DIRETTA Giro d’Italia 2021 LIVE: tappa e 2° posto per Caruso. Magrini: “Bernal senza la Ineos altro che 45 secondi…”

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA DIRETTA LIVE DELL’ULTIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA 2021 DALLE 13.45

LA FAGIANATA DI RICCARDO MAGRINI

CLASSIFICA GIRO D’ITALIA 2021

DAMIANO CARUSO, LO SCUDIERO DIVENTATO CAVALIERE. LA GRANDEZZA DI AVERE SOGNATO OLTRE I LIMITI

LA STARTLIST DELLA CRONOMETRO DI DOMANI

FILIPPO GANNA VUOLE SBANCARE NELLA CRONOMETRO DI MILANO

QUANTO PUO’ GUADAGNARE CARUSO SU BERNAL NELLA CRONOMETRO DI DOMANI?

LE PAGELLE DELLA TAPPA DI OGGI

DAVIDE CASSANI: “PARLERO’ CON NIBALI PER CAPIRE COSA FARE CON LE OLIMPIADI”

DAMIANO CARUSO: “OGGI HO AVUTO LA MIA GIORNATA DA CAMPIONE. MERITO DI BILBAO AL 70%”

LA CRONACA DELLA TAPPA DI OGGI

QUANTI SOLDI HA GUADAGNATO DAMIANO CARUSO CON LA VITTORIA DI TAPPA? E PER IL 2° POSTO IN CLASSIFICA…

TUTTE LE VITTORIE DI DAMIANO CARUSO: TERZO SUCCESSO DA PROFESSIONISTA. I PRECEDENTI

EGAN BERNAL: “HO TEMUTO PER LA MAGLIA ROSA, GRAZIE A TUTTA LA SQUADRA”

EGAN BERNAL DEVE RINGRAZIARE LA INEOS: DIFESA STRENUA E VITTORIA FINALE

LORENZO FORTUNATO, UN NOME NUOVO PER LE CORSE A TAPPE?

VINCENZO NIBALI, 18° A OLTRE UN’ORA. LA SUA VITTORIA E’ ARRIVARE A MILANO

LE DICHIARAZIONI DI SIMON YATES: “NON AVEVO LE GAMBE”

LE DICHIARAZIONI DI LORENZO FORTUNATO

ORDINE D’ARRIVO TAPPA DI OGGI

VIDEO HIGHLIGHTS TAPPA DI OGGI

VIDEO LA PACCA DI CARUSO A PELLO BILBAO

TUTTE LE CLASSIFICHE DEL GIRO D’ITALIA

17.20 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport! Troverete cronaca, classifica generale, tutte le classifiche, dichiarazioni, analisi, video, approfondimenti, pagelle, la Fagianata di Riccardo Magrini e tanto altro. Un saluto sportivo.

17.18 Domani la cronometro di Milano di 30 km. Caruso è più forte di Bernal nelle prove contro il tempo, ma 2 minuti da recuperare sono troppi. Potrebbe guadagnare 30-40 secondi, ma non 120. Ma va bene lo stesso. Domani puntiamo su Ganna per il successo parziale.

17.15 La classifica generale prima dell’ultima tappa:

1 1 – BERNAL Egan INEOS Grenadiers 20 85:41:47
2 2 – CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 1:59
3 3 – YATES Simon Team BikeExchange 3:23
4 4 – VLASOV Aleksandr Astana – Premier Tech 7:07
5 6 ▲1 BARDET Romain Team DSM 7:48
6 7 ▲1 MARTÍNEZ Daniel Felipe INEOS Grenadiers 7:56
7 5 ▼2 CARTHY Hugh EF Education – Nippo 8:22
8 8 – ALMEIDA João Deceuninck – Quick Step 8:50
9 9 – FOSS Tobias Team Jumbo-Visma 12:39
10 10 – MARTIN Dan Israel Start-Up Nation 16:48
11 11 – BENNETT George Team Jumbo-Visma 24:55
12 12 – BOUWMAN Koen Team Jumbo-Visma 31:04
13 13 – BILBAO Pello Bahrain – Victorious 36:11
14 16 ▲2 FORTUNATO Lorenzo EOLO-Kometa 44:09
15 14 ▼1 VALTER Attila Groupama – FDJ 44:51
16 15 ▼1 FORMOLO Davide UAE-Team Emirates 47:24

