Seguici su

Atletica

LIVE Atletica, Mondiali 2023 in DIRETTA: immenso Leonardo Fabbri, bordata d’argento nel peso! Jacobs si salva per un centesimo!

Pubblicato

il

Marcell Jacobs

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CRONACA DELL’ARGENTO DI FABBRI

IL MEDAGLIERE DEI MONDIALI DI ATLETICA

LE PAGELLE DI OGGI

22.03: Per oggi è tutto, grazie per averci seguito. L’appuntamento è per domattina alle 7.15 con la 20 km di marcia che aprirà un’altra giornata fantastica di atletica con tanti azzurri protagonisti

22.00. Non è andata bene nella marcia, nella 4×400 mista che non è riuscita ad entrare in finale, per Ceccarelli, uscito al primo turno dei 100, per Bocchi che è fuori dalla finale del triplo per pochissimo e per Weir da cui si aspettava molto di più del 19.99 che gli ha fruttato l’undicesimo posto nel peso

21.58: Le notizie positive, oltre all’argento di Fabbri, sono i passaggi del turno nei 1500 di Sabbatini e Cavalli tra le donne e Arese tra gli uomini, l’accesso in finale di Ihemeje nel triplo e di Larissa Iapichino nel lungo. Da rivedere Jacobs che è comunque ad accedere alla semifinale ma per entrare in finale ha bisogno di cambiare marcia domani

21.57: E’ stata una serata magica, invece, per l’Italia. Leonardo Fabbri è d’argento nel getto del peso. Si aspettava forse la medaglia dalla marcia, si attendeva la grande gara di Weir (che con il personale sarebbe stato di bronzo) e invece è arrivato il gigante fiorentino con 22.34, alle spalle di Crouser

21.55: Serata terribile per l’Olanda che ha buttato al vento due potenziali ori con una doppia caduta nel rettilineo finale. Prima Hassan caduta nei 10000 e poi Bol a 10 metri dal traguardo

21.53: INCREDIBILE! Un’altra olandese a terra a 10 metri dal traguardo. Vince gli Usa con il RECORD DEL MONDO! 3’08″80, ARGENTO PER LA GRAN BRETAGNA CON 3’11″06, TERZO POSTO PER L’OLANDA CON BOL CHE SI E’ RIALZATA MA SENZA BASTONCINO E DUNQUE BRONZO PER LA REPUBBLICA CECA CON 3’11″98

21.52: All’ultimo cambio Usa, Olanda, Gbr

21.51: A metà gara Olanda, Usa, Gbr

21.50: Al primo cambio Usa, Olanda, Gbr

21.47: Questa la situazione dell’eptathlon dopo quattro prove:

1 Anna HALL USA 3998
2 Katarina JOHNSON-THOMPSON GBR 3905
3 Chari HAWKINS USA 3900
4 Taliyah BROOKS USA 3888
5 Sophie WEIßENBERG GER 3877
6 Noor VIDTS BEL 3833
7 Anouk VETTER NED 3792
8 Saga VANNINEN FIN 3771
9 Auriana LAZRAQ-KHLASS FRA 3712
10 Sofie DOKTER NED 3711

21.46: Sono sei le nazionali al via nella staffetta 4×400 mista per via del ripescaggio della Polonia. Non c’è purtroppo l’Italia che un anno fa era in finale. Così al via:

1 Poland 3:14.63 3:14.63 –
2 Germany 3:12.94 3:13.25 –
3 Ireland 3:12.88 3:13.90 –
4 Czech Republic 3:12.34 3:12.34 –
5 France 3:12.25 3:12.25 –
6 United States 3:09.34 3:10.41 –
7 Netherlands 3:09.90 3:12.12 –
8 Great Britain & NI 3:11.19 3:11.19 –
9 Belgium 3:11.51 3:11.81 –

21.45: Conclusa una qualificazione tutt’altro che esaltante del disco maschile. Nessuno ha superato la misura di 66.60. Questi i finalisti:

1 A Daniel STÅHL SWE 66.25 q
2 A Mykolas ALEKNA LTU 66.04 q
3 B Kristjan ČEH SLO 65.95 q
4 A Traves SMIKLE JAM 65.71 q
5 B Lukas WEIßHAIDINGER AUT 65.61 q
6 B Andrius GUDŽIUS LTU 65.50 q
7 B Fedrick DACRES JAM 65.45 q
8 B Alex ROSE SAM 65.26 q
9 B Matthew DENNY AUS 64.29 q
10 B Simon PETTERSSON SWE 63.93 q
11 A Brian WILLIAMS USA 63.85 qSB
12 A Henrik JANSSEN GER 63.79 q

21.44: Oro per lo statunitense Crouser con 23.51, record dei campionati, argento per Fabbri con 22.34, bronzo per lo statunitense Kovacs con 22.12

21.40: Leonardo Fabbri era praticamente fuori dalla finale prima dell’ultimo lancio in qualificazione, è entrato  davvero per poco con l’11ma misura e stasera ha trovato la situazione giusta per andarsi a prendere la medaglia più bella in carriera. Record personale e argento per l’azzurro che un anno fa era in crisi perchè faticava a rimettersi da un infortuni9o che lo aveva bloccato quando sembrava lanciatissimo

21.39: CHE LANCIO DI CROUSER! 23.51!!! 5 CENTIMETRI PIU’ IN LA’ CI SAREBBE STATO IL RECORD DEL MONDO! Nessun rimpianto per Fabbri che comunque con quel lancio al poenultimo tentativo sarebbe arrivato a 23 metri. Serata magica per Leonardo Fabbri e per l’atletica italiana

21.38: E’ ARGENTO PER LEONARDO FABBRI CHE NON SI MIGLIORA! BRAVISSIMO L’AZZURRO

21.36: ARGENTO SICURO PER FABBRI!!! CHE SPETTACOLO L’AZZURRO CHE ORA VA IL PEDANA

21.36: Tocca a Kovacs

21.35: E’ PODIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO ITALIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA CON LEONARDO FABBRI

21.34: Otterdahl è dietro a Fabbri. Ora Walsh. Se non supererà Fabbri è medaglia Italia

21.33: Si soffre nel peso. Hanno già lanciato Romani, Mihaljevic e Gill

21.31: CLAMOROSO!!! Sifan Hassan a 30 metri dal traguardo cade inciampando sui piedi di Tsegay che vince i 10000 con 31’27″18, a completare la tripletta etiope Gidey con 31’28″16 e Taye con 31’28″31. Kimai, Monson e Ngetich nelle posizioni subito dopo il podio. Vedremo se saranno presi provvedimenti per la caduta di Hassan ma l’impressione è che sia caduta da sola

21.30: Parte Hassan nel finale

21.29: INCREDIBILE!!! ERANO 23 METRI MA E’ NULLO PER FABBRI! PECCATO DAVVERO!

21.28: Walsh con 22.05 resta quarto ma si migliora. Si avvicinano tutti! Ora tocca a Fabbri

21.28: Adesso le keniane forzano la mano a 1200 metri alla fine

21.27: Taye, Gidey e Tsegay davanti ma Hassan non si stacca

21.26: Kovacs avvicina Fabbri con 22.12 e si inserisce al terzo posto

21.25: 21.41 per Romani che resta ottavo pur migliorandosi, che livello

21.24: Resta quinto Otterdahl pur migliorandosi con 21.86

21.23: Gidey e Taye hanno alzato il ritmo, Hassan in fondo al gruppetto di 14

21.22: Era sopra i 22 anche questo lancio per Fabbri che è uscito dalla pedana. Nullo

21.21: C’è Fabbri in pedana

21.21: Ceh in testa al gruppo B del disco ma nessuno supera 66.60

21.20: 21.88 per Kovacs che è quarto

21.19: Etiopi davanti ai 6 km dei 10000, il ritmo si alza

21.17: 21.57 per Mihaljevic, 21.78 per Otterdahl. Si alza l’asticella nel peso ma Fabbri difende il secondo posto

21.16: A metà gara la finlandese Richardsson davanti, gruppo di 18 atlete davanti

21.14: E’ la seconda misura all time in Italia quella ottenuta da Leonardo Fabbri che ha trovato il lancio perfetto al momento giusto

21.12. LEONARDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO FABBRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII 22.34!!! E’ SECONDOOOOOOOOOOOOOOOOOOO RECORD PERSONALE!

21.12: Walsh si riprende il secondo posto con 21.93

21.11: Questi sono i finalisti del salto triplo:

1 B Jaydon HIBBERT JAM 17.70 Q -0.2
2 A Yaming ZHU CHN 17.14 q +0.1
3 B Lázaro MARTÍNEZ CUB 17.12 q +0.2
4 A Hugues Fabrice ZANGO BUR 17.12 q 0.0
5 A Cristian NÁPOLES CUB 16.95 q -0.8
6 B Yasser Mohammed TRIKI ALG 16.95 q -0.3
7 B Emmanuel IHEMEJE ITA 16.91 q +0.3
8 B Yaoqing FANG CHN 16.83 q +0.1
9 B Tiago PEREIRA POR 16.77 qSB 0.0
10 B Will CLAYE USA 16.72 q +0.2
11 B Leodan TORREALBA VEN 16.72 q -0.1
12 A Chris BENARD USA 16.71 q +0.3

21.08: Gill si riprende il secondo posto nel peso con 21.76

21.07: Disastroso Weir! Sbaglia ancora ed è fuori dai lanci di finale. Incomprensibile la gara di Weir che stavolta ha sbagliato completamente la gara. Pedana difficile, si dirà ma il campione sa superare tutte le difficoltà e stavolta l’azzurro è stato nettamente al di sotto delle sue possibilità, in modo anche incomprensibile perchè questa mattina aveva ampiamente ottenuto la misura sufficiente per giocarsi le medaglie

21.07: Tocca a Weir. Ora o mai più

21.06: Peccato! Tobia Bocchi è fuori dalla finale, tredicesimo, superato dagli ultimi due a saltare, martinez e Pereira

21.04: Bocchi scende al 12mo posto e manca l’ultimo salto di Lazaro Martinez

21.02: Bravo Leonardo Fabbri che è sesto con 21.26! Potrebbe esserci il turno di finale

21.01: Walsh sale al secondo posto con 21.69

20.59: Romani con 21.10 non si migliora e resta quarto

20.58: Gill raggiunge 21.46 e si inserisce in terza posizione

20.56: Non esce il lancio giusto per Zane Weir che sta facendo molta fatica: 19.99. Spalle al muro per l’azzurro

20.55: E’ il momento dei 10000 donne. Non ci sono azzurre al via, queste le protagoniste:

1 1426 USA Alicia MONSON 30:03.82 30:03.82 13
2 771 ETH Ejgayehu TAYE 29:57.45 29:57.45 5
3 1139 NED Sifan HASSAN 29:06.82 29:37.80 2
4 1200 PER Luz Mery ROJAS 33:07.74 33:07.74 143
5 1077 KEN Irine Jepchumba KIMAIS 30:37.24 31:52.20 34
6 1384 USA Elise CRANNY 30:14.66 32:12.30 32
7 765 ETH Lemlem HAILU 29:59.15 29:59.15 –
8 1354 UGA Stella CHESANG 31:01.04 – 22
9 762 ETH Letesenbet GIDEY 29:01.03 – 1
10 1065 KAZ Caroline Chepkoech KIPKIRUI 30:17.64 – 10
11 1086 KEN Agnes Jebet NGETICH 31:52.45 31:52.45 47
12 577 BRA Maria Lucineida DA SILVA 34:02.61 34:53.67 369
13 772 ETH Gudaf TSEGAY 29:29.73 29:29.73 –
14 1153 NED Diane VAN ES 31:02.24 31:02.24 27
15 1435 USA Natosha ROGERS 30:48.69 30:48.69 23
16 869 GBR Jessica WARNER-JUDD 30:35.93 31:09.28 15
17 796 FIN Camilla RICHARDSSON 31:12.78 31:12.78 41
18 1084 KEN Grace Loibach NAWOWUNA 29:47.42 29:47.42 28
19 1042 JPN Rino GOSHIMA 31:10.02 31:59.00 42
20 1349 UGA Sarah CHELANGAT 31:06.46 – 44
21 1325 SWE Sarah LAHTI 31:11.12 – 160
22 1045 JPN Ririka HIRONAKA 30:39.71 32:11.15 19

20.54: Johnson-Thompson vince l’ultima serie dei 200 con 23″48, secondo posto per la capoclassifica Hall con 23″56

20.53: Crouser spara il peso a 22.98, record dei campionati e non era al meglio

20.50: Queste sono le protagoniste della terza serie dei 200 dell’eptathlon. si ritira Schaefer:

