LIVE Amstel Gold Race 2021 in DIRETTA: Van Aert beffa Pidcock per un millimetro! Settimo Sbaragli

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CRONACA DELLA AMSTEL GOLD RACE

LE PAGELLE DELLA AMSTEL GOLD RACE

VIDEO HIGHLIGHTS AMSTEL GOLD RACE: VOLATA AL PHOTOFINISH PER 1 MILLIMETRO

FOTO DEL PHOTO-FINISH DECISIVO TRA VAN AERT E PIDCOCK

LE DICHIARAZIONI DI WOUT VAN AERT

LA CRONACA DELL’ULTIMA TAPPA DEL GIRO DI TURCHIA

LA CRONACA DELL’ULTIMA TAPPA DELLA VUELTA VALENCIANA

18.00 La nostra DIRETTA LIVE dell’Amstel Gold Race 2021 finisce qui. Grazie per averci seguito e a domani per l’inizio del Tour of the Alps.

17.42 Per Wout Van Aert si tratta della quarta vittoria stagionale dopo le due tappe alla Tirreno-Adriatico e la “griffe” alla Gand-Wevelgem.

17.37 Bravissimo Kristian Sbaragli a tenere alti i colori italiani giungendo al traguardo in settima posizione, venendo anticipato nella volata del gruppo solo da Matthews, Valverde ed Alaphilippe.

17.35 Questa la top 10 della 55° edizione dell’Amstel Gold Race:

1 VAN AERT Wout Team Jumbo-Visma 5:03:27
2 PIDCOCK Thomas INEOS Grenadiers ,,
3 SCHACHMANN Maximilian BORA – hansgrohe 0:02
4 MATTHEWS Michael Team BikeExchange ,,
5 VALVERDE Alejandro Movistar Team ,,
6 ALAPHILIPPE Julian Deceuninck – Quick Step ,,
7 SBARAGLI Kristian Alpecin-Fenix ,,
8 MOHORIČ Matej Bahrain – Victorious ,,
9 KWIATKOWSKI Michał INEOS Grenadiers ,,
10 VAN DER SANDE Tosh Lotto Soudal ,,

17.33 Corsa che è diventata particolarmente vibrante negli ultimi cinquanta chilometri dopo che una fuga di dieci corridori aveva animato la gara. Ripetuti gli attacchi che portano ad accelerazioni improvvise in gruppo, ma che non sono risolutivi. L’ultimo passaggio sul Cauberg risulta decisivo: salta la catena di Roglic che esce dai giochi e Van Aert accende la miccia insieme ad altri sei uomini. Poi è Schachmann ad attaccare e a fare la differenza insieme al belga e a Pidcock. Arrivano questi tre corridori con una volata thrilling: dopo almeno dieci minuti di incertezza arriva l’ufficialità del successo di Van Aert al fotofinish.

17.28 ADESSO ARRIVA PER DAVVERO L’UFFICIALITA’ : HA VINTO WOUT VAN AERT! PER QUESTIONI DI MILLIMETRI IL BELGA BEFFA PIDCOCK!

17.26 Il giudice di gara fa vedere l’immagine del fotofinish alla telecamera e sembrerebbe essere Wout Van Aert averla spuntata per qualche millimetro.

17.25 La regia continua a riproporre un’immagine molto schiacciata del fotofinish e non è ben allineata con lo striscione d’arrivo.

17.23 Sono tutti in attesa del risultato: né Pidcock, né Van Aert, né nessun altro si sbilancia sull’esito finale.

17.22 L’immagine del fotofinish non fa chiarezza su quale sia il vincitore di questa Amstel Gold Race. Rimaniamo ancora col fiato sospeso.

17.21 Tutti stanno facendo i complimenti a Wout Van Aert, ma il belga non è affatto convinto della vittoria.

LA GRAFICA ASSEGNA LA VITTORIA A WOUT VAN AERT! FINALE THRILLER IN QUESTA AMSTEL GOLD RACE!

ATTENZIONE, AL COLPO DI RENI SEMBRA AVER VINTO PIDCOCK!

AL COLPO DI RENI LA SPUNTA WOUT VAN AERT!

