LIVE Vuelta a España 2020 in DIRETTA: Carapaz torna leader, ma Roglic non affonda. Carthy stupisce

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

Il percorso del Tour de France 2021: sfilza di salita con doppio Mont Ventoux e Tourmalet, solo 58 km a cronometro

Il calendario del Tour de France 2021: il percorso, tutte le date, il programma delle tappe

L’analisi del percorso del Tour de France 2021: Mont Ventoux doppio, Tourmalet, tante salite e 58 km a cronometro

La classifica generale della Vuelta: i primi quattro in 35″, Richard Carapaz si riprende la vetta

La cronaca della tappa: grande battaglia sull’Angliru, la spunta Hugh Carthy

Le pagelle della tappa di oggi

Hugh Carthy festeggia: “Ho domato una salita mitica, un sogno che diventa realtà”

Richard Carapaz nuovo leader: “Contento di essere maglia rossa. Angliru salita incredibile”

Primoz Roglic limita i danni: “Non era una salita adatta a me, sono contento di essermi difeso”

Il finto “bluff” di Richard Carapaz: fa tappa di coda, poi attacca (tardi) e guadagna su Roglic

Chris Froome è tornato! Il britannico è gregario di lusso di Carapaz, che ritmo e che professionalità sul Cordal

Hugh Carthy è la grande rivelazione della Vuelta: mai in top-10 in un Grande Giro, ora lotta per la vittoria!

Mattia Cattaneo è il migliore italiano in classifica: ci si aggrappa a lui per una top-20

Si riparte con una cronometro: 33,7 km con salita finale. Roglic ipoteca la vittoria? Le tappe successive…

Primoz Roglic si difende su una salita indigesta: ora la cronometro per fare il vuoto

Video Highlights tappa di oggi: Carthy vince sull’Angliru, Carapaz si riprende la maglia rossa, Roglic si stacca

Tutte le classifiche della Vuelta di Spagna

17.29 Grazie per averci seguito e buon proseguimento di serata. Un saluto sportivo!

17.28 Mattia Cattaneo ha chiuso 21° a 6’12”.

17.27 I primi quattro sono racchiusi in appena 35″. In lizza per il podio e la vittoria anche Mas a 1’50”. Poi lontanissimi tutti gli altri.

17.25 Ci ha provato Carapaz, ma la gamba non era quella dei giorni migliori. Ha staccato Roglic a soli 2 km dall’arrivo, troppo tardi per scavare un solco importante. I 10″ di vantaggio in classifica generale non sono nulla e svaniranno (con gli interessi…) nella cronometro di 33,7 km prevista martedì. Lo sloveno si è difeso su una salita decisamente non adatta alle proprie caratteristiche: resta il favorito n.1.

17.24 La nuova classifica generale:

1 RICHARD CARAPAZ 72 INEOS GRENADIERS 48H 29′ 27” – B : 16” –
2 PRIMOŽ ROGLIC 1 TEAM JUMBO – VISMA 48H 29′ 37” + 00H 00′ 10” B : 42” –
3 HUGH JOHN CARTHY 102 EF PRO CYCLING 48H 29′ 59” + 00H 00′ 32” B : 10” –
4 DANIEL MARTIN 181 ISRAEL START-UP NATION 48H 30′ 02” + 00H 00′ 35” B : 22” –
5 ENRIC MAS 174 MOVISTAR TEAM 48H 31′ 17” + 00H 01′ 50” B : 4” –
6 WOUTER POELS 111 BAHRAIN – MCLAREN 48H 34′ 40” + 00H 05′ 13” – –
7 FELIX GROSSSCHARTNER 63 BORA – HANSGROHE 48H 34′ 57” + 00H 05′ 30” B : 6” –
8 ALEJANDRO VALVERDE 171 MOVISTAR TEAM 48H 35′ 49” + 00H 06′ 22” B : 5” –
9 ALEKSANDR VLASOV 51 ASTANA PRO TEAM 48H 36′ 08” + 00H 06′ 41” B : 6” –
10 MIKEL NIEVE 83 MITCHELTON – SCOTT 48H 36′ 09” + 00H 06′ 42” – –