2 899 GER Carolin SCHÄFER 23.27 23.84 10
3 1404 USA Chari HAWKINS 24.05 24.05 15
4 1156 NED Anouk VETTER 23.65 23.71 3
5 1377 USA Taliyah BROOKS 23.45 23.66 12
6 848 GBR Katarina JOHNSON-THOMPSON 22.79 23.26 8
7 907 GER Sophie WEISSENBERG 23.49 23.49 9
8 1402 USA Anna HALL 22.88 22.88 2
9 1138 NED Sofie DOKTER 23.68 23.68 22

20.48: Nullo anche il primo lancio di Fabbri

20.48: Scende all’11mo posto Bocchi, superato dallo statunitense Benard con 16.71. Durissima per l’azzurro

20.47: La francese Lazraq-Khlass vince la seconda serie dei 200 con 24″02

20.46: Nel peso 21.55 per Kovacs, 21.31 per il brasiliano Romani

20.45: Al via nella seconda serie dei 200 dell’eptathlon:

2 834 FRA Esther TURPIN 24.53 24.72 36
3 968 IRL Kate O’CONNOR 24.73 24.81 24
4 941 HUN Rita NEMES 24.69 24.69 25
5 1144 NED Emma OOSTERWEGEL 24.25 24.40 7
6 803 FIN Saga VANNINEN 24.30 24.30 13
7 1215 POL Paulina LIGARSKA 24.38 24.38 21
8 818 FRA Auriana LAZRAQ-KHLASS 24.14 24.14 38
9 877 GER Vanessa GRIMM 24.13 24.45 16

20.44: Con 16.66 Tobia Bocchi sale al decimo posto. Non è ancora certa la qualificazione perchè mancano ancora tanti atleti

20.42: Nullo il primo lancio di Weir

20.41: Vidts vince la prima seri dei 200 dell’eptathlon con 24″23

20.39: Al via nella prima serie dei 200 dell’eptathlon:

2 564 BEL Noor VIDTS 23.70 – 5
3 540 AUT Sarah LAGGER 24.53 25.33 33
4 934 HUN Xénia KRIZSÁN 24.32 – 19
5 662 COL Martha Valeria ARAUJO SINISTERRA 24.69 25.32 26
6 1452 UZB Ekaterina VORONINA 24.67 25.13 17
7 807 FRA Léonie CAMBOURS 24.19 25.05 29
8 1300 SUI Annik KÄLIN 23.89 – 6

20.39: Questi i protagonisti del gruppo B delle qualificazioni del disco:

1 3036 USA Turner WASHINGTON 66.26 66.22 19
2 2058 AUT Lukas WEISSHAIDINGER 70.68 70.68 5
3 2851 SLO Kristjan CEH 71.86 71.86 1
4 2377 GER Daniel JASINSKI 67.47 66.75 24
5 2223 ECU Juan CAICEDO 69.60 65.87 26
6 2194 CUB Mario A. DÍAZ 65.21 63.90 23
7 2785 POL Oskar STACHNIK 64.06 63.00 39
8 2846 SAM Alex ROSE 70.39 70.39 9
9 2538 JAM Fedrick DACRES 70.78 68.57 12
10 2388 GER Steven RICHTER 65.88 65.88 28
11 2900 SWE Simon PETTERSSON 70.42 64.60 11
12 2259 ESP Yasiel SOTERO 64.68 64.68 42
13 2037 AUS Matthew DENNY 67.26 66.84 7
14 2650 LTU Andrius GUDŽIUS 69.59 67.66 4
15 2164 CHI Claudio ROMERO 67.02 64.03 18
16 2442 HUN Róbert SZIKSZAI 66.93 63.19 38
17 2745 NZL Connor BELL 66.23 66.23 15

20.38: Subito 22.63 per Crouser

20.36: Tra poco è il momento della finale del getto del peso con due azzurri al via, Zane Weir e Leonardo Fabbri. Questi i protagonisti:

1 2980 USA Ryan CROUSER 23.56 23.56 1
2 2857 SRB Armin SINANCEVIC 21.88 21.19 13
3 2536 JAM Rajindra CAMPBELL 22.22 22.22 16
4 3021 USA Payton OTTERDAHL 22.11 22.11 4
5 2522 ITA Zane WEIR 22.15 22.15 9
6 2746 NZL Jacko GILL 22.12 22.12 6
7 3004 USA Joe KOVACS 23.23 22.69 2
8 2125 BRA Darlan ROMANI 22.61 22.37 –
9 2228 EGY Mostafa Amr HASSAN 21.65 21.65 28
10 2751 NZL Tom WALSH 22.90 22.58 3
11 2497 ITA Leonardo FABBRI 21.99 21.84 7
12 2192 CRO Filip MIHALJEVIC 21.94 21.63 5

20.35: Il giamaicano Hibbert mette in chiaro le cose su chi sarà il favorito nella finale! 17.70 e prima qualificazione diretta. Ihemeje è quinto

20.34: Questa la classifica del gruppo A di qualificazione del disco. Nessuno ha superato la misura di 66.60 che dava la certezza della finale:

1 Daniel STÅHL SWE 66.25
2 Mykolas ALEKNA LTU 66.04
3 Traves SMIKLE JAM 65.71
4 Brian WILLIAMS USA 63.85
5 Henrik JANSSEN GER 63.79
6 Lawrence OKOYE GBR 63.66
7 Sam MATTIS USA 63.43
8 Philip MILANOV BEL 63.00

20.31: Secondo salto a 16.51 per Ihmeje che comunque mantiene la quinta posizione quando si è quasi completata la seconda rotazione

20.28: Simbine vince l’ultima batteria con un ottimo lanciato con 9″97, secondo posto per Coleman, ottimo nei primi 50, con 9″98, terzi Archibald e Yanagita con 10″20 a pari merito

20.26: Ci sono Coleman e Simbine al via della settima e ultima batteria dei 100. Questi i protagonisti:

2 2978 USA Christian COLEMAN 9.76 9.91 7
3 2393 GER Julian WAGNER 10.11 10.11 66
4 2839 RSA Akani SIMBINE 9.84 9.92 2
5 2417 GUM Joseph GREEN 10.84 10.84 –
6 2600 JPN Hiroki YANAGITA 10.02 10.02 33
7 2418 GUY Emanuel ARCHIBALD 10.14 10.14 87
8 2056 AUT Markus FUCHS 10.08 10.08 60
9 2106 BRA Erik CARDOSO 9.97 9.97 29

20.24: Vince il giapponese Sani Brown con 10″07, secondo Watson con 10″11, terzo Jacobs con 10″15

20.23: E’ IN SEMIFINALE MARCELL JACOBS! Non è sicuramente la migliore versione dell’azzurro che riesce a salvarsi con 10″15 per il terzo posto ma ha fatto tanta fatica

20.22: Non una grande impressione destata da Jacobs che potrebbe essere terzo

20.19. Ancora lontano dal salto per la qualificazione per Tobia Bocchi che si ferma a 16.18. Ha un tentativo per cercare di migliorarsi e nemmeno di poco

20.17: CI SIAMO! Marcell Jacobs è in corsia 8 al via in una batteria tutt’altro che semplice. Questi i protagonisti:

2 2559 JAM Rohan WATSON 9.91 9.91 22
3 2183 COL Ronal LONGA 9.99 9.99 55
4 2587 JPN Abdul Hakim SANI BROWN 9.97 10.09 79
5 2155 CAN Brendon RODNEY 10.00 10.00 86
6 2525 IVB Rikkoi BRATHWAITE 10.09 10.09 49
7 2066 BAN Imranur RAHMAN 10.25 10.25 138
8 2503 ITA Lamont Marcell JACOBS 9.80 10.21 13
9 2062 BAH Terrence JONES 9.91 9.91 30

20.16: Che gara del giamaicano Seville che vince la quinta batteria con 9″86, record personale. Impressionante. Kerley secondo in 9″99, terzo Larsson con 10″16

20.13: Partenza falsa di Ashe

20.11: Lunga attesa per la quinta batteria dei 100

20.05: 16.99 per Hibbert nel triplo, Ihemeje scende al quinto posto

20.04:; Fred Kerley al via nella quinta batteria. Questi i protagonisti:

2 2337 GAM Ebrahima CAMARA 10.15 10.15 72
3 2306 FRA Mouhamadou FALL 10.04 10.06 42
4 2998 USA Fred KERLEY 9.76 9.88 3
5 2897 SWE Henrik LARSSON 10.13 10.13 32
6 2717 NGR Favour Oghene Tejiri ASHE 9.96 9.96 50
7 2554 JAM Oblique SEVILLE 9.86 9.95 20
8 2095 BIZ Brandon JONES 10.49 10.53 1915
9 2105 BRA Paulo André CAMILO 10.02 10.03 45

20.04: Triki con 16.95 supera Ihemeje che al momento è quarto

20.02: Vince Tebogo in rimonta con 10″11, secondo posto per Browning con lo stesso tempo di 10″11, terzo posto per Prescod con 10″14. Crolla Sakai nel finale

20.00: Occhio a Tebogo e Precod. Al via nella quarta batteria dei 100:

2 2585 JPN Ryuichiro SAKAI 10.02 10.08 34
3 2669 MAS Muhd Azeem FAHMI 10.09 10.11 115
4 2034 AUS Rohan BROWNING 10.01 10.02 19
5 2829 RSA Shaun MASWANGANYI 9.91 9.91 36
6 2014 ANT Cejhae GREENE 10.00 10.11 52
7 2423 HUN Bence BOROS 10.40 10.47 542
8 2357 GBR Reece PRESCOD 9.93 9.99 11
9 2102 BOT Letsile TEBOGO 9.91 9.93

19.57: L’azzurro Ihemeje atterra a 16.96, potrebbe essere sufficiente per conquistare la finale, anche se mancano 19 centimetri alla misura di qualificazione ma è in testa al suo gruppo

19.56: Male il campione statunitense Charleston. Vince l’olandese Bouju con 10″09, secondo il britannico Amo-Dazie con 10″09, terzo Matadi con 10″13

19.54: Salta da qualificazione, anche senza la certezza, per Zango nel triplo: 17.12 e il burundiano potrà dormire sonni tranquilli

19.54: Questa la situazione dell’eptathlon dopo tre prove:

1 Anna HALL USA 2975
2 Chari HAWKINS USA 2955
3 Taliyah BROOKS USA 2893
4 Sophie WEIßENBERG GER 2885
5 Noor VIDTS BEL 2874
5 Katarina JOHNSON-THOMPSON GBR 2874
7 Saga VANNINEN FIN 2857
8 Anouk VETTER NED 2838
9 Xénia KRIZSÁN HUN 2800
10 Kate O’CONNOR IRL 2777

19.53: Questi i protagonisti della terza batteria dei 100. Occhio a Charleston:

2 2338 GBR Eugene AMO-DADZIE 9.93 9.93 51
3 2104 BRA Felipe BARDI 10.07 10.07 53
4 2836 RSA Benjamin RICHARDSON 10.08 10.10 82
5 2886 SVK Ján VOLKO 10.13 10.21 35
6 2688 MOZ Onisio PEREIA 10.79 10.79 –
7 2975 USA Cravont CHARLESTON 9.90 9.90 6
8 2700 NED Raphael BOUJU 10.02 10.02 25
9 2645 LBR Emmanuel MATADI 9.97 9.97 23

19.50: E’ quarto Samuele Ceccarelli. Vince Lyles con 9″95, secondo posto per Omanyala con 9″97, terzo Itsekiri con 10″17, quarto Ceccarelli con 10″26, che significa eliminazione

19.47: Non buono il primo salto di Tobia Bocchi che atterra a 16.20, lontasno dalla zona qualificazione

19.46: C’è Samuele Ceccarelli al via nella seconda batteria assieme a Lyles e Omanyala che puntano al podio. Questi i protagonisti:

2 2655 MAC Kin Wa CHAN 10.62 10.62 –
3 2493 ITA Samuele CECCARELLI 10.13 10.13 18
4 2626 KEN Ferdinand OMANYALA 9.77 9.84 1
5 2136 CAN Jerome BLAKE 10.00 10.06 67
6 2180 CMR Emmanuel ESEME 9.96 9.96 14
7 2038 AUS Jake DORAN 10.15 10.19 65
8 2720 NGR Usheoritse ITSEKIRI 10.02 10.02 37
9 3007 USA Noah LYLES 9.86 9.94 5

19.45: Subito un 17.14 del cinese Zhu, ad un centimetro dalla qualificazione

19.44: Si parte con il 9″99 di Hughes che vince la prima batteria, secondo posto per Forde con 10″01, terzo posto per Ogunlewe con 10″07

19.41: Al via la prima batteria dei 100, seconda e penultima per Ceccarelli e Jacobs. I primi tre più i tre migliori tempi. Questi i protagonisti:

