LIVE MotoGP, GP Aragon 2020 DIRETTA: Vinales precede Quartararo e Morbidelli. In ombra Dovizioso



CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

Loading...
Loading...

LA CRONACA DELLA FP2 DI MOTOGP

RISULTATI E CLASSIFICA FP2 MOTOGP

15.02 La nostra diretta si chiude qui, grazie per averci seguito e appuntamento a domani sempre su OA Sport!

15.00 Alla fine si sono confermati sostanzialmente i valori in campo emersi in mattinata nonostante un discreto innalzamento delle temperature: Yamaha dominante con un super Vinales, ma attenzione a Mir con la Suzuki in ottica gara…

14.58 Di seguito la top 10 delle FP2 ad Aragon:

1
12
M. VIÑALES
1:47.771
2
20
F. QUARTARARO
+0.249
3
21
F. MORBIDELLI
+0.447
4
36
J. MIR
+0.730
5
35
C. CRUTCHLOW
+0.827
6
41
A. ESPARGARO
+0.899
7
44
P. ESPARGARO
+0.975
8
73
A. MARQUEZ
+1.052
9
30
T. NAKAGAMI
+1.053
10
42
A. RINS
+1.068

14.56 Disastro Ducati, tutte fuori dalla top10 anche in queste FP2. Zarco è il migliore del lotto 11°, Dovizioso è 13° precedendo Miller e Petrucci. Solo 19° un Bagnaia in grandissima sofferenza.

14.55 BANDIERA A SCACCHI! Quartararo si migliora con una nuova gomma soft e consolida il suo secondo posto a 249 millesimi dal tempone di Vinales. Niente da fare per Dovizioso, che sembra destinato al 13° posto di giornata.

14.53 Ultimi due tentativi per Andrea Dovizioso, attualmente 12° in 1’49″0 a poco più di un decimo dalla top10.

14.52 Terzo Morbidelli!! Mezzo secondo di ritardo da Vinales al suo primo vero tentativo di time-attack, mentre Mir balza in quarta piazza con la Suzuki!

14.51 CHE VINALES!!! 1’47″771!! 439 millesimi rifilati a Quartararo, che resiste in seconda piazza in attesa del giro veloce di Morbidelli.

14.49 Ecco la risposta di Vinales a Quartararo!! Subito il secondo tempo assoluto per l’iberico a 94 millesimi dal francese al primo tentativo. Tra poco sarà il momento anche di Morbidelli per il suo time-attack.

14.48 Ultimi sette minuti del turno: tutti in pista con doppia gomma soft nuova per provare il time-attack!

14.46 Quartararo migliora ancora e ferma il cronometro in 1’48″210! Tempo ottimo ma non così impressionante per il leader del campionato, che adesso dovrà attendere i time-attack delle altre Yamaha…

14.44 PRIMO QUARTARARO!! 1’48″406 per il francese, che ha perso un paio di decimi nel T4 rifilando comunque 282 millesimi alla Suzuki di Mir sul traguardo.

14.43 Dopo un paio di giri di riscaldamento per mandare in temperatura le gomme, Quartararo comincia a spingere forte ed è il più rapido nei primi due settori!

14.42 CLASSIFICA AGGIORNATA TEMPI:

1
36
J. MIR
1:48.688
2
30
T. NAKAGAMI
+0.136
3
12
M. VIÑALES
+0.140
4
21
F. MORBIDELLI
+0.167
5
42
A. RINS
+0.413
6
20
F. QUARTARARO
+0.516
7
5
J. ZARCO
+0.565
8
73
A. MARQUEZ
+0.716
9
4
A. DOVIZIOSO
+0.980
10
35
C. CRUTCHLOW
+1.034

14.40 Meccanici al lavoro nel box di Yamaha Factory per effettuare delle modifiche sulla M1 di Vinales in vista del time-attack di fine sessione.