PARTE VAN AERT!

17.16 Da dietro ci provano e stanno arrivando a doppia velocità, ma siamo ai 400 metri.

17.16 Stanno rallentando sensibilmente i tre al comando quando siamo arrivati all’ultimo chilometro!

17.15 CI PROVA SCHACHMANN! Ma Van Aert e Pidcock si riportano subito sotto. Da dietro prova a ritornare in orbita Wellens.

17.14 Comincia lo studio fra i tre al comando: saranno loro a giocarsi il successo finale.

17.13 Solo tre chilometri al termine!

17.12 C’è grande collaborazione nel gruppo inseguitore, ma sembra che sia troppo tardi per poter impensierire Van Aert, Pidcock e Schachmann.

17.11 Va nuovamente in scena il duello della Freccia del Brabante di questa settimana: sarà ancora Van Aert contro Pidcock. Stavolta il terzo incomodo sarà Schachmann e non Trentin.

17.10 Nel drappello all’inseguimento è presente anche Matteo Trentin.

17.09 Si stacca dal gruppetto dietro uno straordinario Vansevenant.

17.08 Sette chilometri alla conclusione: nessuno sembra riuscire a ricucire sui tre al comando.

17.07 Vansevenant continua in maniera coriacea a tirare nel gruppetto all’inseguimento, ma sembra di essere in debito di energie.

17.06 Aumenta il vantaggio dei tre al comando: 25 secondi.

17.06 Incredibile anche il numero di Schachmann: dopo la caduta sembrava fuori gioco e invece è lì a giocarsi la vittoria.

17.05 FORATURA PER MOLLEMA! Che sfortuna per l’olandese.

17.04 I più immediati inseguitori si trovano a 15 secondi da Pidcock, Van Aert e Schachmann.

17.03 Adesso è difficile immaginare di rientrare su questi tre corridori che procedono rapidissimi verso il traguardo.

17.02 Andatura forsennata di Schachmann che riprende e supera Kwiatkowski. Con il tedesco anche Van Aert e Pidcock.

17.01 PAZZESCO VANSEVENANT, ANCORA LUI! Nel gruppetto di Alaphilippe rilancia l’azione per rientrare sui fuggitivi.

17.00 Corridori sparpagliati per tutta la sede stradale. Spettacolare e vibrante questo finale!

16.59 Schachmann prende l’iniziativa per rientrare sul corridore polacco.

16.59 KWIATKOWSKI SE NE VA!

16.58 Parte Valverde per tornare sugli uomini davanti!

16.57 ULTIMO GIRO! DIFFICOLTA’ PER ALAPHILIPPE CHE SI ACCODA A VALVERDE!

16.56 Addirittura tre Ineos nel gruppo di testa: c’è anche Kwiatkowski.

16.55 Dietro al campione belga ci vanno Pidock, Alaphilippe, Matthews, Carapaz e Teuns.

16.54 SALTO DI CATENA PER PRIMOZ ROGLIC! DAVANTI PARTE VAN AERT!

16.54 PARTE DECISO NICOLA CONCI!

16.53 Siamo ad un passo dal Cauberg: punto cruciale della corsa che probabilmente farà la differenza.

16.52 Venti chilometri al traguardo. Schelling adesso è nel tratto di discesa.

16.51 Schelling adesso ha un vantaggio di una decina di secondi sul gruppo. L’olandese conosce alla grande queste strade: non a caso ha già salutato un paio di amici presenti a vedere la corsa.

16.49 Arrivano anche Marc Hirschi e Julian Alaphilippe nelle prime posizioni del gruppo.

16.48 Continua a spingere Schelling: dopo la fiammata di Vansevenant, il gruppo ha nuovamente rallentato l’andatura.

16.46 VANSEVENANT PAZZESCO! Il belga si mette a fare l’andatura in testa al gruppo e chiude su Schelling.

16.45 Rimane solo Ide Schelling (Bora-Hansgrohe) al comando. Ripreso dal gruppo Vliegen.

16.43 Corsa ancora estremamente aperta: può fare un numero un corridore in solitaria, come può arrivare un gruppo folto a giocarsi la vittoria.