2 2776 POL Dominik KOPEC 10.05 10.05 39
3 2907 TJK Favoris MUZRAPOV 10.65 10.65 1255
4 2350 GBR Zharnel HUGHES 9.83 9.83 12
5 2540 JAM Ryiem FORDE 9.96 9.96 46
6 2468 IRI Hassan TAFTIAN 10.03 10.14 62
7 2179 CIV Arthur CISSÉ 9.93 9.96 31
8 2724 NGR Seye OGUNLEWE 10.03 10.03 59
9 2752 NZL Tiaan WHELPTON 10.14 10.14 54

19.38: Questi invece i protagonisti del gruppo B:

1 2169 CHN Wen SU 17.14 17.14 17
2 2441 HUN Dániel SZENDERFFY 15.83 15.83 141
3 2286 FIN Aaro DAVIDILA 16.83 16.83 53
4 2459 IND Eldhose PAUL 16.99 16.75 61
5 2405 GRE Nikolaos ANDRIKOPOULOS 16.73 16.58 50
6 2977 USA Will CLAYE 18.14 16.98 22
7 2312 FRA Enzo HODEBAR 17.05 16.73 25
8 2374 GER Max HESS 17.52 16.87 27
9 2450 IND Praveen CHITHRAVEL 17.37 17.37 11
10 2042 AUS Aiden HINSON 16.72 16.72 32
11 2411 GRE Dimitrios TSIAMIS 17.55 16.52 31
12 2502 ITA Emmanuel IHEMEJE 17.29 17.29 12
13 2165 CHN Yaoqing FANG 17.20 17.20 18
14 3029 USA Donald SCOTT 17.43 17.22 8
15 2011 ALG Yasser Mohammed TRIKI 17.43 17.32 7
16 2544 JAM Jaydon HIBBERT 17.87 17.87 5
17 3048 VEN Leodan TORREALBA 16.90 16.90 21
18 2802 POR Tiago PEREIRA 17.11 16.51 28
19 2196 CUB Lázaro MARTÍNEZ 17.64 17.51 4

19.37: Ci sono gli azzurri Ihemeje e Bocchi al via delle qualificazioni del triplo. 17.15 la misura di qualificazione. Questi i protagonisti del gruppo A:

1 2321 FRA Jean-Marc PONTVIANNE 17.20 17.20 10
2 2633 KOR Jangwoo KIM 16.78 16.73 24
3 2178 CHN Yaming ZHU 17.57 17.36 9
4 2114 BRA Almir DOS SANTOS 17.53 17.24 6
5 2184 COL Geiner MORENO 16.70 16.70 30
6 2491 ITA Tobia BOCCHI 17.26 17.26 15
7 2970 USA Chris BENARD 17.48 17.18 20
8 2569 JPN Hikaru IKEHATA 16.75 16.73 37
9 2131 BUR Hugues Fabrice ZANGO 18.07 17.81 2
10 2091 BER Jah-Nhai PERINCHIEF 17.03 16.85 23
11 2198 CUB Cristian NÁPOLES 17.38 17.34 13
12 2163 CHI Luis REYES 16.61 16.61 42
13 2930 TUR Necati ER 17.37 16.83 19
14 2059 AZE Alexis COPELLO 17.68 16.12 52
15 2043 AUS Julian KONLE 16.66 16.60 26
16 2409 GRE Andreas PANTAZIS 16.91 16.91 48
17 2803 POR Pedro PICHARDO 18.08 17.60 3
18 2458 IND Abdulla NARANGOLINTEVIDA 17.19 16.92 16

19.36: Si alza l’asticella nel disco ma nessuno supera la misura di qualificazione: Stahl 66.25, Alekna 66.04, Smikle 65.71

19.33: Peccato per Meslek che chiude al settimo posto e non sarà in semifinale. Vince Kipsang che ha fatto gara dura con 3’34″08, secondo posto per Nuguse con 3’34″16, terzo Spencer con 3’34″37, poi Grethen, Goles e Coscoran, settimo Meslek con 3’35″12 non lontano dal personale

19.28: Stahl sempre miglior misura nel disco maschile quando si sta completando la prima rotazione di lanci

19.26: C’è Ossama Meslek al via della quarta e ultima batteria dei 1500. Questi i protagonisti:

1 2089 BEL Jochem VERMEULEN 3:34.16 3:34.16 46
2 2654 LUX Charles GRETHEN 3:32.86 3:36.06 24
3 2619 KEN Abel KIPSANG 3:29.11 3:29.11 3
4 2007 ALG Salim KEDDAR 3:33.68 3:33.68 44
5 2057 AUT Raphael PALLITSCH 3:38.16 3:38.16 55
6 2782 POL Michal ROZMYS 3:32.43 3:36.54 19
7 2215 DEN Kristian Uldbjerg HANSEN 3:37.65 3:37.65 72
8 2507 ITA Ossama MESLEK 3:34.53 3:34.53 39
9 2470 IRL Andrew COSCORAN 3:30.42 3:30.42 12
10 2661 MAR Anass ESSAYI 3:32.87 3:32.87 66
11 2275 ETH Adisu GIRMA 3:34.71 3:34.71 53
12 2054 AUS Adam SPENCER 3:31.81 3:31.81 57
13 2346 GBR Elliot GILES 3:30.92 3:30.92 16
14 3019 USA Yared NUGUSE 3:29.02 3:29.02 2

19.25: Primo posto per l’olandese Laros con 3’34″25, secondo Katir con 3’34″34, terzo Hocker con 3’34″43, quarto Arese con 3’34″48, poi Nordas e Habz

19.24: E’ in semifiale Pietro Arese che desta un’ottima impressione e chiude al quarto posto la sua batteria vinta da Laros

19.21: C’è Pietro Arese al via della terza batteria dei 1500. Questi i protagonisti:

1 2443 HUN István SZÖGI 3:36.63 3:36.67 80
2 2078 BEL Ismael DEBJANI 3:33.06 3:34.53 36
3 2151 CAN Kieran LUMB 3:35.43 3:35.43 51
4 2250 ESP Mohamed KATIR 3:28.76 3:28.89 13
5 2463 IND Ajay Kumar SAROJ 3:39.19 3:39.19 130
6 2309 FRA Azeddine HABZ 3:29.26 3:29.26 8
7 2018 ARG Diego Javier LACAMOIRE 3:39.69 3:45.26 213
8 2665 MAR Abdellatif SADIKI 3:33.59 3:35.66 38
9 2049 AUS Stewart MCSWEYN 3:29.51 3:31.42 –
10 2947 UGA Abu MAYANJA 3:34.51 3:34.51 64
11 2993 USA Cole HOCKER 3:31.40 3:32.14 40
12 2488 ITA Pietro ARESE 3:33.56 3:33.56 21
13 2737 NOR Narve Gilje NORDÅS 3:29.47 3:29.47 18
14 2706 NED Niels LAROS 3:32.89 3:32.89 122
15 2855 SRB Elzan BIBIC 3:34.20 3:34.20 26

19.20: Nel peso dell’eptathlon allunga Vetter con 15.72, Hawkins col personale è terza con 14.40. Si migliora ulteriormente di un centimetro anche Hall a 14.27 ma è quinta, superata dalla finlandese Vanninen (14.38)

19.19: 64.58 per Stahl al primo lancio

19.16: Si imballa Bussotti nel rettilineo finale, l’azzurro non partecipa alla volata finale dopo lo strappo a un giro dalla fine. Vince lo spagnolo Garcia in 3’46″77, secondo Tshite con 3’46″79, terzo Gourlet con 3’46″87, poi Tanner, Verheyden, Cheruiyot che si salva. Bussotti è 13mo in 3’48″55

19.12: Inizia anche la qualificazione del lancio del disco maschile senza azzurri con gli atleti del gruppo A. 66.50 la misura di qualificazione:

1 2902 SWE Daniel STÅHL 71.86 71.45 2
2 2814 QAT Moaaz Mohamed IBRAHIM 63.26 63.26 41
3 2817 ROU Alin Alexandru FIRFIRICA 67.32 64.39 14
4 2648 LTU Martynas ALEKNA 67.23 67.23 29
5 2191 CRO Martin MARKOVIC 65.69 65.69 16
6 2826 RSA Victor HOGAN 66.14 66.14 20
7 2376 GER Henrik JANSSEN 66.42 66.42 17
8 2162 CHI Lucas NERVI 64.55 62.80 43
9 3009 USA Sam MATTIS 68.69 67.49 6
10 2202 CYP Apostolos PARELLIS 66.32 61.88 34
11 2085 BEL Philip MILANOV 67.26 66.54 22
12 2788 POL Robert URBANEK 66.93 64.49 27
13 2355 GBR Lawrence OKOYE 68.24 66.15 10
14 2556 JAM Roje STONA 68.64 68.64 13
15 2555 JAM Traves SMIKLE 68.14 68.14 8
16 2480 ISL Guðni Valur GUÐNASON 69.35 64.80 21
17 3038 USA Brian WILLIAMS 66.14 63.54 25
18 2649 LTU Mykolas ALEKNA 71.00 71.00 3

19.11: C’è Joao Bussotti-Neves al via della seconda batteria dei 1500. Questi i protagonisti:

1 2656 MAR Hicham AKANKAM 3:35.60 3:35.60 43
2 2246 ESP Mario GARCÍA 3:29.18 3:29.18 11
3 2476 IRL Luke MCCANN 3:34.76 3:34.76 34
4 2607 KEN Timothy CHERUIYOT 3:28.28 3:29.08 4
5 2294 FIN Joonas RINNE 3:37.65 3:37.65 58
6 3037 USA Joe WASKOM 3:34.64 3:34.64 54
7 2841 RSA Tshepo TSHITE 3:32.68 3:32.68 30
8 2750 NZL Samuel TANNER 3:31.24 3:31.24 10
9 2806 PUR Rob NAPOLITANO 3:35.63 3:37.79 63
10 2088 BEL Ruben VERHEYDEN 3:33.77 3:33.77 65
11 2324 FRA Julian RANC 3:33.90 3:33.90 71
12 2347 GBR Neil GOURLEY 3:30.60 3:30.60 6
13 2492 ITA Joao BUSSOTTI NEVES 3:35.65 3:35.65 62
14 2278 ETH Teddese LEMI 3:31.90 3:32.24 29

19.10: Vetter in testa al poeso dell’eptathlon con 15.38, seconda Grimm con 14.43, personale per Hall con 14.26

19.08: Qualificazione tranquilla per Ingebrigtsen che desta una buona impressione e vince con 3’33″94, secondo posto per il britannico Kerr con 3’34″00, terza piazza per il keniano Cheruyot con 3’34″24, in semifinale anche Mechaal, Nader, Philibert-Thiboutot

19.06: Caduta di tre atleti quando manca un giro alla fine

19.04: Queste le protagoniste del gruppo B:

1 807 FRA Léonie CAMBOURS 13.50 13.50 29
2 1377 USA Taliyah BROOKS 13.10 13.01 12
3 1452 UZB Ekaterina VORONINA 14.05 13.47 17
4 941 HUN Rita NEMES 14.08 14.08 25
5 662 COL Martha Valeria ARAUJO SINISTERRA 13.71 13.69 26
6 818 FRA Auriana LAZRAQ-KHLASS 14.02 14.02 38
7 934 HUN Xénia KRIZSÁN 14.48 14.06 19
8 834 FRA Esther TURPIN 13.89 13.88 36
9 907 GER Sophie WEISSENBERG 14.18 13.33 9
10 1138 NED Sofie DOKTER 13.68 13.68 22
11 848 GBR Katarina JOHNSON-THOMPSON 13.92 13.92 8

19.04: Queste le protagoniste del Gruppo A:

1 540 AUT Sarah LAGGER 15.23 14.35 33
2 1156 NED Anouk VETTER 16.25 15.06 3
3 899 GER Carolin SCHÄFER 14.84 14.75 10
4 1300 SUI Annik KÄLIN 14.67 14.67 6
5 803 FIN Saga VANNINEN 16.12 16.12 13
6 1402 USA Anna HALL 14.20 14.20 2
7 877 GER Vanessa GRIMM 15.11 15.11 16
8 968 IRL Kate O’CONNOR 14.54 14.37 24
9 1404 USA Chari HAWKINS 14.31 14.31 15
10 1215 POL Paulina LIGARSKA 14.62 14.62 21
11 1144 NED Emma OOSTERWEGEL 14.47 14.47 7
12 564 BEL Noor VIDTS 14.43 14.28 5

19.03: Tra poco il via del getto del peso dell’eptathlon. Questa la situazione dopo due gare:

1 Anna HALL USA 2145
2 Taliyah BROOKS USA 2136
3 Chari HAWKINS USA 2134
4 Katarina JOHNSON-THOMPSON GBR 2104
5 Sophie WEIßENBERG GER 2093
6 Noor VIDTS BEL 2053
7 Esther TURPIN FRA 2030
8 Kate O’CONNOR IRL 2018
9 Saga VANNINEN FIN 2011
10 Xénia KRIZSÁN HUN 1994

19.01: Al via la prima batteria dei 1500 maschili. I primi 6 vanno in semifinale. Questi i protagonisti:

1 2023 ARM Yervand MKRTCHYAN 3:40.40 3:40.40 164
2 2831 RSA Ryan MPHAHLELE 3:32.90 3:32.90 22
3 2606 KEN Reynold Kipkorir CHERUIYOT 3:30.30 3:30.30 9
4 2865 SSD Abraham GUEM 3:39.30 3:40.29 154
5 2475 IRL Nicholas GRIGGS 3:36.09 3:36.09 77
6 2730 NOR Jakob INGEBRIGTSEN 3:27.14 3:27.14 1
7 2365 GER Amos BARTELSMEYER 3:34.39 3:34.39 83
8 2053 AUS Matthew RAMSDEN 3:34.08 3:35.52 61
9 2284 ETH Samuel ZELEKE 3:32.80 3:35.70 50
10 2351 GBR Josh KERR 3:29.05 3:29.64 7
11 2253 ESP Adel MECHAAL 3:30.77 3:31.43 15
12 2870 SUI Tom ELMER 3:34.50 3:34.50 35
13 2153 CAN Charles PHILIBERT-THIBOUTOT 3:32.94 3:32.94 32
14 2892 SWE Emil DANIELSSON 3:35.23 3:35.23 47
15 2801 POR Isaac NADER 3:31.49 3:31.49 17

19.00: E manca la squadra azzurra, a differenza di Eugene, anche nella staffetta 4×400 mista, dove gli Stati Uniti possono dare l’assalto all’oro e al record mondiale. Aperta la lotta per il podio. Sfortunati (ma non si tratta solo di sfortuna) gli italiani che sono arrivati a Budapest solo questa notte e non avevano con sè le scarpe perchè i bagagli sono stati persi in un viaggio che ha presentato non pochi problemi.