14.39 Attenzione ai prossimi giri di Fabio Quartararo, attualmente in pista con gomma morbida anche al posteriore.

14.38 Arriva anche la Honda!! Nakagami 2° in 1’48″8 a 136 millesimi dalla testa con doppia soft.

14.37 Ultimo passaggio in 1’49″0 netto per Mir, capace di tenere un buon ritmo per più tornate con una coppia di gomme morbide.

14.35 Comincia ad ingranare anche la Suzuki di Alex Rins (anche lui in pista con una doppia soft), adesso 4° in 1’49″1 dopo un inizio di run più tranquillo.

14.34 Molto bene Vinales, che passa in seconda posizione a 140 millesimi dalla vetta girando sempre con una media al posteriore.

14.33 Prove anche di passo gara in corso per i piloti in pista, che possono cominciare a valutare la possibile scelta della gomma in vista di domenica.

14.31 Mir continua a migliorare e firma un notevole 1’48″688! Lo spagnolo monta una coppia di gomme soft nuove, mentre le Yamaha hanno girato finora con una media usata al posteriore.

14.30 Super Mir!!! 1’48″891 e miglior tempo di giornata per il maiorchino della Suzuki!

14.29 Ecco il primo squillo di Mir!! Quinto tempo in 1’49″5 per lo spagnolo della Suzuki, che continua a spingere anche nel giro successivo.

14.26 Caduta (senza conseguenze) di Brad Binder alla curva 14, un punto che in mattinata ha già visto le scivolate di Zarco e Morbidelli.

14.25 Da segnalare le difficoltà di Joan Mir e Jack Miller, rispettivamente 20° e 21° in questo avvio di turno. Lo spagnolo della Suzuki e l’australiano di Ducati Pramac devono necessariamente salire di colpi.

14.24 CLASSIFICA AGGIORNATA TEMPI:

1
21
F. MORBIDELLI
1:48.992
2
20
F. QUARTARARO
+0.212
3
12
M. VIÑALES
+0.223
4
73
A. MARQUEZ
+0.524
5
4
A. DOVIZIOSO
+0.676
6
5
J. ZARCO
+0.780
7
42
A. RINS
+0.887
8
38
B. SMITH
+0.924
9
44
P. ESPARGARO
+0.925
10
63
F. BAGNAIA
+1.079

14.22 Vinales va ai box e completa il suo primo run, nel frattempo Morbidelli passa di nuovo al comando!! 1’48″992 per il romano, che è il primo a scendere sotto l’1:49 in questo weekend.

14.20 Tempi subito competitivi rispetto al primo turno: Vinales è attualmente il più competitivo del lotto in 1’49″2, ma Morbidelli e Quartararo rispondono colpo su colpo.

14.18 Vinales torna a guidare il terzetto Yamaha in testa alla FP2 stampando un 1’49″7 che viene però migliorato poco dopo da Morbidelli in 1’49″5. Primi segnali positivi per Ducati con Dovizioso 7° e Bagnaia 9°.

14.17 Morbidelli si migliora e balza al comando in 1’49″953, a testimonianza di una condizione ben più favorevole della pista rispetto al mattino.

14.16 Vinales parte forte ed è subito il più rapido al primo passaggio sul traguardo in 1’50″688 davanti a Morbidelli e Quartararo.

14.14 Gomma soffice al posteriore anche per Alex Marquez e Bradley Smith. A breve i primi riscontri cronometrici del turno.

14.12 Tutti in pista con soft all’anteriore e media al posteriore tranne Oliveira, che monta una coppia di gomme morbide.

14.10 SEMAFORO VERDE!! Scattano 45′ di prova fondamentali per il weekend della MotoGP ad Aragon!

14.07 Temperature dell’asfalto in aumento al MotorLand: tra pochi minuti si comincia con le FP2!

14.04 Piccoli passi avanti in casa Suzuki rispetto a Le Mans in condizioni di grande freddo, con Joan Mir 6° e Alex Rins 9° grazie ad un turno in crescendo.

