DIRETTA MotoGP, GP Spagna LIVE: Bagnaia primo in classifica. Valentino Rossi: “La Petronas crede in me. Spero nei test”

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

L’ORDINE D’ARRIVO DEL GP DI SPAGNA DI MOTOGP

LA CRONACA DELLA GARA

LE PAGELLE DEL GP DI SPAGNA

VIDEO HIGHLIGHTS GP SPAGNA

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTOGP: BAGNAIA IN TESTA

LA CAUSA DEL CROLLO DI FABIO QUARTARARO

QUALI SONO I PROBLEMI DI VALENTINO ROSSI?

FRANCESCO BAGNAIA PUO’ CREDERE NEL MONDIALE

FRANCO MORBIDELLI E LA ZAVORRA DI UNA MOTO NON ALL’ALTEZZA

MARC MARQUEZ NON E’ ANCORA QUELLO DEI GIORNI MIGLIORI

LA DUCATI FIRMA LA DOPPIETTA SU UNA PISTA DOVE NON VINCEVA DA 15 ANNI

FRANCESCO BAGNAIA: “PISTA SFAVOREVOLE, FELICE DI ESSERE IN VETTA AL MONDIALE”

VALENTINO ROSSI: “RAZALI HA FIDUCIA IN ME”

MARC MARQUEZ: “HO SOFFERTO FISICAMENTE, AVEVO IL COLLO BLOCCATO”

LE DICHIARAZIONI DI FRANCO MORBIDELLI

QUALI SONO I PROBLEMI DI VALENTINO ROSSI?

LA CRONACA DELLA MOTO2

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTO2

FABIO DI GIANNANTONIO: “NON ERO AL LIMITE”

MARCO BEZZECCHI: “MI SONO DIVERTITO”

LA CRONACA DELLA MOTO3

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE MOTO3

ROMANO FENATI: “MOTO FANTASTICA”

14.57 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport. Troverete cronaca, ordine d’arrivo, classifiche, analisi, dichiarazioni, video, pagelle e tantissimo altro. Un saluto sportivo!

14.56 La classifica finale del GP di Spagna di MotoGP:

1 25 43 Jack MILLER AUS Ducati Lenovo Team Ducati 161.4 41’05.602
2 20 63 Francesco BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team Ducati 161.3 +1.912
3 16 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 161.2 +2.516
4 13 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 161.2 +3.206
5 11 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 161.1 +4.256
6 10 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 161.1 +5.164
7 9 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 161.0 +5.651
8 8 5 Johann ZARCO FRA Pramac Racing Ducati 160.9 +7.161
9 7 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 160.7 +10.494
10 6 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team Honda 160.6 +11.776
11 5 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 160.4 +14.766
12 4 6 Stefan BRADL GER Honda HRC Honda 160.3 +17.243
13 3 20 Fabio QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 160.2 +18.907
14 2 9 Danilo PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 160.1 +20.095
15 1 27 Iker LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 160.1 +20.277
16 10 Luca MARINI ITA SKY VR46 Avintia Ducati 160.0 +20.922
17 46 Valentino ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 159.9 +22.731
18 53 Tito RABAT SPA Pramac Racing Ducati 159.4 +30.314
19 32 Lorenzo SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 159.0 +37.912
20 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 158.9 +38.234
Non classificato
33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 156.2 14 Giri
23 Enea BASTIANINI ITA Avintia Esponsorama Ducati 154.9 14 Giri
Primo giro non terminato
73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL Honda 0 Giro

14.55 SkySport fa sapere che Fabio Quartararo ha accusato un problema al braccio: da qui il crollo repentino a 11 giri dal termine.

14.53 Ottimo podio per Franco Morbidelli. E’ difficile pensare che il romano possa giocarsi il Mondiale. Al momento è 8° a -33 da Bagnaia, il problema è che non ha una moto all’altezza. Meriterebbe di correre in un team ufficiale, stiamo parlando del vice-campione del mondo in carica…

14.53 Valentino Rossi non ha mai trovato il ritmo, palesando poco grip con queste gomme. Non è riuscito ad entrare in zona punti.

