo alla grande con la Yamaha a precedere Zarco e Martin. Rins chiude 4° a precedere Vinales, Bagnaia, Mir, Binder, Miller, Espargaro. Morbidelli 12° e Valentino Rossi 16°.

21/22: Quartararo sembra avere la vittoria in mano con mezzo secondo di margine su Martin e 0″928 su Zarco. Vinales 4° a precedere Rins e Bagnaia. Franco Morbidelli 11° e Valentino Rossi 15°.

20/22: Quartararo tenta la fuga, avendo più gomma di tutti. Martin e Zarco provano a conservare il podio. Vinales 4°, Rins 5° e Bagnaia 6° si prende la posizione di Miller.

19/22: Quartararo prova a scappare con 0″481 di vantaggio su Martin e 0″679 su Zarco. Vinales 4° e Rins 5°. Bagnaia 7°, Bastianini 11°, Morbidelli 12° e Valentino Rossi 16° che prova a risalire.

18/22: QUARTARARO!!! Si prende la vetta il francese. La Yamaha sembra avere più gomma con Martin 2° e Vinales 3°. Bagnaia 7°, Bastianini 11°, Morbidelli 12° e Valentino Rossi 18°.

17/22: Martin comanda sempre su Zarco con 385 millesimi di vantaggio. A seguire tutti in fila indiana Quartararo, Miller, Vinales, Rins e Bagnaia. Morbidelli 12° e Valentino Rossi 18°.

16/22: Perde posizioni Bagnaia purtroppo, duellando con Bagnaia (settimo). Quartararo è 3° alle spalle delle due Ducati Pramac. Ha sbagliato la frenata il pilota piemontese. Franco Morbidelli 12° e Valentino Rossi 18° .

15/22: Sempre le tre Ducati davanti, ma gara apertissima con Quartararo 4°. Morbidelli 13° e Valentino Rossi 18°.

14/22: Martin, Zarco, Bagnaia comandano in fila indiana. Quartararo 4° e Rins 5°. Nel frattempo la carenata tra Mir e Miller potrebbe essere investigato.

13/22: Martin comanda con 343 millesimi di vantaggio su Zarco e 582 su Bagnaia. Miller riceve un colpo da Mir e perde posizioni. Quartararo 5°.

12/22: IL SORPASSO DI BAGNAIA!!!! Rins dietro e ora sono tre le Ducati davanti: Martin, Zarco e Bagnaia. Miller 5°, mentre Quartararo sale in settima posizione, Morbidelli 14° e Valentino Rossi 20°.

11/22: La situazione non cambia con Martin che rimane al comando sul passo dell’1’55” a precedere di 417 millesimi Zarco. Rins è terzo a 0″713 e Bagnaia quarto a 0″958. Attenzione che lo spagnolo tenta la fuga. Quartararo e Vinales sono ottavo e nono, mentre Morbidelli è 14° e Valentino Rossi purtroppo 20°.

10/22: Bagnaia e Miller si fanno strada, guadagnando la posizione su Espargaro: “Pecco” e l’australiano in quarta e quinta posizione. Martin sempre al comando e non cambia il quadro.

9/22: Martin sempre con autorevolezza davanti, Zarco 2° nuovamente e Rins 3°. Bagnaia quinto sembra stia gestendo le gomme, con Mir sempre alle calcagne. Franco Morbidelli 12° e Valentino Rossi 20°.

8/22: Martin conserva con autorevolezza la vetta davanti a Rins che ha infilato Zarco. Sorprende l’Aprilia di Aleix Espargaro in quarta posizione davanti a Bagnaia. Morbidelli 12° e Valentino Rossi 20°.

7/22: Giro veloce di Pecco Bagnaia! 1’54″491 per lui ed è quinto ora alle spalle di Espargaro. Martin e Zarco sempre davanti, Morbidelli 12° e Valentino Rossi 21°.

6/22: Jorge Martin comanda, mentre Zarco si riprende la seconda piazza, facendo il giro più veloce di 1’54″914. Rins 3°, mentre Bagnaia risale ed è sesto alle spalle di Mir, Quartararo 8° e Vinales 10°. Franco Morbidelli 12° e Valentino Rossi non riesce a schiodarsi dalla penultima piazza alle spalle di Petrucci.

5/22: Rins marca stretto Martin per la vetta, mentre Bagnaia 7°, si prende la posizione di Miller. Franco Morbidelli 12° e Valentino Rossi sempre 21° purtroppo.

4/22: Rins si porta in seconda posizione e Zarco deve lasciarlo passare nel secondo settore, mentre Martin mantiene con autorevolezza la vetta.

4/22: Martin e Zarco sempre in testa distanziati di 329 millesimi, la Suzuki di Rins in terza piazza davanti ad Aleix Espargaro e a Mir. Bagnaia ottavo, Morbidelli 13° e Valentino Rossi 21°.

3/22: Martin e Zarco sempre al comando, con il francese separato di 0″359 dal leader. Gruppon e compatto, con Rins, Espargaro, Oliveira, Mir, Miller e Bagnaia pronti ad attacare. A completare la top-10 Quartararo e Vinales, Morbidelli 13° e Valentino Rossi 21°.

2/22: Martin e Zarco rimangono in testa, distanziati di 441 millesimi, a precedere Aleix Espargaro, Rins e Oliveira. Bagnaia prova a recuperare (nono), Vinales 11°, Morbidelli 13° e Valentino Rossi 21°.