17.12 “Ho pensato ai mesi di fatica che ci sono voluti per arrivare a questo punto, al lavoro dei miei compagni. Oggi ho realizzato un altro sogno, sono l’uomo più felice del mondo. Oggi abbiamo corso in maniera esemplare. Se abbiamo fatto questo in 5, cosa avremmo potuto fare con tutta la squadra al completo? Il 70% della mia vittoria oggi è merito di Bilbao. Io mi reputo un ottimo professionista, non sono mai stato definito un campione perché non ho mai vinto. Oggi ho avuto la mia giornata da campione“, le parole di Damiano Caruso alla RAI.

17.11 Da segnalare il grandissimo 9° posto di Lorenzo Fortunato. Abbiamo bisogno di giovani come lui per le corse a tappe. E che seguano l’esempio di Damiano Caruso.

17.09 L’ordine d’arrivo della tappa di oggi:

1 CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 100 80 4:27:53
2 BERNAL Egan INEOS Grenadiers 40 50 0:24
3 MARTÍNEZ Daniel Felipe INEOS Grenadiers 20 35 0:35
4 BARDET Romain Team DSM 12 25 ,,
5 ALMEIDA João Deceuninck – Quick Step 4 18 0:41
6 YATES Simon Team BikeExchange 15 0:51
7 VLASOV Aleksandr Astana – Premier Tech 12 1:13
8 CARTHY Hugh EF Education – Nippo 10 1:29
9 FORTUNATO Lorenzo EOLO-Kometa 8 2:07
10 PEDRERO Antonio Movistar Team 6 2:23
11 HIRT Jan Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux 5 ,,
12 FOSS Tobias Team Jumbo-Visma 4 2:37
13 BOUWMAN Koen Team Jumbo-Visma 3 ,,

17.05 Ci inchiniamo davanti a Damiano Caruso. Ha attaccato sulla discesa del San Bernardino, insieme al fido Bilbao, a Bardet e Storer ha rischiato di ribaltare il Giro d’Italia. Poi ha vinto in solitaria sull’Alpe Motta con un’azione da campione vero! E’ stato un gregario per tutta la vita, ma questa giornata gli ha cambiato per sempre la carriera. Tra un decennio ed oltre ci ricorderemo con affetto di quel giorno che Damiano Caruso vinse sull’Alpe di Motta e cercò di dare scacco matto a Bernal. Questo è il ciclismo vero. Immenso Caruso, eroico!

17.03 Vlasov a 1’12”.

17.03 A 35″ Martinez e Bardet, a 40″ Almeida, a 51″ Yates.

17.03 Bernal chiude 2° a 23″. Il Giro è suo, ma Caruso gliel’ha fatto sudare.

17.02 DAMIANO CARUSO VINCE IN SOLITARIA SULL’ALPE DI MOTTA! IMPRESA LEGGENDARIA, STRAORDINARIO, IMMENSO, EPOCALE!

17.01 400 metri. Già sorride Damiano!

17.01 500 metri all’arrivo!

17.01 EROICO CARUSO! Un esempio per i giovani! Prendete esempio da questo ragazzo dal cuore grande!

17.00 Martinez si stacca, ora Bernal è secondo in solitaria.

17.00 21″ per Caruso a 800 metri dall’arrivo. Sembra non finire mai!

16.59 Martinez e Bernal hanno staccato tutti e vanno a riprendere Bardet.

16.59 ULTIMO CHILOMETRO, VAI CARUSO, SIAMO CON TE!

16.59 Caruso avanza tra due ali di folla, i tifosi sono in delirio! E’ una scena bellissima, emozionante!

16.58 1500 metri all’arrivo, Caruso si alza sui pedali, sta guadagnandoooooooo!!! 22″, vai Damiano! Te la meriti!

16.57 INDEMONIATOOOOOO!!! Si dimena con le spalle Caruso, sta dando TUTTO! Sta mettendo il cuore! E’ commovente, grandissimo! 20″ di vantaggio!