14.51 E’ una vittoria cruciale per la Ducati. Ha conquistato una doppietta su una delle piste più sfavorevoli in assoluto. L’ultimo trionfo a Jerez per la scuderia di Borgo Panigale risaliva a 15 anni fa, quando si impose Loris Capirossi.

14.50 In classifica generale Francesco Bagnaia sale in vetta con 66 punti, +2 su Quartararo: oggi bisognava limitare i danni, invece è maturato addirittura il sorpasso…3° Vinales a -16, 4° Mir a -17, 5° Zarco a -18, 6° Miller a -27, 21° Valentino Rossi con 4 punti.

14.48 A 11 giri dalla fine Quartararo, mentre si trovava saldamente in testa, è andato in crisi, chiudendo addirittura 13°! Ve lo avevamo detto: quando va tutto bene, il francese è implacabile. Ma alla minima difficoltà si innervosisce e paga dazio in maniera importante e persino vistosa.

14.46 4° Nakagami, 5° Mir, 6° Aleix Espargarò, 7° Vinales, 8° Zarco, 9° Marquez, 10° Pol Espargarò, 14° Petrucci, 16° Marini, 17° Valentino Rossi, 19° Savadori.

14.44 Dall’Igna: “Sono veramente contento per tutti i ragazzi e per i piloti che hanno fatto un grandissimo lavoro. La doppietta è speciale su una pista che di solito ci mette in difficoltà. Noi abbiamo sempre avuto fiducia in Miller, secondo noi è un campione. Bagnaia ha fatto qualcosa di grande, è primo in classifica ed è fantastico“.

14.43 Jack Miller ha vinto con 1″912 su Bagnaia e 2″516 su Morbidelli. Grandissima Italia, grandissima! Ci credevamo già per il Mondiale, adesso ancora di più!

DOPPIETTA DUCATIIIIIIIIIIII!!! PAZZESCOOOOOOOO!!! Vince l’australiano Jack Miller davanti a Francesco Bagnaia, che è il nuovo LEADER DEL MONDIALE!

-1 ULTIMO GIRO! Sempre un secondo tra Miller e Bagnaia. Forse il piemontese ha capito che va benissimo così. La Ducati non vince a Jerez dal 2006, quando ci riuscì Loris Capirossi.

-2 Bagnaia a 1″ da Miller. Fossimo al suo posto, non ci prenderemmo rischi.

-2 Precipita ancora Quartararo, sorpassato da Oliveira e Bradl. E’ 13°.

-3 Ora Bagnaia ha preso un secondo di vantaggio su Morbidelli.

-3 CI STA PROVANDO BAGNAIA! Si porta a 1″3 da Miller! E’ una situazione delicata, bisogna pensare anche al Mondiale, soprattutto considerando il crollo di Quartararo.

-4 Ora Quartararo deve guardarsi le spalle da Oliveira e Bradl. Il francese stava dominando, ora è 11°.

-4 Miller si sta difendendo egregiamente. Mantiene 1″6 nei confronti di Bagnaia. Il piemontese deve guararsi le spalle dall’arrembante Morbidelli, che è il più veloce in pista.

-5 Pol Espargarò supera Quartararo, che ora è 11°. Il francese rischia di uscire dalla zona punti.

-5 Valentino Rossi è sempre 17°, superato dal fratello Luca Marini.

-5 Ora Morbidelli sta andando fortissimo! Si è portato a mezzo secondo da Bagnaia! Che gara assurda…

-6 Miller al comando con 1″7 su Bagnaia e 2″5 su Morbidelli, può succedere di tutto in questo finale! E’ una gara straordinaria ed appassionante!

-6 QUARTARARO E’ UN GAMBERO! Lo superano anche Zarco e Marquez. E’ 10°!

-6 CROLLO ASSURDO PER QUARTARARO, lo stanno passando tutti! Anche Mir, Aleix Espargarò e Vinales! Il francese è ottavo!

-7 Attenzione perché Bagnaia è a 2” da Miller, ci può provare per la vittoria!