18.58: Le ultime due gare di giornata assegnano altrettanti titoli. Si parte con i 10000 femminili e l’atteso festival africano potrebbe essere “rovinato” dalla olandese Sifan Hassan che va a caccia del primo oro a Budapest, dopo aver disputato la batteria dei 1500 al mattino. Da battere il contingente etiope formato da Letesenbet Gidey, Tsegay, Taye e Lemlem Hailu. F meno paura il Kenya con Irine Jepchumba Kimais, Agnes Jebet Ngetich e Grace Loibach Nawowuna. Tra le outsider la britannica Eilish McColgan e le statunitensi Monson e Cranny. Non ci sono azzurre al via

18.56: Protagonisti della finale del peso Zane Weir che ha da poco raggiunto la misura di 22.15 che lo proietta fra i grandi della specialità e Leonardo Fabbri che sta vivendo la stagione del rilancio e potrebbe valere i 22 metri. Ryan Crouser, due ori olimpici al collo, vuole anche il secondo oro di fila mondiale dopo aver ritoccato il primato mondiale a 23,56 in stagione, dove è imbattuto. Stamattina hanno impressionato il brasiliano Romani, il neozelandese Walsh e i due statunitensi Otterdahl e Kovacs.

18.54: In attesa del fenomeno Andy Diaz (italiano ma non ancora papabile per la chiamata in Nazionale), sono due gli azzurri a caccia di un posto in finale nel salto triplo maschile, Tobia Bocchi e Emmanuel Ihemeje che hanno nelle gambe le misure che possono permettere loro di entrare fra i primi 12 (Bocchi quarto agli Europei e vincente a Chorzow, Ihemeje quinto un anno fa a Eugene). Manca all’appello il portoghese Pedro Pablo Pichardo, campione di tutto, che ha rinunciato in extremis. Attenzione al 18enne giamaicano Jaydon Hibbert  che quest’anno è atterrato a 17,87, mentre per le medaglie saranno in corsa il primatista africano Fabrice Hugues Zango, il cubano campione mondiale indoor Lazaro Martinez, l’altro cubano Napoles, il cinese Zhu Yaming (bronzo a Eugene dopo l’argento olimpico) e l’algerino Triki.

18.52: C’è da scoprire come sta Marcell Jacobs. Il campione olimpico arriva al buio all’appuntamento iridato e per essere protagonista ha bisogno di tornare sui suoi migliori livelli. Per l’Italia in gara anche il campione europeo dei 60 Samuele Ceccarelli. A fare più rumore alla vigilia è stato lo statunitense Noah Lyles (che punta alla doppietta 100-200) ma dovrà vedersela con il campione del mondo in carica, il connazionale Fred Kerley, argento a Tokyo alle spalle di Jacobs, e agli altri due statunitensi, Christian Coleman (oro di Doha) e Cravont Charleston. Il britannico Zharnel Hughes si presenta con il crono più veloce dell’anno (9.83) ma non sono male anche i suoi compagni di squadra Prescod e Amo-Dadzie. Giovanissima la squadra giamaicana (massimo 22 anni) con Ackeem Blake, Oblique Seville, Ryiem Forde e Rohan Watson. Mentre dall’Africa arrivano tanti potenziali protagonisti, Letsile Tebogo del Botswana, il  sudafricano Akani Simbine, il keniano Omanyala.

18.49: Si procede con le qualificazioni del disco maschile senza azzurri al via e con un grande favorito, lo sloveno campione del mondo Kristjan Ceh che ha avuto una stagione meno spumeggiante di quella passata ma si presenta con i favori del pronostico. Attenzione però al ritorno del campione olimpico svedese Daniel Stahl, e alla freschezza del lituano campione europeo non ancora 21enne Mykolas Alekna.

18.46: La sessione pomeridiana si aprirà con le batterie dei 1500 maschili con al via tre azzurri che possono ben figurare, Pietro Arese, Ossama Meslek e Joao Bussotti. Jakob Ingebrigtsen riprova la doppietta 1500-5000. Gli avversari più agguerriti del norvegese sono i keniani Timothy Cheruiyot (già campione del mondo), Abel Kipsang e il giovane Reynold Kipkorir Cheruiyot, lo statunitense Yared Nuguse,  gli spagnoli Mohamed Katir (bronzo a Eugene), Mario Garcia e Adel Mechaal, i sempre insidiosi britannici Giles, Gourley e Kerr (bronzo olimpico), gli australiani McSweyn e Spencer e il francese Habz.

18.43: Dopo una mattinata in chiaroscuro per i colori azzurri, arriva una serata con tante emozioni. Fari puntati soprattutto sulla finale del getto del peso con Zane Weir e Leonardo Fabbri che vanno a caccia di un risultato di prestigio. Debutta il campione olimpico Marcell Jacobs, assieme al campione europeo dei 60 Ceccarelli in un primo turno dei 100 tutt’altro che semplice

18.40: Buonasera e bentornati alla diretta live della prima giornata di gare del Mondiale di atletica leggera 2023 di Budapest in Ungheria

LA CRONACA DI LARISSA IAPICHINO

LA CRONACA DI WEIR E FABBRI

LA CRONACA DELLA 20 KM DI MARCIA

15.55: L’appuntamento è per questa sera alle 19.00, grazie per averci seguito, a più tardi, buon pomeriggio!

15.51: Anastasakis mette quasi al sicuro la finale con 75.76, così come Henriksen con 75.37

15.39: C’è anche il sesto qualificato alla finale, l’ucraino Kokhan che lancia a 78.47 e si qualifica direttamente

15.35: Si migliora lo statunitense Winkler che lancia a 77.06 ed è il quinto qualificato alla finale

15.34: 74.37 per il norvegese Henriksen che potrebbe entrare in finale

15.32: Non ci sono novità nella qualificazione del martello. Quattro atleti già in finale, si lotta per entrare tra i primi 12

15.19: 76.69 per Kokhan che mette quasi al sicuro la partecipazione alla finale, qualificazione vicina anche per Winkler con 75.57

15.17: Il polacco Fajdek è il quarto martellista a qualificarsi direttamente per la finale con 77.98

14.56: Tra poco in pedana i protagonisti del gruppo B del martello. Seguiremo la qualificazione

14.54: Vince Meshesha con 4’03″47, secondo posto per Hull con 4’03″50, terza Mageen con 4’03″52, poi McGee, Tracey e Ludovica Cavalli in 4’03″81. Fuori Chepkirui e Nanyondo

14.53: Brava Ludovica Cavalli che centra l’obiettivo della qualificazione in semifinale chiudendo al sesto posto la quarta batteria.

14.51: Si è chiusa la qualificazione del lungo, Larissa Iapichino è in finale senza problemi con la sesta misura, 6.73. Queste le finaliste:

1 A Tara DAVIS-WOODHALL USA 6.87 Q -0.1
2 A Marthe KOALA BUR 6.84 Q +0.7
3 B Ivana VULETA SRB 6.82 Q -0.5
4 B Ackelia SMITH JAM 6.78 -0.3
5 B Jasmine MOORE USA 6.73 -1.2
6 A Larissa IAPICHINO ITA 6.73 +1.4
7 B Leticia ORO MELO BRA 6.73 SB NWI
8 A Ese BRUME NGR 6.72 +1.2
9 B Alina ROTARU-KOTTMANN ROU 6.69 -0.9
10 B Maryse LUZOLO GER 6.66 -0.5
11 A Tessy EBOSELE ESP 6.65 +0.2
12 B Fátima DIAME ESP 6.61 -0.2

14.48: Questa la classifica dell’eptathlon dopo le prime due prove:

1 Anna HALL USA 2145
2 Taliyah BROOKS USA 2136
3 Chari HAWKINS USA 2134
4 Katarina JOHNSON-THOMPSON GBR 2104
5 Sophie WEIßENBERG GER 2093
6 Noor VIDTS BEL 2053
7 Esther TURPIN FRA 2030
8 Kate O’CONNOR IRL 2018
9 Saga VANNINEN FIN 2011
10 Xénia KRIZSÁN HUN 1994

14.46: C’è Ludovica Cavalli al via della quarta e ultima batteria. Queste le protagoniste:

1 Gresa BAKRAÇI KOS 4:20.05 4:20.05 297
2 Purity CHEPKIRUI KEN 4:04.69 4:04.69 68
3 Ludovica CAVALLI ITA 4:03.04 4:03.04 41
4 Ciara MAGEEAN IRL 3:56.63 3:58.28 3
5 Kate CURRENT CAN 4:11.25 4:11.25 94
6 Cory Ann MCGEE USA 4:00.34 4:00.61 10
7 Águeda MARQUÉS ESP 4:03.78 4:03.78 48
8 Hirut MESHESHA ETH 3:54.87 3:54.87 7
9 Winnie NANYONDO UGA 3:59.56 4:01.96 13
10 Jessica HULL AUS 3:57.29 3:57.29 9
11 Amalie SÆTEN NOR 4:08.29 4:08.29 102
12 Adelle TRACEY JAM 4:02.36 4:02.61 22
13 Fedra Aldana LUNA SAMBRAN ARG 4:10.98 4:10.98 65
14 Marta PEN FREITAS POR 4:03.79 4:06.05 55

14.45: Chiusa la prima parte della qualificazione del martello senza novità. Questi i protagonisti della seconda parte della qualificazione:

1 2404 GRE Michail ANASTASAKIS 77.72 77.42 21
2 2436 HUN Dániel RÁBA 76.83 72.56 36
3 2017 ARG Joaquin GOMEZ 76.36 74.59 24
4 2728 NOR Eivind HENRIKSEN 81.58 76.75 6
5 3044 USA Rudy WINKLER 82.71 80.88 2
6 2672 MDA Serghei MARGHIEV 78.72 73.52 32
7 2143 CAN Rowan HAMILTON 76.80 76.80 26
8 2771 POL Pawel FAJDEK 83.93 78.10 8
9 2952 UKR Mykhaylo KOKHAN 80.78 79.37 5
10 2226 EGY Mostafa ELGAMEL 81.27 77.47 19
11 2302 FRA Yann CHAUSSINAND 77.34 76.92 15
12 2891 SWE Ragnar CARLSSON 77.00 75.27 30
13 2375 GER Merlin HUMMEL 76.28 76.28 29
14 2676 MEX Diego DEL REAL 78.68 78.05 16
15 2197 CUB Ronald MENCIA ZAYAS 76.66 76.66 33
16 2161 CHI Humberto MANSILLA 77.70 75.92 25
17 2289 FIN Aaron KANGAS 79.05 75.74 27
18 2446 HUN Donát VARGA 75.26 75.26 17

14.44: La zampata di Ackelia Smith. La primatista stagionale, dopo due nulli, riesce ad atterrare a 6.78 e si qualifica per la finale. Iapichino scende al sesto posto. E’ fuori la statunitense Burks

14.42: Peccato per Vissa che chiude al settimo posto nonostante una bella rimonta nel finale che le permette di migliorare il primato personale. Vince Chepchirchir con 4’00″87, seconda la statunitense Johnson con 4’01″09, terza Haylom con 4’01″12, poi Snowden, Perez e Hall. Vissa è settima in 4’01″66, nuovo record personale