17.22 L’ordine d’arrivo della tappa di oggi:

1 HUGH JOHN CARTHY 102 EF PRO CYCLING 03H 08′ 40” – B : 10” –
2 ALEKSANDR VLASOV 51 ASTANA PRO TEAM 03H 08′ 56” + 00H 00′ 16” B : 6” –
3 ENRIC MAS 174 MOVISTAR TEAM 03H 08′ 56” + 00H 00′ 16” B : 4” –
4 RICHARD CARAPAZ 72 INEOS GRENADIERS 03H 08′ 56” + 00H 00′ 16” – –
5 PRIMOŽ ROGLIC 1 TEAM JUMBO – VISMA 03H 09′ 06” + 00H 00′ 26” – –
6 SEPP KUSS 6 TEAM JUMBO – VISMA 03H 09′ 06” + 00H 00′ 26” – –
7 DANIEL MARTIN 181 ISRAEL START-UP NATION 03H 09′ 06” + 00H 00′ 26” – –
8 WOUTER POELS 111 BAHRAIN – MCLAREN 03H 10′ 15” + 00H 01′ 35” – –
9 MICHAEL WOODS 108 EF PRO CYCLING 03H 10′ 15” + 00H 01′ 35” – –

17.20 Carapaz riconquista la maglia roja, ma con un vantaggio troppo esiguo su Roglic. Lo sloveno, nella cronometro di martedì, potrebbe ipotecare la Vuelta.

17.20 Arrivano ora Poels e Woods a 1’36”.

17.19 Vince il britannico Hugh Carthy con 16″ su Vlasov, Mas e Carapaz. Roglic alla fine si salva e conclude a 26″. Distacchi tutto sommato contenuti.

17.19 Roglic, sempre aiutato da Kuss, prova a limitare i danni.

17.18 500 metri all’arrivo, tutti in discesa. Carthy verso la vittoria.

17.18 Carthy sta facendo il vuoto. Si avvicina alla vittoria di tappa. Carapaz prova a rientrare su Mas e Vlasov.

17.17 Ora è Carapaz a soffrire. Viene staccato anche da Vlasov e Mas.

17.16 PAZZESCO HUGH CARTHY! Il britannico scatta all’imbocco dell’ultimo chilometro e se ne va tutto solo, staccando Carapaz, Vlasov e Mas.

17.15 Roglic va a zigzag, Kuss deve rallentare per attenderlo!

17.15 Roglic è in difficoltà, viene staccato da tutti, anche da Vlasov e Daniel Martin. Ma non affonda lo sloveno, rimane a ruota di Kuss e contiene il ritardo da Carapaz in 15″. Martedì avrà la cronometro per ribaltare tutto.

17.15 1500 metri all’arrivo. Ora il tratto è al 10%, ma gli ultimi metri saranno in leggerissima discesa.

17.14 GIA’ 16″ GUADAGNATI DA CARAPAZ SU ROGLIC!

17.13 Un vero e proprio bluff quello di Carapaz. E’ rimasto sempre in coda al gruppo, non sembrava brillante. Poi la stoccata a 2 km dall’arrivo! L’ecuadoriano, insieme a Carthy, è andato a riprendere Mas.

17.12 Ora Kuss si ferma e attende Roglic, in estrema difficoltà!

17.12 ATTACCA CARAPAZ! Kuss gli va dietro invece di rimanere con Roglic!

17.12 Nonostante Roglic non sia brillante, Carapaz per ora non attacca. 2 km all’arrivo! E’ una salita infinita!

17.11 6″ di vantaggio per Mas. Roglic sbanda su queste pendenze estreme!

17.10 Mas ha guadagnato una decina di secondi, è solo al comando.

17.09 Sembra che Roglic si stia gestendo. Sa che questo è il tratto più difficile per lui in assoluto di questa Vuelta. Per caratteristiche fisiche, soffre le pendenze oltre il 20%.

