DIRETTA Tour de France LIVE: classifica e pagelle. Caruso sogna la top10! Roglic ipoteca la maglia gialla



LIVE Tour de France 2020, tappa di oggi DIRETTA: Sagan cerca il colpaccio, possibile fuga

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

Loading...
Loading...

LE TOUR DU DIRECTEUR

LA CLASSIFICA GENERALE

LE PAGELLE DELLA TAPPA DI OGGI

LA CRONACA DELLA TAPPA

ORDINE D’ARRIVO DELLA TAPPA

PRIMOZ ROGLIC HA IPOTECATO LA VITTORIA FINALE, ORA LA CRONO PER IL SIGILLO FINALE

DAMIANO CARUSO A UN PASSO DALLA TOP-10: IL SOGNO DI UNA CARRIERA, SERVE LA CRONO DELLA VITA

MICHAL KWIATKOWSKI E RICHARD CARAPAZ INSIEME, ANCHE IL TEAM INEOS HA UN CUORE

RICHARD CARAPAZ IN MAGLIA A POIS, NUOVO RISULTATO DI SPICCO DOPO LA VITTORIA AL GIRO D’ITALIA

RICHIE PORTE PUO’ BATTERE MIGUEL ANGEL LOPEZ PER IL PODIO?

LA CLASSIFICA DEGLI ITALIANI AL TOUR DE FRANCE

LE ALTRE CLASSIFICHE DEL TOUR DE FRANCE

VIDEO L’ARRIVO DI KWIATKOWSKI E CARAPAZ ABBRACCIATI

VIDEO HIGHLIGHTS 18MA TAPPA TOUR DE FRANCE

PRIMOZ ROGLIC: “GRANDE LAVORO DEL TEAM, CI SONO ANCORA INSIDIE”

TADEJ POGACAR: “NON NE AVEVO PER SCATTARE”

MICHAL KWIATKOWSKI: “NON AVREI MAI PENSATO DI POTER VIVERE UNA GIORNATA COSI'”

RICHARD CARAPAZ: “IO AVEVO GIA’ PRESO LA MAGLIA, GIUSTA LA TAPPA PER KWIATO”

MIGUEL ANGEL LOPEZ: “RITMO TROPPO ALTO PER ATTACCARE”

WOUT VAN AERT: “LA COSA IMPORTANTE ERA PROTEGGERE LA MAGLIA DI ROGLIC”

LA CRONACA DELLA COPPA SABATINI

VIDEO HIGHLIGHTS COPPA SABATINI

17.29 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport. Troverete cronaca, classifica, dichiarazioni, video, approfondimenti, dichiarazioni, pagelle, Le Tour du directeur e tantissimo altro. Un saluto sportivo!

17.28 Damiano Caruso è 11° in classifica generale a 19″ dalla top10 di Valverde! Sabato, nella cronometro, si giocherà l’occasione della vita!

17.26 La classifica generale.

1 Primož ROGLIC PRIMOŽ ROGLIC 11 TEAM JUMBO – VISMA 79h 45′ 30” – B : 33” –
2 Tadej POGACAR TADEJ POGACAR 131 UAE TEAM EMIRATES 79h 46′ 27” + 00h 00′ 57” B : 32” –
3 Miguel Angel LOPEZ MORENO MIGUEL ANGEL LOPEZ 141 ASTANA PRO TEAM 79h 46′ 57” + 00h 01′ 27” B : 10” –
4 RICHIE PORTE 101 TREK – SEGAFREDO 79h 48′ 36” + 00h 03′ 06” B : 4” –
5 MIKEL LANDA 61 BAHRAIN – MCLAREN 79h 48′ 58” + 00h 03′ 28” – –
6 ENRIC MAS 94 MOVISTAR TEAM 79h 49′ 49” + 00h 04′ 19” – –
7 ADAM YATES 161 MITCHELTON – SCOTT 79h 51′ 25” + 00h 05′ 55” B : 12” –
8 RIGOBERTO URAN 71 EF PRO CYCLING 79h 51′ 35” + 00h 06′ 05” – –
9 TOM DUMOULIN 14 TEAM JUMBO – VISMA 79h 52′ 54” + 00h 07′ 24” – –
10 ALEJANDRO VALVERDE 91 MOVISTAR TEAM 79h 57′ 42” + 00h 12′ 12” – –