14.01 Ottimi segnali in FP1 anche per Honda con il 4° posto di Alex Marquez, il 5° di Takaaki Nakagami e l’8° di Cal Crutchlow. Lo spagnolo, autore di una scivolata in curva 2, ha però montato nel finale una coppa di soft nuove per fare il tempo.

13.56 Yamaha ha impressionato in mattinata trovando subito una buona aderenza nonostante temperature davvero basse, con Viñales che ha firmato il miglior tempo in 1’49″8 davanti a Morbidelli e Quartararo. Prestazioni comunque non esaltanti, se si considera il crono di 1’46″8 in FP1 da parte di Marc Marquez nel 2019.

13.53 Si profila un turno estremamente importante in primis per strappare la qualificazione diretta per il Q2, dato che non sarà semplice ottenere delle prestazioni di alto livello domattina in FP3 in condizioni di grande freddo. Fondamentale dunque chiudere il venerdì nella top10 per non rischiare di affrontare il Q1.

13.49 Di seguito la classifica completa della FP1 per la MotoGP:

1 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 344.0 1’49.866
2 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 340.7 1’49.951 0.085 / 0.085
3 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 341.8 1’50.142 0.276 / 0.191
4 73 Alex MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 344.0 1’50.176 0.310 / 0.034
5 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 339.6 1’50.420 0.554 / 0.244
6 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 342.9 1’50.425 0.559 / 0.005
7 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 346.1 1’50.464 0.598 / 0.039
8 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 346.1 1’50.598 0.732 / 0.134
9 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 342.9 1’50.721 0.855 / 0.123
10 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 341.8 1’50.801 0.935 / 0.080
11 33 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Factory Racing KTM 344.0 1’50.973 1.107 / 0.172
12 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 347.3 1’51.219 1.353 / 0.246
13 27 Iker LECUONA SPA Red Bull KTM Tech 3 KTM 345.0 1’51.241 1.375 / 0.022
14 6 Stefan BRADL GER Repsol Honda Team Honda 341.8 1’51.285 1.419 / 0.044
15 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 340.7 1’51.340 1.474 / 0.055
16 88 Miguel OLIVEIRA POR Red Bull KTM Tech 3 KTM 344.0 1’51.357 1.491 / 0.017
17 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 348.4 1’51.408 1.542 / 0.051
18 38 Bradley SMITH GBR Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 341.8 1’51.442 1.576 / 0.034
19 53 Tito RABAT SPA Esponsorama Racing Ducati 342.9 1’51.581 1.715 / 0.139
20 5 Johann ZARCO FRA Esponsorama Racing Ducati 345.0 1’51.807 1.941 / 0.226
21 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 349.5 1’51.934 2.068 / 0.127

13.45 Grande attesa per capire l’evoluzione prestazionale dei piloti nel pomeriggio con temperature leggermente più alte rispetto a stamattina. Ci si aspetta un grande passo avanti da parte delle Ducati, dopo un FP1 sostanzialmente interlocutoria.

13.40 Buon pomeriggio amici di OA Sport e ben ritrovati per la diretta della seconda sessione di prove libere del GP d’Aragon 2020, decimo round stagionale del Mondiale MotoGP.

LA CRONACA DELLA FP1 DI MOTOGP

I RISULTATI E LA CLASSIFICA DELLA FP1

E’ tutto per questa DIRETTA LIVE. Un saluto dalla redazione, appuntamento alle 14.10 per la FP2.

11.12: Maverick Vinales ha concluso in vetta la FP1 del GP d’Aragon. Il pilota della Yamaha ha preceduto i compagni di marca Morbidelli (+0″085) e Quartararo (+0″276). Cadute per i due piloti della Yamaha Petronas. Indietro le Ducati: Miller 12°, Petrucci 15°, Dovizioso 17° e Bagnaia 21°. Ducati in crisi nera in questo avvio di fine settimana. Le basse temperature non hanno aiutato la scuderia di Borgo Panigale.

