Luna Rossa: l’elogio dell’italianità. In arrivo nuovi pezzi e vele per l’America’s Cup

Luna Rossa sette bellezze, sette vittorie, di quelle che non lasciano tanto spazio alla fantasia o al rammarico di chi ha perso. Dieci giorni fa, nell’incertezza del pronostico, si pensava che chiunque avesse vinto la Prada Cup il punteggio per arrivarci non sarebbe stato meno di 7 a 4. Insomma una finale combattuta, incerta.

Invece dopo due giorni e quattro regate si era già delineata una gerarchia. Luna Rossa era già in fuga e Ineos costretta a inseguire. Poi ci si è messo il Covid, con le varie allerte neozelandesi a mescolare le carte, ad accendere gli animi. Questo weekend è stato di vento leggero, ma nello scorso ci sono stati anche 20 nodi e gli inglesi stavano sempre li a guardare la poppa con il guidone del Circolo Vela Sicilia. Insomma il tentativo non era tanto per cercare condizioni più adeguate alle prestazioni di Britannia, ma soprattutto innervosire Max Sirena e i ragazzi di Luna Rossa Prada Pirelli.

Si sa che attorno alle regate del trofeo sportivo più antico del mondo si gioca spesso una sottile guerra psicologica, così alla vigilia dell’ultima giornata gli inglesi hanno presentato una protesta sull’uso del winch della randa e sulle telecamere a bordo della barca italiana. Azioni di disturbo che si sono risolte con un nulla di fatto, tutto in regola per Luna Rossa.

È la terza vittoria italiana nelle selezioni per lo sfidante alla Coppa America: prima il Moro di Venezia nel 1992 e poi Luna Rossa nel 2000. Ci sono poi due sconfitte nel 2007 e nel 2013. Che valore ha questa rispetto alle altre? È la vittoria della perseveranza, del volerci credere anche se un certo gotha della vela ti guardava con sufficienza perché Max Sirena non ha il pedigree di un Terry Hutchinson o di un Ben Ainlslie. Ricordiamo che questa è la quinta sfida di Luna Rossa che arriva in mare, seguendo alla lettera il messaggio del 2000 di Peter Blake che invitava a non mollare.

Luna Rossa, che appassiona tanti sportivi, a cominciare da Sofia Goggia e Gregorio Paltrineri, oltre ai tifosi che si svegliano alle 4 di notte, rappresenta un’Italia che si allontana da tanti luoghi comuni. È la consacrazione di una vela che in venti anni ha lasciato il segno. Ci sono italiani in tutti i team, ci sono aziende che forniscono attrezzature a tutte le barche. Ma soprattutto Luna Rossa è un team veramente nazionale: tolto James Spithill, in barca solo velisti di casa nostra, tanti giovani che sono entrati grazie al programma next generation che formano anche un serbatoio per il futuro, vada come vada la Coppa America che comincia il 6 marzo.

Ora lo sviluppo della barca è la chiave per arrivare pronti al prossimo appuntamento, che è quello che conta davvero. Nuovi pezzi e vele sono in arrivo dall’Italia. Se guardiamo alla storia di questi due mesi, dalle regate delle World Series di dicembre, è chiaro come il team italiano sia quello che ha lavorato meglio di tutti, concentrato e a testa bassa, facendo sempre un passo avanti. Una strategia dei piccoli (non sempre piccolissimi) passi studiata anche a tavolino, ma confermata dal lavoro in mare. Mentre gli altri challenger cercavano sempre la massima velocità, Luna Rossa ha costantemente puntato si migliorare le transizioni, la manovrabilità, l’aggressività in partenza. Non c’è un settore in cui non si sia messo a fuoco cosa ci fosse da migliorare e, a quanto pare, riuscendo nell’intento. La tattica non era perfetta? Ecco che si sono concentrati sulla comunicazione tra Bruni, Spithill e Sibello. Poppa e vento forte erano punti deboli? Si è migliorato, anche se le brezze sotto 12 nodi sono più amate. Fa sorridere pensare che la configurazione con due timonieri, che è stata tanto criticata, ora sembra studiata anche dai neozelandesi. Ora godiamoci il trionfo senza perdere la concentrazione e l’umiltà che aiutano a scalare le montagne. Infine ci vorranno spalle larghe perché gli italiani ad Auckland non sono più amati come un tempo, le azioni di disturbo non sono finite

Stefano Vegliani

CALENDARIO AMERICA’S CUP, LUNA ROSSA-TEAM NEW ZEALAND: PROGRAMMA, DATE, ORARI, TV

PAZZESCO: RICORSO DI INEOS CONTRO LUNA ROSSA. TUTTO DA UNA FOTO PRESA DA FACEBOOK!

VASCO VASCOTTO: “DIO, TI PREGO DI DARCI POCO VENTO CON I NEOZELANDESI!”

LUNA ROSSA: SERVE L’IMPRESA DELLA VITA. I PRECEDENTI CON NEW ZEALAND FANNO RABBRIVIDIRE

COSA ASPETTARSI DA TEAM NEW ZEALAND? BARCA ESTREMA CON SOLUZIONI INNOVATIVE. MA NELLE WORLD SERIES…

LA CRONACA DI LUNA ROSSA-INEOS 7-1

LA CRONACA DEL 6-1 DI LUNA ROSSA

BYE BYE BEN AINSLIE: INEOS UK OSCURATA DALL’ECLISSI DI LUNA ROSSA. BORIA BRITANNICA SPAZZATA VIA

MAX SIRENA: “DEDICATA AGLI ITALIANI CHE SOFFRONO. LAVORIAMO PER GIOCARCELA CON NEW ZEALAND”

TEAM NEW ZEALAND: IL TIMONIERE E L’EQUIPAGGIO

JAMES SPITHILL: “NEW ZEALAND COME GLI ALL BLACKS, SARA’ UNA BATTAGLIA INFERNALE”

FRANCESCO BRUNI: “FAREMO DI TUTTO PER VINCERE LA COPPA AMERICA, E’ UNA PROMESSA”

VIDEO: LO SPETTRO DI TEAM NEW ZEALAND SI AGGIRA PER LA BAIA…

VIDEO: RIVIVI LE REGATE DEL TRIONFO DI LUNA ROSSA

VIDEO: LUNA ROSSA ALZA LA BANDIERA. “PRADA CUP WINNER”

JAMES SPITHILL: “HO GRANDE RISPETTO PER BEN AINSLIE”

VIDEO: LA FESTA A BORDO DI LUNA ROSSA CON LO CHAMPAGNE

VIDEO, LA PREMIAZIONE DI LUNA ROSSA: MAX SIRENA ALZA AL CIELO LA PRADA CUP?

BEN AINSLIE: “COMPLIMENTI A LUNA ROSSA, MA CI RIVEDREMO”

TUTTE LE VITTORIE DELL’ITALIA NELLA LOUIS VUITTON CUP/PRADA CUP

VIDEO: IL RIENTRO TRIONFALE IN PORTO DI LUNA ROSSA

IL REGOLAMENTO DELL’AMERICA’S CUP

IL SALUTO DI TEAM NEW ZEALAND A LUNA ROSSA IN LINGUA MAORI

VIDEO: IL TRIBUTO DI INEOS UK A LUNA ROSSA

QUANTI SOLDI HA GUADAGNATO LUNA ROSSA CON LA VITTORIA DELLA PRADA CUP?

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIDEO Ineos si inchina a Luna Rossa: il tributo agli italiani, dopo averli insultati per settimane. Gli applausi

America’s Cup, Patrizio Bertelli: “Un bravo all’equipaggio, ora pensiamo ai neozelandesi”