17.08 ROGLIC PERDE TERRENO! Gli scattano in faccia Carthy e Vlasov: lo sloveno non risponde! Carapaz invece non sembra averne per allungare, rimane a ruota della maglia roja, così come uno strenuo Daniel Martin.

17.07 3 km all’arrivo, ora il tratto al 23,5%!

17.06 Daniel Martin perde terreno, ma rientra con il cuore! Carapaz e Carthy sono insieme a Roglic.

17.06 ROGLIC IN DIFFICOLTA’! Non riesce a tenere il passo di Kuss!

17.06 Mas ha guadagnato una manciata di metri.

17.05 Si stacca Gesink, Roglic non risponde e tiene la ruota di Kuss, che prova ad impostare un passo regolare.

17.04 ATTACCA ENRIC MAS! Lo spagnolo vuole provare a far saltare il banco!

17.03 Gesink, Kuss, Roglic, Martin, Mas, Carthy, Woods, Vlasov e Carapaz. Questi gli uomini al comando a 3,8 km dal traguardo.

17.02 Tra i -3 e i -2,5 km all’arrivo i corridori troveranno un tratto al 23,5%…Se non ci saranno attacchi neanche lì…

17.01 Visibilmente sofferente il volto di Daniel Martin, che digrigna i denti. Ora Poels perde terreno in maniera sensibile.

17.00 4500 metri all’arrivo. Sempre Gesink a dettare il passo. Roglic respira con la bocca aperta, ma sta impostando la corsa nel modo prediletto.

17.00 Poels non molla, rimane ad una manciata di metri dal gruppo di testa.

16.59 Poels perde terreno, Carapaz prova a reagire, ma è sempre in ultima posizione. E’ il nono dei corridori nel gruppetto di testa.

16.58 Finora è uno strapotere allucinante della Jumbo-Visma. Gesink sta tenendo un passo che non consente a nessuno di scattare. E siamo sull’Angliru…5 km all’arrivo.

16.58 Carapaz in coda al gruppo insieme a Poels.

16.57 Pedalata ‘ingobbita’ per Daniel Martin, ma per ora tiene. E’ una sfinge il volto di Mas, ma anche lo spagnolo per il momento è lì davanti.

16.56 Carthy ha con sé anche un gregario di lusso come Woods.

16.55 Attenzione a Carapaz, è in terzultima posizione…Pessimi segnali per l’ecuadoriano.

16.54 Sono rimasti in 10 davanti. Presenti anche Carthy, Vlasov e Poels.

16.53 6 km all’arrivo, per ora Carapaz attende. Se vuole vincere questa Vuelta, oggi deve guadagnare tanto in vista della cronometro in cui Roglic farà il vuoto…

16.52 Perdono contatto anche Nieve e Valverde. E’ una selezione naturale.

16.51 Sono Gesink e Kuss i gregari rimasti a Roglic. Si stacca l’austriaco Grossschartner, settimo della classifica generale!

16.51 Si stacca Mattia Cattaneo, 19° in classifica generale. C’è Gesink (Jumbo-Visma) a dettare il passo.

16.50 Ultimi 7000 metri, da qui in poi pendenza sempre tra l’11 e il 14,5%, con punta massima del 23,5%! L’ultimo km è il più “facile” al 10%….

16.48 7.7 km all’arrivo, tra poco si inizierà a fare sul serio. Già 1’21” di ritardo per Soler. Con lui c’è anche Froome.

16.47 La Jumbo-Visma sta facendo selezione. Sono rimasti in 17 davanti. Certo che se Roglic vincesse anche oggi…La salita odierna non sembra adatta allo sloveno, tuttavia lo sloveno è in grande forma.