17.24 L’ordine d’arrivo della tappa di oggi:

1 Michal KWIATKOWSKI MICHAL KWIATKOWSKI 5 INEOS GRENADIERS 04h 47′ 33” – B : 15” –
2 Richard CARAPAZ RICHARD CARAPAZ 3 INEOS GRENADIERS 04h 47′ 33” – B : 14” –
3 Wout VAN AERT WOUT VAN AERT 18 TEAM JUMBO – VISMA 04h 49′ 24” + 00h 01′ 51” B : 4” –
4 PRIMOŽ ROGLIC 11 TEAM JUMBO – VISMA 04h 49′ 26” + 00h 01′ 53” – –
5 TADEJ POGACAR 131 UAE TEAM EMIRATES 04h 49′ 26” + 00h 01′ 53” – –
6 RICHIE PORTE 101 TREK – SEGAFREDO 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
7 ENRIC MAS 94 MOVISTAR TEAM 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
8 MIKEL LANDA 61 BAHRAIN – MCLAREN 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
9 DAMIANO CARUSO 63 BAHRAIN – MCLAREN 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
10 TOM DUMOULIN 14 TEAM JUMBO – VISMA 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
11 SEPP KUSS 16 TEAM JUMBO – VISMA 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
12 MIGUEL ANGEL LOPEZ 141 ASTANA PRO TEAM 04h 49′ 27” + 00h 01′ 54” – –
13 MARC HIRSCHI 204 TEAM SUNWEB 04h 49′ 37” + 00h 02′ 04” – –

17.22 Un grande Damiano Caruso ha chiuso al nono posto! Bravissimo! Arriva ora a 4’32” il gruppetto con Yates, Uran, Martin e Valverde.

17.20 Van Aert terzo all’arrivo, quarto Roglic, quinto Pogacar. Sono arrivati a 1’55” dal duo Ineos.

17.20 Dumoulin sta tirando la volata a Van Aert.

17.18 Arrivano insieme i due corridori della Ineos, abbracciati! Sembra che abbia vinto Kwiatkowski per una questione di centimetri. Carapaz può comunque consolarsi con la maglia a pois. La squadra inglese ha un po’ messo a posto un Tour fin qui disastroso.

17.16 ULTIMO KM! Kwiatkowski e Carapaz si abbracciano! Si sono detti chi vincerà questa tappa…

17.15 Si attende ormai solo l’arrivo. Roglic non ha mai sofferto nemmeno oggi. Vincerà con merito questo Tour de France: l’ha dominato.

17.13 3’27” il vantaggio di Carapaz e Kwiatkowski sul gruppetto Roglic. Gli ultimi 600 metri saranno in leggerissima salita. Vedremo se Pogacar andrà a prendersi i 4″ di abbuono del terzo posto.

17.12 5 km all’arrivo.

17.10 7 km all’arrivo, ora è tutta leggera discesa fino all’arrivo. Chi vincerà tra Carapaz e Kwiatkowski? Sarà una decisione a tavolino da parte della Ineos? Sulla carta il polacco è nettamente più veloce.

17.09 Anche Damiano Caruso è rientrato insieme a Porte e Dumoulin. Se l’Italia è presente, il merito è tutto di questo orgoglioso ragazzo siciliano.

17.09 Yates paga 2’30” dal gruppetto Roglic, Uran 3 minuti.

17.07 RIENTRATO PORTE! Applausi per l’australiano, che ci ha sempre creduto. Fondamentale è stato l’aiuto della Jumbo-Visma con Van Aert e Dumoulin. Nel ciclismo i favori esistono: oggi a me, domani a te…

17.07 Ripreso Hirschi, dunque gli uomini di classifica si giocheranno i 4″ di abbuono per il terzo posto.

17.06 Ancora pochi metri per Porte, è davvero al gancio!

17.05 10 secondi da recuperare per Porte, che sta facendo tutto da solo. Bilbao sta dando tutto nel gruppetto maglia gialla in funzione di Landa.

17.04 Si stacca Van Aert, ma Porte sta rientrando! Deve fare un ultimo sforzo per chiudere il gap!

17.03 Ora inizia la Cote des Fleuries. Kwiatkowski e Carapaz al comando, Hirschi a 3’42”, a 4’24” il gruppetto maglia gialla, a 4’42” quello con Richie Porte. A 6’16” Adam Yates.