-7 QUARTARARO NON VA PIU’ AVANTI! Viene passato anche da Nakagami, è davvero alla deriva!

-7 ANCHE MORBIDELLIIIIIIIIIIIIIII!!! PASSA QUARTARARO ED E’ TERZOOOOO!!

-8 PASSAAAAAAAAAAAAAA!!! CHE SORPASSOOOOOOOOOOOOOO!!!! Bagnaia è secondooooooooooooo!!! Sorpasso importantissimo su Quartararo, che sta andando alla deriva!

-8 Miller ha già rifilato 1″8 a Quartararo, che è stato ripreso da Bagnaia!

-9 OTTO DECIMI! Bagnaia sta andando a riprendere Quartararo! Incredibile come sta cambiando questa gara!

-9 BAGNAIA CI CREDE! L’italiano si porta a 1″3 da Quartararo! Sta succedendo di tutto! Il francese sta accusando un drastico calo delle gomme con la sua Yamaha!

-10 Miller sbaglia la frenata, finisce lungo, Quartararo per poco non lo infila di nuovo! Il francese però ora sta facendo fatica, incredibile! La Ducati non vince a Jerez dal 2006 con Capirossi!

-10 PASSAAAAAAAAAAAAAAA!!! MILLEEEEEEERR!!! Immenso, l’australiano supera Quartararo in fondo al rettilineo e finisce lungo!

-11 ERRORE DI QUARTARARO! Miller si porta a soli 4 decimi dal francese!

-11 BAGNAIA SVERNICIA MORBIDELLI SUL RETTILINEO! Il piemontese è terzo!

-12 Attacco deciso di Bagnaia, ma Morbidelli tiene l’interno e non lo lascia passare.

-12 Torna ad allungare Quartararo, 1″5 su Miller. Bagnaia per il momento non trova il guizzo per passare Morbidelli, sebbene sembri più veloce.

-13 Marquez supera Pol Espargarò ed è 10°.

-13 Quartararo in vetta, ma non ha fatto il vuoto. Miller a 1″3, Morbidelli e Bagnaia a 3″7.

-14 Bagnaia tenta un primo attacco su Morbidelli. I due italiani sono davvero attaccati! Lottano per il 3° posto.

-14 Valentino Rossi fatica a guidare questa Yamaha Petronas. Finisce lungo in frenata e si allontana da Lecuona, ora distante 1″4.

-15 Che gara anonima per Vinales, 8° a 6″6 dalla vetta. Lo spagnolo sta soffrendo psicologicamente le prestazioni del compagno di squadra Quartararo.

-15 Sin qui Mir è 7° a 5″8 da Quartararo. Vedremo se la Suzuki risalirà di prepotenza nel finale.

-16 Quartararo ha ben 1″5 su Miller, Bagnaia si sta avvicinando a Morbidelli.

-16 Purtroppo cade Enea Bastianini. Ciò consente a Valentino Rossi di salire in 16ma posizione.

-16 Quando tutto gira per il verso giusto, Quartararo è quasi imbattibile. Quando però incontra delle difficoltà, tende ad innervosirsi ed a commettere errori. Il Mondiale è lungo…

-17 SORPASSO BAGNAIA! La Ducati affianca l’Aprilia sul rettilineo e il piemontese passa! Quartararo è imbattibile oggi, ma il Mondiale è lungo! Bisogna portare a casa più punti possibili!

-18 Miller non si è arreso, rimane a 8 decimi da Quartararo. Intanto Marquez è incollato al compagno di squadra Pol Espargarò.

-18 Ora sembra che Aleix Espargarò stia facendo un po’ da tappo a Bagnaia. L’Aprilia è migliorata davvero tanto.

-19 Quartararo in testa con 7 decimi su Miller, 1″7 su Morbidelli, 2″0 su Aleix Espargarò, 2″4 su Bagnaia, 2″7 su Nakagami. Seguono Mir, Vinales, Zarco e Pol Espargarò. 11° Marquez, 12° Bastianini, 17° Rossi, 19° Marini.