1/22 Ottimo scatto di Martin a precedere Zarco, Aleix Epargaro, Rins e Oliveira. Male Vinales e Bagnaia in partenza 9° e 11°. Valentino Rossi 21°

SEMAFORO VERDE!!!!

18.58: VIA AL GIRO DI RICOGNIZIONE!

18.56: 21°C sulla pista, aspetto fondamentale per la gestione delle gomme. Yamaha ancora favorite?

18.55: Tra poco il via del giro di ricognizione, ci attendono 22 giri di fuoco!

18.53: Per Valentino sarà una gara molto difficile, vista la penultima piazzola di partenza. Ci si augura che il “Dottore” sappia invertire il trend.

18.52: Bagnaia: “Tutto dipenderà dalla partenza. Siamo più pronti del weekend scorsi. Sarà tosta, ci sarà un bel gruppo davanti“.

18.50: 10′ al via e sale la tensione in griglia di partenza!

18.46: Grandissima curiosità per Martin, che scatterà dalla pole con la Ducati Pramac. La velocità dimostrata è stata notevole, ma essere veloce in corsa è un’altra cosa. Vedremo…

18.43: Chiamati all’impresa i due Petronas, Morbidelli e Rossi. Valentino occupa la 21ma posizione in griglia: non era mai successo di finire così indietro in tutte le classi in cui ha corso da 26 anni a questa parte.

18.40: La Ducati cercherà di forzare il ritmo dall’inizio, sfruttando la propria velocità sul dritto. Alle Yamaha di Quartararo e di Vinales spetterà il compito di tenere duro e venir fuori sulla distanza del GP.

18.36: Duello avvincente fra le Ducati e le Yamaha nel warm: il più veloce è stato Zarco sulla rossa italiana, seguito da tre piloti in sella a moto giapponesi, ossia Quartararo, Vinales e Morbidelli. Ancora difficoltà per Rossi, con l’altra Yamaha non
ufficiale, che ha chiuso solo con il 18° tempo.

18.33: Tuttavia, ormai il veterano di Tavullia ha ampiamente scollinato la fatidica soglia degli “anta” e nell’ultimo biennio la parabola discendente appare marcata. Il weekend di Losail non fa altro che gettare benzina sul fuoco, perché quanto accaduto ieri ha del clamoroso.

18.30: La longevità agonistica del Dottore è strepitosa, perché essere arrivato a giocarsi un Mondiale all’età di 36 anni rimane un fatto eclatante. Inoltre, non va dimenticato come abbia chiuso al 3° posto il campionato del 2018, quando aveva raggiunto le 39 primavere.

18.26: E Valentino Rossi? Sarà una gara di grandissima sofferenza per il “Dottore”. Valentino, infatti, partirà dalla penultima casella e dovrà cercare di limitare i danni. Nella sua lunghissima carriera (26 anni) mai si era qualificato così indietro.

18.23: Vorranno rispondere presente i due piloti della Team Factory di Borgo Panigale Jack Miller e Francesco Bagnaia. I due, dalla seconda fila, confidano in una buona partenza e si augurano di fare la differenza al cospetto dei rivali. Non sarà una cosa facile e, come accaduto nella prima uscita stagionale, il vento sarà un fattore.

18.20: Il Team Pramac della Rossa ha dominato la scena nella qualifiche, con il rookie Jorge Martin velocissimo e in pole-position davanti al compagno di squadra Johann Zarco. Una grande dimostrazione di forza da parte dei due centauri, ma attenzione a Maverick Vinales che, in terza piazza, vorrà confermarsi il migliore in gara come una settimana fa.

18.17: Nella classe regina c’è grande incertezza. Sarà ancora una volta un confronto tra Ducati e Yamaha?

18.15: Buona sera e bentrovati alla DIRETTA LIVE del GP di Doha, secondo round del Mondiale 2021 di MotoGP.

LA GRIGLIA DI PARTENZA DEL GP DI DOHA MOTOGP

LA CRONACA DELLA GARA DELLA MOTO3

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTO3

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTO2

CRONACA WARM-UP MOTOGP

CRONACA WARM-UP MOTO2

CRONACA WARM-UP MOTO3

JOAN MIR DIFENDE VALENTINO ROSSI

15.05: Appuntamento dunque alle 19.00 per la gara. Un saluto dalla redazione di OA Sport.

15.03: Zarco è stato il più veloce in sella alla Ducati Pramac con il crono di 1’54″482 a precedere di 94 millesimi Quartararo (Yamaha) e di 193 Vinales (Yamaha). Morbidelli è risalito dopo i problemi di ieri in quarta posizione a 0″378, mentre Bagnaia con la Ducati ufficiale ha concluso in sesta posizione a 0″480. Valentino Rossi non è andato oltre il 18° posto a 0″809 dalla vetta, girando con due gomme dure.

1
5
J. ZARCO
1:54.482
2
20
F. QUARTARARO
+0.094
3
12
M. VIÑALES
+0.193
4
21
F. MORBIDELLI
+0.378
5
89
J. MARTIN
+0.472
6
63
F. BAGNAIA
+0.480
7
36
J. MIR
+0.496
8
41
A. ESPARGARO
+0.537
9
42
A. RINS
+0.599
10
30
T. NAKAGAMI
+0.603

 

15.00: BANDIERA A SCACCHI!!!

14.58: 1’54″962 per Bagnaia che sale in sesta posizione a 0″480 da Zarco.

