Seguici su

Basket

Basket, al via i playoff di Serie A. Virtus Bologna ed Olimpia Milano le favorite, ma attenzione a Brescia e Venezia

Pubblicato

il

Tornik'e Shengelia
Shengelia / Ciamillo

Archiviata nello scorso weekend la regular season 2023-2024, la Serie A di basket si concentra ora sulla fase più importante: scattano domani, infatti, i playoff per assegnare il titolo di campione d’Italia. Si parte con i quarti di finale – serie al meglio delle cinque gare – e si proseguirà poi con semifinali e finali fino a metà giugno: andiamo a presentare brevemente quali sfide ci attendono.

Il primo confronto vede incrociarsi la Virtus Bologna testa di serie numero uno e la Bertram Tortona (ottava), remake della semifinale di due stagioni fa. Le V-nere partono con i favori del pronostico forti del primo posto in classifica dopo trenta giornate e di un roster che gli ha permesso di tenere testa alle squadre più blasonate in Eurolega. I bolognesi cercano di ritornare sul trono d’Italia a distanza di tre anni dall’ultima volta e hanno gli strumenti per farlo con Marco Belinelli e Tornike Shengelia pronti a trascinare la squadra, ma di fronte si troveranno una Bertram che da quando è salita di categoria dalla Serie A2 ha dimostrato di meritarsi la parte più alta della classifica. Nonostante l’esonero del coach protagonista della storica promozione e della finale di Coppa Italia 2022 ovvero Marco Ramondino, la società piemontese ha ingaggiato un allenatore di esperienza come Walter De Raffaele che ha riportato Tortona sulla strada giusta a suon di risultati e con un organico composto da giocatori esperti come Kyle Weems – che si ritrova subito di fronte il suo recente passato – o Chris Dowe e giovani azzurri come Tommaso Baldasso e Luca Severini.

Dalla stessa parte di tabellone, l’Umana Reyer Venezia (quarta) affronta l’Unahotels Reggio Emilia (quinta) alla seconda partecipazione consecutiva ai playoff. Gli oro-granata hanno conteso per buona parte della stagione il primo posto a Virtus Bologna, Olimpia Milano e Germani Brescia salvo poi perdere terreno complici alcuni risultati negativi, ma sono una squadra abituata a lottare per traguardi importanti e ne sono una dimostrazione i due scudetti conquistati sotto la guida tecnica di Walter De Raffaele. L’annata continentale in EuroCup si è dimostrata complicata con l’uscita nella prima fase, ma il roster può contare su due playmaker del calibro di Marco Spissu e di capitan Andrea De Nicolao e sull’esplosività atletica di Rayjon Tucker e di Kyle Witjer. La Reggiana si è guadagnata i playoff come quinta forza del Campionato, con l’exploit della Coppa Italia dove ha eliminato nei quarti di finale la Virtus Bologna arrendendosi solo all’overtime in semifinale di fronte alla finalista e vincitrice GeVi Napoli. L’attacco reggiano è guidato da Langston Galloway, ben coadiuvato da Kevin Hervey – ex Virtus Bologna – e da Jamar Smith, con i biancorossi che proveranno a ribaltare il pronostico per centrare una semifinale contro la vincente di Virtus Bologna-Tortona.

Spostandoci invece dalla parte destra del tabellone, il primo confronto vede l’Olimpia Milano (seconda) affrontare la Dolomiti Energia Trentino (settima). I meneghini puntano al tris dopo i successi dello scorso anno – trentesimo Scudetto quindi terza stella sul petto – e del 2022, con l’EA7 Emporio Armani che si ritroverebbe la Virtus Bologna solo in una possibile finale come capita oramai da diverse stagioni. La compagine di coach Ettore Messina vuole riscattare l’annata poco positiva soprattutto in Eurolega, con i milanesi che non sono riusciti a staccare il pass per i playoff nonostante un organico pieno di stelle a cominciare dall’ex Barcellona Nikola Mirotic – arrivato all’ombra della Madonnina in estate soprattutto per scalare la classifica in Europa – ed il ritorno di un playmaker estroso come Shabazz Napier, insieme a Nicolò Melli e Shavon Shields. La Dolomiti Energia Trentino cercherà di vendere cara la pelle, con coach Paolo Galbati che ha affidato le chiavi dell’attacco al lituano Andrejs Grazulis e a Kamar Baldwin, con il duo azzurro Alviti-Biligha che si è inserito benissimo nei sistemi di gioco dell’allenatore lombardo.

Nell’ultimo quarto di finale la Germani Brescia (terza) affronta una delle sorprese di questa stagione ovvero l’Estra Pistoia (sesta). La Leonessa non è riuscita a piazzare il bis in Coppa Italia uscendo subito per mano della GeVi Napoli poi trionfatrice, ma ha tenuto testa per buona parte del Campionato alle due corazzate Virtus Bologna ed Olimpia Milano trovandosi anche per diverse partite in vetta solitaria alla classifica. Coach Alessandro Magro sa di poter contare su un terminale offensivo del calibro di Amedeo Della Valle spesso decisivo insieme a Semaj Christon e CJ Massimburg, con John Petrucelli e Miro Bilan che in difesa sanno mostrare i muscoli controllando al meglio il pitturato. L’avversario non sarà dei più semplici da approcciare perché l’Estra Pistoia da neo-promossa dalla Serie A2 ha sorpreso tutti: prima la Final Eight di Coppa Italia e poi il sesto posto che significava appunto playoff, riportando ai piani nobili del basket tricolore una piazza molto calda grazie ad un coach giovane come Nicola Brienza ed una coppia di giocatori USA che hanno trascinato i toscani a suon di punti pesanti come Charlie Edward Moore e Payton Terrell Willis.