Ginnastica, Olimpiadi Europee – Italia per l’esperienza. Tra obiettivi e speranze di medaglia

IMG_2894.jpg

L’Italia invierà un terzetto femminile innovativo a Baku (Azerbaijan) dove, dal 12 al 28 giugno, si disputeranno le Olimpiadi Europee. Un trio azzurro misto di esperienza e novità per provare a sorprendere la concorrenza internazionale, capitanata da alcune big di assoluto spessore.

Non si parte certo con l’obiettivo primario di fare medaglie. L’importante sarà testare la situazione, fare esperienza, verificare e valutare esercizi e potenzialità in vista dei Mondiali di Glasgow (23 ottobre – 1° novembre), l’appuntamento clou dell’intera stagione e qualificante per le Olimpiadi 2016.

 

La prova a squadra metterà alla prova Giorgia Campana, Alessia Leolini e Tea Ugrin con una formula molto particolare. Un 3-3-2 che lascia parecchia imprevedibilità alla competizione, contando che molte prime linee non parteciperanno all’evento. Se la Russia dominerà com’è lecito aspettarsi (Mustafina, Komova e Tutkhalyan sembrano davvero imbattibili), alle loro spalle si apre una bella lotteria. La Romania, nonostante l’assenza di Iordache e Bulimar, potrebbe comunque provare a salire sul podio. L’Italia ha tutte le carte in regola per lottare per una medaglia insieme anche alla Germania di Seitz/Scheder e alla Svizzera trascinata da Steingruber, senza dimenticarci la Gran Bretagna di Simm e compagne.

 

Il concorso generale individuale vede già prenotati due gradini del podio da Mustafina (o comunque un’altra russa) e da Steingruber, ma la regola dei passaporti “rafforzata” (e anti meritocratica…) apre spiragli anche per molte altre partecipanti tra cui sarebbe possibile vedere un’azzurra.

Passando alle Finali di Specialità possiamo guardare con fiducia alle parallele asimmetriche: abbiamo un trio di specialiste agli staggi anche se, come prevede il regolamento, ne potremo schierare massimo una all’atto conclusivo. L’importante sarà arrivarci poi può succedere di tutto: Mustafina o Komova favorite, Scheder o Seitz da tenere d’occhio, ma poi l’assenza di altre super specialiste del circuito potrebbe anche essere sfruttata in maniera interessante.

La trave è di natura l’attrezzo più imprevedibile. Giorgia Campana ha sempre fatto vedere cose interessanti sui 10cm, mentre il corpo libero potrebbe essere l’attrezzo di Tea Ugrin per provare ad agguantare un traguardo importante.

 

Gli uomini faranno a meno dei senatori e si presenteranno con una formazione giovane composta da Andrea Cingolani, Nicola Bartolini e Tommaso De Vecchis. Tanti big stranieri punteranno a fare incetta di medaglie, gli azzurri proveranno ad agguantare delle Finali e a giocarsela soprattutto Cingolani al corpo libero e al volteggio.

 

Articoli correlati:

Olimpiadi Europee – Tutto il programma, gli orari e tv di Baku 2015

Olimpiadi Europee – Tutto il regolamento e la formula speciale: così si vince e si vola in finale

Olimpiadi Europee – Tutte le partecipanti a Baku 2015: la starting list ufficiale

Olimpiadi Europee – Tutte le stelle: quante big a Baku 2015! Da Mustafina a Komova

Olimpiadi Europee – Italia, le tue azzurre ai raggi X: a caccia di sorprese

Olimpiadi Europee – Chi vince l’oro a squadre? Tutti i punteggi dell’anno: Italia d’argento, la Russia è indietro ma

Olimpiadi Europee – Momento storico: tutta la ginnastica insieme! 6 discipline, si punta alle Olimpiadi 2024/2028

Olimpiadi Europee – Estratte suddivisioni e rotazioni: Italia fortunata in fondo

Olimpiadi Europee – Rivoluzionata la regola dei passaporti! Solo…1 atleta

Lascia un commento

Top