14.56: Arriva Zarco che si porta in vetta con la Ducati Pramac in 1’54″482 con un vantaggio di 94 centesimi su Quartararo e di 369 du Vinales. Morbidelli è quarto a 0″378. Bagnaia è settimo a 0″525, mentre Bastianini e Marini sono nono e decimo. Valentino Rossi è precipitato in 17ma posizione, dopo che gli era stato cancellato il giro precedente.

14.55: Cancellato il giro a Valentino Rossi per aver oltrepassato i limiti della pista.

14.54: Valentino Rossi con due hard si porta in nona posizione a 0″536 dalla vetta.

14.51: Migliorano sia Quartararo e Vinales il loro tempo: il francese comanda con il crono di 1’54″576 a precedere di 0″275 Vinales. Morbidelli si porta in terza posizione a 0″284. Bagnaia sesto a 0″483, mentre Valentino Rossi 14° a 0″812.

14.50: 1’54″592 per Quartararo con una coppia di soft a precedere Vinales di 362 millesimi e di 427 l’Aprilia di Aleix Espargaro. Bagnaia è quarto a 0″467, Morbidelli 5° a 0″480 (due soft). Valentino Rossi 12° a 0″796.

14.48: Fabio Quartararo si porta al comando con la Yamaha a precedere di 91 millesimi il team-mate Vinales e di 0″196 Bagnaia. Le due M1 girano con una coppia di Soft, mentre “Pecco” con una coppia di medie. Valentino Rossi 14° a 0″892 con due hard.

14.47: La classifica si definisce con Vinales che si conferma super veloce (due soft) con la Yamaha in 1’54″954 a precedere l’Aprilia di Aleix Espargaro (+0″193) e la KTM del sudafricano Binder (+0″331). Per quanto riguarda Morbidelli e Valentino Rossi sono 11° e 12°.

14.44: Arrivano i primi crono con Vinales che guida con due soft (Yamaha) in 1’55″275 a precedere di 0″737 Binder (KTM) e di 0″942 su Rins (Suzuki).

14.41: Si comincia a girare in un turno indicativo fino a un certo punto, viste le temperature sul tracciato.

14.40: via ai 20′ del warm-up di MotoGP!

14.38: 2′ al via di questo warm-up.

14.35: Magari il pensionamento non avverrà a fine 2021, ma l’augurio di tutti è che, lunga o meno, Valentino possa vivere una parte conclusiva della sua carriera quantomeno degna del suo nome e del suo palmares.

14.32: Sono però ormai trascorsi 17 anni da allora ed è passata tanta acqua sotto i ponti. La speranza è che Rossi riesca a mettersi alle spalle il più presto possibile questo momento di crisi, in maniera tale da ritrovare quanto prima possibile un livello di competitività all’altezza del suo blasone e del suo talento.

14.29: Proprio lui che, invece, in passato era stato capace di trovare soluzioni a problemi apparentemente irrisolvibili. Prima del suo arrivo la Yamaha era una Casa in crisi da più di un decennio, schiacciata dalla supremazia della Honda. Nel giro di un anno, VR46 è stato in grado di ribaltare la situazione e tramutare la M1 nella moto da battere.

14.26: L’attuale Rossi, invece, è l’ombra del fuoriclasse che fu, incapace di comprendere le problematiche poste dall’attuale MotoGP. Un’autentica crisi d’identità, perché un Valentino in difficoltà come in questo weekend non lo si era mai visto. Il Dottore da’ l’impressione di essere perso e di non avere idea di come risolvere il rompicapo che si trova di fronte.

14.23: Il Mondiale conquistato con la Yamaha nel 2004 resta un capolavoro assoluto, poiché l’allora venticinquenne di Tavullia dimostrò come il fattore umano potesse ancora essere preponderante al mezzo meccanico.

14.20: A sentire le sue dichiarazioni, sembra di ascoltare l’Andrea Dovizioso del 2020, che per tutto l’anno ha detto di non riuscire a capire come far funzionare la gomma posteriore. Francamente, tutto questo è molto triste, perché chi ha visto il Valentino Rossi all’apice del suo splendore ricorda bene come fosse un pilota dalla cultura tecnica superiore, in grado di fare la differenza non solo con il manico, ma anche e soprattutto con la capacità di sviluppare nel migliore dei modi la propria moto.

14.16: Non solo Rossi ha ottenuto la peggior qualifica della sua carriera, ma è stato addirittura sonoramente battuto dal fratello Luca Marini, che ha sfiorato l’ingresso al Q2 con una Ducati del 2019, quando invece Valentino ha realizzato il penultimo tempo con una M1 full spec nuova di pacca.

14.13: Tuttavia, ormai il veterano di Tavullia ha ampiamente scollinato la fatidica soglia degli “anta” e nell’ultimo biennio la parabola discendente appare marcata. Il weekend di Losail non fa altro che gettare benzina sul fuoco, perché quanto accaduto oggi ha del clamoroso.

14.10: Parlando del “Dottore, non si può far altro che constatare che La longevità agonistica del Dottore è strepitosa, perché essere arrivato a giocarsi un Mondiale all’età di 36 anni rimane un fatto eclatante. Inoltre, non va dimenticato come abbia chiuso al 3° posto il campionato del 2018, quando aveva raggiunto le 39 primavere.

14.07: Incognita Yamaha Petronas, ricordando le problematiche di gara-1, con Franco Morbidelli e Valentino Rossi costretti a rimontare per raddrizzare un weekend nato male.