1
12
M. VIÑALES
1:49.866
2
21
F. MORBIDELLI
+0.085
3
20
F. QUARTARARO
+0.276
4
73
A. MARQUEZ
+0.310
5
30
T. NAKAGAMI
+0.554
6
36
J. MIR
+0.559
7
44
P. ESPARGARO
+0.598
8
35
C. CRUTCHLOW
+0.732
9
42
A. RINS
+0.855
10
41
A. ESPARGARO
+0.935

11.10: BANDIERA A SCACCHI!!

11.09: ATTENZIONE! Caduta di Quartararo in curva-8, con il francese zoppicante, ma comunque sulle sue gambe. Il transalpino aiuta i commissari a liberare la moto, incastrata nelle barriere.

11.08: Ci si avvia quindi a concludere un turno con tre Yamaha davanti a tutti: Vinales il migliore con il crono di 1’49″866. Mir si porta in quarta piazza 0″559 dal vertice.

11.06: Crutchlow risale in quinta posizione a 0″732 dalla vetta. Tre Yamaha nelle prime tre posizioni, un aspetto molto dovuto probabilmente alle temperature.

11.05: Quartararo torna ai box, tenendo un passo ottimo sull’1’50″5. Il francese sembra il più costante.

11.03: Quartararo, nel frattempo, migliora il suo riscontro in 1’50″142, rimanendo però sempre terzo a 0″276 da Vinales.

11.03: Caduta alla curva-14 per Franco Morbidelli: chiusura d’anteriore per lui e nessuna conseguenza sul pilota della Yamaha Petronas.

11.02: Morbidelli risponde a Quartararo e la Yamaha Petronas del pilota italiano ora è secondo a 0″085 da Vinales.

11.01: Di seguito l’ordine dei tempi:

1
12
M. VIÑALES
1:49.866
2
20
F. QUARTARARO
+0.399
3
21
F. MORBIDELLI
+0.567
4
30
T. NAKAGAMI
+0.918
5
36
J. MIR
+0.940
6
44
P. ESPARGARO
+1.014
7
27
I. LECUONA
+1.375
8
73
A. MARQUEZ
+1.643
9
33
B. BINDER
+1.755
10
6
S. BRADL
+1.794

10.59: I ducatisti hanno deciso di non spingere per le basse temperature, questo è quanto afferma il Team Manager Tardozzi.

10.58: Migliora anche Mir e con la Suzuki è quinto a 0″940 da Vinles.

10.57: Quartararo migliora il proprio riferimento, portandosi a 1’50″265 (secondo a 0″399).

10.56: Le Ducati nelle retrovie, soffrendo molto le temperature basse: Zarco 15°, Dovizioso 17°, Bagnaia 18°, Miller 19° e Petrucci 20°.

10.54: Vinales abbatte per primo il muro dell’1’50”, portandosi in vetta con il crono di 1’49″866 a precedere Quartararo di 0″547 e Morbidelli di 0″567. Grande tempo di Maverick, con una soft sull’anteriore e una media sul posteriore. Gomme nuove per lui.

10.52: Si migliora Mir con la Suzuki, rientrando nella top-6 (sesto), con il crono di 1’51″004 a 0″571.

10.50: Ancora veloce Vinales in 1’50″510 Vinales a circa un decimo dalla miglior prestazione di Morbidelli, ma attenzione a Quartararo che sta segnando intertempi record, non migliorando però il riscontro di “Morbido” (1’50″694).

10.49: Vinales continua a spingere nel primo settore (casco rosso), chiudendo con il crono di 1’52″288 (tempo alto). Caduta in curva-2, nel frattempo, per Alex Marquez.

10.45: Maverick Vinales migliora i propri tempi e si porta in seconda posizione, scavalcando Quartararo, a 0″019 da Morbidelli.