14.36: Clamorosa eliminazione per Bekh-Romanchuk che colleziona il terzo nullo del è fuori, eliminata anche la tedesca Assani

14.35: C’è l’azzurra Vissa al via della terza batteria dei 1500 a caccia di un posto in semifinale. Queste le protagoniste:

1 Birke HAYLOM ETH 3:54.93 3:54.93 6
2 Sinclaire JOHNSON USA 3:58.85 4:03.49 42
3 Joceline WIND SUI 4:11.25 4:11.25 84
4 Yume GOTO JPN 4:09.50 4:09.61 59
5 Nelly CHEPCHIRCHIR KEN 3:58.96 3:58.96 15
6 Sintayehu VISSA ITA 4:01.98 4:01.98 36
7 Linden HALL AUS 3:57.27 3:57.27 12
8 Marta PÉREZ ESP 4:00.12 4:02.35 34
9 Kristiina MÄKI CZE 4:01.23 4:03.27 37
10 Simone PLOURDE CAN 4:06.47 4:06.47 61
11 Katie SNOWDEN GBR 4:00.04 4:00.04 16
12 Eliza MEGGER POL 4:03.04 4:06.08 74
13 Sophie O’SULLIVAN IRL 4:07.18 4:07.18 72
14 Thi Oanh NGUYEN VIE 4:13.88 4:15.55

14.33: Nel lungo ancora un nullo per Oro Melo che resta alle spalle di Iapichino che sgombra il campo da dubbi. Nessun problema per lei, ha scelto di rispariare energie ritenendo già acquisita la qualificazione in finale. E’ soddisfatta della misura raggiunta

14.31: Bene l’azzurra Sabbatini che è in semifinale nei 1500! Vince la seconda batteria Kipyegon con 4’02″62, secondo posto per elteji con 4’02″72, terza Healy con 4’03″00, quarta Sabbatini con 4’03″04. In semifinale anche Courtney-Bryant e Guerrero

14.29: Larissa Iapichino non effettuerà il terzo salto

14.26: Nel martello Haugh avvicina la finale con 76.64

14.25: Completata la seconda rotazione del lungo, Iapichino è quinta con 6.73

14.23: C’è Sabbatini al via nella seconda batteria dei 1500 con la favorita Kipyegon:

1 Elise VANDERELST BEL 4:02.63 4:05.26 44
2 Sofia THØGERSEN DEN 4:11.08 4:11.08 106
3 Melissa COURTNEY-BRYANT GBR 3:58.01 3:58.01 11
4 Hanna HERMANSSON SWE 4:05.76 4:07.89 53
5 Lili Anna VINDICS-TÓTH HUN 4:11.08 4:11.08 112
6 Faith KIPYEGON KEN 3:49.11 3:49.11 1
7 Sarah HEALY IRL 4:01.75 4:01.75
21 8 Agathe GUILLEMOT FRA 4:03.26 4:03.26 77
9 Esther GUERRERO ESP 4:02.41 4:03.07 25
10 Diribe WELTEJI ETH 3:55.08 3:55.08
5 11 Salomé AFONSO POR 4:06.04 4:06.04 57
12 Gaia SABBATINI ITA 4:01.24 4:01.24 26
13 Carina VILJOEN RSA 4:07.11 4:07.11 85
14 Aleksandra PŁOCIŃSKA POL 4:06.84 4:06.84 62

14.21: Facile la olandese Hassan che vince con 4’02″92, seconda Muir con 4’03″50, terza Hiltz con 4’03″76, poi Jebitok, Caldwell, Tanaka

14.20: Non particolarmente brillante Iapichino nel secondo salto: 6.51 per lei che è comunque in zona qualificazione. L’azzurra è quinta al momento

14.18: Iapichino in pedana

14.14: Al via la prima batteria dei 1500 donne. Nelle prossime le tre azzurre. Le prime sei in finale

14.12: Secondo salto nullo per Bekh-Romanchuk

14.11: 1.86 per Weissenberg nell’alto dell’eptathlon

14.10: La zampata di Ivana Vuleta Spanovic che con 6.82 si qualifica per la finale. Iapichino che scende al quinto posto

14.09: Altro 6.73 con la statunitense Moore che si inserisce al terzo posto avendo anche una seconda misura a 6.61

14.08: Assani non va oltre 6.47 dopo il primo nullo, spalle al muro la tedesca

14.07: Buon salto per la tedesca Luzolo con 6.66, è comunque dietro a Iapichino che resta terza

14.03: Valanga di nulli nel secondo turno del martello, non cambiano le cose. Il primo dei non qualificati è Kehr con 75.10, misura di ingresso in finale 77.00

14.02: Anche Weissenberg supera 1.83 al terzo tentativo nell’alto dell’eptathlon

14.01: Camara del Gambia vince l’ultima batteria con 10″32, secondo Green di Guam con 10″84

14.00: Brume inizia la seconda rotazione di lanci con un buon 6.72 che la pone al quinto posto

13.58. Completata la prima rotazione nel lungo, Iapichino è al terzo posto a pari merito con Oro Melo, per lei 6.73

13.58: 1.83 superati anche da Johnson-Thompson nell’alto dell’eptathlon

13.57. Questi i protagonisti della quarta e ultima batteria dei 100:

2 2337 GAM Ebrahima CAMARA 10.15 10.15 72
3 2674 MDV Nujoom HASSAN – – –
4 2907 TJK Favoris MUZRAPOV 10.65 10.65 1255
5 2417 GUM Joseph GREEN 10.93 10.93 –
6 2335 FSM Scott James FITI 11.10 11.68 –
7 2029 ASA Nathan CRUMPTON 11.27 – –
8 2181 COD Olivier MWIMBA 10.28 10.46 779

13.56: Accolto il reclamo della Polonia nella 4×400 mista. La squadra polacca, danneggiata in fase di cambio, sarà in finale

13.54: Larissa Iapichino atterra a 6.73 e si va ad inserire in terza posizione al momento. Era il salto per mettere in sicurezza la gara, poi potrà sparare le cartucce nel prossimo tentativo

13.53: Rahman del Bangladesh vince la terza batteria con 10″50, secondo posto per Pereia

13.52: Iapichino in pedana

13.51: Tre qualificati alla finale del martello, inizia la seconda rotazionbe di lanci

13.50: Si ritira nel lungo la francese Kpatcha

13.49: 6.60 al primo tentativo per Rotaru nel lungo, 6.61 per Moore

13.48: 1.83 superato da Hall e Hawkins al primo tentativo nell’alto dell’eptathlon

13.47: Il terzo qualificato alla finale del martello è il padrone di casa ungherese Halasz con 78.13

13.46: Questi i protagonisti della terza batteria dei 100 maschili:

2 2908 TKM Alisher SADULAYEV 10.74 10.81 –
3 2685 MHL Ty’ree LANGIDRIK 11.92 11.92 –
4 2066 BAN Imranur RAHMAN 10.25 10.25 138
5 2000 AFG Said GILANI 11.13 – –
6 2811 PYF Manuihei TEAHA – – –
7 2688 MOZ Onisio PEREIA 10.79 10.79 –
8 2906 TGA Melino TAFUNA – – –
9 2421 HON Melique GARCIA 10.50 10.59 –

13.44: La rappresentante del Burundi Koala è la second qualificata alla finale con 6.84 nel lungo

13.43: Il malese Fahmi con 10″24 domina la seconda batteria, secondo posto per Jones del Belize con 10″94

13.41: Johnson-Thompson, Dokter e Vanninen superano 1.80 al terzo tentativo nell’alto dell’eptathlon

13.40: Prima qualificata in finale nel lungo: Davis-Woodhall con 6.87 alla prima prova

13.39: Questi i protagonisti della seconda batteria dei 100:

2 2095 BIZ Brandon JONES 10.49 10.53 1915
3 2669 MAS Muhd Azeem FAHMI 10.09 10.11 115
4 2714 NEP Aayush KUNWAR 11.01 11.01 –
5 2743 NRU Winzar KAKIOUEA 11.81 – –
6 2848 SEY Dylan SICOBO 10.33 10.45 948
7 2359 GBS Seco CAMARA 11.02 11.02 –
8 2687 MON Kylian VATRICAN 11.35 – –

13.38: Hawkins, Hall e Vidts superano 1.80 al secondo tentativo nell’alto dell’eptathlon

13.37: La brasiliana Oro Melo si avvicina alla misura di qualificazione nel lungo con 6.73, Brume ed Ebosele atterrano a 6.65

13.37: Archibald si aggiudica la prima batteria con un buon 10″27. Si qualifica l’ungherese Boros con 10″70

13.36: Al via tra poco la prima delle quattro batterie del torneo preliminare dei 100 uomini con:

2 2001 AIA Terrone WEBSTER 10.97 10.97 –
3 2936 TUV Karalo Hepoiteloto MAIBUCA 11.39 11.60 –
4 2418 GUY Emanuel ARCHIBALD 10.14 10.14 87
5 2655 MAC Kin Wa CHAN 10.62 10.62 –
6 2632 KIR Tauro TIAON – – –
7 2423 HUN Bence BOROS 10.40 10.47 542
8 2631 KGZ Timur ISAKOV 11.31 – –

13.35: Il canadese Katzberg con 81.18 migliora il record nazionale e si qualifica per la finale

13.33: nell’alto dell’eptathlon 1.80 superati da Weissenberg, Brooks, O’Connor

13.31: Subito lancio da qualificazione per il polacco Nowicki che raggiunge 78.04

13.29: Al via anche la qualificazione del martello con il gruppo A. Non ci sono italiani, questi i protagonisti:

1 2733 NOR Thomas MARDAL 77.97 77.97 11
2 2780 POL Wojciech NOWICKI 82.52 81.92 1
3 2406 GRE Christos FRANTZESKAKIS 78.20 76.68 7
4 2145 CAN Ethan KATZBERG 78.73 78.73 3
5 2791 POL Marcin WROTYNSKI 77.01 74.51 41
6 3045 USA Alex YOUNG 78.32 75.87 28
7 2810 PUR Jerome VEGA 74.83 74.83 34
8 2203 CYP Alexandros POURSANIDIS 74.05 73.73 50
9 2992 USA Daniel HAUGH 80.18 77.24 10
10 2412 GRE Konstantinos ZALTOS 76.33 76.33 38
11 2481 ISL Hilmar Örn JÓNSSON 77.10 74.77 23
12 2702 NED Denzel COMENENTIA 78.01 78.01 14
13 2379 GER Sören KLOSE 76.06 76.06 40
14 2425 HUN Bence HALÁSZ 80.92 78.27 4
15 2160 CHI Gabriel KEHR 77.66 77.06 9
16 2146 CAN Adam KEENAN 77.54 76.77 20
17 2205 CZE Patrik HÁJEK 76.42 76.42 35

13.27: Queste le protagoniste del gruppo B:

1 1044 JPN Sumire HATA 6.97 6.97 10
2 935 HUN Diana LESTI 6.75 6.75 36
3 730 ESP Fátima DIAME 6.82 6.81 19
4 591 BRA Leticia ORO MELO 6.89 6.47 46
5 890 GER Maryse LUZOLO 6.84 6.84 16
6 1428 USA Jasmine MOORE 7.03 7.03 17
7 1291 SRB Ivana VULETA 7.24 6.98 1
8 956 IND Shaili SINGH 6.76 6.76 27
9 664 COL Natalia LIÑARES 6.86 6.86 37
10 751 ESP María VICENTE 6.80 6.77 39
11 1256 ROU Alina ROTARU-KOTTMANN 6.96 6.96 22
12 508 AUS Brooke BUSCHKUEHL 7.13 6.77 9
13 1028 JAM Ackelia SMITH 7.08 7.08
12 14 1330 SWE Khaddi SAGNIA 6.95 6.74 18
15 1173 NGR Ruth USORO 6.87 6.87 20
16 910 GHA Deborah ACQUAH 6.94 6.62 –
17 587 BRA Eliane MARTINS 6.74 6.66 33
18 1140 NED Pauline HONDEMA 6.76 6.76 35

13.24: Queste le protagoniste del gruppo A della qualificazione del salto in lungo, 6.80 la misura da superare:

1 1161 NGR Ese BRUME 7.17 6.81 7
2 513 AUS Samantha DALE 6.71 6.71 25
3 574 BRA Lissandra Maysa CAMPOS 6.69 6.69 45
4 1323 SWE Tilde JOHANSSON 6.73 6.63 41
5 731 ESP Tessy EBOSELE 6.80 6.80 31
6 1016 JAM Tissanna HICKLING 6.85 6.85 34
7 1389 USA Tara DAVIS-WOODHALL 7.14 7.07
4 8 872 GER Mikaelle ASSANI 6.91 6.91 26
9 1357 UKR Maryna BEKH-ROMANCHUK 6.96 6.59 11
10 816 FRA Hilary KPATCHA 6.86 6.86 13
11 604 BUR Marthe KOALA 6.94 6.94 15
12 1287 SRB Milica GARDAŠEVIC 6.91 6.91 8
13 1380 USA Quanesha BURKS 6.98 6.98 3
14 721 EGY Esraa OWIS 6.75 6.62 30
15 1318 SWE Maja ÅSKAG 6.75 6.75 32
16 990 ITA Larissa IAPICHINO 6.97 6.97 2
17 922 HUN Petra BÁNHIDI-FARKAS 6.77 6.77 28
18 865 GBR Jazmin SAWYERS 7.00 7.00 6