16.42 Insieme a lui c’è Dewulf (AG2R Citroen Team) all’inseguimento di Vliegen che è sempre più vicino.

16.40 Continua a provare a più riprese Ide Schelling che non ha timore di osare, a costo di spendere energie.

16.39 TRENTA CHILOMETRI AL TRAGUARDO! Si entra nel vivo di questa Amstel.

16.38 Ci riprova nuovamente Schelling insieme a Colbrelli, da dietro si muovono Carapaz, Chaves ed uno straordinario Roglic.

16.37 Si rialza adesso Vliegen: le energie sono esaurite per il belga.

16.36 Vliegen ha una decina di secondi di vantaggio sui tre inseguitori e una ventina sul gruppo.

16.34 Rimane al comando solo Loic Vliegen, recuperati gli altri sei che si erano sganciati. Due giri al termine.

16.33 Che botta di Primoz Roglic! Lo sloveno con un’accelerazione funesta si è riportato su diversi uomini che erano davanti.

16.32 Shelling, Roglic e Gaudu danno una fiammata in testa al gruppo. Anche Valverde nelle prime posizioni. Ancora nascosto il campione del mondo Julian Alaphilippe.

16.30 Ripresi i dieci uomini che hanno comandato la corsa fin dalle prime battute.

16.29 Il drappello dei sei insegue i fuggitivi a 10″, mentre il gruppo si trova a 40″ dalla fuga del mattino.

16.28 Meno di quaranta chilometri alla conclusione: la Jumbo-Visma adesso è al completo per recuperare terreno e favorire l’assalto alla vittoria di Wout Van Aert.

16.27 Questi sei corridori procedono con un ottimo accordo. Non sarà banale per il gruppo andare a rintuzzare questo attacco.

16.25 Nel gruppettino che si è venuto a formare c’è anche Simon Clarke (Team Qhubeka-ASSOS) e Tosh Van der Sande (Lotto Soudal).

16.23 Adesso a fare l’andatura nel gruppo c’è Sam Oomen che lavora per Van Aert. Il sestetto all’inseguimento dei fuggitivi ha già preso un discreto vantaggio.

16.22 Insieme a Van Baarle c’è il nostro Sonny Colbrelli, Florian Sénéchal, Rui Costa.

16.20 Ci prova Van Baarle! Altri cinque corridori con lui.

16.18 Che numero di Vansevenant! Prima ha problemi meccanici, poi cade, poi ancora problemi e nonostante tutto il giovane belga si è riportato sul plotone. Eccezionale.

16.17 Sta dando spettacolo Mauri Vansevenant che sul Geulhemmerberg con un passo incredibile si sta riportando sul gruppo. Ha grandi qualità questo ragazzo.

16.16 Prova a partire un corridore della Cofidis.

16.15 Il gruppo continua a ridurre il distacco dai fuggitivi: meno di un minuto.

16.13 Siamo entrati negli ultimi cinquanta chilometri: aumenta la tensione in gruppo e l’andatura adesso è folle.

16.12 Accelerazione di Matej Mohoric (Bahrain Victorous) insieme ad Esteban Chaves (Team BikeExchange).

16.10 A Vansevenant si è rotto anche il cambio. Davvero sfortunato il giovane belga.

16.09 Stavano dando battaglia per le posizioni visto il vento i corridori e rimangono coinvolti corridori di spessore come Schachmann, Jungels, Armée e Vansevenant.

16.07 ATTENZIONE, CADUTA IN GRUPPO!

16.05 C’é grande bagarre in questa fase con Cavagna che insiste nella sua azione e prova a portarsi dietro un gruppettino.

16.04 Adesso accelera Jan Tratnik (Bahrain Victorious). Anche Remi Cavagna prova ad andare dietro allo sloveno.

16.03 Davanti non ci sono cali di andatura: ancora c’é un buon accordo fra Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga (Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

16.01 Indietro c’é qualche problema per Mauri Vansevenant che è rimasto attardato. Il plotone si è riportato a 1’30” dai fuggitivi grazie ad un’accelerazione poderosa.