14.04: Si profila una gara di rimonta per le Suzuki, con Alex Rins e Joan Mir che mettono nel mirino il podio scattando in ottava e nona piazza.

14.01: Jorge Martin parte dalla pole position, in seguito ad un clamoroso giro di qualifica, precedendo il compagno di squadra Johann Zarco e la Yamaha ufficiale di Maverick Vinales. Seconda fila composta dalla M1 Factory di Fabio Quartararo (5°) e dalle Ducati ufficiali di Jack Miller (4°) e Francesco Bagnaia (6°).

13.58: Riflettori puntati sul nuovo capitolo della sfida a Losail tra Ducati e Yamaha, con la casa di Borgo Panigale che vuole confermare la supremazia evidenziata in qualifica anche sulla distanza di gara. Maverick Vinales va a caccia del back to back a sette giorni di distanza dal successo in gara-1, ma gli avversari non mancheranno.

13.55: Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE del warm-up del GP di Doha, secondo round del Mondiale 2021 di MotoGP.

MOTOGP SU TV8: ORARIO GARA GRATIS E IN CHIARO

LA GRIGLIA DI PARTENZA DI OGGI: VALENTINO ROSSI CERCA LA RIMONTA DALLA PENULTIMA FILA

PROGRAMMA E ORARIO DELLA GARA DEL GP DI DOHA DI MOTOGP DI OGGI (DOMENICA 4 APRILE)

LA PRESENTAZIONE DELLA GARA DI FRANCESCO PAONE

LA CLASSIFICA DELLE VELOCITA’ DI PUNTA: CINQUE DUCATI AI PRIMI POSTI!

LA GRIGLIA DI PARTENZA

LA CRONACA DELLE QUALIFICHE DEL GP DI DOHA DI MOTOGP

LUCA MARINI: “SO ESSERE ANCHE ISTINTIVO”

VALENTINO ROSSI PENULTIMO: LA PEGGIOR QUALIFICA DELLA CARRIERA

VALENTINO ROSSI SUPERATO DAL FRATELLO E IN CRISI DI IDENTITA’ CON LA YAMAHA

VALENTINO ROSSI: “NON RIESCO A FAR FUNZIONARE LA GOMMA POSTERIORE, SONO TROPPO LENTO!”

VIDEO VALENTINO ROSSI: “FACCIA TANTA FATICA CON LA GOMMA POSTERIORE”

AVVIO DURISSIMO PER L’ITALIA IN MOTOGP: SI FA FATICA AL COSPETTO DEI RIVALI

JOHANN ZARCO RIFILA UN DURO COLPO AI PILOTI DELLA DUCATI UFFICIALE

VIDEO FRANCESCO BAGNAIA: “NON BENE NELLE QUALIFICHE, MA IN GARA ANDREMO MEGLIO”

FRANCO MORBIDELLI: “NON RIESCO A GUIDARE, DOMANI PROVEREMO DELLE COSE NEL WARM-UP”

FRANCESCO BAGNAIA: “NON SONO FELICE DELLE QUALIFICHE”

MAVERICK VINALES: “PENSO CHE ABBIAMO FATTO UN BUON LAVORO”

JORGE MARTIN: “HO GUIDATO AL LIMITE OGNI CURVA SENZA FARE ERRORI”

JOHANN ZARCO: “UN OTTIMO RISULTATO, DOMANI POSSO FARE BENE”

GLI HIGHLIGHTS DELLE QUALIFICHE DI MOTOGP

19.58 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport! Troverete griglia di partenza, cronaca, dichiarazioni, video, analisi e tantissimo altro! Un saluto sportivo!

19.55 Il risultato della Q2:

1 89 J. MARTIN 1:53.106 Q2
2 5 J. ZARCO +0.157 Q2
3 12 M. VIÑALES +0.161 Q2
4 43 J. MILLER +0.197 Q2
5 20 F. QUARTARARO +0.363 Q2
6 63 F. BAGNAIA +0.548 Q2
7 41 A. ESPARGARO +0.599 Q2
8 42 A. RINS +0.639 Q2
9 36 J. MIR +0.679 Q2
10 21 F. MORBIDELLI +0.688 Q2
11 6 S.BRADL +1.118 Q2
12 88 M.OLIVEIRA +1.990 Q2

19.54 Valentino Rossi ha disputato la peggior qualifica della carriera. Non era mai partito penultimo sulla griglia di partenza. Manca completamente il feeling con la Yamaha Petronas, moto che non sta esaltando neppure Franco Morbidelli, oggi 10°.

19.52 Risultati e classifica della Q1:

1 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 335.4 1’53.931
2 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 339.6 1’54.220 0.289 / 0.289
3 10 Luca MARINI ITA SKY VR46 Esponsorama Ducati 343.9 1’54.228 0.297 / 0.008
4 73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL Honda 342.8 1’54.261 0.330 / 0.033
5 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team Honda 340.6 1’54.402 0.471 / 0.141
6 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 339.6 1’54.481 0.550 / 0.079
7 9 Danilo PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 341.7 1’54.528 0.597 / 0.047
8 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 341.7 1’54.555 0.624 / 0.027
9 23 Enea BASTIANINI ITA Esponsorama Racing Ducati 336.4 1’54.632 0.701 / 0.077
10 27 Iker LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 340.6 1’54.731 0.800 / 0.099
11 46 Valentino ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 336.4 1’54.881 0.950 / 0.150
12 32 Lorenzo SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 333.3 1’55.823

19.51 Non è un avvio di stagione semplice per gli italiani. 6° Bagnaia a 0.548, 10° Morbidelli a 0.688. Tutti gli altri erano stati eliminati nella Q1. Ricordiamo che Valentino Rossi è giunto penultimo, dunque domani scatterà dalla 21ma posizione. E’ un periodo molto duro per il Dottore.

