LIVE Ciclismo, Olimpiadi in DIRETTA: percorso per scalatori, Ganna chiude 5°. Le pagelle

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CRONACA DELLA CRONOMETRO

LE PAGELLE DELLA CRONOMETRO

10.16 Grazie per averci seguito e buon proseguimento di giornata. Un saluto sportivo.

10.15 Filippo Ganna deve ingoiare questo boccone amaro e pensare sin da ora all’inseguimento a squadre su pista, dove bisogna andare a caccia dell’oro! Prime qualificazioni lunedì 2 agosto, poi 1° round il giorno successivo e finale il 4 agosto.

10.13 Da sottolineare l’ottima undicesima posizione di Alberto Bettiol. I grandi delusi di giornata sono i belgi Van Aert e, soprattutto, Evenepoel. L’ottavo posto di Uran lascia capire chiaramente quanto fosse impegnativo il percorso.

10.10 I metri di dislivello, in 44 km, erano più di 800. Logico che un corridore da grandi giri come Roglic, che dopo la caduta del Tour si è preparato specificamente per le Olimpiadi, abbia fatto la differenza. Ganna stava bene, si è superato su un tracciato sfavorevole, il rammarico è per la medaglia sfuggita per un soffio. L’oro era fuori portata.

10.08 La classifica finale:

1 ROGLIČ Primož 55.04,19 48.157
2 DUMOULIN Tom 56.05,58 47.279
3 DENNIS Rohan 56.08,09 47.243
4 KÜNG Stefan 56.08,49 47.238
5 GANNA Filippo 56.09,93 47.218
6 VAN AERT Wout 56.44,72 46.735
7 ASGREEN Kasper 56.52,21 46.633
8 URÁN Rigoberto 57.18,69 46.273
9 EVENEPOEL Remco 57.21,27 46.239
10 BEVIN Patrick 57.24,29 46.198
11 BETTIOL Alberto 57.38,06 46.014
12 THOMAS Geraint 57.46,61 45.901
13 HOULE Hugo 57.56,46 45.771
14 DE BOD Stefan 57.57,10 45.762
15 SCHACHMANN Maximilian 58.33,82 45.284

10.07 Ganna ha mancato il bronzo per 1″84. Fa malissimo. Ma non possiamo rimproverargli nulla: ha fatto più del massimo su un percorso che NON ERA DA SPECIALISTI! Tutte salite e discese, pianura inestistente.

10.06 Beffa atroce. Filippo Ganna è quinto e chiude fuori dal podio. Che amarezza.

10.04 Cronometro da dimenticare per Van Aert. Dopo un buon avvio, il belga è rimasto a corto di energie. All’arrivo è comunque quinto a 1’40”. E ora vedremo se Ganna potrà almeno consolarsi con una medaglia.

10.03 Kueng è 4° a 1’04″30! Per pochi centesimi resta alle spalle di Dennis. Ora mancano solo Van Aert e Filippo Ganna.

10.01 E’ appesantita ora la pedalata di Filippo Ganna, deve dare tutto per evitare la beffa del quarto o quinto posto.

10.00 Dennis è 3° all’arrivo a 1’04”, rimane 3″ alle spalle di Dumoulin.

9.59 La classifica all’ultimo intermedio:

1 ROGLIČ Primož 45.59,95 48.392
2 DUMOULIN Tom 46.42,29 47.661
3 GANNA Filippo 46.44,34 47.626
4 KÜNG Stefan 46.46,03 47.597
5 DENNIS Rohan 46.49,79 47.534
6 VAN AERT Wout 47.16 47.094
7 ASGREEN Kasper 47.25,80 46.932
8 URÁN Rigoberto 47.46,52 46.593
9 BEVIN Patrick 47.46,81 46.588
10 EVENEPOEL Remco 47.53,85 46.474

9.57 Filippo Ganna terzo a 44″39 dopo 5 intermedi, l’azzurro si sta giocando l’argento.

9.56 Roglic chiude con 1’01” su Dumoulin. C’è poco da aggiungere: oggi lo sloveno, su questo percorso così duro, non si poteva battere.