-20 Quartararo va via, già 7 decimi di vantaggio su Miller. E’ imprendibile il francese.

-20 Ora Valentino Rossi ha dinanzi a sé la KTM di Lecuona. Il Dottore è 17°. 20° Luca Marini.

-20 Marc Marquez per il momento è solo l’ombra del pilota che dominava la MotoGP. Lo spagnolo dovrà avere pazienza per ritrovare la forma.

-21 Pazzesco Quartararo, sta già allungando.

-22 Staccata all’interno di Quartararo alla curva 13 nei confronti di Miller. Sorpasso chirurgico, il transalpino è al comando: gara già finita qui?

-22 E’ durissima per la Ducati. Bagnaia viene superato da Aleix Espargarò ed è quinto.

-22 Quartararo supera anche Morbidelli ed è 2°. Ora andrà all’attacco di Miller. Il francese è superiore a tutti come passo, si vede ad occhio.

-23 Marquez supera Bastianini ed è 12°. 17° Valentino Rossi dopo il sorpasso a Savadori.

-23 SCIVOLA RINS CON LA SUZUKI!

-23 Per ora Aleix Espargarò, quinto, tiene il passo dei primi con l’Aprilia.

-23 Tutti i piloti montano una coppia di gomme medie, ad eccezione di Vinales e Mir che hanno optato per una soft all’anteriore.

-24 Quartararo va molto più veloce e passa Bagnaia. Il francese è terzo.

-24 Cade Binder. Quartararo attacca Bagnaia all’esterno, ma l’italiano resiste.

-24 13° Marc Marquez, 18° Valentino Rossi.

-24 Miller al comando, poi Morbidelli, Bagnaia, Quartararo, Aleix Espargarò, Mir, Nakagami, Rins, Vinales e Binder.

-25 Quartararo è nervoso, sta provando in tutti i modi a superare Bagnaia. Caduta per Alex Marquez.

-25 giri al termine. Parte male Quartararo, scavalcato da Miller, Morbidelli e Bagnaia! Una buona notizia per la gara.

14.00 INIZIATA LA GARA!

13.58 Inizia il giro di ricognizione.

13.57 Saranno 25 i giri da percorrere.

13.56 L’uomo da battere è Fabio Quartararo, ha impressionato per tutto il fine settimana e partirà dalla pole. Se parte bene, può andar via sin dai primi giri.

13.55 E’ una pista favorevole alla Yamaha. Per Francesco Bagnaia (Ducati) l’obiettivo sarà limitare i danni con un podio: bisogna pensare al Mondiale e fare le formichine.

13.53 Inoltre è interessante notare come la Yamaha abbia attraversato un lunghissimo digiuno, poiché non è mai stata in grado di primeggiare tra il 1988 e il 2005.

13.50 La Honda detiene anche il record di successi consecutivi, ben 6, arpionati tra il 1994 e il 1999, peraltro con tre centauri differenti (Michael Doohan, Alex Crivillé e Alberto Puig).

13.48 Per quanto riguarda i costruttori, sinora nel Gran Premio di Spagna hanno primeggiato otto diverse Case. Domina la Honda, con 25 vittorie. Segue la Yamaha a quota 14. La MV Agusta ha raccolto 6 successi. Sono invece 3 quelli della Suzuki e 2 quelli della Gilera. Chiudono con 1 singola affermazione la Moto Guzzi, la Kawasaki e la Ducati.

13.44 Va sottolineato come Agostini sia stato in grado di vincere su due piste diverse (Montjuic e Jarama). Nel corso degli anni il lombardo è stato emulato solo dall’australiano Wayne Gardner, impostosi a Jarama nel 1986 e a Jerez de la Frontera nel 1987.

13.43 L’Italia vanta complessivamente 12 affermazioni nel GP iberico. Oltre alle sette del già citato Dottore, si contano anche i successi di Umberto Masetti (1951), Giacomo Agostini (1968 e 1969), Angelo Bergamonti (1970) e Loris Capirossi (2006).