17.02 Nel gruppetto Porte sono presenti anche Verona e Damiano Caruso.

17.00 Landa trova Bilbao sulla sua strada. Porte però sta sfruttando l’aiuto di Van Aert e Dumoulin per provare a rientrare.

16.58 Landa e Lopez si stanno dando cambi regolari per non far rientrare Porte. Anche Kuss dà qualche cambio.

16.57 Damiano Caruso è insieme a Richie Porte, che ora sta recuperando! 25″ dal gruppetto Roglic!

16.56 Roglic fa una carezza a Pogacar sulla spalla destra. Siamo ai titoli di coda: la Slovenia festeggerà una doppietta storica a Parigi.

16.54 Una foratura potrebbe aver spezzato il sogno di podio di Richie Porte. Sempre 35″ di ritardo per l’australiano. Una vera disdetta a 35 anni…

16.53 Tra poco inizierà la salita del Col des Fleuries. Non è catalogata come GPM, è molto facile.

16.51 Non recupera più Porte. Si fa dura per l’australiano. Yates a 1’37” dal gruppetto maglia gialla.

16.50 E’ Roglic a dettare l’andatura in discesa! Ovviamente non si sta prendendo nessun rischio e questa è una buona notizia per Porte.

16.49 Sta recuperando Porte, 34″. Si sta giocando il podio. Se riuscisse a rientrare, poi sabato potrebbe beffare Lopez nella cronometro.

16.48 Siamo in discesa, 23 km all’arrivo. Kwiatkowski e Carapaz al comando, sarà la Ineos a vincere la tappa. Tra l’altro l’ecuadoriano indosserà anche la maglia a pois. Meglio di niente dopo il ritiro di Egan Bernal. A 1’39” Bilbao, a 3’17” Hirschi, a 5’05” il gruppetto Roglic, a 5’42” Porte.

16.47 Con Roglic ci sono Landa, Mas, Lopez, Valverde e Pogacar. Si sono staccati Kuss e Caruso, anche se l’americano sta per rientrare.

16.46 Roglic si rialza, ma ha voluto far capire ai rivali quanto sia superiore…Porte deve recuperare 45″, dovrà rischiare tutto in discesa.

16.45 ROGLIC DEMOLISCE TUTTI! Se ne va sullo sterrato!

16.44 PORTE STA PEDALANDO CON LA GOMMA BUCATA! Solo adesso arriva l’ammiraglia e può cambiare la bici. Ma ha già perso 40 secondi. Che sfortuna nera.

16.43 Damiano Caruso sta soffrendo tantissimo, ma resiste. Uran ha già perso 2’20”.

16.42 SFORTUNATISSIMO RICHIE PORTE! L’australiano ha forato sullo sterrato. Rischia di perdere tantissimo. E, soprattutto, il podio rischia di sfumare in maniera beffarda!

16.41 Ripresi Landa e Caruso. Anche oggi lo spagnolo ci ha provato, senza ottenere nulla. Ora i 2 km di sterrato per gli uomini di classifica.

16.40 Prova ad accelerare Pogacar, ma Roglic risponde subito e gli fa passare letteralmente la voglia…

16.39 Landa sta per venire ripreso dal gruppetto Roglic. Bilbao è terzo a 1’04” da Kwiatkowski e Carapaz. 4° Hirschi a 2’42”. Ora inizia la discesa per la coppia di testa.

16.41 Ripresi Landa e Caruso. Anche oggi lo spagnolo ci ha provato, senza ottenere nulla. Ora i 2 km di sterrato per gli uomini di classifica.

16.40 Prova ad accelerare Pogacar, ma Roglic risponde subito e gli fa passare letteralmente la voglia…

16.39 Landa sta per venire ripreso dal gruppetto Roglic. Bilbao è terzo a 1’04” da Kwiatkowski e Carapaz. 4° Hirschi a 2’42”. Ora inizia la discesa per la coppia di testa.