9.55 Impressionante Roglic. Al quinto parziale transita con 43″ su Dumoulin. Si lotta solo per il 2° posto.

9.53 La classifica dopo il quarto e penultimo intermedio:

1 ROGLIČ Primož 40.43,22 46.856
2 DENNIS Rohan 41.14,16 46.270
3 DUMOULIN Tom 41.14,78 46.259
4 GANNA Filippo 41.15,49 46.245
5 KÜNG Stefan 41.28,62 46.001
6 VAN AERT Wout 41.50,04 45.609
7 ASGREEN Kasper 42.07,36 45.296
8 BEVIN Patrick 42.12,03 45.213
9 URÁN Rigoberto 42.14,17 45.175
10 EVENEPOEL Remco 42.34,53 44.815
11 CAVAGNA Rémi 42.39,56 44.726
12 BETTIOL Alberto 42.44,53 44.640

9.51 Ganna è 4° a 31″ da Roglic. L’azzurro paga appena 1″ da Dennis e Dumoulin, dunque si gioca l’argento. Per l’oro purtroppo c’è poco da fare.

9.50 Sprofonda Van Aert, 1’06” di ritardo da Roglic al quarto intermedio, dunque niente medaglia per il belga.

9.50 Un piccolo segnale di speranza è che Asgreen, raggiunto e superato da Roglic, poi ha nuovamente superato lo sloveno.

9.49 Kueng accusa 45″ da Roglic al quarto intermedio. Lo sloveno oggi in salita sta andando il doppio degli altri.

9.48 Si avvicina il quarto intermedio per Van Aert e Ganna.

9.45 Pazzesco, anche Dennis paga 30″ da Roglic al quarto intermedio.

9.43 Roglic fa il vuoto. 31″ su Dumoulin dopo 31,8 km, lo sloveno oggi sembra di un altro pianeta.

9.42 Ora capiremo al quarto intermedio se Roglic sta continuando a guadagnare su Dumoulin.

9.40 Sono tutti vicinissimi, è Roglic che sta facendo la differenza. D’altronde il percorso, con continui saliscendi, è perfetto per lo sloveno, corridore da grandi giri.

9.39 La classifica a metà cronometro delle Olimpiadi:

1 ROGLIČ Primož 27.29,93 48.220
2 DUMOULIN Tom 27.38,32 47.976
3 GANNA Filippo 27.38,62 47.968
4 DENNIS Rohan 27.39,14 47.953
5 VAN AERT Wout 27.40,21 47.922
6 KÜNG Stefan 27.45,52 47.769
7 CAVAGNA Rémi 28.03,09 47.270
8 ASGREEN Kasper 28.15,48 46.925
9 BEVIN Patrick 28.19,13 46.824
10 HOULE Hugo 28.25,58 46.647

9.37 Ganna è 3° a metà gara a 8″69 da Roglic. Si gioca la medaglia, per l’oro è durissima.

9.35 Van Aert alle spalle di Roglic a metà gara. Il belga accusa 10″28 dallo sloveno ed è quarto.

9.34 Anche Kueng perde terreno da Roglic. Lo svizzero è 4° a 15″ da Roglic.

9.33 Alto il tempo di Cavagna al terzo intermedio, paga 33″16 da Roglic: non è da medaglia oggi.

9.32 Dennis terzo a metà gara a 9″ da Roglic.

9.31 La classifica dopo due intermedi:

1 ROGLIČ Primož 18:15
2 VAN AERT Wout 18:15
3 GANNA Filippo 18:19
4 KÜNG Stefan 18:20
5 DUMOULIN Tom 18:21
6 DENNIS Rohan 18:25
7 CAVAGNA Rémi 18:28
8 ASGREEN Kasper 18:40
9 HOULE Hugo 18.40,85 48.178
10 EVENEPOEL Remco 18.45,15 47.994

9.30 Filippo Ganna è terzo al secondo rilevamento, paga 4″ da Roglic e Van Aert. Non deve arrendersi.

9.29 Stesso tempo per Van Aert e Roglic al secondo intermedio, 18’15”.

9.28 Roglic sta andando come una moto, fa tantissima paura. Dopo 22 km lo sloveno è al comando con 8″39 su Dumoulin.

9.26 A metà gara invece guida Dumoulin con 41″ su Bevin, ma devono ancora arrivare tutti i migliori.

9.25 Al secondo intermedio, dunque dopo 15 km, è in testa Roglic con 6″ su Dumoulin e 10″ su Dennis.

9.24 La classifica dopo il primo intermedio:

1 GANNA Filippo 12:56
2 ROGLIČ Primož 12:57
3 DUMOULIN Tom 13:00
4 VAN AERT Wout 13:01
5 DENNIS Rohan 13:04
6 CAVAGNA Rémi 13:05
7 KÜNG Stefan 13:06
8 BETTIOL Alberto 13.15,24 43.911
9 ASGREEN Kasper 13:18
10 VLASOV Aleksandr 13.18,01 43.759

9.23 Filippo Ganna in testa. 59 centesimi su Roglic. Ora l’azzurro deve limitare i danni in questa parte finale della salita e poi scatenarsi.