19.50 Le Suzuki, come di consueto, partiranno indietro. Tuttavia è lecito attendersi sia Rins sia Mir in lotta per il podio.

19.49 Per la Yamaha tutto sommato va bene così: 3° Vinales, 5° Quartararo. Il francese in questo avvio di stagione ha qualcosa in meno rispetto al compagno di squadra.

19.47 I piloti non ufficiali della Ducati (Martin e Zarco) hanno bastonato quelli ufficiali (Bagnaia e Miller). Domani peraltro Zarco può ambire alla vittoria, avendo denotato un ottimo passo nelle FP4, simile a quello di Vinales e Quartararo.

19.45 Martin (Ducati Pramac) ha preceduto di 157 millesimi il compagno di squadra Zarco e di 161 Vinales. Questi tre piloti scatteranno dalla prima fila. Seguono Miller, Quartararo, Bagnaia, Aleix Espargarò con l’Aprilia, Rins, Mir, Morbidelli, Bradl e Oliveira.

19.43 Incredibile Jorge Martin. 1’53″106. Alla sua seconda gara in MotoGP, conquista la prima pole-position in carriera.

19.42 POLE DI JORGE MARTIN CON LA DUCATI PRAMAC!

19.41 JORGE MARTIN! Vola in testa lo spagnolo!

19.41 ZARCOOOOOOOOOOOOOO!!! INCREDIBILEEEEEEEE!! Beffa Vinales per 4 MILLESIMI!

19.40 1’53″267 per Vinales! Lo spagnolo sta dominando! Ma ora in tanti ci stanno provando!

19.39 Solo Vinales si sta migliorando al momento. Impressionante lo spagnolo!

19.38 Vinales, grazie ad un terzo settore super, vola in testa in 1’53″383! 214 millesimi meglio di Martin!

19.37 Inizia il giro lanciato di Morbidelli.

19.35 Cinque minuti al termine della Q2. Al momento la pole provvisoria è dello spagnolo Jorge Martin con la Ducati Pramac.

19.34 Piloti ai box, tra poco l’assalto finale con gomme soft nuove.

19.32 4° Morbidelli a 0.197, il romano ha perso tantissimo nel quarto settore della pista. 5° Bagnaia a 0.214, seguono Miller, Zarco, Mir, Vinales, Rins, Bradl e Oliveira (senza tempo).

19.31 Si migliora ancora Jorge Martin con la Ducati Pramac. E’ in testa in 1’53″597. 2° Quartararo a soli 17 millesimi! 3° Aleix Espargarò con l’Aprilia a 0.153.

19.29 1’53″892 per Martin, è in testa, ma sono tempi ancora decisamente migliorabili.

19.27 Inizia ora il giro lanciato di Francesco Bagnaia, la principale speranza dell’Italia per la pole. Vedremo se il piemontese saprà ripetere il colpaccio di sabato scorso.

19.26 Chiaramente tutti i piloti vanno a caccia del tempo con le gomme soft. Mir e Oliveira avranno un treno di pneumatici nuovi in meno, essendo transitati dalla Q1.

19.25 INIZIATA LA Q2! Sarà battaglia tra Ducati e Yamaha per la pole! In particolare Miller, Bagnaia e Zarco contro Vinales e Quartararo.

19.22 Alle 19.25 inizierà la Q2, che durerà 15 minuti. Sarà battaglia per la pole!

19.21 Luca Marini, da rookie, ha sfiorato una clamorosa qualificazione per la Q2. Il portoghese Oliveira lo ha beffato per 8 millesimi, ma va comunque bene così. Partirà 13° in gara.

19.19 Uno dei momenti più bui della carriera di Valentino Rossi, che ha chiuso a 0.950 da Mir. Partirà dalla 21ma posizione sulla griglia di partenza, penultimo. Alle sua spalle il solo Lorenzo Savadori con l’Aprilia.

19.16 Oliveira (Ktm) chiude secondo a 0.289 da Mir. 3° Marini a 0.297. Che beffa per il fratello di Valentino Rossi. 4° Alex Marquez, poi Pol Espargarò, Nakagami, Petrucci, Binder, Bastianini e Lecuona. 11° e penultimo Valentino Rossi, 12° Savadori.

19.16 Che beffa per Luca Marini! E’ fuori per 8 millesimi!

19.15 1’53″931 per Mir, si migliora ancora!

19.15 Niente da fare per Valentino Rossi.

19.14 PAZZESCO MARINI! E’ secondo a 79 millesimi da Mir!

19.13 Petrucci sale in seconda posizione a 0.214 da Mir. Basterà?

19.13 Valentino Rossi non si migliora nel suo primo tentativo.

19.12 Casco rosso per Petrucci ai primi due intermedi!

19.11 Marini prova a prendere la scia di Mir.

19.09 I piloti stanno montando le gomme soft nuove per l’ultimo assalto al tempo. Questi pneumatici consentono due giri ad altissimo livello, poi degradano.

