Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 del Team Sunweb: Matthews e Benoot per le classiche. Dainese la speranza azzurra per le volate

Sedicesimo appuntamento con la presentazione delle squadre World Tour 2020. Questa volta parleremo dei tedeschi del Team Sunweb, che sono reduci da una stagione pressoché da dimenticare dopo che hanno ottenuto solamente nove vittorie nonché il quindicesimo posto nel ranking mondiale UCI. Tre primati sono arrivati dall’olandese Cees Bol, altri tre dall’australiano Michael Matthews, tra cui il GP del Quebec, la cronometro finale del Giro d’Italia con lo statunitense Chad Haha, una tappa alla Vuelta a España con il tedesco Nikias Arndt, e una vittoria per il teutonico Max Walscheid. 

Annata da dimenticare per il capitano della formazione, nonché vincitore del Giro 2017, Tom Dumoulin, costretto al ritiro dopo una caduta paurosa in occasione della Corsa Rosa. Ha provato a tornare in gara al Giro del Delfinato, ma il suo ginocchio non lo ha perdonato. Mentre l’irlandese Nicholas Roche sperava in una buona Vuelta grazie alla maglia rossa indossata dalla seconda alla quarta tappa, ma poi anche lui ha dovuto dire addio ai possibili sogni di gloria. Nulla di speciale da parte di Matthews, che sicuramente poteva dare molto di più, soprattutto alle Classiche e al Mondiale. Stesso discorso per il velocista Arndt, mentre è in crescendo l’altro sprinter della squadra, Bol.

Per quanto riguarda il 2020, la Sunweb perderà il suo capitano Dumoulin, approdato alla Jumbo-Visma per giocarsi le corse a tappe assieme a Primoz Roglic; una scelta dettata soprattutto dalla qualità della squadra olandese tra unione e forza a cronometro. Cambio di casacca anche per il tedesco Max Walscheid, che passerà alla NTT Pro Cycling, il connazionale Lennard Kamna, nuovo innesto della Bora-Hansgrohe, e per il belga Louis Vervaeke, passato alla Corendon. Ritiro per il tedesco Johannes Frohlinger e per l’olandese Roy Curvers; mentre è ancora incerta la sorte del belga Jan Bakelants.

In compenso arriverà un grande esperto di classiche e una speranza per i tedeschi, ossia il vincitore della Strade Bianche del 2018, il belga Tiesj Benoot, poi il connazionale Ilan Van Wilder, i teutonici Jasha Sutterlin, Nico Denz, Martin Salmon, gli olandesi Nils Eekhoff, che tutti ricordiamo come “vincitore” poi squalificato del Mondiale Under 23 di quest’anno, e Thymen Arensman, il britannico Mark Donovan, l’austriaco Felix All, ma soprattutto il velocista azzurro, nonché campione europeo Under 23, Alberto Dainese; un ragazzo con la stoffa del campione, paragonabile già a diversi big del circuito internazionale, pronto a regalarci non poche soddisfazioni. 

ROSA 2020 Team Sunweb 

  • ARENSMAN Thymen (Paesi Bassi)
  • ARNDT Nikias (Germania)
  • BENOOT Tiesj (Belgio)
  • BOL Cees (Paesi Bassi)
  • DAINESE Alberto (Italia)
  • DENZ Nico (Germania)
  • DONOVAN Mark (Gran Bretagna)
  • EEKHOFF Nils (Paesi Bassi)
  • GALL Felix (Austria)
  • HAGA Chad (Stati Uniti)
  • HAMILTON Chris (Australia)
  • HINDLEY Jai (Australia)
  • HIRSCHI Marc (Svizzera)
  • KANTER Max (Germania)
  • KELDERMAN Wilco (Paesi Bassi)
  • KRAGH ANDERSEN Asbjørn (Danimarca)
  • KRAGH ANDERSEN Søren (Danimarca)
  • MATTHEWS Michael (Australia)
  • NIEUWENHUIS Joris (Paesi Bassi)
  • OOMEN Sam (Paesi Bassi)
  • PEDERSEN Casper (Danimarca)
  • POWER Robert (Australia)
  • ROCHE Nicolas (Irlanda)
  • SALMON Martin (Germania)
  • STORER Michael (Australia)
  • STORK Florian (Germania)
  • SÜTTERLIN Jasha (Germania)
  • TUSVELD Martijn (Paesi Bassi)
  • VAN WILDER Ilan (Belgio)

NELLE PUNTATE PRECEDENTI…

Prima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 dell’AG2R La Mondiale: dal capitano Bardet alle rivelazioni Vendrame, Peters e Cosnefroy

Seconda puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 dell’Astana: Fuglsang, Lopez e Lutsenko per continuare a puntare in alto

Terza puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Bahrain-McLaren: Landa il nuovo capitano per i grandi giri con Poels, Cavendish per il riscatto in volata

Quarta puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Bora-Hansgrohe: confermati Sagan e Ackermann per le volate, Buchmann la nuova stella per i grandi giri

Quinta puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 del CCC Team: Trentin e Van Avermaet le due punte per le classiche. Masnada per crescere nei grandi giri

Sesta puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Cofidis: Elia Viviani il faro con rotta sul Tour de France

Settima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Deceuninck-Quick Step: Alaphilippe sempre più capitano. L’Italia sogna con Ballerini e Cattaneo

Ottava puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della EF Education First: Higuita, la nuova stella della Colombia. Occhi puntati sulle classiche con Bettiol. Woods mina vagante

Nona puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Groupama-FDJ: Pinot a caccia del Tour de France! Si attende il riscatto di Dèmare, ma intanto crescono a vista d’occhio Gaudu e Sarreau

Decima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 dell’Israel Cycling Academy: Greipel e Cimolai le punte per gli sprint. Hermans e Navarro per la classifica generale, Martin per il riscatto

Undicesima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Lotto Soudal: Ewan e Degenkolb i fari delle volate. Gilbert la speranza per le classiche

Dodicesima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Movistar: Enric Mas per il salto di qualità definitivo nei grandi giri. Attenzione ai neo professionisti Alba e Rubio

Tredicesima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della NTT Pro Cycling: Nizzolo e Boasson Hagen per il riscatto. Arrivano Campenaerts per le crono e il campione del mondo U23 Battistella per crescere

Quattordicesima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 della Ineos: Bernal, Froome, Carapaz e Thomas, quattro capitani per un Dream Team pazzesco

Quindicesima puntata: Ciclismo, la formazione e la rosa 2020 del Team Jumbo-Visma: Primoz Roglic e Tom Dumoulin possono mettere paura alla Ineos

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter 

@lisa_guadagnini

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallavolo, al momento niente professionismo al femminile: “Scelta molto dubbiosa”

Diriyah Tennis Cup 2019: Daniil Medvedev supera David Goffin e conquista la finale. Il russo affronterà Fognini