16.38 Kuss, Mas, Pogacar, Roglic, Porte, Lopez e Valverde. Sono rimasti solo loro…

16.37 ATTACCA MAS, INCREDIBILE! Lo spagnolo sin qui aveva sempre faticato in salita, oggi ha preso l’iniziativa! Pogacar il primo a rispondere, Roglic non batte ciglio…

16.37 Si è appesantita la pedalata di Landa, solo 18″ sul gruppo maglia gialla. Ora lo spagnolo ha trovato Caruso, che si mette a disposizione.

16.35 Carapaz transita per primo al GPM davanti al compagno di squadra Kwiatkowski. Ora 2000 metri in sterrato, ma in falsopiano. Poi la discesa. 31 km all’arrivo.

16.34 300 metri al GPM.

16.33 Bravissimo Damiano Caruso, non è scoppiato sulla salita finale, tutt’altro. Si è gestito benissimo. A breve si metterà a disposizione di Landa.

16.31 Accelera Van Aert e subito il vantaggio di Landa scende a 20″. La Jumbo-Visma sta giocando al gatto col topo. Roglic sembra non fare nessuna fatica. Uran ha già perso un minuto, si staccano anche Adam Yates e Guillaume Martin.

16.30 Bellissima l’azione di Landa, sempre in piedi sui pedali. Qui Porte e Lopez, in chiave podio, dovrebbero rispondere…

16.29 1,3 km al GPM per Kwiatkowski e Carapaz. Landa sta andando a riprendere e saltare uno dopo l’altro tanti corridori in fuga dalla prima ora.

16.28 Molto agile la pedalata di Landa, sta dando tutto. 30″ guadagnati, non si può dire che a questo ragazzo manchino coraggio e personalità.

16.27 Kwiatkowski e Carapaz hanno staccato Bilbao. A 1’37” Hirschi, a 5’10” Caruso, a 6’33” Landa, a 6’57” il gruppo Roglic.

16.26 SI STACCA URAN! Si pianta completamente! Anche oggi rischia di arrivare al traguardo con tanti minuti di ritardo…

16.26 Van Aert, Dumoulin e Kuss: ci sono tutti i fedelissimi di Roglic. Jumbo-Visma che detta il ritmo, nessuno attacca. Il Tour è sempre più in banca per lo sloveno…

16.25 Sono rimasti in 15 nel gruppetto maglia gialla. Si è staccato Bennett, gregario di Roglic.

16.25 Attenzione a Hirschi, viaggia a 1’20” da Kwiatkowski e Carapaz.

16.24 Si alza sui pedali Landa, ma non sta facendo il vuoto. Comunque ha già guadagnato 15″.

16.23 La Bahrein-McLaren potrebbe decidere di fermare sia Bilbao sia Caruso per aspettare Landa e fornire un supporto al capitano.

16.22 Kwiatkowski e Carapaz si alzano sui pedali e staccano Bilbao. Poels intanto si è staccato, Landa è rimasto da solo. Ha guadagnato 7-8″.

16.20 ATTACCO DI SQUADRA DELLA BAHREIN-MCLAREN! Landa evade dal gruppo e si porta dietro il compagno Poels. E, davanti, potrebbe venire fermato Damiano Caruso. La Jumbo-Visma lascia fare…

16.20 Anche il gruppo maglia gialla ha iniziato la salita. Jumbo-Visma di nuovo davanti.

16.19 Non cambia il copione. Kwiatkowski continua a tirare, Carapaz resta a ruota e Bilbao arranca, ma non molla. I due corridori della Ineos stanno provando a staccare il rivale della Bahrein-McLaren.

16.18 Ora è la Movistar che si porta in testa a tirare. Possibile che Mas e Valverde vogliano provarci? Sarebbe una sorpresa.

16.16 3’20” di vantaggio per Damiano Caruso sul gruppo maglia gialla. Se si saprà gestire, potrebbe anche resistere.

16.15 Bilbao per il momento tiene bene, anche se lo sguardo dello spagnolo è molto affaticato.

16.14 Kwiatkowski detta l’andatura nel trio di testa. Sempre la Jumbo-Visma nell’avanguardia del plotone principale. La squadra della maglia gialla sta amministrando senza problemi. Per ora.

16.12 Dal 2° al 4° km la pendenza non scende mai sotto il 12%….Il gruppo maglia gialla ci arriverà fra 9 minuti, quindi serve pazientare ancora.

16.11 INIZIA IL MONTEE DU PLATEAU DES GLIERES! 6 km all’11,2%. Verranno assegnati anche i secondi abbuono ai primi tre al GPM, anche se i corridori in fuga sono fuori classifica.