19.08 Valentino Rossi al momento è fuori per due decimi e mezzo. Non sono proprio pochi. Il 42enne di Tavullia dovrà superarsi.

19.07 Problema al cambio per Enea Bastianini, che sale sulla seconda moto.

19.06 4° Marini, 6° Rossi, 10° Savadori, ancora nessun tempo per Bastianini. Al momento gli italiani sarebbero tutti fuori.

19.06 Mir sposta in alto l’asticella. 1’54″314, è in testa con 305 millesimi su Binder e 348 su Petrucci.

19.04 Binder fa meglio di Mir con la Ktm: 1’54″619. 4° Valentino Rossi a 7 decimi.

19.04 Mir si mette subito a dettare il passo in 1’54″754.

19.03 Tutti in pista con gomme soft, ad eccezione di Lecuona che ha una media all’anteriore.

19.02 Mir chiaramente favorito per superare il taglio, poi per il resto può succedere di tutto.

19.01 Petrucci, Marini, Bastianini, Lecuona, Nakagami, Savadori, Binder, Mir, Pol Espargarò, Valentino Rossi, Oliveira ed Alex Marquez. Sono i piloti in pista in questa Q1.

19.00 Iniziata la Q1! 15 minuti di durata: solo i primi due classificati accederanno alla Q2. Tutti gli altri scatteranno sulla griglia di partenza dalla 13ma posizione in poi.

18.59 Tra poco le qualifiche!

18.57 Franco Morbidelli è più lento di 3-4 decimi sulla distanza rispetto ai piloti ufficiali della Yamaha. Valentino Rossi invece paga oltre un secondo. Il Dottore proprio non riesce a trovare il giusto feeling con la Petronas.

18.56 La Suzuki, come di consueto, ha dimostrato una gestione delle gomme sapiente. Le Ducati ufficiali di Bagnaia e Miller hanno lavorato con gomme molto, molto usurate.

18.55 Le FP4 hanno confermato un Vinales solidissimo sul passo, ma Zarco ha dimostrato di poter tenere testa allo spagnolo, così come Quartararo (soprattutto nel finale il francese ha ben impressionato).

18.53 Gli altri italiani: 12° Marini, 13° Bastianini, 19° Petrucci, 22° Savadori.

18.52 Completano la top10 Rins, Aleix Espargarò, Martin, Bagnaia e Bradl.

18.50 Si chiudono le FP4. Miglior tempo per Zarco con la Ducati Pramac: 1’54″543. 2° Vinales a 0.155, 3° Mir 0.285, 4° Quartararo a 0.312, 5° Morbidelli a 0.452.

18.49 Scivolata senza conseguenze per il tedesco Bradl con la Honda.

18.48 Morbidelli è 3-4 decimi a giro più lento rispetto a Vinales.

18.48 Chiude forte la Suzuki, sembra già di vedere la gara…1’54″828, è terzo.

18.46 Ed ecco Mir…Sale in quarta piazza a 0.384 da Zarco. La Suzuki c’è.

18.45 Bagnaia sale in settima piazza. Bene l’Aprilia, Aleix Espargarò è quinto.

18.44 Si alza ora il passo di Zarco, un paio di decimi più alto rispetto a Vinales e Quartararo, che girano sull’155″ basso.

18.43 Valentino Rossi rientra in pista dopo una sosta ai box piuttosto lunga, in cui ha parlato a lungo con i tecnici. Il Dottore è 20°.

18.42 Stupisce non vedere le Suzuki nelle prime posizioni. Mir è decimo a 9 decimi, Rins, addirittura 17° a 1″240. Ma possiamo dare per scontato che entrambi gli spagnoli saranno tra i più performanti domani negli ultimi giri.

18.40 La Ducati, Zarco a parte, è lontana, almeno con i suoi piloti ufficiali Bagnaia e Miller. Entrambi però stanno lavorando con gomme molto usurate. Stanno dunque simulando la parte finale della gara.

18.39 Quartararo è un paio di decimi più lento di Vinales sulla lunga distanza. Lo spagnolo fa la differenza con la costanza.

18.37 Gli altri italiani: ottimo settimo Luca Marini, 15° Enea Bastianini, 17° Danilo Petrucci, 22° Lorenzo Savadori.

18.36 Valentino Rossi non ingrana. E’ 18° a 1″445 e, in generale, appare lento anche nella simulazione di gara.

18.35 Il passo di Vinales varia tra 1’54″5 e 1’55″3. E’ il migliore insieme a Zarco. Quartararo fatica a tenere il passo del compagno di squadra.

18.34 Francesco Bagnaia, con gomme soft usate, è nono a 9 decimi da Zarco. Miller è solo 19°. Come già accaduto nello scorso fine settimana, la Ducati sembra più competitiva sul giro secco che sul passo.

18.33 Zarco e Morbidelli, a differenza di Vinales e Quartararo, stanno utilizzando delle gomme usate.

18.33 Franco Morbidelli prova a carburare. Sale in quarta piazza a 0.650 da Zarco. Il francese è al comando davanti a Vinales e Quartararo.

18.32 Altro 1’54″6 per Zarco. E se il francese, già secondo domenica scorsa, fosse il pilota di punta della Ducati quest’anno?

18.31 Zarco si porta al comando con la Ducati Pramac. Fa 47 millesimi meglio di Vinales.

18.30 Gli italiani stanno facendo fatica. Morbidelli e Bagnaia girano 8-9 decimi più lenti di Vinales sul passo, Valentino Rossi addirittura 1″2.

