DIRETTA Giro d’Italia LIVE: Ciccone scala la classifica, 17° Nibali. Magrini: “Vincenzo non è fuori dai giochi”

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA DIRETTA LIVE DELLA TAPPA DI OGGI DEL GIRO D’ITALIA NOTARESCO-TERMOLI DALLE 12.50

LA FAGIANATA DI RICCARDO MAGRINI

LA CLASSIFICA GENERALE DEL GIRO D’ITALIA

LA CRONACA DELLA TAPPA DI OGGI

LE PAGELLE DELLA TAPPA DI OGGI

GIULIO CICCONE: “NON CREDEVO DI ESSERE COSI’ BRILLANTE. HO SBAGLIATO A SEGUIRE BETTIOL”

GIULIO CICCONE FA SOGNARE L’ITALIA E PUNTA AL PODIO. MA SERVE ACCORTEZZA TATTICA

EGAN BERNAL DIVENTA IL FAVORITO NUMERO 1 DEL GIRO D’ITALIA. YATES NON CONVINCE

VINCENZO NIBALI, MANCA LA BRILLANTEZZA MA LA TOP-10 NON E’ UTOPIA

DAMIANO CARUSO CAPITANO DELLA BAHRAIN-VICTORIOUS. PUNTA ALLA TOP-5

REMCO EVENEPOEL PUO’ VINCERE IL GIRO D’ITALIA?

I RESPINTI DAL COLLE SAN GIACOMO: HINDLEY, POZZOVIVO E I BIG CHE HANNO PERSO TERRENO

ATTILO VALTER E GINO MAEGER, CHI SONO LA MAGLIA ROSA E IL VINCITORE DI TAPPA?

VIDEO SERRY TAMPONATO DA UN’AMMIRAGLIA!

TUTTE LE CLASSIFICHE: MAGLIA CICLAMINO, AZZURRA E BIANCA

LE DICHIARAZIONI DI ATTILA VALTER, LA NUOVA MAGLIA ROSA

LE DICHIARAZIONI DI GINO MAEDER, VINCITORE DI TAPPA

LE DICHIARAZIONI DI REMCO EVENEPOEL

LE DICHIARAZIONI DI EGAN BERNAL

LE DICHIARAZIONI DI ALEKSANDR VLASOV

L’ORDINE D’ARRIVO DELLA TAPPA DI OGGI

17.35 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport! Troverete cronaca, classifiche, analisi, dichiarazioni, approfondimenti, video, pagelle, la Fagianata di Riccardo Magrini e tanto altro! Un saluto sportivo.

17.33 Vincenzo Nibali ci ha provato a rimanere con i migliori, poi è andato in grande difficoltà nell’ultimo km, chiudendo a 45″ da Bernal. Gli manca il ritmo gara, potrebbe crescere molto da qui a Milano.

17.31 Benissimo anche Damiano Caruso, per il quale la top5 non è più un’utopia. Oggi ha rifilato 53″ al compagno di squadra Pello Bilbao: il siciliano è ormai il PRIMO CAPITANO della Bahrain-Victorious. Bene anche Formolo, 11° nella generale e molto regolare.

17.30 Anche oggi non ha convinto Simon Yates, che ha perso ben 17″ da Bernal, abbuoni esclusi…Il britannico era troppo in forma al Tour of the Alps?

17.27 Abbiamo avuto la conferma che Egan Bernal è il grande favorito di questo Giro d’Italia. Ma attenzione a Remco Evenepoel: il belga è un fenomeno e può davvero tutto, anche se le salite lunghe rappresentano un’incognita.

17.24 L’Italia sogna con Giulio Ciccone. Oggi l’abruzzese ha attaccato in discesa a quasi 50 km dall’arrivo insieme a Bettiol e Bardet, guadagnando fino a 50″ sugli uomini di classifica. E’ stato ripreso alle pendici della salita finale. Poi, quando è scattato per due volte Egan Bernal, è stato il primo a rispondere, non mollando la ruota del colombiano! L’abruzzese ha solo pagato dazio nello sprint per il 2° posto, ma va benissimo così. Può puntare al podio, ma dovrà correre in maniera più accorta dal punto di vista tattico, senza sprecare troppe energie quando non serve (come accaduto oggi…).