13.20: In corso l’alto dell’eptathlon ma l’attesa è tutta per il lungo femminile con Larissa Iapichino

13.14: Sia Ala che Osama Zoghlami nelle dichiarazioni di fine gara hanno detto di non avere capito cosa non ha funzionato in gara, sta di fatto che gli altri sono andati più forte su tempi alla loro portata

13.13: Da dimenticare anche la prova di Ala Zoghlami, l’Italia aveva un finalista lo scorso anno a Eugene, non ne avrà a Budapest. Vince Girma con 8’15″89, poi Beamish con 8’16″36, Bett con 8’16″74, Miura con 8’18″73 e Sundstroem con 8’20″10, Ala Zoghlami decimo con 8’28″76

13.12: Crolla anche Ala Zoghlami a un giro e mezzo dalla fine

13.09: A metà gara Bett, Girma, Miura. Zoghlami a metà gruppo

13.04: Al via la terza e ultima batteria dei 3000 siepi con Ala Zoghlami. Questi i protagonisti:

1 2523 ITA Ala ZOGHLAMI 8:14.06 8:22.92 42
2 2276 ETH Lamecha GIRMA 7:52.11 7:52.11 –
3 2027 ART Fouad IDBAFDIL 8:34.72 8:34.72 172
4 3035 USA Isaac UPDIKE 8:17.47 8:17.47 22
5 2663 MAR Mohammed MSAAD 8:16.18 8:16.18 28
6 2903 SWE Simon SUNDSTRÖM 8:21.50 8:22.73 33
7 2744 NZL George BEAMISH 8:13.26 8:13.26 10
8 2258 ESP Víctor RUIZ 8:13.89 8:13.89 13
9 2605 KEN Leonard Kipkemoi BETT 8:08.61 8:09.45 5
10 2021 ARG Julián MOLINA 8:31.97 8:36.47 94
11 2580 JPN Ryuji MIURA 8:09.91 8:09.91 4
12 2366 GER Karl BEBENDORF 8:19.59 8:19.59 25
13 2297 FRA Djilali BEDRANI 8:05.23 8:16.81 31

13.01: Gara disastrosa di Osama Zoghlami mai veramente in partita nel momento decisivo della gara. El Bakkali vince con 8’23″66, secondo lo statunitense Rooks con 8’23″66, poi Jhinaoui con 8’24″20, Kibiwot con 8’24″31 e Chemutai con 8’24″74.

12.59: Crolla nel finale l’azzurro Zoghlami, che ha disputato una gara tatticamente da dimenticare. Vince El Bakkali con 8’23″66 davanti a Rooks, Jhinaoui, Kibiwot e Chemutai. Zoghlami è nono con 8’33″07

12.58: Sembra non avere troppe energie Zoghlami a un giro dalla fine

12.56: Caduta per Sunada e Palkovits, Zoghlami sempre in fondo

12.54: Kibiwot, Sime, Sunada dopo il primo km, Zoghlami in fondo al gruppo ma il ritmo non è elevatissimo

12.48: C’è Osama Zoghlami al via della seconda batteria dei 3000 siepi. Questi i protagonisti:

1 2939 UGA Leonard CHEMUTAI 8:17.14 8:17.14 34
2 2926 TUN Mohamed Amin JHINAOUI 8:12.19 8:12.19 17
3 2524 ITA Osama ZOGHLAMI 8:11.00 8:14.58 18
4 2434 HUN István PALKOVITS 8:23.80 8:27.43 46
5 2657 MAR Salaheddine BEN YAZIDE 8:17.49 8:17.49 43
6 2890 SWE Emil BLOMBERG 8:20.01 8:20.01 30
7 2659 MAR Soufiane EL BAKKALI 7:56.68 7:56.68 1
8 3027 USA Kenneth ROOKS 8:16.78 8:16.78 24
9 2612 KEN Abraham KIBIWOT 8:05.51 8:05.51 3
10 2280 ETH Abrham SIME 8:10.56 8:10.56 6
11 2012 AND Nahuel CARABAÑA 8:23.83 8:23.83 47
12 2594 JPN Seiya SUNADA 8:26.36 8:26.36 45

12.44: Primo posto nella prima batteria dei 3000 siepi per l’etiope Wale che chiude in 8’19″99, secondo posto per Desgagnes con 8’20″04, terzo Koech con 8’20″29, quarto Arce con 8’20″46, quinto con grande rimonta finale il giapponese Aoki che, con 8’20″54, batte il marocchino Tindouft che è eliminato

12.41: Questi i finalisti del getto del peso:

1 Darlan ROMANI BRA 22.37 Q SB
2 Zane WEIR ITA 21.82 Q
3 Jacko GILL NZL 21.49 Q
4 Ryan CROUSER USA 21.48 Q
5 Filip MIHALJEVIĆ CRO 21.10 q
6 Rajindra CAMPBELL JAM 20.83 q
1 Tom WALSH NZL 21.73 Q
2 Joe KOVACS USA 21.59 Q
3 Payton OTTERDAHL USA 21.54 Q
4 Armin SINANČEVIĆ SRB 20.92 q
5 Mostafa Amr HASSAN EGY 20.81 q
6 Leonardo FABBRI ITA 20.74 q

12.39: Wale, Clarke e Desgagnes davanti al primo km della prima batteria dei 3000 siepi

12.36: E’ FINALE PER LEONARDO FABBRI! L’azzurro con l’11mo posto riesce ad entrare nella finale di oggi pomeriggio. Il clan Dal Soglio ha fatto pienamente il suo dovere, l’Italia si risolleva dopo un avvio non proprio straordinario del Mondiale di Budapest

12.34: Al via la prima delle tre batterie dei 3000 siepi. In finale i primi 5 di ogni batteria, non ci sono tempi di ripescaggio nel mezzofondo da questo Mondiale. I due Zoghlami per l’Italia nelle prossime due batterie. Al via:

1 2620 KEN Simon Kiprop KOECH 8:04.19 8:04.19 14
2 2667 MAR Mohamed TINDOUFT 8:11.65 8:15.02 16
3 2293 FIN Topi RAITANEN 8:16.57 8:22.00 26
4 2035 AUS Matthew CLARKE 8:22.13 8:26.47 44
5 2282 ETH Getnet WALE 8:05.15 8:05.15 2
6 2999 USA Benard KETER 8:17.19 8:17.19 36
7 2563 JPN Ryoma AOKI 8:20.09 8:21.96 32
8 2235 ESP Daniel ARCE 8:10.63 8:10.63 11
9 2895 SWE Vidar JOHANSSON 8:18.31 8:23.01 39
10 2925 TUN Ahmed JAZIRI 8:15.35 8:15.35 29
11 2462 IND Avinash Mukund SABLE 8:11.20 8:11.63 15
12 2141 CAN Jean-Simon DESGAGNÉS 8:17.40 8:17.40 27

12.32: Anche Kolasinac resta dietro all’azzurro

12.31: Nullo il lancio di Awotunde, resta 11mo Fabbri

12.26: Sinancevic supera Fabbri con 20.92, l’azzurro scende all’11mo posto

12.25: Con 21.49 il neozelandese Gill si qualifica per la finale del peso, resiste al momento il decimo posto di Fabbri ma l’azzurro è a forte rischio

12.23: L’Olanda vince la seconda batteria della 4×400 mista con 3’12″12, davanti a Francia con 2’12″25, terza la repubblica Ceca con 3’12″52. Ripescate Irlanda e Germania

12.22: Terzo lancio di Fabbri a 20.74, è decimo al momento ma mancano ancora tanti lanci

12.21: A metà gara Olanda, Germania, Repubblica Ceca

12.17: Nel frattempo si viene a sapere che il gruppo della 4×400 ha raggiunto Budapest solo questa notte e senza bagagli, persi per strada, per cui i ragazzi hanno corso con scarpe non loro. Una pecca organizzativa inaccettabile in una occasione così importante

12.16: Queste le Nazionali protagoniste della seconda batteria della 4×400 mista:

2 Jamaica 3:11.76 3:19.66
3 Poland 3:09.87 3:12.87
4 Netherlands 3:09.90 3:20.40 –
5 Switzerland 3:14.22 3:14.22
6 France 3:13.36 3:13.36
7 Czech Republic 3:12.34 3:12.34
8 Germany 3:12.94 3:14.00
9 Nigeria 3:13.60 3:28.31

12.14: In finale nel peso anche lo statunitense con Ottendahl con 21.54

12.11: Nella 4×400 mista secondo posto per la Gran Bretagna con 3’11″19, record nazionale, terzo il Belgio con 3’11″81, quarto posto per l’Irlanda con 3’13″90, quinta l’Ungheria con 3’14″08, record nazionale, sesta l’Italia con 3’14″56. Problema all’adduttore per Benati che ha provato comunque a chiudere la prima frazione ma è arrivato staccato dai migliori

12.10: Fortunato chiude all’undicesimo posto con il tempo di 1h19″01

12.09: Italia fuori nella 4×400 mista. Niente finale come invece fu lo scorso anno a Eugene. Vincono gli Usa con 3’10″41

12.09: Oro perla Spagna con Martin nei 20 km di marcia con il tempo di 1h 18″32, Karlstrom secondo, terzo posto per il brasiliano Bonfim

12.08: Italia quinta a metà gara

12.06: Queste le Nazionali protagoniste della prima batteria della 4×400 mista:

1 Portugal 3:14.06 3:14.06 –
2 Ireland 3:12.88 3:17.16
3 Belgium 3:11.51 3:12.97
4 Kenya 3:14.64 3:14.64 –
5 Italy 3:13.51 3:13.56
6 Great Britain & NI 3:11.95 3:14.22
7 Dominican Republic 3:09.82 3:14.81
8 Hungary 3:17.42 3:17.42
9 United States 3:09.34 3:14.71

12.06: ZANE WEIR C’E’!!! E’ in finale con 21.82!

12.04: Al via la prima delle due batterie della 4×400 mista. Azzurri al via con Benati, Folorunso, Meli e Mangione. primo 3 in finale più i due migliori tempi. Non c’è la Repubblica Dominicana

12.04: Martin è all’ultimo km ed ha un vantaggio di 13″ su Bonfim e Karlstrom

12.03: AL km 18 Martin ha 10″ diu vantaggio su Karlstrom e Bonfim, a 24″ Dunfee, Fortunato sempre 14mo a 1’29”

12.01: Scarico Leonardo Fabbri, che non trova il lancio giusto al secondo lancio. Il fiorentino sta incontrando la giornata nera nel momento più importante al termine di una bella stagione

12.00: Chirurgico Crouser che con 21.49 si qualifica per la finale del peso e Weir scende al settimo posto

11.59:Inizia la seconda rotazione nel gruppo B del peso, tra poco Leonardo Fabbri

11.58. Al km 17 Martin sempre davanti, Bonfim e Karstrom a 8″, Dunfee a 19″, Fotunato è 14mo a 1’17”, deludente la sua gara

11.57: Si ritira Massimo Stano che non è stato squalificato

11.55: Darlan Romani! Il brasiliano lancia a 22.37 e si qualifica per la finale. Weir con 20.81 è sesto al momento

11.53: Al km 16 Martin davanti, a 6″ Bonfim, a 10″ Karlstrom

11.50: Tripletta statunitense nella terza serie dell’eptathlon con Brooks che vince in 12″78, davanti a Hall in 12″97 e Hawkins in 13″04

11.49: Al via la terza serie dei 100 ostacoli dell’eptathlon con:

2 803 FIN Saga VANNINEN 13.34 13
3 834 FRA Esther TURPIN 13.14 13.40 36
4 1156 NED Anouk VETTER 13.09 13.29 3
5 1402 USA Anna HALL 12.75 12.75 2
6 848 GBR Katarina JOHNSON-THOMPSON 13.09 13.34 8
7 1404 USA Chari HAWKINS 13.10 13.10 15
8 1377 USA aliyah BROOKS 12.61 12.84 12
9 899 GER Carolin SCHÄFER 13.07 13.39 10

11.48: Anche Walsh si qualifica per la finale con 21.73

11.47: Incredibile Martin che è andato a superare tutti al km 15, compreso Ikeda che resta nella sua scia, Bonfim a tre secondi, Karlstrom e Dunfee a 9″

