Coppa Sabatini 2020: trionfa in volata Dion Smith, battuto Pasqualon

È un australiano ad imporsi sul traguardo di Peccioli, che da anni contraddistingue la Coppa Sabatini, giunta alla 68ma edizione. Una volata di gruppo in leggera salita che è andata a Dion Smith, abile a sfruttare il lavoro della sua Mitchelton-SCOTT, agguantando così la prima vittoria della carriera da professionista.

Dopo vari attacchi si è formata la fuga di giornata. In avanscoperta otto uomini: Yukiya Arashiro (Bahrain MClaren), Florian Vermeersch (Lotto Soudal), Alexander Konychev (Mitchelton Scott), Nicholas Dlamini (NTT Pro Cycling), Giovanni Carboni (Bardiani CSF Faizanè), Kinfe Hailemichael (Nippo Delko Provence), Ivan Rovny (Gazprom Rusvelo) e Raffaele Radice (Sangemini Trevigiani MGKVIS). Il gruppo però non ha lasciato via libera con un margine di vantaggio che non ha mai superato i 5′.

Entrati nel circuito conclusivo sono iniziati gli scatti nel plotone, andando così a mano a mano a ridurre il gap dalla vetta. A circa 10 chilometri dall’arrivo il gruppo si è andato a compattare, sotto la spinta di un attivissimo Gianni Moscon, fresco di convocazione in Nazionale. Nessuno è riuscito a far la differenza, con il plotone che quindi si è diretto al completo verso il traguardo.

Eccezionale il lavoro della Mitchelton-SCOTT che ad andatura pazzesca ha condotto la volata per il proprio leader Dion Smith: l’australiano ha finalizzato al meglio con uno sprint perfetto, cogliendo la vittoria davanti ad Andrea Pasqualon (Circus – Wanty Gobert) e Alexandr Riabushenko (UAE-Team Emirates). Si sono disimpegnati al meglio gli uomini della Nazionale italiana, con quarto Jacopo Mosca e sesto Nicola Conci, nella top-10 anche Enrico Battaglin, settimo, ed Alessandro Covi, ottavo.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Valerio Pagni

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto2, GP Emilia-Romagna 2020: Mattia Pasini torna a gareggiare per sostituire Jorge Martin positivo al Covid-19

Hockey pista, Eurolega: i sorteggi della fase a gironi. Italia rappresentata dal Bassano