16.57 SIMON YATES SI STACCA!

16.56 CARUSO SI ALZA SUI PEDALI E STACCA BARDET! IMMENSO, FINO ALLA FINE E COMUNQUE VADA! QUESTO E’ IL CICLISMO, QUESTO E’ GRANDE CICLISMO!

16.56 2 km all’arrivo e 19″ da difendere per Caruso e Bardet.

16.55 Caruso transita al traguardo volante di Madesimo davanti a Bardet. Guadagna 3″ di abbuono. 1″ di abbuono a Bernal, terzo. Alla Ineos non lasciano davvero nulla…

16.54 Gli ultimi 3 km sono i più duri, è difficilissimo per Caruso. Solo 20″ sul gruppetto Bernal, sempre tirato dall’inesorabile Martinez.

16.53 Solo 25″ di vantaggio per Caruso, deve resistere! Martinez sta facendo male adesso.

16.52 Adesso fa male Martinez. Progressione micidiale del colombiano, restano alla sua ruota solo Bernal e Yates. Si staccano Almeida, Vlasov e Carthy.

16.50 CARUSOOOOOOOO!!! Progressione memorabile, mantiene 34″ sul gruppetto maglia rosa a 4 km dall’arrivo! Deve cercare di staccare Bardet prima dell’arrivo: il francese è più veloce in caso di arrivo allo sprint.

16.50 Uniamoci con Damiano Caruso. Il ciclismo italiano sembrava morto alla vigilia del Giro, sembravamo non avere nessuna speranza. Invece siamo qui a sognare grazie a questo ragazzo di 33 anni che da scudiero si è riscoperto principe. Immenso, leggendario!

16.49 5 KM ALL’ARRIVO E 35″ di vantaggio per Damiano Caruso! Bardet sta faticando, ma non molla la ruota dell’italiano!

16.48 Almeida stringe i denti e rientra, ma oggi il portoghese non è brillante. Anche Carthy e Vlasov nel gruppetto maglia rosa, oltre ovviamente a Yates.

16.47 DAMIANO CARUSO SI ALZA SUI PEDALI E RILANCIA L’ANDATURA! Un cuore immenso, è l’orgoglio del ciclismo italiano! Sta tenendo alta la Bandiera con orgoglio e dignità senza confini!

16.47 Almeida perde contatto dal gruppetto maglia rosa.

16.46 Bernal guadagna grazie al passo scandito da Martinez. 32″ di ritardo da Caruso e Bardet. Ora il francese dà un cambio al siciliano.

16.45 Forse non riuscirà a vincere il Giro, ma di sicuro non ci dimenticheremo mai quello che sta facendo oggi Damiano Caruso. Speriamo almeno che il siciliano vinca la tappa, se lo meriterebbe.

16.44 Adesso è il momento più alto della carriera di Damiano Caruso. Deve spingere fino all’ultima goccia di energia che ha nelle gambe!

16.44 Si stacca Bilbao e Caruso gli dà una pacca sulla spalla!

16.43 Caruso non sta dando cambi ad un sontuoso Pello Bilbao. 37″ di vantaggio a 6,6 km dall’arrivo. Bernal però si sta difendendo bene.

16.42 Davanti perde contatto Storer. Restano in tre: Bilbao, Caruso e Bardet.

16.41 Si stacca come da copione Castroviejo. Ora Martinez in testa al gruppetto maglia rosa. Yates a ruota di Bernal.

16.41 INIZIA LA SALITA FINALE! 40″ di vantaggio, ora Damiano Caruso deve mettersi davanti a tirare in prima persona! E’ il momento di dare tutto quello che si ha!

16.40 Ora è presumibile che si stacchi Castroviejo, ma a Bernal rimarrà comunque Martinez. Troppo forte la Ineos.

16.48 Sempre 40″ di vantaggio per Caruso.

16.37 Ricordiamo che l’Alpe Motta misura 7,3 km ed ha una pendenza media del 7,6%. In realtà è quasi sempre all’8,7%, ma un chilometro centrale in falsopiano ‘abbassa’ la pendenza media complessiva.

16.36 10 km all’arrivo!

16.36 Castroviejo è costretto a rallentare per non far staccare Martinez.

16.35 Caruso sin qui non ha mai tirato. A questo punto deve dare tutto sulla salita finale, a costo di scoppiare! Ci deve provare, ormai il podio è in cassaforte!