16.10 Il gruppo di Damiano Caruso si trova a 5’14” dalla vetta e può contare su 3’40” sul gruppo maglia gialla. Riuscirà l’italiano a non farsi raggiungere dai favoriti? Difficilissimo, ma di sicuro, salvo cataclismi, la top15 è ormai in cassaforte. Bravo.

16.09 Sulla carta Carapaz è il grande favorito per il successo di tappa. Non dovrà però sottovalutare un Bilbao apparso in grande forma in questi giorni.

16.08 Hirschi non riuscirà a rientrare. 1’25” di ritardo per il forte svizzero dal terzetto di testa.

16.06 Il Montée du plateu des Glieres misura 6 km. E’ molto breve, ma la pendenza media è dell’11,2%! E’ un Mortirolo dimezzato…

16.04 Sta per terminare la discesa, poi i corridori affronteranno l’ultima grande salita di questo Tour.

16.02 Buongiorno amici di OA Sport da Federico Militello. Seguiremo insieme l’ultima parte di questa tappa.

16.00 Bob Jungels rientra nel gruppo degli inseguitori!

15.54 Hirschi si trova a 57″ da Carapaz, Kwiatkowski e Bilbao. Gli altri inseguitori si trovano a ben 3’20” dai tre battistrada. Gruppo a 8’20”.

15.51 Passa per primo l’ecuadoriano Richard Carapaz!

15.50 Siamo in cima al Col des Aravis.

15.42 Grandioso Hirschi! Lo svizzero è a soli 25″ dai battistrada!

15.39 A Les Aravis, Nairo Quintana è stato il primo big ad essersi sganciato dal gruppo della maglia gialla.

15.35 Col des Aravis (6,7 km al 7%), ascesa di 1^ categoria.

15.29 Carapaz, Kwiatkowski, Bilbao ed Edet sono ai piedi dalla salita del Col des Aravis.

15.23 Il gruppo è a 6’15” quindi, con ogni probabilità, qualcuno dei battistrada potrebbe giocarsi la vittoria di tappa.

15.19 Hirschi è a 25 ” da Carapaz, Kwiatkowski e Bilbao. Edet sta per rientrare su di loro, mentre il gruppo di Caruso è a 2’10”.

15.13 Lo svizzero è tornato prontamente in sella alla sua bici.

15.12 SCIVOLATA DI HIRSCHI IN DISCESA!

15.09 Hirschi passa per primo al Col des Saisies davanti a Carapaz.

15.05 Il gruppo degli inseguitori si riduce notevolmente, e resistono soltanto Caruso, Verona, Geschke, Herrada, Sanchez, De Gendt.

15.02 Nicolas Edet perde contatto dalla testa della corsa.

14.59 Mancano 3 km allo scollinamento per i cinque fuggitivi Richard Carapaz, Michal Kwiatkowski (Ineos Grenadiers), Pello Bilbao (Bahrain-McLaren), Nicolas Edet (Cofidis), Marc Hirschi (Team Sunweb).

14.51 Rientra Cataldo! Ma questo gruppetto di contrattaccanti si trova a ben 1′ dai 5 battistrada.

14.45 Dario Cataldo si stacca dal gruppo degli inseguitori.

14.40 Kwiatkowski, Carapaz, Edet, Hirschi e Bilbao sono sul Col des Saisies. I loro ex compagni di fuga si trovano a 1′. Gruppo a 4’45 ”. 95km alla fine.

14.35 Dario Cataldo e Nelson Oliveira (Movistar Team) rientrano sul gruppo dei contrattaccanti.

14.32 Eccoci dunque ai 14.6 km al 6,4% del Col des Saises (2^ categoria).

14.25 Ricapitoliamo la situazione in corsa:

In testa abbiamo Richard Carapaz, Michal Kwiatkowski (Ineos Grenadiers), Pello Bilbao (Bahrain-McLaren), Nicolas Edet (Cofidis), Marc Hirschi (Team Sunweb).
Alle loro spalle, staccati a 40″: Damiano Caruso (Bahrain-McLaren), Nans Peters (Ag2r La Mondiale), Bob Jungels (Deceuninck-Quick Step), Rudy Molard (Groupama-FDJ), Carlos Verona (Movistar Team), Simon Geschke (CCC Team), Jesús Herrada (Cofidis), Luis León Sánchez (Astana Pro Team), Nicholas Roche (Team Sunweb).
Poco più indietro abbiamo Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Dario Cataldo e Nelson Oliveira (Movistar Team).

