Seguici su

Ciclismo

NON C’È 2 SENZA 3! Milan firma il tris al Giro d’Italia, volata imperiale a Cento nel giorno dei ventagli

Pubblicato

il

Jonathan Milan
Jonathan Milan - Lapresse

Al Giro d’Italia il Bel Paese continua ad esaltarsi grazie ad un fenomenale Jonathan Milan. Non c’è due senza tre per la Maglia Ciclamino: il friulano della Lidl-Trek fa tripletta nella Corsa Rosa cogliendo il successo allo sprint anche in quel di Cento (FE), dimostrandosi ancor di più il miglior velocista presente in gara. Resta in Maglia Rosa, nonostante il pericolo ventagli, Tadej Pogacar.

Tre uomini sono andati all’attacco nella prima fase di gara: Andrea Pietrobon (Team Polti-Kometa), Manuele Tarozzi (VF Group – Bardiani CSF – Faizanè) e Alessandro Tonelli (VF Group – Bardiani CSF – Faizanè). Il gruppo però ha schierato le squadre dei velocisti davanti, non lasciando assolutamente spazio ai tre azzurri.

La fuga del mattino è stata raggiunta praticamente dopo il traguardo volante di Conselice, quando nel gruppo si è alzata tremendamente l’andatura visto un accenno di vento laterale. Ventagli nel plotone che si è andato a spezzare, con Jonathan Milan (Lidl-Trek) rimasto indietro (insieme a Fortunato e Pozzovivo) e costretto ad inseguire con la propria squadra. Successivamente per fortuna il tutto si è risolto con un nulla di fatto e gruppo compatto. A 30 dal traguardo hanno tentato l’iniziativa anche Martin Marcellusi (VF Group-Bardiani CSF-Faizané) e Dries De Pooter (Intermarché-Wanty), ma a 10 dall’arrivo si è nuovamente ricompattata la situazione.

Volata molto particolare in un finale velocissimo, a provare ad anticiparla il solito Fernando Gaviria: a capire tutto però sullo scatto del colombiano ecco Jonathan Milan (Lidl-Trek) che trova il momento giusto per uscire e per sfoderare i propri cavalli in strada, dominando in lungo e in largo lo sprint, peraltro supportato egregiamente dal perfetto treno della Lidl-Trek. Alle spalle dell’azzurro Stanisław Aniołkowski (Cofidis) e Phil Bauhaus (Bahrain – Victorious). Nella top-10 anche Giovanni Lonardi (Team Polti Kometa), nono, e Alberto Dainese (Tudor Pro Cycling Team), decimo.