16.34 42″ di vantaggio per Caruso. 6 km all’inizio della salita finale. E’ un finale di Giro d’Italia appassionante!

16.33 Rientra Joao Almeida sul gruppo maglia rosa: aveva perso qualche metro in discesa.

16.32 Storer dà finalmente un cambio a Bilbao. 14 km all’arrivo e 39″ il gap in favore dei coraggiosi attaccanti.

16.31 Di sicuro, per come si è messa, Caruso ha messo un’ipoteca almeno al 2° posto.

16.30 Sempre 38″ di vantaggio per Caruso, Bilbao, Storer e Bardet a 16 km dall’arrivo. Ancora 9 km di discesa, poi l’Alpe Motta.

16.29 L’ultima salita è breve e con pendenze non impossibili. Difficile, per non dire improbabile che Bernal abbia un crollo verticale. Ma Damiano Caruso deve crederci sino in fondo!

16.28 Caruso si è reso artefice di un attacco come non si vedeva da anni. Epocale, comunque vada a finire. Poteva accontentarsi del secondo posto, invece sta provando addirittura a ribaltare tutto. E’ sempre stato un gregario, ma ha la tempra del campione.

16.27 Chissà se Bernal avrebbe vinto il Giro senza una Ineos così forte. Davvero i gregari stanno scortando il capitano verso la vittoria.

16.26 20 km all’arrivo e 38″ di vantaggio per il gruppetto di testa. Ora Caruso, virtualmente, sarebbe a 1’49” da Bernal in classifica generale. Non basta ancora, servirebbe guadagnare almeno un altro minuto. E’ durissima, ma bisogna crederci!

16.25 Ha smesso di piovere e spunta il sole. Occhio all’asfalto comunque viscido.

16.24 Castroviejo ha rallentato per attendere Martinez, che rientra. Davanti tornano ad avere 40″ di vantaggio.

16.23 MARTINEZ SI E’ STACCATO IN DISCESA! Ma sta rientrando.

16.22 Torna a salire il vantaggio di Caruso, 34″ su Bernal.

16.21 Bernal, scortato da Castroviejo, si riporta su Vlasov.

16.20 L’ultima salita, l’Alpe Motta, misura 7,3 km al 7,6% di pendenza media. A parte un chilometro centrale in falsopiano, le pendenze sono sempre superiori all’8,5%.

16.19 Purtroppo stanno perdendo terreno in discesa Caruso, Storer, Bilbao e Bardet. 31″ sul gruppo maglia rosa, dove Vlasov ha attaccato al contrattacco.

16.18 Per ora è Bilbao che imposta le curve, Bardet non prende l’iniziativa.

16.17 Piove a dirotto, è una discesa da vivere con il cuore in gola!

16.16 40″ di ritardo per il gruppo maglia rosa al GPM.

16.16 Ora la chiave decisiva per Caruso sarà rimanere con Bardet in discesa. Il francese è uno dei migliori discesisti in circolazione.

16.15 Siamo al GPM del Passo dello Spluga. Storer transita davanti a Bardet, Bilbao e Caruso.

16.15 Tornano a guadagnare davanti! 45″! Vai Damiano, sei il paladino dell’Italia! Lo scudiero elevato con orgoglio a cavaliere!

16.14 Saranno 20 i km da affrontare in discesa. Con il freddo, la pioggia e l’asfalto viscido sono davvero tanti.

16.13 30 km all’arrivo. Caruso ha anche assunto un gel energetico.

16.12 Caruso, con esperienza, si toglie lo smanicato e indossa la mantellina. 1 km al GPM.

16.12 Scende a 40″ il vantaggio degli attaccanti. Però Bilbao fa bene a gestirsi, sarà ancora importante nel prosieguo della tappa.

16.11 C’è la neve a bordo strada, siamo oltre i 2000 metri. Si stacca l’austriaco Großschartner, davanti restano in quattro.

16.10 Bernal per ora non sembra preoccupato. Si sta gestendo senza farsi prendere dalla frenesia.

16.10 Adesso Storer dà un cambio a Bilbao, ma il ritmo rallenta immediatamente. 44″ il ritardo del gruppetto maglia rosa.

16.10 2 km al GPM e 31 all’arrivo.