15.59 C’é stata una frattura nel gruppo con Senechal, Van Aert e Pidcock che sono rimasti nel primo drappello all’inseguimento della fuga.

15.57 Sempre più allungato il gruppo con INEOS Grenadiers e UAE Team-Emirates nelle primissime piazze.

15.54 A bordo strada, a vedere il passaggio dei corridori, c’era Tom Dumoulin. Il fuoriclasse olandese sta attraversando ancora una pausa di riflessione dal ciclismo dopo l’annuncio di inizio stagione e c’è ancora tanta nebbia sul suo futuro.

15.51 Completato un altro giro: ne mancano quattro. Tanti attacchi e contrattacchi in questa fase con il gruppo che si è riportato a 2’30” dalla fuga.

15.49 Sono ancora dieci i fuggitivi che comandano la corsa: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga (Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

15.47 Ancora i Qhubeka-ASSOS si rendono protagonisti di un’accelerazione ai piedi del Cauberg.

15.45 I corridori sono appena entrati negli ultimi settanta chilometri di corsa.

15.43 Prova ad attaccare anche Oscar Riesebeek (Alpecin-Fenix).

15.42 L’australiano Rob Power (Team Qhubeka-ASSOS) prova a sganciarsi dal gruppo sulla salita del Bemelerberg.

15.39 Continua a tirare a più non posso la Jumbo-Visma: l’obiettivo è provare a fare la differenza con Wout Van Aert, ma anche Primoz Roglic potrà dire la sua.

15.36 La strada è stretta e c’é grande concitazione nel plotone per le posizioni.

15.34 Anche la Bora-Hansgohe dà una mano in testa il gruppo e il divario nei confronti dei fuggitivi cala: 3’20”.

15.31 Kragh Andersen era riuscito a rientrare, ma si stacca nuovamente. Come Stuyven, anche il danese sembra aver alzato definitivamente bandiera bianca.

15.29 Altro passaggio sotto al traguardo: sono cinque i giri che separano i corridori dall’arrivo.

15.26 Perde le ruote il vincitore della Milano-Sanremo, Jasper Stuyven. Evidentemente le pile sono finite per il belga che ha speso tanto fra la classicissima di primavera e l’inizio della campagna del nord.

15.23 85 chilometri al traguardo: ancora la situazione non è scoppiata e il gruppo deve recuperare quattro minuti sui dieci al comando.

15.20 Sembra vicino al ritiro il danese Soren Kragh Andersen (Team DSM). Peccato perché questo corridore era etichettato come uno dei possibili protagonisti nella corsa odierna.

15.17 Problemi meccanici per Jorge Arcas (Movistar). Al corridore spagnolo si è bloccato il cambio elettronico.

15.13 Circuito molto nervoso ed insidioso anche nelle parti pianeggianti. I corridori dovranno sempre rimanere allerta per non farsi ingannare da qualche insidia che può essere rappresentata dalla strada stretta.

15.10 Il plotone sta dando una sterzata decisa all’andatura: il ritardo dalla fuga è 3’40” e sono tante le squadre a lavorare con una certa decisione.

15.08 Questi i dieci battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga (Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

15.05 Nuovo passaggio sotto lo striscione d’arrivo: sono sei le tornate al termine.

15.02 Il gruppo ha nuovamente rallentato e il vantaggio dei dieci attaccanti è tornato sopra i quattro minuti. Meno di 100 chilometri al traguardo.

15.00 Da verificare sarà anche la condizione di Marc Hirschi: il giovane svizzero in questo inizio di stagione si è fatto vedere poco. Lo scorso anno vinse la Freccia Vallone e queste corse sono nelle sue corde.

14.57 Ancora la gara non è entrata nel vivo con il plotone che si limita a controllare il ritardo, mantenendo un’andatura piuttosto distesa.

14.54 Da pochi chilometri i corridori hanno superato la metà del percorso a livello di chilometraggio.

14.50 Si è sfilato nelle ultime posizioni Julian Alaphilippe per risparmiare quante più energie possibili in vista delle fasi salienti della corsa.

