Seguici su

Senza categoria

Atletica, Mondiali 2023: le favorite delle gare femminili. Fraser-Pryce, Bol, Kipyegon e Rojas le più attese

Pubblicato

il

I Mondiali 2023 di atletica leggera andranno in scena a Budapest (Ungheria) dal 19 al 27 agosto. Si preannuncia grande spettacolo in terra magiara, dove si disputerà la rassegna iridata che precede di un anno le Olimpiadi di Parigi 2024. Diamo uno sguardo dettagliato alle favorite delle gare femminili.

FAVORITE GARE FEMMINILE MONDIALI ATLETICA 2023

100 METRI – Shelly-Ann Fraser-Pryce si presenta per dare l’assalto al sesto titolo iridato, ma la giamaicana dovrà fare i conti con la connazionale Shericka Jackson, con l’ivoriana Marie-Josée Ta Lou e la statunitense Sha’Carri Richardson.

200 METRI – Shericka Jackson punta a difendere il titolo, ma la giamaicana dovrà stare molto attenta alla britannica Dina Asher-Smith, oltre che alla Richardson e alla Ta Lou.

400 METRI – La statunitense Sydney McLaughlin non sarà della partita a causa di un problema a un ginocchio e la bahamense Shaunae Miller-Uibo, campionessa uscente, è al rientro dalla maternità. A questo punto le favorite sono la bahrainita Salwa Eid Naser, la dominicana Marileidy Paulino e Sada Williams dalle Barbados.

800 METRI – La statunitense Athing Mu, Campionessa Olimpica e del Mondo, partirà in pole position ma sarà insidiata dalla britannica Keely Hodgkinson (argento iridato e a cinque cerchi) e dalla kenyana Mary Moraa.

1500 METRI – Faith Kipyegon si presenta da primatista mondiale e insegue il terzo titolo iridato sulla distanza. Proveranno a infastidirla l’olandese Sifan Hassan, la corazzata etiope guidata da Hirut Meshesha e le altre kenyane tra cui Nelly Chepchirchir.

5000 METRI – Faith Kipyegon è primatista mondiale anche su questa distanza e la kenyana dovrà fare i conti con l’etiope Gudaf Tsegay (detentrice del titolo) e l’olandese Sifan Hassan. Attenzione anche a Beatrice Chebet.

10000 METRI – Sifan Hassan cercherà il sigillo ma le etiopi Letesenbet Gidey (oro uscente), la solita Tsegay e la Taye sono particolarmene agguerrite.

100 OSTACOLI – La nigeriana Tobi Amusan sarà della partita? La Campionessa del Mondo e primatista mondiale non sa se potrà partecipare dopo aver saltato tre controlli antidoping. La portoricana Jasmine Camacho-Quinn (Campionessa Olimpica) è in agguato alla pari delle statunitensi Nia Ali e Kendra Harrison, più indietro la giamaicana Megan Tapper e la svizzera Ditaji Kambundji.

400 OSTACOLI – Pronostico obbligatoriamente in favore dell’olandese Femke Bol, vista l’assenza di Sydney McLaughlin. Più attardate le statunitense Shamier Little e Dalilah Muhammad, oltre alle giamaicane Andrenette Knight e Janieve Russell.

3000 SIEPI – La keniana Beatrice Chepkoech, la statunitense Emma Coburn e l’ugandese Peruth Chemutai sono le favorite della vigilia insieme all’altra keniana Jackline Chepkoech.

SALTO IN ALTO – Si preannuncia una bella sfida tra le australiane Nicola Olyslagers (argento olimpico) ed Eleanor Patterson (Campionessa del Mondo), con le ucraine Yaroslava Mahuchikh e Iryna Gerashchenko pronte a regalare spettacolare. La statunitense Vashti Cunningham e la serba Angelina Topic sono le outsider. Elena Vallortigara, bronzo lo scorso anno, non sarà della partita a causa di problemi fisici.

