MotoGP, Franco Morbidelli e la zavorra di una moto non all’altezza

“Non ho la moto ufficiale come gli altri? Per me è uno stimolo in più per fare ancora meglio”. Parole e musica di Franco Morbidelli. Il pilota romano ha espresso in questo modo il suo pensiero al termine della gara odierna di Jerez de la Frontera, nella quale ha conquistato un brillante terzo posto al termine del Gran Premio di Spagna 2021 di MotoGP. Il portacolori del team Yamaha Petronas assomiglia sempre più ad un leone in gabbia e, dopotutto, come dargli torto…?

Mentre i suoi compagnu di marchio procedono con una M1 edizione 2021, “Franky” è relegato su una M1 del 2019 con gli aggiornamenti definiti “Spec-A”. Una condizione tecnica ben differente rispetto sia a Maverick Vinales e Fabio Quartararo del team Factory sia, soprattutto, del suo vicino di box Valentino Rossi. E pensare che in pista il confronto, specialmente nei confronti del “Dottore”, è impari al momento.

A parte la doppietta di Portimao, nella quale tra un problema tecnico e una moto non ancora pronta hanno fermato il pilota italo-brasiliano, sin dal weekend del Gran Premio del Portogallo abbiamo rivisto il solito Franco Morbidelli che conoscevamo. Un pilota tosto, sicuro dei propri mezzi, di qualità e, non dimentichiamolo, capace di cogliere tre successi nel campionato 2020, concluso con il titolo di vice-campione del mondo, ad una manciata di punti da Joan Mir.

Un percorso che, a rigor di logica, avrebbe dovuto mettere tra le mani una moto evoluta al nostro portacolori. Ma, come si è visto, così non è stato. Questo status di “seconda guida” all’interno di Yamaha non è giusta e non gli va più giù. Ormai “Franky” non fa più nulla per nasconderlo e per recriminare un trattamento che non arriverà. Anche per questo motivo pensare al sogno del titolo iridato sarà quasi utopia ma, conoscendo il carattere del numero 12, sarà un pungolo ulteriore per non mollare di un metro lungo tutto il corso della stagione. Sognare non costa nulla, e zittire la Casa che non ti premia sarà il condimento ideale per il Mondiale di Morbidelli. 

Credit: MotoGP.com Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

F1, Daniel Ricciardo: “Oggi sono stato in grado di fare quello che mi ero prefissato”

F1, Kimi Raikkonen: “Sono stato ingannato dalla scia e sono finito contro Antonio Giovinazzi”