14.47 Questi sono i dieci fuggitivi che comandano la corsa fin dai primi chilometri: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

14.44 110 chilometri alla conclusione: il gruppo mantiene un distacco di poco meno di quattro minuti dai dieci battistrada.

14.41 La “classica della birra” è ancora tabù per Alejando Valverde: il murciano ha trionfato per cinque volte alla Freccia Vallone e quattro volte alla Liegi, ma mai in Olanda. Maledizione che caratterizza anche i corridori spagnoli, mai vincenti in questa classica.

14.37 Altro passaggio sotto al traguardo: sette giri al termine di questa 55° edizione dell’Amstel Gold Race.

14.35 I fuggitivi stanno affrontando per la settima volta il Cauberg.

14.32 Adesso si fanno vedere anche Movistar e Astana nelle prime posizioni del gruppo. Se la formazione spagnola può puntare sull’inossidabile Alejandro Valverde, il team kazako si presenta con Jakob Fuglsang e Alex Aranburu alla ribalta.

14.29 Ricordiamo i nomi dei dieci battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

14.25 Jumbo-Visma e Deceuninck-Quick Step lavorano in testa al gruppo.

14.21 Per quanto concerne i giri del circuito, i corridori ne hanno completati sei.

14.18 Siamo entrati negli ultimi 130 chilometri.

14.14 Scende sotto i quattro minuti il vantaggio dei fuggitivi.

14.09 135 chilometri al traguardo, i fuggitivi mantengono quattro minuti sul gruppo.

14.05 Ricordiamo i nomi dei dieci battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

14.01 Il gruppo controlla i battistrada e mantiene un distacco facilmente colmabile.

13.57 Il vantaggio dei fuggitivi si aggira attorno ai 4’30”.

13.52 Siamo entrati negli ultimi 150 chilometri.

13.48 Ricordiamo i nomi dei dieci battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

13.44 I corridori hanno percorso questa prima parte della gara a 42,5 km/h di media.

13.39 In questo momento la temperatura è di undici gradi.

13.35 Stiamo entrando negli ultimi 160 chilometri di gara.

13.30 Il vantaggio dei battistrada scende sotto i cinque minuti.

13.25 Ricordiamo i nomi dei dieci battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

13.20 Il plotone tiene i fuggitivi a cinque minuti. Fase di gara molto tranquilla.

13.14 Mancano 180 chilometri al traguardo.

13.09 I battistrada hanno cinque minuti di vantaggio sul gruppo. Sono tanti e il plotone non può lasciare troppo spazio.

13.05 Questi i nomi dei battistrada: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

13.00 Prosegue il tentativo dei dieci corridori, al momento ben poco da segnalare in corsa. Fase molto statica.

12.56 Ancora oltre 190 chilometri al traguardo.

12.52 Vantaggio dei fuggitivi che aumenta: siamo sui 2’30”.

12.48 Terminato il primo giro di quest’Amstel.

12.44 Il gruppo sta lasciando più di un minuto ai fuggitivi.

12.37 Sembra essere andata via la fuga. Dieci all’attacco: Edward Theuns (Trek – Segafredo), Julien Bernard (Trek – Segafredo), Stan Dewulf (AG2R Citroën Team), Sébastien Grignard (Lotto Soudal), Maurits Lammertink (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Loïc Vliegen (Intermarché – Wanty – Gobert Matériaux), Chad Haga(Team DSM), Ryan Gibbons (UAE-Team Emirates), Kenny Molly (Bingoal Pauwels Sauces WB), Anders Skaarseth (Uno-X Pro Cycling Team).

12.32 Primo passaggio sulla storica salita di questa corsa: il Cauberg.

12.30 Una decina di corridori provano ad andar via.

12.24 Italia che spesso è stata protagonista su queste strade, bei ricordi con Enrico Gasparotto, l’ultimo vincitore azzurro:

12.21 Ovviamente si susseguono gli scatti in questa prima fase di corsa.

12.17 Attenzione, subito una caduta.

12.15 Partita ufficialmente la gara!

12.09 Novità dalla corsa: si percorreranno due chilometri in meno, accorciato leggermente il primo giro.

12.04 Non c’è un vero e proprio favorito, ma i nomi che potranno competere per il successo finale saranno diversi e di grande qualità. Al via, infatti, troviamo la coppia di fuoriclasse della Jumbo-Visma composta da Wout Van Aert e Primoz Roglic, quest’ultimo fresco di successo al recente Giro dei Paesi Baschi, il campione del Mondo Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), il britannico Tom Pidcock (Ineos).

