Ginnastica artistica, Giorgia Villa e Asia D’Amato Campionesse d’Italia all-around! Clamoroso pari merito, Maggio terza di un soffio

In un anno così particolare e unico, non poteva mancare un epilogo eccezionale nel concorso generale individuale dei Campionati Italiani Assoluti 2020 di ginnastica artistica. Dopo due ore di battaglia tiratissima e quattro rotazioni equilibratissime, alla fine è arrivato un clamoroso pari merito: Giorgia Villa ed Alice D’Amato si sono laureate Campionesse d’Italia. Un ex aequo inatteso e sorprendente, che si è deciso di non spezzare con la regola degli scarti come invece accade a livello internazionale: le due azzurre sono salite insieme sul gradino più alto del podio, appaiate col punteggio di 55.100. Ed è incredibile anche il vantaggio esiguo che le due ragazze delle Fiamme Oro hanno avuto sull’altra poliziotta: Martina Maggio è terza con 55.050, ad appena mezzo decimo di distacco dalle due compagne di squadra in Brixia Brescia.

Asia D’Amato, 17enne genovese, ha così difeso il titolo conquistato lo scorso anno a Meda, ma lo dovrà dividere con Giorgia Villa, 17enne bergamasca che si era già imposta due anni fa, quando era ancora juniores. Secondo tricolore per entrambe azzurre, la sfida tra le Fate ha regalato grandissime emozioni nella gara più importante dell’anno, visto che in questa stagione non ci sono praticamente stati eventi internazionali a causa dell’emergenza sanitaria. Quarto posto di lusso per Irene Lanza (Ginnastica Reale Torino, 53.450), quinta Alice D’Amato (53.400 per l’altra ragazza delle Fiamme Oro), sesta la 14enne Angela Andreoli (Brixia Brescia, 53.000). Una gara da film per pathos, capovolgimenti di fronte e continui ribaltoni: non ci si è mai annoiati al PalaVesuvio di Napoli. Da annotare le assenze di Vanessa Ferrari (ritornerà nel 2021), di Giada Grisetti (positiva al Covid-19) e di Lara Mori.

Alice D’Amato aveva tentato un allungo iniziale sui suoi due attrezzi di punta: 14.750 col doppio avvitamento al volteggio, 14.600 alle parallele asimmetriche (dov’è bronzo europeo in carica). A metà gara la 17enne genovese aveva un buon vantaggio sulle immediate inseguitrici: 0.850 su Martina Maggio, che era stata molto precisa (14.200 alla tavola, 14.300 sugli staggi dove è migliorata tantissimo!); 1.050 su Asia D’Amato, che era andata via in maniera ordinaria (14.500 col dty, 13.800 alle parallele); Giorgia Villa era a 1.5 punti di ritardo dalla vetta (per un fastidio alla spalla si era dovuta limitare a un solo avvitamento al volteggio non ben eseguito e valso appena 13.350, poi 14.500 sugli staggi dove poteva fare ancora meglio). Alice è però caduta due volte alla trave (10.850) e si è chiamata fuori dai giochi, mentre Asia D’Amato (13.150) e Martina Maggio (13.250) riuscivano a ruggire sui 10 cm, tentando l’allungo su Giorgia Villa che toccava malamente l’attrezzo commettendo un grave errore equivalente a una caduta (13.250). Si arriva così all’ultima rotazione con Maggio in testa, 0.25 su D’Amato e 0.6 su Villa.

Asia piazza 13.650 al corpo libero, Martina si ferma a 13.350 ed è dietro di mezzo decimo, poi arriva Giorgia che si inventa un surreale 14.000 al quadrato e agguanta un tricolore in rimonta in maniera rocambolesca. Le Fate non hanno deluso in termini di spettacolo, a un anno dallo storico bronzo a squadre conquistato ai Mondiali. Un plauso a Irene Lanza che contro pronostico si inserisce ai piedi del podio e anche ad Angela Andreoli che paga due cadute (trave e parallele), senza le quali sarebbe stata da podio dopo lo show esibito settimana scorsa ai campionati nazionali juniores. Domani spazio alle Finali di Specialità.

La cronaca della gara: Asia D’Amato e Giorgia Villa Campionesse d’Italia a pari merito! Clamoso epilogo nell’all-around

Giorgia Villa e Asia D’Amato come sorelle. Chi sono le Campionesse d’Italia? “Una poltrona per due”

Martina Maggio e la vittoria sfumata: 5 centesimi beffardi, ma la brianzola è esplosa

Angela Andreoli e Alice D’Amato, frenate da due cadute. La 14enne ha un grande futuro, la Fata era in testa a metà gara…

Campionati Italiani da Oscar: vittoria a pari merito, ribaltoni, rimonte e grande spettacolo. Gara da film diretta dalle Fate

Perché ci sono due Campionesse d’Italia? Il parimerito di Giorgia Villa e Asia D’Amato: cosa dice il regolamento

Chi sono state le migliori di giornata? Tutti i podi individuali, le Fate si prendono (quasi) tutto

Tutte le qualificate alle Finali di Specialità: domani nuova battaglia tra le Fate per i quattro tricolori

Tutti i qualificati alle Finali di Specialità maschili: domani caccia ai sei tricolori

Giorgia Villa soddisfatta per il podio: “E’ bellissimo, da piccola avevo fatto parimerito con Asia”. E poi spiega la sua gara

Asia D’Amato a Giorgia Villa: “Io e te sempre”. Il messaggio d’affetto dopo la vittoria parimerito

Ludovico Edalli si laurea Campione d’Italia all-around: pokerissimo del bustocco

Ludovico Edalli festeggia il suo tricolore: “Cinque titoli iniziano a essere interessanti”

Viola Pierazzini ha vinto il campionato juniores 1

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI GINNASTICA ARTISTICA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

© foto di Simone Ferraro / FGI

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio femminile, Serie A 2020-2021: Roma-Fiorentina 2-2, vittorie dell’Inter e del Milan

MotoGP, Jack Miller: “Mi sarei aspettato di più”