9.21 Van Aert fa paura. Solo 4″ da Roglic al primo intermedio.

9.20 Lo svizzero Kueng è quinto a 9″34 dalla vetta al primo rilevamento. Attendiamo ora Van Aert e Ganna…

9.18 Bene anche Cavagna, 4° a 7″75 da Roglic al primo parziale. La salita iniziale è veramente impegnativa.

9.17 L’australiano Rohan Dennis è in lotta. 7″17 da Roglic.

9.16 Alto il primo parziale di Geraint Thomas. 26″87 di ritardo per il britannico. Roglic ha fatto la differenza sulla salita impegnativa.

9.14 Si presenta anche Primoz Roglic…E’ al comando con 2″67 su Dumoulin dopo 9,7 km.

9.13 Male Joao Almeida, già 44″ il gap del portoghese da Dumoulin al primo rilevamento. 3° il danese Asgreen a 18″.

9.12 Il russo Vlasov ottavo all’arrivo a 1’36” da Uran.

9.11 Tom Dumoulin è al comando dopo 9,7 km con 15″ su Bettiol. Partito a razzo l’olandese, attenzione anche a lui…

9.10 ECCO FILIPPO GANNA! Serve un’impresa, stringiamoci con il nostro campione!

9.08 Partito Van Aert.

9.07 Partiti anche Cavagna e Kung, mancano solo Van Aert e Ganna.

9.06 La classifica all’arrivo:

1 URÁN Rigoberto 57:19
2 EVENEPOEL Remco 57:21
3 BETTIOL Alberto 57:38
4 HOULE Hugo 57.56,46 45.771
5 DE BOD Stefan 57.57,10 45.762
6 ARNDT Nikias 58.49,39 45.084
7 OLIVEIRA Nelson 58.59,22 44.959
8 KANGERT Tanel 59.05,25 44.883

9.04 URAN IN TESTA ALLA GARA! Il colombiano chiude con 2″58 di vantaggio su Evenepoel, questa è una sorpresa colossale!

9.03 Dennis, Cavagna, Kung, Van Aert e Ganna saranno gli ultimi corridori a partire.

9.01 Partito Primoz Roglic, ora si entra veramente nel vivo.

9.00 Dobbiamo crederci. Filippo Ganna, quando è in forma, va molto forte anche su salite come quelle di oggi, da passistoni. Vai Filippo, l’Italia è con te!

8.59 Attenzione perché può maturare una sorpresa assurda. Uran ha 14″ di vantaggio su Evenepoel a 4 km dall’arrivo…Intanto è partito Tom Dumoulin.

8.58 Evenepoel ha un vantaggio di 16″79 su un bravo Bettiol e 35″19 sul sorprendente canadese Houle. Porte chiude a 3’30”.

8.56 Remco Evenepoel taglia il traguardo in prima posizione.

8.51 Dobbiamo essere sinceri. Se questa cronometro si disputasse al Giro d’Italia o al Tour de France diremmo che “il percorso non è da specialisti puri”.

8.49 25″78 di ritardo per Bettiol al quarto intermedio, è quarto.

8.47 Il belga Evenepoel transita al quarto rilevamento con 20″ sul sorprendente canadese Houle, che al momento comanda la gara all’arrivo con appena 64 centesimi sul sudafricano de Bod.

8.44 Evenepoel ora sta andando fortissimo. Al quarto intermedio è in testa con 10″ su Alberto Bettiol.

8.42 Il fatto che Rigoberto Uran stia andando così forte non è un buon segno, perché significa che il percorso davvero strizza l’occhio agli scalatori. Filippo Ganna davvero dovrà superarsi.

8.36 Praticamente Uran ed Evenepoel stanno viaggiando sui medesimi tempi!

8.35 In gran ripresa anche Rigoberto Uran, che dopo 22 km fa segnare il terzo tempo intermedio.

8.33 Ed ecco che torna a farsi valere Remco Evenepoel! Partito molto tranquillo, adesso il fenomeno belga è in netto recupero e si sta gestendo davvero bene.