11.47: Kovacs con 21.59 si qualifica per la finale del peso

11.44: Attenzione perchè nella marcia Ikeda ha solo 7″ di vantaggio su Bonfim che ha staccato Korkmaz per cui è arrivata la seconda proposta di squalifica, a 14″ Martin, Karlstrom, Dunfee, Gathimba, a 18″ Linke, Pintado, Partanen, Koga, Tingay, a 26″ Zhang, a 46″ Fortunato

11.44: La svizzera Kaelin si aggiudica la seconda serie dei 100 ostacoli con 13″36

11.43: Lancio di 20.81 per Weir che mette una discreta misura, male invece l’avvio di Fabbri che si ferma a 19.41

11.41: Al km 13 Ikeda davanti, a 10″ Bonfim e Korkmaz, a 20″ Karlstrom, Gathimba, Martin, Tingay, Zhang, Koga, Partanen, Linke, Pintado, Dunfee, a 46″ dal gruppetto c’è Fortunato

11.41: Queste le protagoniste della seconda serie dei 100 ostacoli nell’eptathlon:

2 807 FRA Léonie CAMBOURS 13.32 13.56 29
3 907 GER Sophie WEISSENBERG 13.46 13.46 9
4 818 FRA Auriana LAZRAQ-KHLASS 13.60 13.60 38
5 1144 NED Emma OOSTERWEGEL 13.36 13.42 7
6 1300 SUI Annik KÄLIN 13.17 13.47 6
7 1138 NED Sofie DOKTER 13.51 13.51 22
8 941 HUN Rita NEMES 13.60 13.60 25
9 662 COL Martha Valeria ARAUJO SINISTERRA 13.34 13.64 26

11.40: Iniziata la qualificazione del getto del peso

11.37: Nella marcia Ikeda davanti al km 12, a 11″ Bonfim e Korkmaz, a 21″ Karlstrom, Gathimba, Martin, Tingay, Zhang, Koga, Partanen, Linke, Pintado, Dunfee, a 17″ dal gruppetto c’è Fortunato

11.36: Con vento contrario Vidts vince la prima serie con 13″33

11.35: In pista al via la prima serie dei 100 ostacoli dell’eptathlon:

2 1452 UZB Ekaterina VORONINA 14.19 14.62 17
3 877 GER Vanessa GRIMM 13.62 13.94 16
4 564 BEL Noor VIDTS 13.17 13.75 5
5 1215 POL Paulina LIGARSKA 13.87 13.87 21
6 540 AUT Sarah LAGGER 13.98 14.18 33
7 968 IRL Kate O’CONNOR 13.74 14.12 24
8 934 HUN Xénia KRIZSÁN 13.31 13.75 19

11.32: Al km 11 Ikeda è insidiato da Bonfim e Korkmaz che si sono messi al suo inseguimento e ora sono a 11″, a 9″ dai due inseguitori il gruppetto

11.28: Ikeda continua nella sua azione, passaggio ai 10 km in 38″37, 15″ di vantaggio su Korkmaz, Bonfim, Karlstrom, Gathimba, Martin, Tingay, Zhang, Koga, Partanen, Linke, Pintado, Dunfee. Fortunato a 31″, Stano a 49″, Cosi a 1’42”

11.27: Di nuovo si stacca in fondo Fortunato. Gara da dimenticare per gli italiani

11.26: Nel gruppo B del getto del peso:

1 2653 LUX Bob BERTEMES 22.22 21.93 19
2 2212 CZE Tomáš STANEK 22.17 21.90 8
3 2497 ITA Leonardo FABBRI 21.99 21.84 7
4 2741 NOR Marcus THOMSEN 21.09 20.88 29
5 3004 USA Joe KOVACS 23.23 22.69 2
6 2117 BRA Welington MORAIS 20.78 20.59 27
7 2319 FRA Fred MOUDANI-LIKIBI 20.54 20.54 40
8 2857 SRB Armin SINANCEVIC 21.88 21.19 13
9 2795 POR Tsanko ARNAUDOV 21.56 20.17 50
10 2751 NZL Tom WALSH 22.90 22.58 3
11 2823 RSA Kyle BLIGNAUT 21.21 20.83 31
12 2408 GRE Odysseas MOUZENIDIS 19.98 19.98 53
13 3021 USA Payton OTTERDAHL 22.11 22.11 4
14 2767 POL Konrad BUKOWIECKI 22.25 21.55 26
15 2820 ROU Andrei Rares TOADER 21.29 20.84 33
16 2022 ARG Nazareno SASIA 20.74 20.74 32
17 2678 MEX Uziel MUÑOZ 21.88 21.88 18
18 2228 EGY Mostafa Amr HASSAN 21.65 21.65 28

11.25: Questi i protagonisti delle qualificazioni del getto del peso, gruppo A:

1 2227 EGY Mohamed Magdi HAMZA 21.39 20.92 30
2 2746 NZL Jacko GILL 22.12 22.12 6
3 2522 ITA Zane WEIR 22.15 22.15 9
4 2796 POR Francisco BELO 21.28 20.64 45
5 2352 GBR Scott LINCOLN 21.28 21.10 22
6 2139 CAN Mark BUJNOWSKI 19.82 19.82 64
7 2472 IRL Eric FAVORS 20.66 20.66 34
8 2772 POL Michal HARATYK 22.32 21.09 23
9 2093 BIH Mesud PEZER 21.48 21.15 25
10 2966 USA Josh AWOTUNDE 22.29 22.10 12
11 2125 BRA Darlan ROMANI 22.61 21.58 –
12 2953 UKR Roman KOKOSHKO 21.84 21.84 17
13 2856 SRB Asmir KOLAŠINAC 21.58 20.38 35
14 2445 HUN Balázs TÓTH 18.87 18.61 160
15 2828 RSA Burger LAMBRECHTS JR. 20.54 20.30 43
16 2980 USA Ryan CROUSER 23.56 23.56 1
17 2718 NGR Chukwuebuka Cornnell ENEKWECHI 21.80 21.69 10
18 2536 JAM Rajindra CAMPBELL 22.22 22.22 16
19 2192 CRO Filip MIHALJEVIC 21.94 21.63 5

11.24: Fortunato aggancia gli ultimi elementi del gruppo ma sei o sette atleti si sono staccati dietro

11.23: Fortunato è ancora non lontano dalla coda di un gruppo di inseguitori molto allungato. Ci prova Pintado, che ha già una proposta di squalifica, ad organizzare la rincorsa a Ikdea

11.18: Il gruppo degli inseguitori è composto da Korkmaz, Zhang, Pintado, Martin, Tingay, Linke, Yamanishi, Karlstrom, Koga, Gathimba, Partanen, Dunfee, Bonfim, Takahashi, OIlivas Nunez e Jimenez Arrobo

11.16: Riparte Korkmaz all’inseguimento di Ikdea. Il gruppo è composto da una dozzina di atleti

11.15: Fortunato prova a non perdere troppi metri rispetto al gruppo, mentre Stano sembra andare alla deriva

11.13: Hanno dato l’impressione da subito di essere in difficoltà i due azzurri che adesso sono staccati dal gruppo che insegue Ikeda. Complicato pensare di puntare al podio in rincorsa

11.12: Adesso si staccano gli azzurri, si fa durissima

11.11: E’ Yamanishi a organizzare l’inseguimento al compagno di squadra. Stano e Fortunato sempre in fondo al gruppo

11.09: 19’18” dopo 5 km di gara, 8″ di vantaggio per Ikeda sul resto del gruppo

11.08: Fortunato e Stano sono nella parte dietro del gruppo. Il ritmo è altissimo, importante non staccarsi in questa fase

11.05: E’ un’azione decisa quella di Ikdea che aumenta il suo vantaggio sul gruppo, azzurri in fondo al gruppo

11.04: L’impressione è che gli azzurri stiano faticando a tenere il ritmo dei migliori

11.02: Ikeda resta al comando, si stacca leggermente Korkmaz, attenzione perchè c’è un po’ di luce tra la prima e la seconda parte del gruppo e gli azzurri sono dietro

11.00: Due al comando, Ikeda, Korkmaz, il gruppo segue a qualche metro, azzurri in fondo

10.58: Ci prova Ikeda, lo insegue il turco Korkmaz

10.56: Stano si avvicina alla testa del gruppo, ora è Ikeda a fare l’andatura

10.54: Subito ritmo elevato imposto da Bonfim. Fortunato e Stano sono nelle retrovie del gruppo di testa, si staccano già diversi atleti. fra questi l’azzurro Cosi

10.51: Subito il brasiliano Bonfim a fare l’andatura, azzurri nella pancia del gruppo

10.50: Partita la 20 km di marcia

PERCHE’ LA 20 KM DI MARCIA E’ IN RITARDO E QUANDO COMINCIA

10.49: Atleti schierati nella zona di partenza, continua a piovere

10.48: Avversari di altissimo livello per i due azzurri, a partire dal contingente giapponese, guidato dal due volte campione del mondo Toshikazu Yamanishi e Koki Ikeda, fino ad arrivare al brasiliano Bonfim, all’australiano Tingay, al canadese Dunfee, agli spagnoli Martin e Garcia, allo svedese Karlstrom, passando per l’Asia con il  cinese Zhang Jun fino ad arrivare al Sud America con il colombiano Arevalo, il messicano Doctor e i due ecuadoregni Hurtado e Pintado. In gara per l’Italia anche Andrea Cosi.

10.45: Questa la lista di partenza della 20 km di marcia:

ARG Juan Manuel CANO 1:22:10 1:25:25 87
AUS Rhydian COWLEY 1:19:30 1:19:30 39
AUS Kyle SWAN 1:19:24 1:19:24 27
AUS Declan TINGAY 1:18:46 1:18:46 9
BRA Caio BONFIM 1:18:29 1:18:29 2
BRA Max Batista GONCALVES DOS SANTOS 1:24:26 1:24:26 64
CAN Evan DUNFEE 1:20:13 1:20:52 22
CHN Wenchao NIU 1:19:33 1:19:59 51
CHN Zhaozhao WANG 1:19:40 1:19:40 70
CHN Jun ZHANG 1:17:38 1:17:38 12
COL Eider ARÉVALO 1:18:53 1:19:23 33
COL Cesar Alberto HERRERA CORTEZ 1:22:07 1:22:07 55
ECU David HURTADO 1:18:45 1:18:45 10
ECU Jordy Rafael JIMÉNEZ ARROBO 1:20:45 1:20:45 36
ECU Brian Daniel PINTADO 1:19:05 1:19:05 6
ESP Alberto AMEZCUA 1:19:46 1:20:24 14
ESP Diego GARCÍA CARRERA 1:18:58 1:19:25 8
ESP Álvaro MARTÍN 1:18:49 1:18:49 5
FIN Jerry JOKINEN 1:24:41 1:24:41 97
FIN Veli-Matti PARTANEN 1:19:25 1:19:25 19
FRA Gabriel BORDIER 1:20:09 1:20:09 21
GER Christopher LINKE 1:18:42 1:19:27 16
GRE Alexandros PAPAMICHAIL 1:21:12 1:24:52 135
GUA José Alejandro BARRONDO 1:19:42 1:19:42 17
GUA José Eduardo ORTIZ 1:20:43 1:26:27 47
HUN Máté HELEBRANDT 1:22:14 1:23:26 57
IND Paramjeet Singh BISHT 1:20:08 1:20:08 –
IND Akashdeep SINGH 1:19:55 1:19:55 –
IND Vikash SINGH 1:20:05 1:20:05 67
IRL David KENNY 1:19:44 1:24:31 53
ITA Andrea COSI 1:21:39 1:21:39 60
ITA Francesco FORTUNATO 1:18:59 1:18:59 11
ITA Massimo STANO 1:17:45 1:20:07 18
JPN Koki IKEDA 1:17:25 1:18:36 4
JPN Yuta KOGA 1:18:42 1:19:19 29
JPN Eiki TAKAHASHI 1:17:26 1:19:07 15
JPN Toshikazu YAMANISHI 1:17:15 1:20:58 3
KEN Samuel Kireri GATHIMBA 1:18:23 1:22:49 7
LTU Marius ŽIUKAS 1:20:31 1:22:37 69
MEX Moel CHAMA 1:20:23 1:20:40 30
MEX José Luis DOCTOR 1:19:41 1:19:41 32
MEX Andres Eduardo OLIVAS NÚÑEZ 1:19:54 1:20:14 23
PER Luis Henry CAMPOS 1:21:11 1:28:24 42
PER César Augusto RODRÍGUEZ 1:20:45 1:22:00 20
POR João VIEIRA 1:20:09 1:22:08 83
SVK Dominik CERNY´ 1:23:51 1:23:51 77
SWE Perseus KARLSTRÖM 1:18:07 1:19:27 1
TUR Salih KORKMAZ 1:18:42 1:22:33 38
UKR Serhii SVITLYCHNYI 1:21:36 1:23:48 82
USA Nick CHRISTIE 1:22:44 1:28:54 81

10.42: L’Italia punta anche sull’uomo nuovo della specialità, Francesco Fortunato che quest’anno si è imposto con autorità in Coppa Europa a Podebrady in Repubblica Ceca e si preannuncia grande protagonista anche al Mondiale.