10.43: Di seguito l’ordine dei tempi:

1
21
F. MORBIDELLI
1:50.533
2
20
F. QUARTARARO
+0.144
3
44
P. ESPARGARO
+0.347
4
12
M. VIÑALES
+0.408
5
27
I. LECUONA
+0.708
6
30
T. NAKAGAMI
+0.763
7
73
A. MARQUEZ
+0.976
8
33
B. BINDER
+1.088
9
6
S. BRADL
+1.127
10
42
A. RINS
+1.128

10.41: Il “Morbido” si porta in testa con il crono di 1’50″533 a precedere di 0″144 Quartararo e di 0″347 Pol Espargaro. Vinales è quarto a 0″408, mentre Bagnaia è 17°, Petrucci 19° e Dovizioso 20°. Il forlivese è fermo ai box.

10.40: Vinales si porta in terza posizione a 0″264 da Quartararo, caschi rossi nel secondo e terzo settore per Morbidelli.

10.39: Quartararo scende ancora coi tempi, portando il limite a 1’50″677, davanti a Pol Espargaro (+0″203) e a Lecuona (+0″652). Morbidelli 5° a 0″852, mentre Petrucci, Bagnaia e Dovizioso sono rispettivamente 16°, 17° e 18°.

10.37: Scendono i tempi, Quartararo in testa con il crono di 1’51″005 a precedere di 0″027 Pol Espargaro (KTM).

10.35: Attenzione! Caduta di Zarco alla curva-14, nessuna conseguenza per fortuna per il francese, ma Ducati danneggiata.

10.33: Detto, fatto. Pol Espargaro in vetta con il crono di 1’51″034 con 18 millesimi di vantaggio su Quartararo e 0″832 su Morbidelli. Dovizioso è 15° a 3″464, girando su un ritmo lento.

10.32: Morbidelli si migliora, portandosi davanti con il crono di 1’52″704. Condizioni di pista però in miglioramento e pioggia di caschi rossi.

10.30: Cancellato il tempo a Quartararo per essere andato oltre i limiti della pista, Lecuona dunque davanti a tutti con il tempo di 1’52″704 a precedere di 117 millesimi e di 135 Crutchlow. Attenzione a Morbidelli che sta migliorando.

10.28: Quartararo parte forte con il crono di 1’54″484 con 338 millesimi di vantaggio sulla KTM di Lecuona e 561 sulla KTM di Pol Espargaro. Dovizioso 12° e Morboelli 13° in questo momento, ma siamo solo all’inizio.

10.26: I piloti entrano tutti in pista per saggiare le condizioni dell’asfalto. Tutti con la gomma media al posteriore.

10.25: Ci apprestiamo a vivere 45′ di prove nei quali sarà importante trovare la messa a punto. Un circuito su cui non sarà facile trovare il giusto set-up.

10.25: VIA ALLA FP1!

10.24: Il medico della FIM Di Filippo ha aggiunto: “Calcoliamo sempre una eventuale positività dopo 7-8 giorni”. Non ci sono speranze di rivedere Arbolino per questo GP, dovrà quindi effettuare un periodo di quarantena di 10 giorni“.

10.21: Il medico della FIM Di Filippo fa chiarezza sul protocollo: “E’ molto restrittivo, al momento quello di Arbolino risulta essere stato un contatto stretto, è necessario l’isolamento di 10 giorni. Arbolino non potrà gareggiare“.

10.18: Il resto del giro è, come anticipato, molto tecnico, sono necessarie linee precise e una percorrenza di curva perfetta in alcuni punti per portare a casa un ottimo tempo. Vista la conformazione senza particolari staccate ad eccezione di curva 16, il tracciato di Aragon risulta tra i meno impegnativi per l’impianto frenante.

10.15: La configurazione del tracciato è stata ideata dall’architetto tedesco Hermann Tilke e si snoda per 5.344 metri in maniera parecchio tortuosa e certamente molto tecnica. Per certi versi non siamo troppo distanti dalle caratteristiche di Misano ma c’è una grossissima differenza rappresentata dal lungo rettilineo che porta a curva 16, una staccata molto importante dove si riducono le velocità di quasi 200 km/h in pochi secondi.