14.20 Il gruppo sta lasciando andare i fuggitivi. Qualche attaccante del giorno potrebbe tentare la vittoria di tappa, e questo potrebbe essere propedeutico per Damiano Caruso, che si trova a ridosso della top ten della classifica generale.

14.14 All’imbocco della Côte de la Route des Villes, Kwiatkowski, Bilbao ed Edet raggiungono Carapaz e Hirschi in testa alla corsa.

14.09 Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) è ancora saldamente al comando della classifica dei GPM.

14.04 Hirschi e Carapaz hanno 20” di vantaggio sugli altri compagni di fuga. Gruppo a 3′.

13.59 Risultati alla Cormet de Roselend, km 46:
1. Marc Hirschi, 10 punti
2. Richard Carapaz, 8
3. Thomas De Gendt, 6
4. Michael Kwiatkowski, 4
5. Nicolas Edet, 2
6. Simon Geschke, 1
Gruppo a 2’40 ’’.

13.52 Pello Bilbao e Dario Cataldo guidano il gruppo dei 19 uomini in testa alla corsa a 3,5 km prima della vetta della Cormet de Roseland.

13.45 5 km prima della vetta, Damiano Caruso (Bahrain-McLaren) si ricongiunge dunque a Richard Carapaz, Michal Kwiatkowski (Ineos Grenadiers), Nans Peters (Ag2r La Mondiale), Bob Jungels (Deceuninck-Quick Step), Rudy Molard (Groupama-FDJ), Pello Bilbao (Bahrain-McLaren), Dario Cataldo, Nelson Oliveira, Carlos Verona (Movistar Team), Simon Geschke (CCC Team), Nicolas Edet, Jesús Herrada (Cofidis), Luis León Sánchez (Astana Pro Team), Thomas de Gendt (Lotto- Soudal), Marc Hirschi, Nicholas Roche (Team Sunweb).

13.41 Caruso rientra sul gruppo di testa, che sta perdendo diversi componenti.

13.38 Bettiol si rialza mentre allunga il suo compagno di squadra Hugh Carthy.

13.35 Il gruppo di testa, ancora guidato da Castroviejo, ha percorso 37,2 km nella prima ora di gara. Caruso si avvicina, è a soli 25 ”.

13.31 Si è ritirato André Greipel.

13.30 Ancora 10 chilometri di salita.

13.29 Alberto Bettiol che aveva perso contatto dal gruppo davanti sta aiutando Caruso a rientrare.

13.28 Ricordiamo che Caruso è dodicesimo in classifica generale, a 12’30” dalla vetta. Vicina la top-10.

13.27 Eccezionale Caruso che stacca il gruppo di Alaphilippe e si lancia in solitaria all’inseguimento del gruppo al comando.

13.26 Caruso agguanta il drappello di Alaphilippe.

13.25 Altro attacco di Damiano Caruso! Spettacolare il siciliano!

13.23 SI MUOVE DAMIANO CARUSO! Il miglior italiano in classifica generale prova a scattare. La Jumbo-Visma non lascia spazio.

13.21 Kämna, Alaphilippe, Cavagna, Sicard, Pacher e Rolland stanno provando a rientrare.

13.19 Davanti gran ritmo di Amador in chiave Carapaz.

13.17 Prova a scattare a sorpresa Guillaume Martin (Cofidis)! La Jumbo-Visma però risponde.

13.15 Dopo Bennett anche Peter Sagan perde contatto nel gruppo in avanscoperta.

13.14 Da dietro si sono mossi Sicard e Rolland provando a rientrare sui fuggitivi.

13.12 Ritmo altissimo in gruppo. Fuggitivi a 1’30”.

13.10 In difficoltà la Maglia Verde Bennett. Dovrà stare attento al tempo massimo.

13.08 Nel gruppo tira anche la Direct Energie.

13.06 Inizia il primo GPM di giornata: Cormet de Roselend, di prima categoria. 18,6 chilometri al 6,1%.

13.03 150 chilometri all’arrivo.