16.10 Attenzione perché in discesa può accadere di tutto…

16.09 Forse Damiano Caruso dovrebbe iniziare a dare dei cambi al compagno di squadra Bilbao. A questo punto bisogna provarci.

16.08 Bilbao si sta sobbarcando tutto il lavoro da solo. Storer non gli dà un cambio, così come Bardet e Großschartner.

16.07 La Ineos reagisce con Castroviejo: lo spagnolo imprime una accelerazione importante. Il vantaggio scende subito a 45″.

16.06 Si stacca anche Narvaez! A Bernal restano solo Castroviejo e Martinez!

16.05 E intanto piove sempre di più, attenzione alla discesa…

16.05 Si stacca Davide Formolo. Almeida sta mangiando una barretta energetica.

16.03 50 SECONDI! Si parlano Storer e Bilbao. Bardet sembra fare fatica a tenere il passo!

16.02 IMPRESSIONANTE BILBAO! Il passo dello spagnolo è incisivo, più di quello di Narvaez che tira il gruppo maglia rosa! Caruso ha guadagnato 47 secondi!

16.02 E’ chiaro che Bilbao e Storer dovranno dare tutto e tirare per i propri capitani!

16.01 Si stacca Vervaeke. Davanti restano in 5: due uomini della Bahrain-Victoriuos (Caruso e Bilbao), due della DSM (Bardet e Storer) e Großschartner (Bora).

16.00 Non abbiamo parole per descrivere quello che sta facendo Damiano Caruso. Ha attaccato in discesa, sta isolando Bernal ed ha un vantaggio di 40″ sulla maglia rosa a 5 km dal GPM del Passo dello Spluga. Dire che ha un cuore grande non basta! E’ davvero immenso, comunque vada.

15.59 Intanto si è staccato Moscon. A Bernal restano Narvaez, Castroviejo e Martinez. Il tentativo di Caruso sta isolando la maglia rosa, mancano ancora 35 km.

15.58 Adesso Pello Bilbao in testa a tirare! Caruso non sta spendendo più di tanto, perché non dà cambi. Almeno per ora.

15.57 Davanti sono rimasti Großschartner, Caruso, Bilbao, Bardet, Vervaeke e Storer. Per loro 37″ sul gruppo maglia rosa!

15.56 Damiano Caruso ha trovato un alleato inatteso in Vervaeke. L’olandese sta mantenendo un’andatura molto sostenuta. E infatti davanti guadagnano: 33″ sul gruppo maglia rosa!

15.55 Si stacca Vincenzo Nibali: domani terminerà un Giro d’Italia da dimenticare in fretta per lo Squalo.

15.54 Intanto continua a piovere e fa freddo. Sale a 28″ il vantaggio degli attaccanti. Pendenza dell’8% in questa fase.

15.53 Gianni Moscon in testa al gruppo a tirare. La Ineos è troppo forte, difficile, se non impossibile isolare Bernal. Ma Damiano Caruso ha il cuore grande. Sta provando anche l’impossibile!

15.53 Ripresi Pellaud e Hamilton.

15.52 23″ di vantaggio per Caruso e Bardet quando inizia il Passo dello Spluga. 8,9 km al 7,3% di pendenza media e massima del 12%.

15.51 Si è staccato Puccio. Restano ancora quattro gregari a Bernal.

15.50 Grandissimo lavoro tra gli attaccanti da parte di Pello Bilbao, gregario di Caruso.

15.50 Ora Yates mette anche un proprio uomo davanti a tirare.

15.49 Sale a 29″ il vantaggio di Caruso sul gruppo maglia rosa!

15.49 Davanti ci sono Louis Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni Giocattoli – Sidermec), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF-Faizanè), Felix Großschartner (BORA – hansgrohe) e Vincenzo Albanese (EOLO-Kometa) che sono stati raggiunti da Hamilton, Storer e Bardet (Team DSM), oltre alla coppia Bilbao – Caruso (Bahrain Victorius).

15.48 Anche Giovanni Visconti dà una mano al corregionale Damiano Caruso.

15.47 Aumenta l’intensità della pioggia, Ineos Grenadiers con Moscon e Puccio a tirare per provare a raggiungere il drappello al comando.