17.22 La nuova classifica generale:

1 4 ▲3 VALTER Attila Groupama – FDJ 20 22:17:06
2 7 ▲5 EVENEPOEL Remco Deceuninck – Quick Step 0:11
3 10 ▲7 BERNAL Egan INEOS Grenadiers 0:16
4 6 ▲2 VLASOV Aleksandr Astana – Premier Tech 0:24
5 2 ▼3 VERVAEKE Louis Alpecin-Fenix 0:25
6 9 ▲3 CARTHY Hugh EF Education – Nippo 0:38
7 11 ▲4 CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 0:39
8 16 ▲8 CICCONE Giulio Trek – Segafredo 0:41
9 19 ▲10 MARTIN Dan Israel Start-Up Nation 0:47
10 14 ▲4 YATES Simon Team BikeExchange 0:49
11 12 ▲1 FORMOLO Davide UAE-Team Emirates 0:55
12 20 ▲8 MARTÍNEZ Daniel Felipe INEOS Grenadiers 1:06
13 23 ▲10 SOLER Marc Movistar Team 1:14
14 17 ▲3 BARDET Romain Team DSM ,,

17.20 Valter è un giovane di 22 anni. Oggi ha chiuso 12°, insieme a gente come Vlasov e Yates. Davvero una sorpresa inattesa.

17.19 L’ungherese Attila Valter (FDJ) a sorpresa si prende la maglia rosa!

17.18 Bernal, col 2° posto, ha preso 6″ di abbuono. 4″ per Dan Martin.

17.17 L’ordine d’arrivo della tappa di oggi:

1 MÄDER Gino Bahrain – Victorious 100 80 4:17:52
2 BERNAL Egan INEOS Grenadiers 40 50 0:12
3 MARTIN Dan Israel Start-Up Nation 20 35 ,,
4 EVENEPOEL Remco Deceuninck – Quick Step 12 25 ,,
5 CICCONE Giulio Trek – Segafredo 4 18 0:14
6 CARUSO Damiano Bahrain – Victorious 15 0:25
7 MARTÍNEZ Daniel Felipe INEOS Grenadiers 12 ,,
8 SOLER Marc Movistar Team 10 0:27
9 CARTHY Hugh EF Education – Nippo 8 0:29
10 VLASOV Aleksandr Astana – Premier Tech 6 ,,
11 YATES Simon Team BikeExchange 5 ,,
12 VALTER Attila Groupama – FDJ 4 ,,
13 BUCHMANN Emanuel BORA – hansgrohe 3 0:40
14 BARDET Romain Team DSM 2 ,,
15 FOSS Tobias Team Jumbo-Visma 1 ,,
16 ALMEIDA João Deceuninck – Quick Step ,,
17 FORMOLO Davide UAE-Team Emirates ,,
18 NIBALI Vincenzo Trek – Segafredo 0:57
19 SCHULTZ Nick Team BikeExchange ,,
20 RUBIO Einer Augusto Movistar Team 1:10
21 FORTUNATO Lorenzo EOLO-Kometa 1:12
22 VERVAEKE Louis Alpecin-Fenix ,,
23 TAARAMÄE Rein Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux 1:14

17.15 Nibali paga nel finale e chiude a 57″.

17.15 2° Bernal a 14″, poi Martin, Evenepoel e Ciccone. A 25″ Caruso.

17.14 Gino Mader (Bahrain-Victorious) vince la tappa!

17.13 500 metri all’arrivo, Mader davanti, poi Bernal, Ciccone, Evenepoel e Dan Martin.

17.13 Vlasov ha perso circa 7″ e sta provando a rientrare insieme a Caruso.

17.12 Ultimo km, solo 33″ per Mader!

17.11 ALTRA RASOIATA DI BERNAL, MA CICCONE NON MOLLA LA RUOTA, GRANDISSIMO! Con loro anche Evenepoel e Martin!

17.11 Ripresi Cataldo e Mollema. Vlasov e Caruso sono lì, anche Nibali prova a resistere con orgoglio!

17.10 VAI GIULIO, VAI! Non mollare la ruota del colombiano!

17.10 ATTACCA BERNAL! RISPONDE BENISSIMO GIULIO CICCONE!

17.10 Mader ha 46″ su Martinez e 56″ sul gruppetto dei migliori.

17.09 Masnada si fa da parte, ora c’è Joao Almeida a tirare per Evenepoel.

17.09 2 km all’arrivo, Mader verso la vittoria.

17.07 Sempre Masnada a tirare il gruppetto dei migliori, Martinez ha guadagnato appena 5 secondi.

17.07 SI STACCA HINDLEY! L’australiano giunse 2° al Giro del 2020, ma quest’anno è lontanissimo da quel livello.

17.06 Attenzione perché questo attacco di Martinez potrebbe servire a preparare il terreno al capitano Bernal…

17.06 SCATTO SECCO DEL COLOMBIANO DANIEL MARTINEZ (Ineos).

17.05 Lo svizzero Gino Mader si alza sui pedali e stacca Cataldo e Mollema a 3,2 km dal traguardo!

17.04 3,5 km all’arrivo e solo un minuto di vantaggio per Mollema, Cataldo e Mader. Adesso si fa dura. Gruppetto dei favoriti sempre tirato dalla Deceuninck.