16.46 Carapaz a ruota di Roglic. Alle spalle dell’ecuadoriano troviamo Mas e Daniel Martin.

16.45 Sono rimasti in 23 nel gruppetto di testa. Per il momento resiste anche Mattia Cattaneo, in fuga dalla prima ora.

16.45 Pazzesca la Jumbo-Visma. Roglic può contare ancora su quattro gregari…

16.45 Si stacca Marc Soler, che perde già 44″! Lo spagnolo sta pagando le fatiche della fuga di ieri.

16.44 9.7 km all’arrivo. Gli ultimi 7 km saranno quelli micidiali. E’ lì che assisteremo alla battaglia. Bisogna pazientare ancora un po’.

16.42 Si stacca Froome, Carapaz rimane senza compagni di squadra. Ma sull’Angliru contano le gambe, presto i capitano resteranno l’uno contro l’altro.

16.41 Sanchez e Martin ripresi a 10.5 km dal traguardo. Gruppo di testa composto da una trentina di corridori, sempre tirato dalla Jumbo-Visma.

16.40 Chris Froome è ancora nel gruppo maglia roja. Il britannico ha dato spettacolo sul Cordal da gregario di lusso per Carapaz. Che professionalità per questo grande campione che a fine stagione lascerà la Ineos Grenadiers.

16.39 Cattaneo si stacca e viene riassorbito. Resistono (ancora per poco) Sanchez e Martin.

16.38 Martin, Cattaneo e Sanchez stanno per venire ripresi. Per loro solo 15″ di margine.

16.37 Scende a 20″ il vantaggio degli attaccanti. Roglic ha messo la squadra davanti a dettare il passo. Sulla carta non è una salita adatta alle caratteristiche dello sloveno, che dovrebbe difendersi. Sulla carta…

16.35 Soler rientra sul gruppetto maglia roja, ora tirato dalla Jumbo-Visma di Roglic. 29″ di ritardo da Cattaneo, Martin e Luis Leon Sanchez.

16.35 Se Richard Carapaz vuole vincere questa Vuelta, oggi deve rifilare un minuto e più a Roglic (possibilmente oltre un minuto e mezzo). Serve l’impresa all’ecuadoriano.

16.34 INIZIATO L’ANGLIRU! Da adesso in poi sarà spettacolo!

16.32 L’Alto de l’Angliru è una delle salite più micidiali d’Europa. 12,4 km al 9,9% di pendenza media, punta del 23,5% al 10° km. I primi 5 km sono abbastanza irregolari (ma ci sarà subito un tratto al 22%…), poi gli ultimi 7 km saranno senza respiro, con pendenze costanti fra il 10 e il 14,5%!

16.31 Ci siamo, fra 3 km inizierà il Mostro!

16.30 Martin, Cattaneo e Sanchez hanno solo 25″ sul gruppo maglia roja. Non hanno nessuna speranza di vincere la tappa. Verranno ripresi già nei primi 2 km dell’Angliru.

16.29 Nella classifica degli scalatori Guillaume Martin, ora, ha cinquanta punti di vantaggio su Kuss secondo.

16.27 Marc Soler perde le ruote del gruppo dei migliori già in vetta all’Alto del Cordal. Può rientrare, ma sull’Angliru rischia di andare a fondo.

16.25 Guillaume Martin passa per primo al GPM.

16.23 La Movistar ha ceduto di schianto sul forcing di Froome, ma la Jumbo-Visma chiude subito il buco che si era creato tra i due Ineos e il resto.

16.21 Tira Froome in gruppo con Carapaz a ruota.

16.20 Guillaume Martin ha ripreso Sanchez e Cattaneo. I tre hanno 46″ sul gruppo.

16.18 2 chilometri allo scollinamento dell’Alto del Cordal.

16.15 Si stacca dal gruppo dei favoriti, intanto, Esteban Chaves. Il colombiano andrà a fondo.

16.13 50″ di vantaggio sul gruppo per Sanchez e Cattaneo.

16.10 Luis Leon Sanchez allunga tra i fuggitivi con Cattaneo a ruota.

16.07 27 chilometri al traguardo. Inizia l’Alto del Cordal.