13.01 Prosegue l’attacco dei 30, cambi regolari. Plotone che soffre e perde secondi.

12.59 Dal gruppo a tutta la B&B che non ha nessun uomo davanti. 1′ di ritardo.

12.57 I risultati al traguardo volante:

1.      Sam Bennett, 20 points
2.      Trentin, 17
3.      Sagan, 15
4.      Van Baarle, 13
5.      Jungels, 11
6.      De Gendt, 10
7.      Kwiatkowski, 9
8.      De Buyst, 8
9.      Geschke, 7
10.  Neilands, 6
11.  Cataldo, 5
12.  Oliveira, 4
13.  Van Garderen, 3
14.  Bilbao, 2
15.  Bettiol, 1

12.54 Oltre alla coppia Bora-hansgrohe altri uomini si stanno muovendo dal plotone che è a 1′ dalla fuga.

12.52 32 uomini al comando: Jonathan Castroviejo, Richard Carapaz, Michal Kwiatkowski, Dylan Van Baarle (Ineos Grenadiers), Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), Nans Peters (Ag2r La Mondiale), Sam Bennett, Bob Jungels (Deceuninck-Quick Step), Rudy Molard, Sébastien Reichenbach (Groupama-FDJ), Pello Bilbao (Bahrain-McLaren), Alberto Bettiol, Tejay Van Garderen (EF Education First), Dayer Quintana (Arkéa-Samsic), Dario Cataldo, Nelson Oliveira, José Joaquín Rojas, Carlos Verona (Movistar Team),  Simon Geschke, Matteo Trentin (CCC Team), Nicolas Edet, Jesús Herrada (Cofidis), Luis León Sánchez (Astana Pro Team), Jasper de Buyst, Thomas de Gendt (Lotto-Soudal), Krists Neilands (Israel Start-Up Nation),  Michael Gogl, Michael Valgren (NTT Pro Cycling), Nikias Arndt, Marc Hirschi, Soren Kragh Andersen, Nicholas Roche (Team Sunweb).

12.48 Al traguardo volante Bennett batte Trentin e Sagan.

12.45 Provano a ripartire dal gruppo Kamna e Schachmann.

12.43 Jumbo-Visma che per ora tiene sotto controllo la situazione a 30” dagli attaccanti.

12.41 Davanti ovviamente c’è anche Matteo Trentin. A breve lo sprint intermedio.

12.38 Andato via un drappello piuttosto folto, ci sono Bennett e Sagan.

12.36 170 chilometri all’arrivo.

12.34 Si muove Dario Cataldo (Movistar).

12.32 Ovviamente tanti attacchi in questa prima fase.

12.28 INIZIA LA DICIOTTESIMA TAPPA!

12.26 Tutto quasi pronto per il via ufficiale.

12.19 Tantissima discesa in questo tratto di trasferimento.

12.15 Sono addirittura oltre 20 i chilometri di trasferimento oggi.

12.13 Immagini dalla partenza:

12.10 Anche oggi sarà partenza a tutta, tantissime le compagini che vorranno andare in fuga.

12.07 I corridori stanno prendendo il via per la partenza fittizia. Come di consueto tratto di trasferimento e alle 12.30 il via ufficiale.

12.04 Saranno 175 i chilometri che porteranno i corridori da Méribel a La Roche-sur-Foron. Si partirà subito con il traguardo volante di Aime, posizionato al chilometro 14. Poco dopo si inizierà già a salire verso il GPM di 1^ categoria della Cormet de Roseland, 18,6 km al 6,1%, con picchi dell’8% nella sua ultima parte. Una lunga discesa condurrà alla salita di 3^ categoria della Côte de la route des Villes (3,2 km al 6,6%). Da qui si entrerà nella fase calda della corsa dove potrà accadere qualsiasi cosa. Eccoci dunque con i 14.6 km al 6,4% del Col des Saises (2^ categoria), seguito subito dopo dal Col des Aravis (6,7 km al 7%); ascesa di 1^ categoria che farà una certa selezione in vista dell’ultimo GPM. La chance finale per fare il colpaccio è rappresentata dalla salita d’Hors Categorie del Montèe du Plateau des Glières, una rampa di 6 chilometri all’11,2%, e con punte del 15% intorno al chilometro 3. Scollinamento a quota 1400 metri s.l.m. , con un successivo tratto in falsopiano che porterà i corridori verso gli ultimi 32 chilometri. La prima metà sono in discesa, mentre il finale è contraddistinto dallo strappetto del Col des Fleuries, e successivamente dalla discesa conclusiva che conduce all’arrivo.