10.12: Attendiamo dunque che arrivi un po’ d’attività sul tracciato di Aragon.

10.10: In rappresentanza di Michelin, ha parlato Taramasso sulla decisione di ritardare la sessione: “D’accordo con Dorna, necessario aspettare per scendere in pista s asfalto più caldo. Soft davanti e media dietro, questo è stato stato il nostro suggerimento ai team“.

10.07: “Abbiamo un lasso di 10 giorni per trovare un sostituto a Rossi. Di sicuro non lo faremo per Aragon 1, non abbiamo ancora parlato se farlo per Aragon 2. Lorenzo? Stando a quando visto nei test di Portimao ha bisogno di girare ancora”, le parole di Meregalli (Yamaha) ai microfoni di Sky Sport sul possibile sostituto di Rossi per “Aragon 2”.

10.04: Di seguito la comunicazione ufficiale:

10.01: In Yamaha pensano all’eventualità di sostituire Valentino Rossi ad “Aragon 2”. In questo caso, possibile che Lorenzo possa prendere il suo posto, anche se il test fatto a Portimao non è in grande forma. Vedremo…

09.58: Siamo a 7°C ad Aragon, c’è il sole, ma un vento gelido.

09.56: Attenzione, la FP1 prenderà il via alle 10.25, un ritardo di 30′ per il freddo.

09.55: Le gomme, come al solito, saranno un fattore determinante.

09.53: L’obiettivo dei piloti sarà quello di centrare un buon tempo già da questa FP1, in funzione della qualificazione alla Q2.

09.51: 4′ al via dunque di una FP1 importante.

09.48: Questo sarà lo scenario del MotorLand di Aragon, una pista particolare, che richiede grande potenza del motore, ma contemporaneamente maneggevolezza nelle curve più lente. Un mix che non ha quasi mai esaltato la Yamaha ma, mai come in questo caso, è vietato fare previsioni o pronostici. Fabio Quartararo, Joan Mir, Andrea Dovizioso e Maverick Vinales.

09.45: Il romagnolo paga un feeling scarso con la sua GP20 e un clima interno non ottimale, mentre lo spagnolo continua in una annata di clamorosi alti e bassi, con la sensazione che, quando tutto non va come sarebbe nei suoi sogni, si abbatte troppo a livello di umore.

09.42: Leggermente più distanti, ma comunque invitati al “gran ballo” ci sono Andrea Dovizioso e Maverick Vinales, rispettivamente con 97 e 96 punti. I due, usciti con il morale basso da Le Mans, dovranno risolvere diversi problemi (sotto vari punti di vista) e cambiare marcia davvero in questo rush finale.

09.39: Starà a Fabio Quartararo confermare la sua leadership, nonostante un andamento ondivago che lo ha visto conquistare 50 punti nelle prime due gare, quindi 65 nelle successive 7. Per sua fortuna dietro di lui nessuno vola. Joan Mir è a sole 10 lunghezze ma paga alcuni aspetti: un motore (quello della sua Suzuki) che rende diverse cavalli ai rivali in rettilineo, il fatto che in qualifica non vada mai oltre la pancia del gruppo ed è quindi costretto a rimonte disperate corsa dopo corsa.

09.36: C’è poco da girarci attorno, stiamo vivendo un campionato assolutamente indecifrabile. Ogni volta che si parte per un weekend si fanno diverse ipotesi che poi, regolarmente, vengono spazzate via dalla pista. Manca una moto dominatrice, manca un pilota che sappia unire prestazioni e qualità e, soprattutto, la pressione inizia a farsi immensa.

09.33: Un circuito, quindi, che chiederà tanto ai piloti. Per questo il lavoro di messa a punto sarà fondamentale in vista delle qualifiche di domani e della gara domenicale.

09.30: In Spagna ci saranno temperature più accettabili, anche se parlare di caldo non è il caso. Venerdì, sabato e domenica non dovrebbe piovere e il range termico oscillerà dagli 8 ai 20°C.