8.32 Crampi per lo spagnolo Ion Izagirre! Sembra ormai finita la prova dell’iberico.

8.29 Decisamente attardati invece sia Tao Geoghegan Hart che Richie Porte.

8.26 In leggero calo la prova di Bettiol all’ingresso del circuito Fuji. Il suo ritardo nei confronti di Houle al T2 è di 22″.

8.24 Rigoberto Uran accusa un ritardo di 21″ da Bettiol all’altezza del primo intermedio.

8.21 Il prossimo corridore partirà fra 30′, e sarà Tobias Foss. Il norvegese aprirà l’ultimo blocco di partenza.

8.19 Non eccellente sinora la prova di Evenepoel, che dopo il primo intermedio accusa un ritardo di 9″ da Bettiol.

8.16 Questa è l’attuale top 5 al traguardo:

1 HOULE Hugo 57.56,46 45.771
2 DE BOD Stefan 57.57,10 45.762
3 ARNDT Nikias 58.49,39 45.084
4 OLIVEIRA Nelson 58.59,22 44.959
5 KANGERT Tanel 59.05,25 44.883

8.13 13’15″24 per Alberto Bettiol che fa segnare il nuovo miglior primo intermedio! Ottima sinora la prova dell’azzurro!

8.10 Dopo la partenza di Aleksandr Vlasov, mancherà soltanto Maximilian Schachmann a chiudere il secondo blocco di partenza.

8.08 Ma viene rimbalzato per un solo secondo dal canadese Hugo Houle!

8.06 Con 57’57” il sudafricano Stefan De Bod fa segnare il primo tempo di riferimento al traguardo.

8.03 Attenzione al vento che potrebbe influire e non poco in questa seconda parte di gara.

8.00 Al via l’azzurro Alberto Bettiol!

7.59 Partito anche il fenomeno belga Remco Evenepoel!

7.56 Si riprende con le partenze. Al via il vincitore del Giro 2020 Tao Geoghegan Hart.

7.55 Stefan De Bod viene presto rimbalzato da Houle per 7″.

7.53 Nel frattempo con 42’53” Stefan De Bod è primo al quarto intermedio.

7.50 Tra 6′ si riprenderà con le varie partenze del secondo blocco di corridori.

7.48 Difatti, dopo 22 chilometri, il portoghese accusa un ritardo di 46″ rispetto all’attuale miglior tempo d Hugo Houle.

7.45 Decisamente attardato uno dei favoriti del giorno, il portoghese Nelson Oliveira.

7.42 Ricordiamo che il primo azzurro a prendere il via sarà Alberto Bettiol alle ore 8.00, mentre Filippo Ganna scenderà dalla pedana per ultimo alle ore 9.10.

7.39 Ma ecco che bile presto rimbalzato per 7″ dal canadese Hugo Houle all’altezza del terzo intermedio.

7.37 Con 28:42 De Bod agguanta il primo tempo al secondo intermedio.

7.34 Partenze interrotte anche in questo istante per il medesimo motivo. Il primo a riprendere sarà il britannico Tao Geoghegan Hart tra 20′.

7.31 Ricordiamo che dopo la partenza del tedesco Maximilian Schachmann ci saranno 38′ di stop delle partenza per far sì che i corridori non si incrocino lungo il circuito del Monte Fuji che ricordiamo figura come luogo di partenza e arrivo della prova.

7.29 Alle sue spalle a 13″ Stefan De Bod (Sudafrica).

7.26 Hugo Houle ha il miglior tempo, 13’20″44, attualmente, al primo intertemedio.

7.23 Alberto Bettiol partirà alle ore 8.00.

7.20 E’ sceso in strada Nelson Oliveira. Lui può fare una prova interessante.

7.18 Un fattore da non sottovalutare, oggi, è il vento.

7.15 E’ sceso in strada anche Nicholas Roche.

7.12 Alle 7.18 Partirà il portoghese Rui Oliveira, poi ci sarà una pausa fino alle 07.56, quando scenderà dalla pedana Tao Geoghegan Hart.

7.09 A breve partità l’estone Tanel Kanger, il quale può fare una buona prova.

7.06 Primo tratto della cronometro con strada larga e in leggera discesa.

7.03 Il primo nome da seguire con interesse potrebbe essere il sudafricano Stefan De Bod, il quale partirà tra cinque minuti. Il corridore dell’Astana è molto adatto a questo tracciato, ma è reduce da un infortunio.