17.03 Ora Masnada sta tirando per Evenepoel. A proposito di italiani gregari…

17.02 Scende a 1’20” il vantaggio dei battistrada.

17.02 ULTIMI 4 KM! Ora il tratto più duro della salita! Sono rimasti in 20 nel gruppetto degli uomini di classifica!

17.01 Castroviejo si fa da parte, arriva davanti la Deceuninck di Evenepoel! Davanti abbiamo anche Fabbro e Formolo.

17.01 Mollema, Cataldo e Mader mantengono 1’34” di vantaggio, potrebbero farcela.

17.00 5 km all’arrivo! Non aspettiamoci grandi distacchi, ma qualcuno potrebbe perdere anche 30-40 secondi se andrà in crisi!

16.59 Si portano avanti Bardet e Hindley. Abbastanza indietro Damiano Caruso.

16.58 Ultimi 4 km al 7,6%: lì qualcuno potrebbe provarci…

16.57 Mancano 6 km al traguardo. Negli ultimi 4 km potrebbe scatenarsi la bagarre!

16.57 Ora Castroviejo aumenta l’andatura e scende a 1’40” il vantaggio di Mollema, Mader e Cataldo!

16.56 Nibali nelle parti alte del gruppo. Più indietro Ciccone, che potrebbe pagare il tentativo di attacco precedente.

16.55 Mollema sembra il più pimpante. L’olandese è fortissimo in salita, in carriera ha vinto anche un Giro di Lombardia.

16.54 Ormai è molto probabile che siano Cataldo, Mollema e Mader a giocarsi la tappa. Per loro 2’02” di vantaggio sugli uomini di classifica.

16.53 Ecco il video dell’assurdo tamponamento di Serry.

16.52 Sempre Ineos-Grenadiers a dettare l’andatura in gruppo. Ora c’è lo spagnolo Castroviejo davanti, seguito da Gianni Moscon. Fa male vedere tutti questi italiani di livello relegati al ruolo di gregari.

16.51 Prime scaramucce davanti. Mollema prova ad allungare, ma Cataldo e Mader rispondono prontamente.

16.49 Si stacca Filippo Ganna. Ha dato davvero tutto quello che aveva e anche di più.

16.48 Si stacca Bennett, ma è evidente che il neozelandese non si è presentato in forma a questo Giro d’Italia.

16.47 Siamo a 10 km dall’arrivo. Mader, Mollema e Cataldo, per ora, si danno cambi regolari. Per loro 2’15” sul gruppo dei favoriti, ancora tirato da un Ganna in versione Duracell.

16.45 ALLUCINANTE, NON E’ POSSIBILE! Il belga Pieter Serry si era staccato dal gruppo dei migliore ed è stato tamponato dall’ammiraglia della BikeExachange! Chi guidava l’ammiraglia si è proprio distratto! Per fortuna il belga si è rialzato, anche se arrabbiatissimo. Come dargli torto…

16.44 A ruota si sta bene in questa fase, benissimo. Ganna sta salendo a 27 km/h…

16.43 Ha smesso di piovere.

16.42 Indovinate chi sta tirando il gruppo dei favoriti? FILIPPO GANNA! Siamo proprio sicuri che il piemontese, con una preparazione adeguata, non possa giocarsi una corsa a tappe? Sarebbe da provare…

16.40 Lo sloveno Mohoric, dopo aver lavorato a fondo, si stacca. Davanti restano Cataldo, Mader e Mollema. Sulla carta è Mollema il più forte in salita. L’olandese è uscito molto presto di classifica.

16.40 E’ difficile che qualcuno attacchi prima degli ultimi 4 km. Tanti però potrebbero staccarsi sotto l’impulso del ritmo imposto dalla Ineos.

16.39 2’38” il vantaggio per i quattro al comando a 13,5 km dall’arrivo.

16.37 Il plotone principale è ancora tirato da un instancabile Ganna…

16.36 Scivolata di un corridore della Bora-hansgrohe. Si tratta dell’austriaco Grossschartner. L’asfalto viscido fa brutti scherzi.

16.36 INIZIATA LA SALITA DI SAN GIACOMO! 15,5 km al 6,1% di pendenza media e massima del 10%. Ultimi 4 km al 7.6%. E’ il primo arrivo in salita di questo Giro d’Italia!