10.39: Appuntamento clou per la spedizione azzurra la 20 km di marcia con al via il campione olimpico della distanza e campione mondiale della 35 km un anno fa a Eugene Massimo Stano che parte tra i grandi favoriti

10.36: Questo il nuovo programma del mattino nello stadio di Budapest ma è un po’ tutto in divenire visto che sta ancora piovendo molto forte:

11:30 M Shot Put Qualification
11:35 W 100 Metres Hurdles Heptathlon
12:05 X 4×400 Metres Relay Heats
12:35 M 3000 Metres Steeplechase Heats
12:47 W High Jump Heptathlon
13:00 M Hammer Throw Qualification – Group A
13:25 W Long Jump Qualification
13:35 M 100 Metres Preliminary round
14:15 W 1500 Metres Heats
14:45 M Hammer Throw Qualification – Group B

10.33: Dalle parti dello stadio sta piovendo ancora molto forte, da qui la decisione di spostare il programma avanti di un’ora

10.30: Buona giornata! Non smette la pioggia su Budapest ma sembra ci sia l’intenzione di far partire la 20 km di marcia maschile alle 10.50

10.10: Continua a piovere su Budapest, le gare su pista e pedana inizieranno alle 11.30

8.42: A causa di un temporale in arrivo la gara della 20 km di marcia è spostata alle 10.50 e dunque l’appuntamento è per le 10.15 per introdurre le gare in programma in pista e in strada

8.43: Attenzione anche agli spagnoli Martin e Garcia, allo svedese Karlstrom, numero uno del ranking, passando per l’Asia con il  cinese Zhang Jun fino ad arrivare al Sud America con il colombiano Arevalo, il messicano Doctor e i due ecuadoregni Hurtado e Pintado

8.40: Avversari di altissimo livello per i due azzurri, a partire dal contingente giapponese, guidato dal due volte campione del mondo Toshikazu Yamanishi e Koki Ikeda, fino ad arrivare al brasiliano Bonfim, all’australiano Tingay, al canadese Dunfee

8.37: L’Italia punta anche sull’uomo nuovo della specialità, Francesco Fortunato che quest’anno si è imposto con autorità in Coppa Europa a Podebrady in Repubblica Ceca e si preannuncia grande protagonista anche al Mondiale.

8.34: Subito un appuntamento clou per la spedizione azzurra la 20 km di marcia con al via il campione olimpico della distanza e campione mondiale della 35 km un anno fa a Eugene Massimo Stano che parte tra i grandi favoriti

8.31: Pronti, via ed è subito una giornata fondamentale per il Mondiale di atletica dell’Italia che si gioca nelle prime due sessioni di gare in programma oggi già tante chances di essere protagonista nella rassegna iridata e magari di dare l’assalto al podio.

8.28: Buongiorno agli amici di OA Sport e benvenuti alla diretta live della prima giornata di gare del Mondiale di atletica leggera 2023 di Budapest in Ungheria dove le condizioni meteo sono tutt’altro che ideali

Programma, orari, Tv e streaming della prima giornata dei Mondiali di Budapest 2023La presentazione della prima giornata di Budapest 2023Le speranze di medaglia dell’ItaliaTutti gli italiani in gara giorno per giornoI favoriti gara per gara tra gli uominiLe favorite gara per gara tra le donneIl calendario dei Mondiali di BudapestTutti gli orari degli azzurri in gara giorno per giornoLe misure di qualificazionePedro Pichardo rinuncia ai MondialiLe nuove regole introdotte a Budapest 2023

Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla DIRETTA LIVE della prima giornata di gare del Mondiale di atletica leggera 2023 di Budapest in Ungheria. Pronti, via ed è subito una giornata fondamentale per il Mondiale di atletica dell’Italia che si gioca nelle prime due sessioni di gare in programma oggi già tante chances di essere protagonista nella rassegna iridata e magari di dare l’assalto al podio.

La prima scarica di adrenalina per i tifosi azzurri arriverà poco dopo la sveglia perché alle 8.50 sarà già il momento di una delle gare più attese del Mondiale, la 20 km di marcia con al via il campione olimpico della distanza e campione mondiale della 35 km un anno fa a Eugene Massimo Stano che parte tra i grandi favoriti e con l’uomo nuovo della specialità, Francesco Fortunato che quest’anno si è imposto in Coppa Europa a Podebrady in Repubblica Ceca e si preannuncia grande protagonista anche al Mondiale. Avversari di altissimo livello per i due azzurri, a partire dal contingente giapponese, guidato dal due volte campione del mondo Toshikazu Yamanishi e Koki Ikeda, fino ad arrivare al brasiliano Bonfim, all’australiano Tingay, al canadese Dunfee, agli spagnoli Martin e Garcia, allo svedese Karlstrom, passando per l’Asia con il  cinese Zhang Jun fino ad arrivare al Sud America con il colombiano Arevalo, il messicano Doctor e i due ecuadoregni Hurtado e Pintado. In gara per l’Italia anche Andrea Cosi.

In pedana si parte con le qualificazioni del getto del peso maschile (la finale è in programma nel pomeriggio dalle 19.00) e anche qui l’Italia si gioca carte importante con Zane Weir che ha da poco raggiunto la misura di 22.15 che lo proietta fra i grandi della specialità e Leonardo Fabbri che sta vivendo la stagione del rilancio e potrebbe valere i 22 metri. Ryan Crouser, due ori olimpici al collo, vuole anche il secondo oro di fila mondiale dopo aver ritoccato il primato mondiale a 23,56 in stagione, dove è imbattuto. Italia a caccia della seconda qualificazione consecutiva in finale nella 4×400 mista dopo il settimo posto di Eugene. Le squadre da battere sono Giamaica, Gran Bretagna e Olanda, solide e compatte. Le outsider potrebbero essere Francia e Repubblica Ceca.

In mattinata scatta anche l’Eptathlon che deve fare a meno della sua dominatrice dell’ultimo lustro, la belga Nafissatou Thiam, due volte campionessa olimpica alle prese con problemi al tendine d’Achille che non le permettono di essere della partita. La favorita numero uno è la 22enne statunitense Anna Hall, bronzo a Eugene. Attenzione al ritorno della britannica Katarina Johnson-Thompson. Ancora Italia nei 3000 siepi uomini dove sono in programma le batterie in mattinata. Ossama Zoghlami, bronzo europeo, e Ala Zoghlami vanno a caccia di una complicata ma non impossibile qualificazione in finale. Inizia, invece, la battaglia tra i due protagonisti annunciati, il marocchino Soufiane El Bakkali (oro olimpico) e l’etiope Lamecha Girma, che con 7’52”11 ha ritoccato il primato mondiale quest’anno.

Non ci sono italiani al via delle qualificazioni del lancio del martello maschile che si preannuncia gara molto interessante. Il favorito è il polacco Wojciech Nowicki, campione olimpico ed europeo in carica. Non avrà vita facile contro i due statunitensi Rudy Winkler, e Daniel Haugh (77 metri pochi giorni fa), l’ungherese Bence Halasz che gareggia in casa, l’ucraino 21enne Mykhaylo Kokhan e il 21enne canadese Ethan Katzberg. In tarda mattinata sarà il momento di Larissa Iapichino, una delle carte da medaglia più importanti che getta sul tavolo la Nazionale azzurra. In programma le qualificazioni di un salto in lungo senza padrona perché la campionessa di tutto, la tedesca Mihaila Mihambo è fuori causa per infortunio. L’azzurra ha vinto tre volte in Diamond League in stagione e avrà bisogno del personale per puntare al massimo: i 7 metri non sono affatto lontani e, se dovessero arrivare nell’occasione più importante, si aprirebbero scenari molto interessanti.

Ludovica Cavalli, Gaia Sabbatini e Sintayehu Vissa hanno le carte in regola per superare il primo turno dei 1500 donne che vivono la loro fase iniziale che servirà anche per controllare lo stato di forma delle protagoniste annunciate della vigilia. La keniana Faith Kipyegon ha migliorato il record del mondo in stagione con 3’49”11 e va a caccia del terzo titolo iridato ma, a proposito di triplette, l’olandese primatista d’Europa e oro olimpico e mondiale sulla distanza Sifan Hassan inizia le sue fatiche che comprendono anche 5000 e 10000 e punta ad uno storico tris.

La sessione pomeridiana si aprirà con le batterie dei 1500 maschili con al via tre azzurri che possono ben figurare, Pietro Arese, Ossama Meslek e Joao Bussotti. Jakob Ingebrigtsen riprova la doppietta 1500-5000. Gli avversari più agguerriti del norvegese sono i keniani Timothy Cheruiyot (già campione del mondo), Abel Kipsang e il giovane Reynold Kipkorir Cheruiyot, lo statunitense Yared Nuguse,  gli spagnoli Mohamed Katir (bronzo a Eugene), Mario Garcia e Adel Mechaal, i sempre insidiosi britannici Giles, Gourley e Kerr (bronzo olimpico), gli australiani McSweyn e Spencer e il francese Habz. Si procede con le qualificazioni del disco maschile senza azzurri al via e con un grande favorito, lo sloveno campione del mondo Kristjan Ceh che ha avuto una stagione meno spumeggiante di quella passata ma si presenta con i favori del pronostico. Attenzione però al ritorno del campione olimpico svedese Daniel Stahl, e alla freschezza del lituano campione europeo non ancora 21enne Mykolas Alekna.

A seguire le tre gare sicuramente più interessanti del pomeriggio in chiave azzurra, a partire dal primo turno dei 100 maschili. C’è da scoprire come sta Marcell Jacobs. Il campione olimpico arriva al buio all’appuntamento iridato e per essere protagonista ha bisogno di tornare sui suoi migliori livelli. Per l’Italia in gara anche il campione europeo dei 60 Samuele Ceccarelli. A fare più rumore alla vigilia è stato lo statunitense Noah Lyles (che punta alla doppietta 100-200) ma dovrà vedersela con il campione del mondo in carica, il connazionale Fred Kerley, argento a Tokyo alle spalle di Jacobs, e agli altri due statunitensi, Christian Coleman (oro di Doha) e Cravont Charleston. Il britannico Zharnel Hughes si presenta con il crono più veloce dell’anno (9.83) ma non sono male anche i suoi compagni di squadra Prescod e Amo-Dadzie. Giovanissima la squadra giamaicana (massimo 22 anni) con Ackeem Blake, Oblique Seville, Ryiem Forde e Rohan Watson. Mentre dall’Africa arrivano tanti potenziali protagonisti, Letsile Tebogo del Botswana, il  sudafricano Akani Simbine, il keniano Omanyala.

In attesa del fenomeno Andy Diaz (italiano ma non ancora papabile per la chiamata in Nazionale), sono due gli azzurri a caccia di un posto in finale nel salto triplo maschile, Tobia Bocchi e Emmanuel Ihemeje che hanno nelle gambe le misure che possono permettere loro di entrare fra i primi 12 (Bocchi quarto agli Europei e vincente a Chorzow, Ihemeje quinto un anno fa a Eugene). Manca all’appello il portoghese Pedro Pablo Pichardo, campione di tutto, che ha rinunciato in extremis. Attenzione al 18enne giamaicano Jaydon Hibbert  che quest’anno è atterrato a 17,87, mentre per le medaglie saranno in corsa il primatista africano Fabrice Hugues Zango, il cubano campione mondiale indoor Lazaro Martinez, l’altro cubano Napoles, il cinese Zhu Yaming (bronzo a Eugene dopo l’argento olimpico) e l’algerino Triki.

Le ultime due gare di giornata assegnano altrettanti titoli. Si parte con i 10000 femminili e l’atteso festival africano potrebbe essere “rovinato” dalla olandese Sifan Hassan che va a caccia del primo oro a Budapest, dopo aver disputato la batteria dei 1500 al mattino. Da battere il contingente etiope formato da Letesenbet Gidey, Tsegay, Taye e Lemlem Hailu. F meno paura il Kenya con Irine Jepchumba Kimais, Agnes Jebet Ngetich e Grace Loibach Nawowuna. Tra le outsider la britannica Eilish McColgan e le statunitensi Monson e Cranny. Non ci sono azzurre al via, mentre si spera che ci sia la squadra azzurra nella finale della 4×400 che chiude la prima intensissima giornata dell’appuntamento iridato.

OA Sport vi offre la DIRETTA LIVE della prima giornata di gare del Mondiale di atletica leggera 2023 di Budapest in Ungheria. Appuntamento dalle 8.50 per l’avvio della sessione mattutina e alle 19.00 per l’avvio della sessione serale, buon divertimento!

Foto Lapresse