18.28 Zarco è secondo a 2 decimi da Vinales, 3° Quartararo a 0.311.

18.27 Vinales continua a migliorarsi. 1’54″751. Iniziano ad essere tempi importanti in proiezione gara.

18.26 Vinales fa subito la voce grossa. 1’55″315. Vedremo se inizierà a martellare…Morbidelli paga 2 decimi ed è quinto. Al momento 18° Valentino Rossi.

18.24 Zarco in testa in 1’55″803. Ora i tempi inizieranno ad abbassarsi.

18.22 Scelta insolita per Danilo Petrucci con la Ktm Tech3: media-hard.

18.21 Quasi tutti i top-rider montano gomme soft all’anteriore e al posteriore. Le eccezioni sono le Suzuki: Mir e Rins hanno optato per soft all’anteriore e media al posteriore.

18.20 INIZIATE LE FP4! Ultimo turno di prove libere del GP di Doha, classe MotoGP!

18.16 Le FP4 dureranno 30 minuti. Poi alle 19.00 inizieranno le qualifiche.

18.12 Le Ducati hanno girato poco o nulla nel corso delle FP3. La potenza del motore della moto di Borgo Panigale è nota a tutti. Queste FP4 serviranno per apportare le migliorie necessarie per non perdere troppo terreno nel misto da Yamaha e Suzuki.

18.08 Sarà una sessione decisiva per Valentino Rossi. Il Dottore è apparso in crescita nelle FP3, ma è durante le FP4 che dovrà valutare il degrado delle gomme.

18.04 Attenzione perché c’è vento ed i tratti della pista non in traiettoria sono ricoperti da uno strato di sabbia…

18.01 Le FP4 saranno fondamentali perché si svolgeranno quasi alla stessa ora della gara. Dunque vedremo tante simulazioni di passo gara.

17.57 La classifica combinata dopo FP1, FP2 e FP3:

1 43 J.MILLER AUS Ducati Lenovo Team DUCATI 1’55.984 12 1’53.145 13
2 63 F.BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team DUCATI 1’56.119 7 0.313 0.313 1’53.458 15 1’57.335 6
3 5 J.ZARCO FRA Pramac Racing DUCATI 1’56.743 9 0.392 0.079 1’53.537 17
4 20 F.QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP YAMAHA 1’55.303 16 0.438 0.046 1’53.583 15 1’56.064 12
5 89 J.MARTIN SPA Pramac Racing DUCATI 1’55.019 15 0.448 0.010 1’53.593 17
6 41 A.ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini APRILIA 1’54.779 11 0.501 0.053 1’53.646 10 1’58.633 3
7 21 F.MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT YAMAHA 1’55.125 10 0.554 0.053 1’53.699 11 1’56.660 12
8 42 A.RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR SUZUKI 1’54.839 15 0.568 0.014 1’53.713 15 1’56.347 12
9 12 M.VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP YAMAHA 1’54.864 13 0.727 0.159 1’53.872 18 1’56.647 6
10 6 S.BRADL GER Repsol Honda Team HONDA 1’55.393 17 0.769 0.042 1’53.914 18 1’57.450 12
11 88 M.OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 1’55.770 5 0.799 0.030 1’53.944 16 1’56.855 14
12 9 D.PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 1’55.263 10 0.824 0.025 1’53.969 15 1’56.614 5
13 36 J.MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR SUZUKI 1’55.349 14 0.867 0.043 1’54.012 17 1’56.450 9
14 46 V.ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT YAMAHA 1’55.925 6 0.967 0.100 1’54.112 18 1’56.718 15
15 30 T.NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU HONDA 1’55.448 18 0.982 0.015 1’54.127 9 2’03.348 2
16 73 A.MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL HONDA 1’55.597 17 1.003 0.021 1’54.148 13 1’56.701 6
17 44 P.ESPARGARO SPA Repsol Honda Team HONDA 1’55.507 18 1.060 0.057 1’54.205 13 1’56.789 10
18 33 B.BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 1’55.846 16 1.092 0.032 1’54.237 13 1’56.933 14
19 23 E.BASTIANINI ITA Esponsorama Racing DUCATI 1’55.677 15 1.371 0.279 1’54.516 14 1’56.668 10
20 10 L.MARINI ITA SKY VR46 Esponsorama DUCATI 1’55.454 16 1.535 0.164 1’54.680 16
21 32 L.SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini APRILIA 1’56.561 16 1.826 0.291 1’54.971 11 1’57.378 15
22 27 I.LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 1’56.023 5 2.224 0.398

17.55 La classifica delle FP3:

1 20 Fabio QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 330.2 1’56.064
2 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 335.4 1’56.347 0.283 / 0.283
3 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 326.2 1’56.450 0.386 / 0.103
4 9 Danilo PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 332.3 1’56.614 0.550 / 0.164
5 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 329.2 1’56.647 0.583 / 0.033
6 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 328.2 1’56.660 0.596 / 0.013
7 23 Enea BASTIANINI ITA Esponsorama Racing Ducati 331.2 1’56.668 0.604 / 0.008
8 73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL Honda 333.3 1’56.701 0.637 / 0.033
9 46 Valentino ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 332.3 1’56.718 0.654 / 0.017
10 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team Honda 332.3 1’56.789 0.725 / 0.071
11 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 331.2 1’56.855 0.791 / 0.066
12 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 334.3 1’56.933 0.869 / 0.078
13 27 Iker LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 332.3 1’56.981 0.917 / 0.048
14 63 Francesco BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team Ducati 336.4 1’57.335 1.271 / 0.354
15 32 Lorenzo SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 328.2 1’57.378 1.314 / 0.043
16 6 Stefan BRADL GER Repsol Honda Team Honda 332.3 1’57.450 1.386 / 0.072
17 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 335.4 1’58.633 2.569 / 1.183
18 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 328.2 2’03.348 7.284 / 4.715
5 Johann ZARCO FRA Pramac Racing Ducati
10 Luca MARINI ITA SKY VR46 Esponsorama Ducati
43 Jack MILLER AUS Ducati Lenovo Team Ducati
89 Jorge MARTIN SPA Pramac Racing Ducati