16.35 Mader, Mohoric, Cataldo e Mollema hanno 2’49” sul gruppo dei favoriti quando inizia la salita finale di San Giacomo!

16.34 Sempre Filippo Ganna a tirare il gruppo, è mostruoso!

16.34 Ripresi Ciccone, Bettiol e Bardet. Un attacco coraggioso, che ora potrebbero pagare.

16.33 Il gruppo Ineos sta per andare a riprendere Ciccone, Bardet e Bettiol.

16.32 De Marchi, in maglia rosa, è sprofondato a 8’38” dalla vetta.

16.31 Ora precipita il vantaggio di Ciccone, appena 22″. Speriamo che l’italiano non si sia bruciato…

16.30 20 km all’arrivo.

16.30 La Trek-Segafredo vuole giocarsi la tappa con Mollema, per questo non ha fermato l’olandese per mettersi a disposizione di Ciccone. E’ chiaro che non credono nelle velleità di classifica dell’italiano, peccato.

16.29 Per la tappa può succedere di tutto. Corridori come Mader, Cataldo e Mollema possono benissimo difendere 2 minuti di vantaggio e trionfare ad Ascoli Piceno.

16.28 Torna a salite il vantaggio di Ciccone sul gruppo Bernal: 42″. Basteranno all’abruzzese?

16.27 Pazzesco Ganna, sta tirando ancora lui in testa al gruppo! Davvero la Ineos spreme il campione del mondo a cronometro come un limone.

16.26 Mancano 7 km alla salita finale. Continua a piovere e fa freddo. Temperature invernali.

16.25 A 25 km dall’arrivo abbiamo davanti 4 corridori: Mohoric, Mader, Cataldo e Mollema. A 2’11” Ciccone, Bardet, Bettiol, Ravanelli, Janssens e Guglielmi. A 2’45” il gruppo Ineos, che ora sta guadagnando tanto.

16.24 Cala a 39″ il vantaggio di Ciccone.

16.23 Bettiol, Ciccone e Bardet hanno ripreso Ravanelli, Janssens e Guglielmi, che facevano parte della fuga della prima ora.

16.22 E’ un’ascesa molto pedalabile. Ed è per questo che la situazione di Ciccone non è semplice: la Ineos-Grenadiers potrebbe imporre un ritmo asfissiante con i suoi temibili passisti-scalatori.

16.21 La salita finale di San Giacomo misura 15,5 km al 6,1% di pendenza media, punta del 10% e ultimi 4 km al 7.6%.

16.20 A questo punto Ciccone si è esposto troppo per non provarci sino in fondo. Dovrà approcciare la salita finale di San Giacomo a tutta, sperando di mantenere un ritmo tale da non farsi riprendere.

16.19 50 SECONDI! Giulio Ciccone, insieme a Bettiol e Bardet, guadagna ancora qualcosa sul plotone degli uomini di classifica.

16.17 30 km all’arrivo. Egan Bernal sta mangiando una barretta energetica.

16.17 In cima alla salita di San Giacomo fa davvero freddo, circa 7°!

16.16 Sale a 45″ il vantaggio di Ciccone, Bardet e Bettiol nei confronti degli altri uomini di classifica. Ma la Ineos-Grenadiers fa paura: chissà che passo insostenibile imporrà sulla salita finale, che è molto pedalabile…

16.15 Bettiol continua a discutere con Ciccone. Non c’è molto accordo,

16.14 Mohoric si sta spendendo a fondo tra i quattro di testa al servizio del compagno di squadra Mader. La Bahrain-Victorious è in superiorità numerica.

16.13 I quattro davanti stanno andando forte, perché mantengono stabile il vantaggio: 2’19” su Bardet, Ciccone e Bettiol, 3’01” sul gruppo Ganna.

16.12 Continua a piovere sempre più forte e fa sempre più freddo. La salita finale di San Giacomo stravolgerà completamente la classifica generale.

16.11 36 km all’arrivo, la discesa è ancora molto lunga, altri 20 km!

16.09 Bernal dovrà fare una statua a Filippo Ganna. Il campione del mondo a cronometro sta mantenendo un’andatura notevole in discesa. Rimane sui 40″ il vantaggio di Ciccone. A questo punto l’abruzzese ci deve provare fino in fondo.

16.08 Perché la Trek-Segafredo non ferma Mollema per dare una mano importante a Ciccone? Tatticamente stanno sbagliando, a nostro avviso.