15.45 20” di margine per il gruppo Caruso-Bardet sulla Maglia Rosa, la Ineos Grenadiers però gestisce al meglio.

15.44 Bilbao e Caruso arrivano sulla testa della corsa, ora possono sfruttare l’aiuto della DSM.

15.43 Arriva un po’ di pioggia sul gruppo.

15.42 Il drappello di Bardet ha raggiunto i fuggitivi.

15.41 Terminata la discesa, ora Salvatore Puccio a tirare in gruppo, per Bardet 20” di guadagno, solamente una decina per Caruso.

15.39 50 chilometri al traguardo.

15.37 Non risponde la Ineos Grenadiers che può gestire al meglio la situazione, visti anche i tanti gregari che ha a disposizione Egan Bernal.

15.35 Ci prova anche la Bahrain Victorious! Pello Bilbao guida Damiano Caruso! Il siciliano con coraggio si butta in discesa all’attacco della Maglia Rosa.

15.34 Tre corridori del Team DSM guadagnano un centinaio di metri sulla MAglia Rosa, c’è anche Bardet.

15.32 Attacca in discesa la DSM! Gran velocità sulle curve!

15.29 Scollina anche il gruppo a meno di un minuto di ritardo. Punti per Bouchard che si assicura la Maglia Azzurra.

15.28 Primo sul GPM Vincenzo Albanese davanti a Giovanni Visconti.

15.26 Siamo quasi in vetta all’interminabile Passo San Bernardino.

15.24 60 chilometri all’arrivo.

15.22 Molto bene per ora Vincenzo Nibali che è a ruota di Damiano Caruso. Il siciliano vuole lasciare il timbro.

15.20 Ancora quattro gregari in casa Ineos Grenadiers per Bernal, con Caruso invece solamente il fido Pello Bilbao.

15.18 1’30” di vantaggio per i fuggitivi sul Gruppo Maglia Rosa.

15.16 Quest’andatura della DSM farà sicuramente male anche ai big in vista delle prossime ascese.

15.14 5 chilometri alla vetta del San Bernardino, fuggitivi che verranno raggiunti a breve, visto che il margine scende sotto i 2′.

15.12 Tre corridori in supporto di Bardet e velocità molto alta, si staccano in tanti.

15.10 A dettare il ritmo Nicholas Roche, plotone allungatissimo.

15.08 Probabile che Romain Bardet abbia voglia di attaccare, sia per il successo di tappa, che per guadagnare posizioni in classifica.

15.06 Attenzione, ora cambia la situazione in gruppo: aumenta nettamente l’andatura il Team DSM.

15.04 Mancano ancora circa 10 chilometri alla vetta del Passo San Bernardino, difficile però che qualcuno attacchi sin da qui.

15.02 Il vantaggio continua a scendere, circa 3′ per i cinque davanti.

15.00 Al comando della corsa quindi, oltre a Pellaud, anche Visconti, Albanese, Vervaeke e Grossschatner.

14.57 Anche Pellaud riesce a rientrare sui quattro davanti.

14.54 Ritmo regolare per la Bike-Exchange, a mano a mano stanno perdendo contatto alcuni corridori dal plotone principale.

14.52 70 chilometri all’arrivo.

14.50 Vantaggio dei fuggitivi che scende sotto i 4′.

14.48 Il gruppo sta iniziando a riprendere i primi pezzi della fuga del mattino.

14.47 Primo tratto duro della salita, con pendenze vicino al 10%: ora si potrebbe alzare l’andatura in gruppo.

14.45 Resistono ancora in tanti nel gruppo Maglia Rosa, ad esempio sono presenti ancora Puccio e Ganna per la Ineos Grenadiers.

14.42 Visconti ed Albanese sono rientrati sulla coppia al comando.

14.40 Prova ad alzare il ritmo la BikeExchange di Yates.

14.38 Il vantaggio dei fuggitivi sul gruppo è di circa 4′.

14.37 75 chilometri al traguardo.

