Seguici su

Roland Garros

Roland Garros 2024: Elisabetta Cocciaretto torna al terzo turno. Vittoria senza storia su Cristina Bucsa

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto
Cocciaretto / Roberta Corradin / IPA Sport

Così come nel 2023, Elisabetta Cocciaretto si qualifica per il terzo turno del Roland Garros 2024. La marchigiana, nello spazio di un’ora e 12 minuti e dopo un’attesa sostanzialmente di quasi un giorno, batte la spagnola Cristina Bucsa per 6-1 6-4. Per lei ora la sfida alla russa Liudmila Samsonova, numero 17 del seeding: nessun precedente tra le due.

Primo set che scorre via facilmente per la giocatrice nativa di Ancona. La classe 2001 approfitta di una versione di Bucsa davvero molto fallosa, e tanto per aggiungerci del carico confeziona anche ottimi schemi, sfruttando soprattutto il concetto di profondità, che va a mettere in crisi l’iberica in più occasioni. Viaggia di più la palla di Bucsa, ma quella di Cocciaretto lo fa in modo più intelligente: è così che arriva un 6-1 da soli 27 minuti di parziale.

Roland Garros, Luciano Darderi ko al secondo turno: Tallon Griekspoor si impone in tre set

Le cose, per la marchigiana, non sono le stesse nel secondo set, dato che la spagnola (originaria di Chisinau, capitale della Moldavia, ma in Spagna da quando aveva 3 anni) inizia a trovare un po’ di precisione in più, soprattutto con il dritto. Il problema, per lei, è che non sfrutta le chance: nel secondo game sbaglia un paio di rovesci su altrettante palle break, e diventa così decisivo il quinto, in cui riesce ad annullare tre chance di 3-2 Cocciaretto e poi una quarta, ma sulla quinta la marchigiana forza l’errore della sua avversaria. L’iberica ha due chance per riaprire il match: sul 4-3, quando tira un rovescio in rete sul 30-40, e sul 5-4, quando annulla di foga tre match point consecutivi. Qui, però, è l’italiana che si fa sentire con servizio e rovescio, per poi chiudere senza altri patemi.

Il dato più importante, per Cocciaretto, è quello della seconda di servizio, che la vede vincere il 65% dei punti (11/17) contro il 40% (4/10) della sua avversaria. Nondimeno, pesa il rapporto vincenti-errori gratuiti: 15-14 per l’italiana, 16-26 per la spagnola.