SALTO CON L’ASTA – Katie Moon-Nageotte si presenterà per difendere il titolo ed è la grande favorita della vigilia con i 4.90 metri saltati ai Trials. La sua rivale principale sembra essere l’australiana Nina Kenney (bronzo a Eugene), ma attenzione alla finlandese Wilma Murto (Campionessa d’Europa) e alla slovena Tina Sutej. La statunitense Sandi Morris, argento lo scorso anno, non sembra essere in forma. Da seguire l’eterna greca Ekaterini Stefanidi.

SALTO IN LUNGO – Una delle gare più attese in casa Italia. Larissa Iapichino ha vinto tre gare in Diamond League e ha firmato due staffilate da 6.95 outdoor e 6.97 indoor. La toscana è tra le favorite per le medaglie insieme alla serba Ivana Vuelta, ma a presentarsi con la miglior misura stagionale è la giamaicana Ackelia Smith (7.08). Sono molto quotate la statunitense Tara Davis-Woodhall (7.07) e la britannica Jazmin Sawyers (7.00), non vanno dimenticate la nigeriana Ese Brume (sempre a podio negli ultimi tre grandi eventi) e l’ucraina Maryna Bekh-Romanchuk.

SALTO TRIPLO – Uno degli ori più scontati dell’intera rassegna iridata: la venezuelana Yulimar Rojas non ha rivali. Per il podio si candidano le cubane Leyanis Perez e Liadagmis Povea, ma attenzione alla giamaicana Shanieka Ricketts e alla statunitense Toni Franklin.

GETTO DEL PESO – Chase Ealey si presenta per difendere il titolo, ma la stagione della statunitense non è stata strabilante. Le sue rivali più accreditate sono la pluridecorata cinese Gong Lijiao, l’altra americana Maggie Ewen e la giamaicana Danniel Thomas-Doss.

LANCIO DEL DISCO – Il pronostico pende dalla parte della statunitense Valarie Allman, a caccia del secondo sigillo di fila. Proveranno a sfidarla la cinese Feng Bin e l’eterna croata Sandra Perkovic.

LANCIO DEL MARTELLO – La statunitense Brooke Andersen sembra essere una spanna sopra alle avversarie e vuole confermarsi sul trono, ma attenzione alla sfida con la connazionale DeAnna Price e alla canadese Camryn Rogers. La polacca Anita Wlodarczyk è in crescita, la nostra Sara Fantini potrebbe essere una outsider.

TIRO DEL GIAVELLOTTO – La giapponese Haruka Kitaguchi si è consolidata dopo l’exploit dello scorso anno e punta alla medaglia d’oro. Possono insidiarla la australiana Mackenzie Little e Kelsey-Lee Barber.

20 KM DI MARCIA – La peruviana Kimberly Garcia-Leon trionfò lo scorso anno a Eugene, ma le cinesi si presentano agguerrite per tornare a dominare. Liu Hong in pole position davanti a Yang Jiayu e Ma Zhenxia. Attenzione alla spagnola Maria Perez (world leader) e alla greca Drisbioti, mentre l’Italia proverà a sognare con Antonella Palmisano e Valentina Trapletti.

35 KM DI MARCIA – Kimberly Garcia-Leon vuole confermarsi sul trono e si preannuncia una bella sfida con la spagnola Maria Perez, ma attenzione alla greca Antigoni Drisbioti e alla corazzata cinese con Qieyang Shijie, Li Maocuo e Bai Xueying.

MARATONA – L’etiope Gottom Gebreslase difende il titolo affiancata dalle connazionali Tsehay Gemechu, Workenesh Edesa, Yalemzerf Yehualaw e Amane Beriso Shankule. Le kenyane Sally Kaptich e Shyline Jepkorir Toroitich saranno le avversarie di riferimento.

EPTATHLON – La statunitense Anna Hall si presenta con la world lead di 6.988 punti e punta al titolo vista l’assenza per infortunio della super favorita belga Nafissatou Thiam. Le altre candidate per le medaglie sono la britannica Katarina Johnson-Thompson, l’olandese Anouk Vetter, la svizzera Annik Kaelin e la belga Noor Vidts.

Foto: Lapresse