14.34 In testa alla corsa sono rimasti solamente Vervaeke e Grossschatner.

14.32 Si staccano alcuni corridori in gruppo. A breve si dovrebbe alzare l’andatura.

14.30 In testa al gruppo lavorano sempre BikeExchange e Deceuninck-Quick Step. La Ineos è compatta attorno a Bernal.

14.28 Pellaud molla le ruote degli altri due, mentre dietro i velocisti fanno gruppetto.

14.26 Vervaeke, Grossschartner e Pellaud allungano.

14.25 Ricordiamo i nomi dei nove battistrada: Taco Van der Hoorn (Intermarché-Wanty), Dries De Bondt e Lous Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni-Sidermerc), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF), Felix Grossschatner (Bora-Hansgrohe), Vincenzo Albanese (EOLO-KOMETA), Matteo Jorgenson (Movistar) e Nico Denz (Team DSM).

14.22 Ottanta chilometri al traguardo, 3’30” di vantaggio per i fuggitivi.

14.19 Comincia la salita, i primi sette chilometri del Passo San Bernardino hanno una pendenza media dell’8%.

14.16 I fuggitivi inizieranno la salita con 3’40” di margine sul gruppo.

14.14 Mancano tre chilometri all’inizio del Passo San Bernardino.

14.11 Il gruppo è in fila indiana, la velocità è molto alta e il vantaggio dei battistrada scende sotto i quattro minuti.

14.08 Siamo entrati negli ultimi novanta chilometri.

14.05 Ricordiamo i nomi dei nove battistrada: Taco Van der Hoorn (Intermarché-Wanty), Dries De Bondt e Lous Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni-Sidermerc), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF), Felix Grossschatner (Bora-Hansgrohe), Vincenzo Albanese (EOLO-KOMETA), Matteo Jorgenson (Movistar) e Nico Denz (Team DSM).

14.02 Lavora anche la Trek-Segafredo di Vincenzo Nibali.

14.00 Scende ancora il vantaggio dei fuggitivi: 4’30” per loro.

13.57 Siamo a circa 15 chilometri dall’inizio del Passo San Bernardino.

13.54 Cala il vantaggio dei battistrada: 4’50” per loro.

13.51 Siamo entrati negli ultimi 100 chilometri di gara.

13.48 Ricordiamo i nomi dei nove battistrada: Taco Van der Hoorn (Intermarché-Wanty), Dries De Bondt e Lous Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni-Sidermerc), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF), Felix Grossschatner (Bora-Hansgrohe), Vincenzo Albanese (EOLO-KOMETA), Matteo Jorgenson (Movistar) e Nico Denz (Team DSM).

13.45 Ora il vantaggio dei fuggitivi si è stabilizzato attorno ai 5’20”.

13.42 BikeExchange e Deceuninck-Quick Step mettono un uomo in testa per non lasciare troppo spazio ai battistrada.

13.39 Il gruppo, verosimilmente, continuerà a perdere fino al Passo San Bernardino.

13.36 Sale a 4’10” il vantaggio dei fuggitivi.

13.33 Mancano 113 chilometri al traguardo, circa 30 chilometri all’inizio del Passo San Bernardino.

13.30 Ricordiamo i nomi dei nove battistrada: Taco Van der Hoorn (Intermarché-Wanty), Dries De Bondt e Lous Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni-Sidermerc), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF), Felix Grossschatner (Bora-Hansgrohe), Vincenzo Albanese (EOLO-KOMETA), Matteo Jorgenson (Movistar) e Nico Denz (Team DSM).

13.26 Il gruppo rallenta, il vantaggio dei fuggitivi raggiunge il minuto.

13.24 Il Passo San Bernardino inizierà tra quaranta chilometri.

13.22 Ci prova anche Nibali a uscire dal gruppo.

13.20 Nulla da fare per gli inseguitori. Il gruppo va forte ed è allungatissimo, davanti non guadagnano più.

13.18 Ci sono tre corridori all’inseguimento dei nove battistrada, il gruppo si trova a 55″.

13.16 Questi i nomi dei fuggitivi: Taco Van der Hoorn (Intermarché-Wanty), Dries De Bondt e Lous Vervaeke (Alpecin-Fenix), Simon Pellaud (Androni-Sidermerc), Giovanni Visconti (Bardiani-CSF), Felix Grossschatner (Bora-Hansgrohe), Vincenzo Albanese (EOLO-KOMETA), Matteo Jorgenson (Movistar) e Nico Denz (Team DSM).