16.07 40 km all’arrivo. Mader, Mohoric, Cataldo e Mollema hanno 2’28” su Ciccone, Bettiol e Bardet, 3’05” sul gruppo con Bernal, Yates, Vlasov e gli altri favoriti, 4’52” sul gruppo maglia rosa, dove oltre a De Marchi figurano anche Pozzovivo e Buchmann.

16.06 40 SECONDI DI VANTAGGIO per Ciccone, Bardet e Bettiol sul gruppo degli altri uomini di classifica!

16.05 Brutta notizia per Ciccone: ora Ganna torna davanti a tirare in un tratto in falsopiano!

16.04 Bettiol e Ciccone si arrabbiano con Bardet perché il francese salta qualche cambio.

16.03 Giulio Ciccone ha coraggio da vendere. Così spende davvero tante energie, forse troppe per un corridore che punta alla classifica generale. Tuttavia meglio i corridori che hanno inventiva di quelli computerizzati.

16.01 Cataldo e Mollema rientrano su Mader e Mohoric. Sono in 4 davanti con 2’18” su Ciccone, Bettiol e Bardet!

16.00 C’è anche il francese Bardet insieme a Ciccone e Bettiol. E’ un attacco molto coraggioso a 47 km dall’arrivo.

15.59 CICCONEEEEEEEEEEEEE!!! Attacca in discesa con Alberto Bettiol sotto una pioggia battente! Che coraggio questo ragazzo!

15.57 La salita finale inizierà a 15,5 km dall’arrivo. Pendenza media del 6,1% e massima del 10%. Gli ultimi 4 km sono al 7.6% di pendenza media.

15.56 Mader e Mohoric attaccano in discesa e staccano gli ex-compagni di fuga.

15.54 Bettiol in testa al gruppo principale in discesa.

15.53 53 km all’arrivo. 2’22” di vantaggio per i fuggitivi sul gruppetto dei favoriti, 4’05” su De Marchi, Buchmann e Pozzovivo.

15.51 C’è anche Domenico Pozzovivo nel gruppetto di De Marchi! Dunque il lucano non farà classifica in questo Giro d’Italia.

15.50 Già oltre un minuto di ritardo per De Marchi dal plotone Ineos, nel quale sono presenti tutti gli uomini di classifica. Oggi la maglia rosa cambierà padrone.

15.48 Lo sloveno Mohoric transita per primo al GPM di terza categoria di Forca di Presta. 2° Cataldo.

15.47 Adesso i corridori affronteranno una interminabile discesa di ben 44 km! A seguire la salita finale verso San Giacomo.

15.46 Ora Ganna si scansa e va davanti il compagno di squadra Castroviejo. Ciò consente a chi si era staccato di rientrare. Erano rimasti circa 12-15 corridori davanti dopo la rasoiata del campione del mondo a cronometro…

15.45 ALLUCINANTE GANNA!!! Progressione letale, si frattura ulteriormente il gruppo principale! Intanto continua a piovere e fa freddo (13°).

15.44 Sale a 40″ il ritardo di De Marchi dal plotone principale.

15.43 Ricordiamo gli 8 fuggitivi: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious),Simon Guglielmi (Groupama – FDJ), Dario Cataldo (Movistar Team) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team). Per loro 3′ di vantaggio sul plotone dei favoriti a 60 km dal traguardo. Oggi saranno gli uomini di classifica a giocarsi la tappa.

15.41 Ripresi Cataldo e Bouchard, tornano in 8 nel gruppetto di testa.

15.41 Come sta andando Filippo Ganna…Sta imponendo un ritmo pazzesco, tantissimi lo pagheranno sulla salita finale. Alcuni lo stanno già pagando, vedi De Marchi.

15.41 C’è anche Buchmann nel gruppetto di De Marchi. La maglia rosa ha già perso una trentina di secondi.

15.40 Siamo ora sul GPM di terza categoria di Forca di Presta.

15.39 De Marchi si è staccato dal gruppo Ineos, momento molto difficile per la maglia rosa.

15.39 FA LA DIFFERENZA LA INEOS! Sotto l’impulso di Ganna, il vantaggio dei fuggitivi è precipitato a 3’20”! Bernal vuole la tappa?

15.38 Scattano Cataldo e Bouchard: se ne vanno via l’italiano ed il francese.

15.37 Questi i distacchi in classifica generale degli otto fuggitivi: lo svizzero Gino Maeder a 3’58”, il francese Geoffrey Bouchard a 9’38”, lo sloveno Matej Mohoric a 13’02”, l’olandese Bauke Mollema a 13’59”, Simone Ravanelli a 14’19”, Dario Cataldo a 21’09”, il francese Simon Guglielmi a 24’04”, il belga Jimmy Janssens a 38’32”.