16.04 Il gruppo maglia rossa è a soli 40″ dalla testa della gara composta da Roux e Guillaume Martin.

16.00 La Movistar tira fortissimo in questa fase di avvicinamento all’Alto del Cordal.

15.57 Il vantaggio dei fuggitivi scende a 1′ quando mancano 37 km al traguardo.

15.54 I Movistar spingono forte anche in discesa per non lasciare spazio a De La Cruz e chiudere il gap con i fuggitivi.

15.51 Caduto nella stessa discesa anche Amador della Ineos Grenadiers.

15.48 Caduto Davide Formolo in discesa!!!

15.44 Nel gruppo di testa sono rimasti in 17, il plotone insegue a 1’30”.

15.41 Azione di forza in testa al gruppo della Movistar.


15.38 In testa al gruppo la Movistar a fare un ritmo indiavolato, il vantaggio dei fuggitivi scende a 2′.

15.35 Cominciano a staccarsi alcuni corridori dal gruppo di testa attualmente composto da: Cattaneo (Deceuninck Quick Step) Riabushenko (UAE Team Formolo (UAE Team Emirates) Sánchez (Astana) Schillinger (Bora Hansgrohe) Wurf (Ineos) Stannard (Mitchelton Scott) Edmond (Mitchelton Scott) Roux (Groupama FDJ) Van Den Berg ( EF Pro Cycling) Peters ( AG2R La Mondiale) Wiśniowski (CCC) Goossens (Lotto Soudal) Van Der Sande (Lotto Soudal) Marcjiski (Lotto Soudal) G. Martin (Cofidis) Périchon (Cofidis) Erviti (Movistar).

15.25 In testa al gruppo la Jumbo-Visma che tiene a 3′ i fuggitivi quando mancano 55 km al traguardo.

15.22 La composizione del gruppo dei fuggitivi.

15.19 Formolo e Marczynski rientrano nel gruppo dei fuggitivi dopo un lunghissimo inseguimento.

15.16 Il passaggio al GPM dell’Alto de Santo Emiliano: Martin (Cofidis), Perichon (Cofidis), Wurf (Ineos).

15.13 Formolo e Marczynski inseguono a circa 20” dal gruppo dei fuggitivi.

15.10 I diciotto ciclisti al comando conservano 2’25” di vantaggio sul gruppo a 65 km dal traguardo.

15.07 Martin punta a passere primo anche su questo GPM di terza categoria.

15.03 In testa alla corsa sono rimasti in 18: si sono staccati Gasparotto e Osorio.

14.59 Inizia la seconda salita di giornata: Alto de Santo Emiliano.

14.57 70 chilometri al traguardo.

14.54 Più di 2′ di ritardo per il gruppo Maglia Rossa.

14.52 Formolo, con il polacco Marczyński, è a circa 1′ dalla vetta. Difficile rientrare.

14.50 Martin scollina per primo sul GPM, mancano 80 km all’arrivo.

14.48 La composizione del drappello di venti uomini al comando:

1 13 CATTANEO Mattia +9:39
2 26 RIABUSHENKO Alexandr +1:53:17
3 58 SÁNCHEZ Luis León +38:55
4 66 SCHILLINGER Andreas +2:33:03
5 78 WURF Cameron +2:09:47
6 87 STANNARD Robert +1:51:27
7 88 EDMONDSON Alex +2:51:23
8 97 ROUX Anthony +1:41:49
9 106 VAN DEN BERG Julius +2:41:44
10 125 PETERS Nans +58:18
11 136 WIŚNIOWSKI Łukasz +2:13:58
12 144 GOOSSENS Kobe +26:59
13 147 VAN DER SANDE Tosh +2:11:40
14 151 MARTIN Guillaume +8:14
15 158 PÉRICHON Pierre-Luc +2:06:00
16 165 GASPAROTTO Enrico +2:09:14
17 173 ERVITI Imanol +1:17:34
18 206 GARCÍA Jhojan +1:19:50
19 211 MADRAZO Ángel +1:15:49
20 216 OSORIO Juan Felipe +2:19:39

14.45 Oltre 1′ di ritardo per Davide Formolo, supportato da Philipsen. Difficile per l’ex campione italiano riportarsi sulla testa della corsa.