17.52 Alle 18.20 assisteremo alle FP4, ultima sessione di prove libere. Poi le qualifiche dalle 19.00.

17.50 Ben ritrovati amici di OA Sport alla Diretta Live del GP di Doha 2021 di MotoGP.

ORARIO MOTOGP SU TV8: A CHE ORA VEDERE LE QUALIFICHE DEL GP DI DOHA

LA CRONACA DELLE FP3 DI MOTOGP

RISULTATI E CLASSIFICA FP3 MOTOGP

LA CRONACA DELLA FP3 DELLA MOTO2

LA CRONACA DELLA FP3 DELLA MOTO3

PROGRAMMA MOTOGP SU TV8 SABATO 3 APRILE

I PROBLEMI DI VALENTINO ROSSI

ORARI FP3, FP4 E QUALIFICHE GP DOHA MOTOGP OGGI (SABATO 3 APRILE)

LA PRESENTAZIONE DELLE QUALIFICHE

LA CRONACA DELLA FP2

I RISULTATI E LA CLASSIFICA DELLA FP2

VALENTINO ROSSI: “VADO PEGGIO DI VENERDI’ SCORSO”

JOAN MIR ARRABBIATISSIMO: “GRAVE ERRORE TATTICO”

FABIO QUARTARARO: “CONDIZIONI CAMBIATE, NON AVEVO FEELING”

MAVERICK VINALES: “PENSIAMO CHE LA GOMME MEDIA NON SIA OTTIMALE”

FRANCO MORBIDELLI: “GIORNATA MOVIMENTA, PROBLEMI AL MOTORE ANCHE SE NON GRAVI”

FRANCESCO BAGNAIA: “MOLTO CONTENTO DEL LAVORO ODIERNO”

DUCATI LANCIA IL GUANTO DI SFIDA ALLA YAMAHA

VIDEO DAVIDE TARDOZZI: “BICCHIERE MEZZO VUOTO IN QATAR”

VIDEO MARC MARQUEZ, VISITA DAI MEDICI IL 12 APRILE

LA CRONACA DELLA FP2 MOTO2

VIDEO HIGHLIGHTS PROVE LIBERE MOTO2

LE DICHIARAZIONI DI JACK MILLER

VIDEO HIGHLIGHTS PROVE LIBERE MOTO3

DIRETTA PROVE LIBERE MOTO3 DIRETTA PROVE LIBERE MOTO2

LA CRONACA DELLE FP1 DI MOTOGP

DOPPIA ROTTURA DEL MOTORE PER FRANCO MORBIDELLI NELLE FP1

Il programma del GP Doha (2 aprile)La presentazione del GP DohaLe cinque risposte del GP Doha

Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE della prima giornata di prove libere del GP di Doha, secondo round del Mondiale 2021 di MotoGP. Si torna a girare sulla pista di Losai dopo l’esordio stagionale, team e piloti dovranno fin da subito adoperarsi per trovare la messa a punto ideale e arrivare pronti alle qualifiche e alla corsa domenicale.

Nella classe regina si prospetta un nuovo confronto tra le Yamaha e le Ducati. Lo spagnolo Maverick Vinales vorrà confermarsi ad altissimo livello, dopo lo splendido successo di domenica scorsa. Una prestazione molto consistente quella del Top Gun spagnolo alla luce delle difficoltà invece dei compagni di marca. Il riferimento è alla questione gomme che ha riguardato sia il team-mate Fabio Quartararo che Valentino Rossi.

Il “Dottore”, in sella alla M1 del Team Petronas, è incappato in una bruttissima prestazione in corsa, con il 12° posto finale a evidenziare ciò. Ancora una volta le criticità sulla gomma posteriore a limitare Valentino e comprenderne la causa non sarà facile. Di sicuro, Rossi, forte delle informazioni raccolte nel precedente fine settimana, cercherà di ribaltare il quadro e di essere all’altezza di chi comanda. Lo stesso proposito lo avrà il compagno di squadra Franco Morbidelli, anch’egli in difficoltà per una questione tecnica nella prima uscita.

OA Sport vi offre la DIRETTA LIVE della prima giornata di prove libere del GP di Doha, secondo round del Mondiale 2021 di MotoGP: cronaca in tempo reale e aggiornamenti costanti. Si comincia alle ore 14.40 con la FP1, mentre la FP2 andrà in scena alle 19.00 italiane. Buon divertimento!

Credit: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

DIRETTA MotoGP, GP Doha 2021 LIVE: l’immagine sbiadita di Valentino Rossi. Promossi e bocciati

F1, Toto Wolff: “Non sopporto la disonestà nel Circus, ci sono azioni chiare contro la Mercedes”