15.35 Attenzione perché sta piovendo, l’asfalto è viscido. Occhio alle cadute…

15.34 Gruppo principale frantumato in tre tronconi, De Marchi è nella seconda parte.

15.32 SI SPEZZA IL GRUPPO NELLA DISCESA che porterà alle pendici di Forca di Presta. Si mette davanti la Ineos con Filippo Ganna!

15.30 Buongiorno amici di OA Sport da Federico Militello. Seguiremo insieme questa fase finale del tappone appenninico.

15.29 Nel frattempo il gap tra il gruppo e i fuggitivi si è assestato a 5′.

15.27 Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team) e Gino Mäder (Bahrain – Victorious) provano ad allungare in discesa.

15.25 Bouchard passa per primo al GPM di Forca di Gualdo davanti a Ravanelli.

15.23 Siamo in prossimità del GPM.

15.21 Forte vento sulla linea del traguardo di San Giacomo.

15.19 Intanto ricordiamo i nomi degli otto fuggitivi: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious),Simon Guglielmi (Groupama – FDJ), Dario Cataldo (Movistar Team) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team).

15.16 Ci avviciniamo alla vetta del GPM di Forca di Gualdo.

15.13 Ottimo accordo in salita tra gli otto battistrada.

15.10 Bruttissime nubi sulla linea del traguardo di San Giacomo. Ci sarà una lotta anche tra il gruppo e il maltempo.

15.07 Si sono già staccati alcuni velocisti, tra cui Giacomo Nizzolo ed Elia Viviani.

15.04 Ricordiamo che subito dopo questa salita, lo zampellotto di Castelluccio (km 92,3) porterà al secondo GPM del giorno, il terza categoria di Forca di Presta (km 100,4) con i suoi 4,8 chilometri al 4,2% e picchi del 10%.

15.01 Anche il gruppo maglia orsa si trova ai piedi dell’ascesa di Forca di Gualdo.

14.58 La pioggia sta iniziando a dare una tregua alla corsa.

14.55 Ricordiamo intanto l’attuale top ten della classifica generale:

1 1 – DE MARCHI Alessandro Israel Start-Up Nation 20 17:57:45
2 3 ▲1 VERVAEKE Louis Alpecin-Fenix 0:42
3 4 ▲1 OLIVEIRA Nelson Movistar Team 0:48
4 5 ▲1 VALTER Attila Groupama – FDJ 1:00
5 6 ▲1 EDET Nicolas Cofidis, Solutions Crédits 1:15
6 7 ▲1 VLASOV Aleksandr Astana – Premier Tech 1:24
7 8 ▲1 EVENEPOEL Remco Deceuninck – Quick Step 1:28
8 9 ▲1 BETTIOL Alberto EF Education – Nippo 1:37
9 10 ▲1 CARTHY Hugh EF Education – Nippo 1:38
10 11 ▲1 BERNAL Egan INEOS Grenadiers 1:39

14.52 Il gap tra i fuggitivi e il gruppo è sceso a 4’44”.

14.49 Ottimo lavoro dell’Israel Start-Up Nation in testa al gruppo in favore della maglia rosa Alessandro De Marchi.

14.46 I battistrada sono sull’ascesa di Forca di Gualdo. Quest’ultima misura 10,4 chilometri al 7,4% con punte del 12% nella sua prima parte. Una lunga picchiata che potrebbe già scremare il gruppo.

14.43 Ricordiamo che il romagnolo era caduto nella frazione di Sestola.

14.40 Da segnalare il ritiro del velocista azzurro Manuel Belletti (Eolo Kometa).

14.36 91 km alla conclusione e 5’03” di ritardo del gruppo.

14.34 Lo strappetto de Le Fornaci, al chilometro 65,7, introdurrà il primo GPM di giornata, l’ascesa umbra di seconda categoria di Forca di Gualdo (km 88,1).

14.31 Al momento Gino Mäder (Bahrain – Victorious) è la maglia rosa virtuale.

14.28 95 km al traguardo e 5’10” di vantaggio per gli otto fuggitivi.

14.25 Ricordiamo dunque i nomi degli otto fuggitivi: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious),Simon Guglielmi (Groupama – FDJ), Dario Cataldo (Movistar Team) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team).

14.22 Addirittura grandine! Ennesima giornata infernale al Giro 2021.

14.19 Pioggia sulla corsa.

14.16 Abbiamo dunque otto uomini al comando!

14.12 Ma attenzione! In prossimità del traguardo volante di Pieve Torina Mollema e Bouchard riescono a riportarsi sulla testa della corsa!