13.12 Il gruppo si apre sulla sede stradale, sembra che i fuggitivi possano andare.

13.08 Un gruppetto, ora, sta provando a prendere il largo.

13.04 C’è il solito Dries De Bondt che prova a portare via la fuga.

13.01 Mancano 140 chilometri al traguardo.

12.58 Tanta bagarre ora per portare via la fuga.

12.54 Marengo passa per primo al traguardo volante davanti a De Bondt.

12.53 Siamo prossimi alla volata per il traguardo volante.

12.50 150 chilometri all’arrivo, la fuga non parte.

12.47 Prova ad allungare tutto solo Harm Vanhoucke, uno dei due corridori della Lotto rimasti in gara.

12.44 La fuga non è ancora partita.

12.41 Sarà molto difficile vedere oggi arrivare la fuga.

12.38 A breve ci sarà il traguardo volante che dà i punti per la maglia ciclamino. Ad ogni modo, Sagan è ormai sicuro di vincere questa speciale graduatoria.

12.35 E’ avvenuta ora la partenza effettiva e iniziano gli scatti.

12.32 La partenza effettiva non è ancora avvenuta.

12.29 Al momento sulla corsa splende il sole.

12.26 Per ora regna la quiete in testa al gruppo.

12.23 I primi ottanta chilometri di questa tappa sono pianeggianti, ma poi si spalancheranno le porte dell’inferno per i corridori.

12.20 Partiti! E’ iniziata la penultima tappa della Corsa Rosa.

12.18 La presentazione della 20ma durissima tappa del Giro d’Italia.

12.14 Il gruppo si sta avviando verso la partenza. C’è grande curiosità anche per quel che riuscirà a fare Damiano Caruso al momento secondo in classifica generale.

12.10 Giornata decisiva per Egan Bernal che dovrà cercare di contenere il tentativo di ribaltone di Simon Yates.

12.05 Penultima durissima frazione della Corsa Rosa da Verbania-Valle Spluga di 164 chilometri.

12.00 Buongiorno e benvenuti alla diretta live della ventesima tappa del Giro d’Italia 2021.

Le salite odierne nel dettaglioLa Fagianata di Riccardo MagriniLe dichiarazioni di ieri di Vincenzo NibaliLe pagelle della tappa di ieri

Buongiorno amici ed amiche di OA Sport e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE della penultima tappa del Giro d’Italia 2021: la Verbania-Valle Spluga di 164 chilometri. I primi settanta chilometri sono pianeggianti, ma poi la frazione cambierà totalmente faccia e i corridori dovranno affrontare, una dopo l’altra, ben tre salite, vale a dire l’infinito Passo San Bernardino, 23,7 chilometri al 6,2%, il Passo dello Spluga, 8,9 chilometri al 7,3%, e l’Alpe Motta, in vetta alla quale è posto il traguardo, 7,3 chilometri al 7,6%.

Per Simon Yates, che dopo il successo di ieri sull’Alpe di Mera si trova a 2’49” dalla maglia rosa Egan Bernal, è l’ultima occasione per provare a ribaltare il Giro d’Italia. Il Folletto di Bury, peraltro, potrebbe attaccare da lontano insieme al lusitano Joao Almeida, il quale è sembrato essere l’unico capace di toccare i livelli di Yates in salita in questa terza settimana. Almeida non ha chance di vincere il Giro, dato che si trova a oltre otto minuti dal leader, ragion per cui potrebbe benissimo collaborare con Yates se questi gli promette di lasciargli il successo di tappa.

Egan Bernal, dopo le difficoltà palesate a Sega di Ala e sull’Alpe di Mera, dovrebbe correre principalmente sulla difensiva, forte di una Ineos che può tutelarlo nel migliore dei modi. Correrà di rimessa anche il siciliano Damiano Caruso, il quale è a un passo dal conquistare un inaspettato e bellissimo posto sul podio.

La nostra DIRETTA LIVE inizierà alle ore 11.45, mi raccomando, non mancate!

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

LIVE Manchester City-Chelsea 0-1, Finale Champions League in DIRETTA: pagelle e highlights. Blues campioni d’Europa!

DIRETTA MotoGP, GP Italia Mugello LIVE: risultati e griglia di partenza. Valentino Rossi: “E’ difficile, sono troppo lento”