09.27: Su di una pista molto tecnica, tra le più moderne e recenti del Motomondiale, servirà trovare un assetto efficiente sia in termini di accelerazione che di percorrenza. Il circuito spagnolo, lungo 5.077 metri, presenta 17 curve (10 curve a sinistra e 7 a destra), con l’ultimo curvone considerato come una doppia curva in MotoGP in cui vi potrebbero essere confronti serrati.

09.24: Se si considera l’anno passato, la Ducati potrebbe sorridere perché, nella prova vinta da Marquez, Dovizioso e Miller completarono il podio. Sarà possibile ripetersi? Le condizioni climatiche saranno un fattore determinante in questo discorso.

09.21: Il francese Fabio Quartararo (Yamaha Petronas), lo spagnolo Joan Mir (Suzuki), Andrea Dovizioso (Ducati) e l’altro iberico Maverick Vinales (Yamaha Factory) sono i piloti in lizza per l’iride, in maniera più probabile, racchiusi in 19 punti in graduatoria.

09.18: Un campionato che, orfano anche del grande dominatore Marc Marquez (out per un infortunio serio nella prima gara), vede una situazione equilibrata e incerta.

09.15: Un fulmine a ciel sereno che ha colto tutti alla sprovvista e che, ovviamente, ha amareggiato non poco il centauro italiano che avrebbe desiderato salire in sella alla propria Yamaha e riscattarsi dagli ultimi deludenti risultati, ricordando i tre ritiri consecutivi delle ultime uscite andate in scena.

09.12: Inutile negare che tutti sono stati scossi dall’assenza di Valentino Rossi. Il “Dottore” non prenderà parte al weekend in terra iberico per aver contratto il Covid-19.

09.10: Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA live delle prove libere del GP d’Aragon, round del Mondiale 2020 di MotoGP. Sul tracciato iberico i team e i piloti lavoreranno alacremente per trovare la messa a punto ideale in vista delle qualifiche di domani e della gara domenicale.

Il programma del GP Aragon (16 ottobre)La presentazione del GP Aragon – La positività al Covid-19 di Valentino RossiLe dichiarazioni di Andrea Dovizioso

Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA live delle prove libere del GP d’Aragon, round del Mondiale 2020 di MotoGP. Sul tracciato iberico i team e i piloti lavoreranno alacremente per trovare la messa a punto ideale in vista delle qualifiche di domani e della gara domenicale.

Inutile negare che tutti sono stati scossi dall’assenza di Valentino Rossi. Il “Dottore” non prenderà parte al weekend in terra iberico per aver contratto il Covid-19. Un fulmine a ciel sereno che ha colto tutti alla sprovvista e che, ovviamente, ha amareggiato non poco il centauro italiano che avrebbe desiderato salire in sella alla propria Yamaha e riscattarsi dagli ultimi deludenti risultati, ricordando i tre ritiri consecutivi delle ultime uscite andate in scena.

Un campionato che, orfano anche del grande dominatore Marc Marquez (out per un infortunio serio nella prima gara), vede una situazione equilibrata e incerta. Il francese Fabio Quartararo (Yamaha Petronas), lo spagnolo Joan Mir (Suzuki), Andrea Dovizioso (Ducati) e l’altro iberico Maverick Vinales (Yamaha Factory) sono i piloti in lizza per l’iride, in maniera più probabile, racchiusi in 19 punti in graduatoria. Se si considera l’anno passato, la Ducati potrebbe sorridere perché, nella prova vinta da Marquez, Dovizioso e Miller completarono il podio. Sarà possibile ripetersi? Le condizioni climatiche saranno un fattore determinante in questo discorso.

OA Sport vi offre la  DIRETTA live delle prove libere del GP d’Aragon, round del Mondiale 2020 di MotoGP: cronaca in tempo reale e aggiornamenti costanti. Si comincia alle 09.55 con la FP1, mentre la FP2 è in programma alle 14.10.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse 

Loading...

Lascia un commento

scroll to top