12.01 Si è conclusa la settima edizione della prova al femminile: vittoria per la padrona di casa Marianne Vos.

11.59 Corridori che si stanno per avviare dalla zona di partenza.

11.57 Via ufficiale che sarà dato alle 12.05.

11.55 Quest’anno, in via del tutto eccezionale, la grande classica neerlandese si svolgerà su un circuito di 17 chilometri da ripetere dodici volte, il quale, al suo interno, prevede tre salite: il Geulhemmerberg, il Bemelerberg e il Cauberg. Nell’ultima tornata, tuttavia, i corridori non affronteranno il Cauberg, ma, anzi, il finale ricalcherà quello del tracciato adottato dall’Amstel Gold Race dal 2017 al 2019.

11.50 Buongiorno e benvenuti con la prima delle Classiche delle Ardenne: l’Amstel Gold Race 2021.

Il percorso dell’Amstel Gold Race 2021 ai raggi xLa presentazione dell’Amstel Gold Race 2021Il borsino dei favoritiLe quote dei bookmakers

Buongiorno amici ed amiche di OA Sport e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE dell’Amstel Gold Race 2021. Quest’anno, in via del tutto eccezionale, la grande classica neerlandese si svolgerà su un circuito di 17 chilometri da ripetere dodici volte, il quale, al suo interno, prevede tre salite: il Geulhemmerberg, il Bemelerberg e il Cauberg. Nell’ultima tornata, tuttavia, i corridori non affronteranno il Cauberg, ma, anzi, il finale ricalcherà quello del tracciato adottato dall’Amstel Gold Race dal 2017 al 2019.

Non c’è un vero e proprio favorito, ma i nomi che potranno competere per il successo finale saranno diversi e di grande qualità. Al via, infatti, troviamo la coppia di fuoriclasse della Jumbo-Visma composta da Wout Van Aert e Primoz Roglic, quest’ultimo fresco di successo al recente Giro dei Paesi Baschi, il campione del Mondo Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), il britannico Tom Pidcock (Ineos), il quale mercoledì scorso si è imposto nella Freccia del Brabante, il re dell’ultima Freccia Vallone Marc Hirschi (UAE Team Emirates), l’eterno Alejandro Valverde (Movistar) e il campione olimpico Greg Van Avermaet (Ag2r).

Giro d’Italia, Fabio Aru non ci sarà. “Costruisco la mia forma. Sono felice, assaporo ogni momento”

In casa Italia tutti gli occhi sono puntati su Matteo Trentin. Il corridore della UAE Team Emirates è reduce dal terzo posto colto alla Freccia del Brabante, ove è stato battuto da Pidcock e Van Aert in volata, e già due anni fa, all’Amstel Gold Race, fu grande protagonista. Il Bel Paese, inoltre, ha alla partenza dell’Amstel Gold Race anche Sonny Colbrelli (UAE Team Emirates), il quale, su queste strade, fu terzo nel 2016, nell’ultima edizione che prevedeva il Cauberg a un chilometro e mezzo dal traguardo.

Il bresciano, ad ogni modo, col cambio di tracciato è sembrato trovarsi meno a suo agio tra le viuzze neerlandesi e alla recente Freccia del Brabante è andato in crisi nel tentativo di seguire uno scatto di Tom Pidcock. Sintomo, forse, che non ha la condizione del 2016. La nostra DIRETTA LIVE inizierà alle 11.45, mi raccomando, non mancate!

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LIVE Civitanova-Perugia 2-3, Finale Superlega volley in DIRETTA: la Sir vince una battaglia e riapre la serie!

LIVE Napoli-Inter 1-1, Serie A calcio in DIRETTA: pagelle e highlights. Eriksen salva i nerazzurri