Seguici su

Pallavolo

Volley, Perugia a caccia del Poker contro la “debuttante” Monza nella inedita finale di Coppa Italia

Pubblicato

il

Kamil Semeniuk

Una debuttante e una veterana si giocano questo pomeriggio alle ore 15.45 il secondo titolo italiano della stagione, la Coppa Italia. Finale inedita e non potrebbe essere altrimenti quella in programma tra la Sir Susa Vim Perugia e la Mint Vero Volley Monza. Le due squadre non hanno certo potuto risparmiare le energie ieri, visto che entrambe hanno impiegato cinque set per eliminare i rispettivi rivali in semifinale: Monza da outsider ha battuto Trento, Perugia, da favorita, ha battuto Milano in due incontri che resteranno sicuramente nelle menti degli appassionati per le emozioni e lo spettacolo regalati.

Entrambe le squadre devono fare a meno di un giocatore molto importante: da una parte è assente Leon, che potrà entrare in campo solo per la battuta, visto che da poco ha iniziato ad allenarsi con i compagni, dall’altra non ci sarà il giapponese Ren Takahashi, fermato da un infortunio.

Perugia ha rischiato grosso ieri, peccando anche di una superficialità che ogni tanto è emersa nel suo cammino stagionale. Non è la prima volta che, in casa umbra, si spegne la luce quando il pilota automatico sembra inserito e non sempre la squadra di Lorenzetti riesce a fiutare il pericolo in tempo per evitare guai.

Ieri, con Milano, è successo nel quarto set quando, avanti 16-8, la Sir Susa Vim si fatta raggiungere nel finale ed ha perso il parziale, salvo poi riuscire ad avere la meglio al tie break. La formazione umbra è in salute e parte con i favori del pronostico. Passata la paura, presi un paio di schiaffoni, potrebbe anche risvegliarsi in fretta e alzare il ritmo: nel caso per Monza sarebbero guai grossi. La formazione dovrebbe essere Giannelli in regia, Ben Tara opposto, i centrali Russo e Solè, le bande Plotnytskyi e Semeniuk e Colaci libero.

Monza è galvanizzata dall’impresa di ieri: Trento è un avversario sempre molto complicato da battere ma i brianzoli hanno avuto qualcosa in più dal quarto set in poi e l’Itas si è sciolta come neve al sole sotto i colpi della formazione lombarda che oggi ci riproverà. Il vantaggio è che la Mint non avrà nulla da perdere.

La squadra di Eccheli è piaciuta per carattere e tecnica, quelle caratteristiche che sembrava aver smarrito ultimamente in campionato quando erano arrivate quattro sconfitte nelle ultime cinque gare. Ago della bilancia potrebbe essere il brasiliano Cachopa, rientrato a pieno servizio. L’opposto è il canadese Szwarc e canadesi sono anche le bande, Maar e Loeppky, al centro ci sono Di Martino e Galassi, il libero è Gaggini.

Foto Ipa