7.00 Inizia la cronometro, scende dalla pedana il siriano Ahmad Badreddin Wais

6.55 Tra cinque minuti si parte.

6.50 L’unico tra i favoriti a partire presto sarà il belga Remco Evenepoel, il quale scenderà dalla pedana alle 07.59.

6.45 Sarà particolarmente pericoloso, oggi, anche il due volte campione del Mondo Rohan Dennis. Il tracciato, infatti, è perfetto per le caratteristiche dell’australiano.

6.40 Il tracciato è molto duro e la strada è sempre o in salita o in discesa. Il favorito per l’oro è il belga Wout Van Aert.

6.35 Alberto Bettiol partirà alle 8.00, mentre Filippo Ganna scenderà dalla pedana, per ultimo, alle 9.10.

6.30 Torniamo live amici ed amiche di OA Sport, la crono maschile inizierà tra mezz’ora.

Si chiude temporaneamente la nostra diretta: appuntamento a più tardi con la gara maschile.

5.43 Gara discreta per Elisa Longo Borghini: l’azzurra termina decima a 2’47” dalla vincitrice.

5.41 Si completa dunque questa cronometro individuale: domina in lungo e in largo Annemiek van Vleuten, argento spettacolare per la svizzera Marlen Reusser, bronzo per Anna van der Breggen.

5.39 Arriva Anna van der Breggen: niente doppietta olandese, oro e bronzo per i Paesi Bassi. 1’01” di ritardo per la campionessa del mondo.

5.37 L’elvetica Marlen Reusser per il podio! Secondo posto parziale per la svizzera.

5.35 Si inserisce in seconda piazza l’australiana Grace Brown.

5.33 Al momento seconda Amber Neben, da capire la situazione per il podio.

5.32 30:13.49, quasi 44 km/h di media: DEVASTANTE ANNEMIEK VAN VLEUTEN! Sua la medaglia d’oro!

5.30 Terzo posto parziale per Elisa Longo Borghini al traguardo: possibilità di top-10 per l’azzurra.

5.28 Non è giornata per Anna van der Breggen, terza al secondo intermedio. Per l’Olanda possibilità di doppietta.

5.26 Van Vleuten è già entrata nell’autodromo, lanciata verso il titolo.

5.23 Van der Breggen e Dygert non riescono a tenere il passo al primo intermedio di una van Vleuten scatenata.

5.21 Arriva van Vleuten al secondo intermedio e fa la differenza: 40” su Neben, 1’35” su Elisa Longo Borghini al momento quinta.

5.19 In rimonta Elisa Longo Borghini: al secondo intermedio 6” di ritardo da Moolman-Pasio, che sulla salita aveva un margine superiore.

5.17 DEVASTANTE Van Vleuten! Al comando al primo intermedio con un margine impressionante su tutte le rivali.

5.15 L’americana Neben al primo intermedio nettamente al comando: 14:52.85.

5.13 All’arrivo al comando l’australiana Sarah Gigante.

5.11 Elisa Longo Borghini è quinta all’intermedio: 19” di ritardo rispetto alla sudafricana Moolman-Pasio.

5.09 Terminate le partenze: c’è quella di Anna van der Breggen.

5.07 Il primo arrivo è quello della belga van de Velde. 34:23.49.

5.06 La francese Labous, già protagonista nella prova in linea, è al comando dopo l’intermedio iniziale.

5.05 Al via Dygert (Stati Uniti), campionessa del mondo 2019.

5.03 Kirchmann (Canada) al comando dopo il primo intermedio.

5.01 La canadese Canuel al comando anche al secondo intermedio.

4.59 Si susseguono le partenze, al via Annemiek van Vleuten (Olanda).

4.57 Sembra essere partita al meglio Elisa Longo Borghini, molto concentrata.

4.55 La belga Van de Velde arriva anche al secondo intermedio.

4.54 Inizia la cronometro per Elisa Longo Borghini!

4.51 Continuano a migliorarsi i crono all’intermedio: la canadese Canuel al comando.

4.49 La prima all’intermedio è la belga van de Velde con 16:21.06 dopo 9,7 chilometri.

4.47 Due gli intermedi sul percorso.

4.43 C’è già qualche goccia di pioggia sulla telecamera.

4.41 Il meteo non è ideale in quel di Tokyo: tante nuvole, prevista forse anche un po’ di pioggia più tardi.

4.39 Longo Borghini partirà alle 4.54 italiane. Difficile per lei lottare per la top-5, serve un miracolo.

4.37 25 le atlete in gara.

