Giro d’Italia 2021: tappa a Maeder, Valter stupisce in maglia rosa. Giulio Ciccone esaltante!

Un Giro d’Italia 2021 stupendo. Il percorso ed il maltempo ci hanno messo lo zampino, ma i corridori continuano ad animare una corsa che fino ad ora è bellissima. A trionfare nella sesta tappa con partenza da Grotte di Frasassi ed arrivo in cima ad Ascoli Piceno sul San Giacomo è lo svizzero Gino Mader che dedica la vittoria al compagno di squadra Mikel Landa, ritirato ieri. Cambia il leader della classifica generale: a sorpresa al comando un ungherese, Attila Valter. 

Velocità pazzesche sin dai primi chilometri. Percorso molto insidioso, con saliscendi sin dalla partenza e in tantissimi hanno provato ad attaccare. Si era formato un drappello di circa trenta unità al comando, ma la Israel Start-Up Nation è riuscita ad andare a chiudere in un secondo momento.

Alla fine è andata via la fuga con otto unità: Simone Ravanelli (Androni Giocattoli-Sidermec), Jimmy Janssens (Alpecin-Fenix), Gino Mäder (Bahrain – Victorious), Matej Mohorič (Bahrain – Victorious), Simon Guglielmi (Groupama – FDJ), Dario Cataldo (Movistar Team) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team). Il gruppo ha lasciato spazio fino a circa cinque minuti.

Ad 80 chilometri dal traguardo si è infiammata la corsa a causa del maltempo. A prendere in mano le redini del gruppo è stata la Ineos Grenadiers trascinata da un Filippo Ganna in versione monstre. Il piemontese ha sgretolato il plotone dopo il GPM di Forca di Gualdo, sfruttando anche il vento laterale, e a farne le spese sono stati Domenico Pozzovivo (Qhubeka-Assos) e la Maglia Rosa Alessandro De Marchi (Israel Start-Up Nation).

Nella discesa dalla successiva salita, la Forca di Presta, davanti sono rimasti solamente Mohoric, Mader, Cataldo e Mollema; dal gruppo invece sono fuoriusciti Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), Romain Bardet (Team DSM) e Alberto Bettiol (EF Nippo). Il terzetto è stato ripreso dagli altri rivali proprio nei pressi dell’ascesa conclusiva, dopo aver toccato anche 50″ di vantaggio.

Tra i battistrada è riuscito ad andar via in solitaria Gino Mader che, con un’azione molto regolare, ha gestito il proprio margine nei confronti dei big. Nel gruppo la Ineos Grenadiers con Daniel Martinez ha lanciato Egan Bernal: il colombiano ha fatto la differenza assieme ad un mostruoso Giulio Ciccone, con loro anche Remco Evenepoel (Deceuninck Quick-Step) e Daniel Martin (Israel Start-Up Nation).

Mader ha trionfato a braccia alzate, dietro di lui Bernal ha sprintato su Martin, poi Evenepoel e Ciccone. Per loro qualche secondo di margine su un rimontante Damiano Caruso che ha regolato un drappello nel quale erano presenti anche Soler, Vlasov, Yates ed Attila Valter che agguanta clamorosamente la Maglia Rosa. 

Foto: Lapresse

LA CLASSIFICA GENERALE DEL GIRO D’ITALIA

VIDEO SERRY TAMPONATO DA UN’AMMIRAGLIA!

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MotoGP, Jack Miller: “Ho un conto in sospeso con Le Mans, sono preparato per tutte le condizioni meteo”

MotoGP, Francesco Bagnaia: “Voglio rimanere il più a lungo possibile in testa alla classifica generale”