13.41 In tema di vittorie consecutive, il primato è di 3, traguardo raggiunto da tre differenti piloti. Il primo capace di firmare l’hat-trick è stato Kenny Roberts Sr. (1979, 1980 e 1982, in quanto nel 1981 la classe regina non corse in Spagna). Dopodiché l’impresa è riuscita ad Alex Crivillé (1997, 1998, 1999) e Valentino Rossi (2001, 2002, 2003).

13.39 GP SPAGNA – VITTORIE TOP CLASS
7 – ROSSI Valentino (ITA)
4 – DOOHAN Michael (AUS)
3 – ROBERTS Kenny Sr. (USA)
3 – CRIVILLE Alex (SPA)
3 – PEDROSA Dani (SPA)
3 – LORENZO Jorge (SPA)
3 – MARQUEZ Marc (SPA)

13.37 Oltre al Dottore, vi sono solo altri due uomini attualmente in attività ad aver già vinto il GP di Spagna. Parliamo di Marc Marquez, che ha primeggiato in 3 occasioni (2014, 2018, 2019) e di Fabio Quartararo, impostosi nel 2020. Va sottolineato come il francese vanti però due successi sul tracciato di Jerez de la Frontera, in quanto ha trionfato anche nell’estemporaneo GP di Andalucia andato in scena lo scorso anno come secondo atto del double header ospitato da Jerez.

13.33 Guardando ai vincitori, il pilota con più successi nel Gran Premio di Spagna è Valentino Rossi, capace di imporsi ben 7 volte (2001, 2002, 2003, 2005, 2007, 2009, 2016). Per dare un’idea della superiorità del pesarese, si pensi che nessun altro centauro è ancora stato in grado di superare la quota di 4 affermazioni, raggiunta esclusivamente da Michael Doohan (1991, 1992, 1994, 1996).

13.31 EDIZIONI DEL GP DI SPAGNA (TOP CLASS)
33 Jerez de la Frontera
12 Jarama
8 Montjuic

13.30 Nel corso degli anni è, ovviamente, anche cambiato il tracciato. In principio si gareggiava sul famigerato Circuito del Montjuic, ricavato all’interno dell’omonimo parco della città di Barcellona. Quindi sul finire degli anni ’60 è cominciata un’alternanza con Jarama. L’autodromo permanente nei pressi di Madrid è poi diventato teatro esclusivo dell’appuntamento dalla seconda metà degli anni ‘70. Dopodiché, dalla fine degli anni ’80 il Gran Premio di Spagna è sempre stato ospitato da Jerez de la Frontera.

13.26 Va tuttavia rimarcato come la classe regina non sia sempre stata protagonista dell’evento. Difatti si sono disputate diverse edizioni della gara prive di 500cc. La top class ha affrontato il Gran Premio di Spagna tra il 1951 e il 1955, tra il 1968 e il 1973, nonché dal 1978 a oggi (eccezion fatta per il 1981). Pertanto, quella di domenica sarà l’edizione numero 54 della storia per quanto riguarda la 500cc e la MotoGP.

13.23 La gara iberica è stata presente nel calendario iridato in quasi tutte le edizioni della storia. Lo testimonia il fatto che dal 1949 a oggi l’appuntamento non si sia corso solo sette volte, l’ultima delle quali nel lontano 1960. Dunque, il GP non ha mai mancato l’appuntamento negli ultimi 60 anni, evitando la cancellazione anche durante il Covid.