14.43 Inizia la prima ascesa di giornata: Alto del Padrún, 3,5 chilometri al 6,6% di pendenza media.

14.41 In gruppo ovviamente la Jumbo-Visma a gestire la situazione.

14.39 Dal gruppo prova a contrattaccare Davide Formolo (UAE Emirates) con un compagno in supporto.

14.36 Quella al comando sembra essere la fuga di giornata. Presente la Maglia a Pois di Martin, c’è anche il nostro Mattia Cattaneo.

14.33 90 chilometri all’arrivo.

14.31 Un gruppo di una ventina di uomini è riuscito ad andar via. 20” di margine.

14.27 Velocità sempre superiore ai 50km/h.

14.24 Proseguono gli scatti nel gruppo, non c’è stato ancora un tentativo che è riuscito ad andar via.

14.20 100 chilometri al traguardo.

14.17 Prova ad evadere un drappello di una decina di uomini, ma il gruppo è ancora vicino.

14.13 Ovviamente scatti e controscatti, tanta fatica per la fuga.

14.10 PARTITI UFFICIALMENTE!

14.07 Tra un chilometro arriverà il via ufficiale.

14.03 Il momento della partenza:

13.59 La Maglia Rossa Primoz Roglic:

13.56 Intanto la frazione è scattata, corridori che sono nel tratto di trasferimento e si stanno dirigendo verso il km 0.

13.49 A tutta! Le parole di Chris Froome:

13.46 Nel frattempo le squadre sono ovviamente nella zona del foglio firma:

14.42 La frazione partirà alle 14.08, sarà molto breve, ma intensissima.

13.38 Andiamo a scoprire la frazione odierna nel dettaglio:

13.33 Oggi in programma la dodicesima tappa: la Pola de Laviana-Alto de l’Angliru. Si tratta della frazione regina di quest’edizione del grande giro spagnolo, nonostante misuri solo 108 chilometri, dato l’arrivo posto in vetta al Mostro delle Asturie, un’erta durissima di 13 chilometri con una pendenza media del 10% e punte del 23%.

13.30 Buongiorno e ben ritrovati con la Vuelta a España 2020.

Le pagelle dell’undicesima tappa della VueltaGli highlights della frazione di ieriTutte le classifiche della Vuelta 2020 dopo l’undicesima tappaLa cronaca della frazione di ieri

Buongiorno a tutti amici ed amiche di OA Sport e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE della dodicesima frazione della Vuelta a España 2020: la Pola de Laviana-Alto de l’Angliru. Si tratta della frazione regina di quest’edizione del grande giro spagnolo, nonostante misuri solo 108 chilometri, dato l’arrivo posto in vetta al Mostro delle Asturie, un’erta durissima di 13 chilometri con una pendenza media del 10% e punte del 23%.

Oggi è atteso il duello decisivo tra la maglia roja Primoz Roglic e l’ecuadoriano Richard Carapaz. I due, al momento, hanno lo stesso tempo in classifica generale. Carapaz, però, non può permettersi di arrivare con questa situazione alla cronometro che aprirà la terza settimana. Nella prova contro il tempo in questione, infatti, lo sloveno può rifilargli almeno un 1’30”. L’alfiere del Team Ineos, dunque, dovrà attaccare il rivale sull’Angliru e staccarlo per darsi l’opportunità di lottare per il successo finale in una terza settimana meno impegnativa rispetto alle due precedenti.

L’appuntamento con l’inizio della nostra DIRETTA LIVE è alle 13.30. Mi raccomando, non mancate!

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tour de France 2021: l’analisi del percorso e i momenti salienti. Mont Ventoux doppio e Tourmalet. Tante salite e 58 km a cronometro

Vuelta a España 2020, il borsino dei favoriti dopo la seconda settimana. Roglic può fare il vuoto a cronometro, Carapaz deve superarsi