Atletica, World Relays: assalto al podio per gli azzurri dopo l’en plein olimpico!

Si chiudono questa sera con una sessione tutta dedicata alle finali le World Relays, il Mondiale di staffetta in programma a Chorzow in Polonia che ha visto ieri tutte le squadre azzurre raggiungere le finali, ben cinque con tre qualificazioni olimpiche a completare l’en plein di compagini italiane qualificate per Tokyo 2021. 

L’Italia non si vuole fermare qui e le possibilità di medaglie sono addirittura più di una, a partire dalla 4×400 mista su cui lo staff tecnico azzurro ha puntato forte, schierando i due migliori quattrocentisti, Re e Scotti, la campionessa italiana all’aperto Mangione e una specialista della staffetta del miglior come Giancarla Trevisan. Risultato? Miglior prestazione in batteria, migliore prestazione mondiale stagionale e tante speranze per la gara di oggi, dove, pur fra le tante assenze, gli avversari di rango non  mancano. Alle 19.20 assieme all’Italia saranno in finale Irlanda, Gran Bretagna, Olanda (forse la favorita numero uno), Brasile, Repubblica Dominicana, Spagna e Belgio.

Italia da medaglia anche nella staffetta veloce. Espletata la pratica della qualificazione olimpica, la 4×100 azzurra con Desalu, Jacobs, Manenti e Tortu può puntare al massimo e comunque è da podio. Ieri in batteria per gli italiani miglior tempo di qualificazione a pari merito con il Brasile ma oggi la sfida è tutta da giocare sulla pista di Chorzow per la 4×100 maschile che prenderà il via alle 19.35 con Danimarca, Giappone, il Sudafrica di Simbine, Brasile, Olanda, Ghana e Germania.

Buone chance di inserirsi nella lotta per le posizioni che contano anche per la 4×100 femminile che ieri è scesa in pista senza l’assillo della qualificazione olimpica ed ha vinto in scioltezza la sua batteria con un buon 44″02. Herrera, Hooper, Bongiorni, Siragusa è una formazione ben collaudata che ha già saputo stupire in passato e oggi proverà a compiere l’impresa. Gara al via alle 19.46 con Ecuador, Danimarca, Olanda, Polonia, Italia, Francia, Svizzera e Giappone.

la serata proseguirà con le due finali delle 4×200, specialità non olimpica. In campo femminile al via alle 19.59 Ecuador, Kenya, Irlanda, Danimarca e Polonia, mentre fra gli uomini gareggeranno alle 20.13 Ecuador, Portogallo, Polonia, Kenya, Danimarca e Germania.

In chiusura di serata la doppia finale della 4×400 dove gli azzurri possono recitare il ruolo di protagonisti ma pagheranno dazio alla scelta di schierare alcuni degli atleti più forti nella mista. Alle 20.26 parte la 4×400 femminile, l’ultima delle tre squadre che doveva qualificarsi per Tokyo ed ha centrato l’obiettivo con il terzo posto in batteria e il ripescaggio dei migliori tempi: 3’30″04 fatto segnare da Lukudo, Marchiando, Nardelli e Folorunso che oggi proveranno a fare meglio anche se inserirsi nella corsa per le medaglie appare molto complicato. Al via, con le azzurre ci sono Francia, Cuba, Gran Bretagna, Polonia, Belgio, Germania, Olanda. 

La serata si chiuderà con la finale della 4×400 maschile che non aveva la pressione di doversi qualificare per i Giochi ma ha disputato comunque una buona batteria ieri chiudendo seconda alle spalle del Botswana con il crono di 3’04″81 fatto segnare da Benati, Sibilio, Lopez e Aceti, pronti oggi a lottare spalla a spalla con i migliori in una finale che prenderà il via alle 20.42 e vedrà in partenza Belgio, Francia, Giappone, Olanda, Sud Africa, Botswana, Italia e Colombia. 

Foto Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Beach volley, World Tour 2021 Cancun3. Rossi/Carambula non scalano la montagna russa. Con Lucena/Dalhausser per il terzo posto

Golf, PGA Tour 2021: Burns e Bradley ancora appaiati al comando del Valspar Championship al termine del terzo round