13.20 La griglia di partenza della gara:

1 20 Fabio QUARTARARO FRA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 288.0 1’36.755
2 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 287.2 1’36.812 0.057 / 0.057
3 43 Jack MILLER AUS Ducati Lenovo Team Ducati 298.3 1’36.860 0.105 / 0.048
4 63 Francesco BAGNAIA ITA Ducati Lenovo Team Ducati 295.8 1’36.960 0.205 / 0.100
5 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 287.2 1’37.008 0.253 / 0.048
6 5 Johann ZARCO FRA Pramac Racing Ducati 294.2 1’37.054 0.299 / 0.046
7 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 288.0 1’37.070 0.315 / 0.016
8 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 288.7 1’37.085 0.330 / 0.015
9 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 289.5 1’37.124 0.369 / 0.039
10 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 287.2 1’37.154 0.399 / 0.030
11 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 288.0 1’37.467 0.712 / 0.313
12 6 Stefan BRADL GER Honda HRC Honda 291.8 1’37.502 0.747 / 0.035
13 44 Pol ESPARGARO SPA Repsol Honda Team Honda 291.8 1’37.407 0.491 / 0.057 Q1
14 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 291.1 1’37.489 0.573 / 0.082 Q1
15 23 Enea BASTIANINI ITA Avintia Esponsorama Ducati 293.4 1’37.675 0.759 / 0.186 Q1
16 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Factory Racing KTM 291.1 1’37.746 0.830 / 0.071 Q1
17 46 Valentino ROSSI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 284.2 1’37.915 0.999 / 0.169 Q1
18 10 Luca MARINI ITA SKY VR46 Avintia Ducati 290.3 1’37.925 1.009 / 0.010 Q1
19 9 Danilo PETRUCCI ITA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 284.9 1’38.065 1.149 / 0.140 Q1
20 73 Alex MARQUEZ SPA LCR Honda CASTROL Honda 289.5 1’38.069 1.153 / 0.004 Q1
21 27 Iker LECUONA SPA Tech 3 KTM Factory Racing KTM 285.7 1’38.139 1.223 / 0.070 Q1
22 32 Lorenzo SAVADORI ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 285.7 1’38.325 1.409 / 0.186 Q1
23 53 Tito RABAT SPA Pramac Racing Ducati 287.2 1’38.641 1.725 / 0.316 Q1

13.18 Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla Diretta Live del GP di Spagna di MotoGP.

La griglia di partenzaLa cronaca del warm-upLa presentazione della gara

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE del GP di Spagna 2021, quarta tappa del Mondiale MotoGP che va in scena sul circuito di Jerez de la Frontera. Si preannuncia un pomeriggio rovente in terra iberica e tutto lascia presagire a una spettacolare battaglia per la vittoria e per il podio, ormai la stagione è entrata nel vivo e tutti i centauri sanno che non possono sbagliare se vogliono puntare al bersaglio grosso.

Fabio Quartararo si presenta con i galloni del grande favorito della vigilia. Il francese scatterà dalla pole position in sella alla Yamaha ufficiale, sembra poter avere il passo per allungare fin dalle prime battute e imporre il proprio ritmo. Il leader del campionato spera di andare in fuga in classifica generale, ma alle sue spalle figurano tre uomini in grado di impensierirlo: i nostri Franco Morbidelli e Francesco Bagnaia, scatteranno da seconda quarta piazzola, divisi da Jack Miller. I due italiani, in sella rispettivamente a Yamaha Petronas e Ducati, inseguono il podio.

Appaiono più attardati Johann Zarco (Ducati Pramac) e Maverick Vinales (Yamaha ufficiale), che sono sesto e settimo appena davanti all’Aprilia di Aleix Espargarò e alle due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir. Valentino Rossi è in crisi nera, il Dottore cercherà una difficilissima rimonta dalla 17ma piazzola per provare a rientrare quantomeno in zona punti. Il centauro di Tavullia soffre troppo a livello di grip e risulta troppo lento a differenza del compagno di squadra Morbidelli, vedremo se riuscirà a invertire la rotta e a consolarsi con qualche punto. Marc Marquez è caduto ancora durante il warm-up e sembra non uscire dal tunnel.

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE del GP di Spagna 2021: cronaca in tempo reale, minuto dopo minuto, giro dopo giro, per non perdersi davvero nulla. Si inizierà alle ore 14.00. Buon divertimento a tutti.

Foto: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

VIDEO F1, GP Portogallo 2021: highlights e sintesi. Hamilton vince, Ferrari in crisi

DIRETTA F1, GP Portogallo LIVE: che Ferrari anonima! Leclerc: “Colpa mia”. Sainz: “Il potenziale c’era”