14.09 Oramai hanno soltanto 27″ di vantaggio sul plotone.

14.06 Mollema e Bouchard rischiano di farsi riprendere dal gruppo.

14.03 E sale a 53″ il gap tra Mollema-Bouchard e i battistrada.

14.02 Sale a 4’50” il ritardo del gruppo.

13.59 Nella prima ora di corsa sono stati affrontati 43,1 km.

13.56 Inseguono dunque Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team).

13.53 Ricordiamo i nomi dei sei fuggitivi: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious),Simon Guglielmi (Groupama – FDJ) e Dario Cataldo (Movistar Team).

13.50 Il gruppo si trova oramai a 3’38”, mentre il margine tra battistrada e inseguitori è di 30″.

13.47 Mollema insiste nella sua azione!

13.44 27″ è il margine tra la coppia formata da Mollema e Bouchard rispetto ai sei battistrada.

13.41 1’20” è il ritardo del gruppo. Difficile il rientri sulla testa della corsa di Mollema e Bouchard.

13.38 Il gruppo si è fermato e lascia andare la fuga.

13.36 Da dietro si muove anche Bauke Mollema assieme al francese Bouchard.

13.34 Hanno preso un leggero margine in sei: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious),Simon Guglielmi (Groupama – FDJ) e Dario Cataldo (Movistar Team).

13.29 Hanno guadagnato un po’ di spazio cinque corridori.

13.26 Altra trenata di Filippo Ganna: gruppo allungatissimo.

13.24 Partenza incredibile, gruppo che è esploso. Ora l’Astana prova a gestire la situazione.

13.22 Ora hanno guadagnato un po’ di spazio in due: il portoghese Guerreiro ed il colombiano Rubio.

13.20 Grande reazione della Israel: gruppo quasi compatto.

13.19 Attenzione: davanti dovrebbe essere presente anche Alberto Bettiol che è vicinissimo a De Marchi in classifica generale.

13.17 Il gruppo non ci sta e prova a rispondere: la Maglia Rosa non vuol lasciar andare via la fuga.

13.15 Sembra essere andata via definitivamente la fuga: 26 corridori davanti, gruppo a 30”.

13.13 Anche Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) è riuscito a rientrare sui fuggitivi.

13.11 In gruppo si è calmata la situazione, tira la Israel Start-Up Nation di De Marchi.

13.09 Altri corridori stanno rientrando sul drappello davanti.

13.07 Il gruppo non lascia fare, davanti una ventina di corridori che stanno guadagnando.

13.04 Plotone allungatissimo in discesa.

13.02 In salita un drappello di una quindicina di corridori è riuscito a prendere un bel vantaggio.

13.00 Tra i primi a muoversi Giovanni Carboni della Bardiani CSF Faizané.

12.58 Subito gli scatti!

12.57 Partiti ufficialmente!

12.54 Corridori prontissimi in testa al gruppo, tanti vogliono provarci.

12.51 Sarà un avvio molto insidioso visto che ci saranno diversi saliscendi.

12.48 Corridori che sono nella fase di trasferimento. Tra poco più di 5′ il via ufficiale.

12.45 Oggi ci sarà sicuramente gran battaglia per la fuga.

12.42 Iniziata la sesta tappa del Giro d’Italia.

12.40 Cambia maglia Giacomo Nizzolo: il campione d’Europa si è tinto di ciclamino.

12.37 Molto sorridente ovviamente Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), per il suo secondo giorno in Maglia Rosa.

12.34 Tutto pronto per la partenza.

12.31 Vista l’assenza di Dombrowski per il ritiro, torna a vestire la Maglia Azzurra di leader della classifica dei GPM Vincenzo Albanese.

12.28 Oltre 3500 metri di dislivello da percorrere.

12.26 La frazione odierna nel dettaglio:

12.23 Ovviamente ci sarà una prima fase di trasferimento, poi lo start ufficiale.

12.20 I corridori sono al foglio firma, il via verrà dato alle 12.35.

12.16 Al momento c’è bel tempo nella zona di partenza:

12.13 Niente da fare anche per il transalpino François Bidard (AG2R Citroën Team).

12.11 In mattinata la UAE Emirates ha annunciato il ritiro di Joe Dombrowski, vincitore della tappa di Sestola.

12.09 Pavel Sivakov non ce l’ha fatta: il russo della Ineos Grenadiers ha tenuto duro, è arrivato a 13′ da Ewan in quel di Cattolica, ma si è dovuto arrendere al dolore.