12.02 Oggi in programma la diciottesima tappa: decisiva ai fini della classifica generale.

12.00 Ben ritrovati con la diretta live del Tour de France 2020.

LIVE Coppa Sabatini 2020 in DIRETTA: Vincenzo Nibali ancora in gara in Toscana

Buongiorno a tutti e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE della diciottesima tappa del Tour de France 2020. Saranno 175 i chilometri che porteranno i corridori da Méribel a La Roche-sur-Foron, per un altro spettacolare tappone alpino. Scalatori chiamati nuovamente all’appello negli oltre 4.000 metri di dislivello presenti nella frazione odierna. Roglic e Pogacar allo scontro finale. 

Un’altra giornata in Savoia, ennesima battaglia per il podio di Parigi. Oggi si decide tutto. Si partirà subito con il traguardo volante di Aime, posizionato al chilometro 14. Poco dopo si inizierà già a salire verso il GPM di 1^ categoria della Cormet de Roseland, 18,6 km al 6,1%, con picchi dell’8% nella sua ultima parte. Una lunga discesa condurrà alla salita di 3^ categoria della Côte de la route des Villes (3,2 km al 6,6%). Da qui si entrerà nella fase calda della corsa dove potrà accadere qualsiasi cosa. Eccoci dunque con i 14.6 km al 6,4% del Col des Saises (2^ categoria), seguito subito dopo dal Col des Aravis (6,7 km al 7%); ascesa di 1^ categoria che farà una certa selezione in vista dell’ultimo GPM.

La chance finale per fare il colpaccio è rappresentata dalla salita d’Hors Categorie del Montèe du Plateau des Glières, una rampa di 6 chilometri all’11,2%, e con punte del 15% intorno al chilometro 3. Scollinamento a quota 1400 metri s.l.m. , con un successivo tratto in falsopiano che porterà i corridori verso gli ultimi 32 chilometri. La prima metà sono in discesa, mentre il finale è contraddistinto dallo strappetto del Col des Fleuries, e successivamente dalla discesa conclusiva che conduce all’arrivo. 

Battaglia finale tra i due sloveni Primoz Roglic (Jumbo-Visma) e Tadej Pogacar (UAE Team Emirates). Quest’oggi sarà l’ultimo scontro vis a vis tra i due connazionali per la contesa di questo Tour. Ovviamente ci sarà ancora la cronoscalata de La Planche de Belles Filles per cambiare il distacco tra i due, ma quello sarà uno scontro alla lontana; ognuno per la propria strada, divisi soltanto da un cronometro. Oggi Primoz sarà nuovamente favorito dalla sua squadra, pronta a portarlo in carrozza fino all’ultimo GPM. Nella tappa di ieri Tadej ha perso 24″ dal connazionale, e avrà sete di vendetta. 

Miguel Angel Lopez (Astana) è abbastanza sicuro del suo terzo posto, ma potrebbe incrementare ancora qualche secondo di sicurezza in vista della cronometro di sabato, che non sorride alle sue caratteristiche. Attesi possibili ribaltoni tra il 4° e 8° posto della generale, ossia tra Richie Porte (Trek-Segafredo), Adam Yates (Mitchelton-Scott), Rigoberto Uran (EF Pro Cycling), Mikel Landa (Bahrain McLaren) ed Enric Mas (Movistar), divisi da pochi e critici secondi l’uno dall’altro. Occhio ad altri uomini in crescita in queste ultime tappe come Alejandro Valverde (Movistar), Damiano Caruso (Bahrain McLaren) e Richard Carapaz (Ineos Grenadiers).

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE testuale della diciottesima frazione del Tour de France 2020 dalle ore 12.00, per non perdervi neanche un secondo di questo ultimo e attesissimo tappone alpino. Buon divertimento!

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI CICLISMO

lisa.guadagnini@oasport.it

Twitter: @lisa_guadagnini

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram

Clicca qui per mettere Mi piace alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Loading...

Lascia un commento

scroll to top