12.07 Dopo il ritiro di Mikel Landa di ieri, oggi altri tre corridori non prenderanno il via.

12.05 La frazione sarà , contraddistinta da due GPM a metà tappa e un’interminabile discesa che porterà il gruppo alla salita conclusiva di San Giacomo, dove si attende una gran bella battaglia tra i big candidati alla maglia rosa.

12.02 Oggi in programma la sesta frazione: da Grotte di Frasassi ad Ascoli Piceno. Saranno 160 chilometri senza tregua.

12.00 Buongiorno e ben ritrovati con il Giro d’Italia 2021.

La presentazione della sesta tappaLa cronaca della quinta tappaIl trionfo in volata di Caleb EwanLanda dice addio ai sogni di gloriaL’abbandono forzato di SivakovLe pagelle della quinta tappaTutte le classifiche ‘La Fagianata’ di Riccardo Magrini

Buongiorno a tutti e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE dell’insidiosa sesta frazione appenninica del Giro d’Italia 2021 da Grotte di Frasassi ad Ascoli Piceno. Saranno 160 chilometri senza tregua, contraddistinti da due GPM a metà tappa e un’interminabile discesa che porterà il gruppo alla salita conclusiva di San Giacomo, dove si attende una gran bella battaglia tra i big candidati alla maglia rosa.

Un lungo saliscendi condurrà il gruppo al traguardo volante di Pieve Torina al chilometro 54,7, prima di affrontare lo strappetto de Le Fornaci (km 65,7), che introdurrà il primo GPM di giornata, l’ascesa umbra di seconda categoria di Forca di Gualdo (km 88,1). Quest’ultima misura 10,4 chilometri al 7,4% con punte del 12% nella sua prima parte. Una lunga picchiata che potrebbe già scremare il gruppo. Lo zampellotto di Castelluccio (km 92,3) porterà al secondo GPM del giorno, il terza categoria di Forca di Presta (km 100,4) con i suoi 4,8 chilometri al 4,2% e picchi del 10%.

Una lunghissima discesa di ben 44 chilometri, di cui la prima metà tecnici, riporterà nelle Marche e al secondo traguardo volante di questa tappa, quello di Ascoli Piceno (km 144,3) che segnerà l’inizio dell’ascesa finale di seconda categoria verso San Giacomo. Dopo l’abitato di Ascoli Piceno la strada salirà costantemente al 5% circa fino a Colle San Marco. Qui la pendenza aumenterà leggermente fino all’arrivo con punte del 10%. Ultimi 3 chilometri al 7,7% di pendenza media. 

Parlando dei favoriti del giorno, partiamo innanzitutto dal leader della generale Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation), un uomo che regge bene in salita e che potrebbe difendersi cercando di tenersi ben stretta ancora per un po’ la sua maglia rosa. Ma il friulano dovrà stare molto attento a colui che, al momento, sembra essere il vero favorito di questo Giro: Egan Bernal (Ineos Grenadiers), che sul traguardo di Sestola ha dimostrato di avere una condizione e un piglio invidiabili.

Ottima forma fisica apparsa anche nelle gambe e nella testa del giovane Aleksandr Vlasov (Astana-Premier Tech), Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) e Hugh Carthy (EF Education Nippo). Attenzione poi alla coppia della Bahrain Victorius formata da Pello Bilbao e Damiano Caruso che, dopo l’abbandono forzato di Mikel Landa, avranno voglia di vendicare questa brutta sconfitta del loro capitano.

Coloro che invece sono apparsi un po’ tentennanti in quel di Sestola sono Remco Evenepoel (Deceuninck-Quick Step), Simon Yates (Team BikeExchange), Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo) e Domenico Pozzovivo (Qhubeka Assos); quindi sono chiamati a qualche dimostrazione in più. Attenzione a possibili outsider del giorno come la coppia del Team DSM con Romain Bardet e Jai Hindley, Marc Soler (Movistar) e Dan Martin (Israel Start-Up Nation). In conclusione chissà se Joao Almeida (Deceuninck-Quick Step) avrà la forza di rimediare in qualche modo ciò che ha perso l’altro ieri.

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE testuale integrale della sesta tappa del Giro d’Italia 2021 dalle ore 12.00. Buon divertimento!

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LIVE Atletica, Meeting Savona 2021 in DIRETTA: video Marcell Jacobs record italiano! 9″95 supersonico. “E posso migliorare…”

Giro d’Italia 2021, Davide Formolo su Instagram: “Uno dei giorni più freddi della mia carriera”