4.35 Si susseguono, ogni minuto e mezzo, le partenze.

4.32 Partita la prima atleta! Masomah Ali Zada, rifugiata olimpica.

4.29 Il circuito nipponico, che partirà ed arriverà al Fuji International Speedway, misura 22,1 chilometri con 423 metri di dislivello e i medesimi saliscendi che abbiamo visto attorno all’Autodromo che renderanno dure le due gare.

4.26 Attese per una lotta verso il podio anche la svizzera Marlen Reusser e la tedesca Lisa Brennauer. Da non sottovalutare l’australiana Grace Brown, l’eterna statunitense Amber Neben e la giovane e promettente danese Emma Norssgaard.

4.23 Contro di loro spicca il nome della giovane statunitense, campionessa iridata di specialità nel 2019, Chloe Dygert. Reduce dallo spaventoso incidente occorso ai Mondiali di Imola 2020.

4.21 Olanda grande favorita: Anna van der Breggen e Annemiek van Vleuten vogliono riscattare la delusione di domenica.

4.19 L’unica italiana in gara sarà Elisa Longo Borghini, già bronzo nella prova in linea.

4.16 Si parte con la prova contro il tempo al femminile, più tardi gli attesissimi uomini.

4.13 Buongiorno e benvenuti all’ultima giornata di gare per il ciclismo su strada ai Giochi Olimpici di Tokyo.

La startlist maschileLa startlist femminileIl tracciatoFilippo Ganna e la speranza di podio 

Buongiorno a tutti e benvenuti alla nostra DIRETTA LIVE delle due prove a cronometro, femminile e maschile, di Tokyo 2020. Saranno due gare veramente esigenti su di un tracciato selettivo dove, siamo certi, si farà una certa differenza, e dove sono favoriti, e favorite, gli atleti e le atlete abili in pianura, ma anche sulle medie ascese.

Il circuito nipponico, che partirà ed arriverà al Fuji International Speedway, misura 22,1 chilometri con 423 metri di dislivello e i medesimi saliscendi che abbiamo visto attorno all’Autodromo che renderanno dure le due gare. La prova femminile sarà composta da un solo giro, mentre quella maschile da due giri, per un totale di 44,2 chilometri. 

Per una buon volta l’Italia potrà sognare in grande nella cronometro maschile grazie al campione del mondo di specialità Filippo Ganna. Dopo due anni spettacolari dove ha vinto quasi tutte le prove contro il tempo a cui ha preso parte, eccezion fatta del passo falso al campionato italiano, il verbanese ha tutte le carte in regola per ambire al podio.

Contro di lui la coppia belga formata dall’argento olimpico dello scorso sabato Wout van Aert, secondo anche a Imola 2020 dietro a Ganna, e poi l’ex campione europeo Remco Evenepoel. Il primo è reduce da una vittoria a dir poco spettacolare nell’ultima cronometro del Tour de France, ma soprattutto da una prima parte di 2021 semplicemente perfetta. Remco invece, sta ritrovando la forma giusta dopo il bruttissimo incidente del Lombardia, e figura, senza ombra di dubbio, come uno dei più grandi indiziati per il podio.

In seconda battuta abbiamo il campione europeo di specialità, lo svizzero Stefan Kung, alla disperata ricerca di una vittoria e sempre e comunque molto temibile, come del resto il francese Remi Cavagna, un ragazzo solido e che non teme i dislivelli. Da menzionare sicuramente il vicecampione olimpico di Rio 2016 Tom Dumoulin (Paesi Bassi), e l’ex campione del mondo Rohan Dennis (Australia). Ma andrà comunque verificata la condizione fisica di entrambi.

Che dire poi di Primoz Roglic. Reduce da una prova in linea in sordina, lo sloveno potrebbe mostrare qualcosa di decisamente interessante. Altri uomini che potrebbero ambire alla top ten sono il britannico Geraint Thomas, i portoghesi Joao Almeida e Nelson Oliveira, lo statunitense Brandon McNulty, il polacco Maciej Bodnar, e il danese Kasper Asgreen.

A livello femminile invece, dopo la beffa di domenica nella prova in linea, siamo certi che le olandesi faranno di tutto pur di vendicarsi. La candidata numero uno sarà sicuramente la campionessa del mondo di specialità Anna van der Breggen, reduce da una stagione spettacolare. Sulla falsa riga anche l’altra Orange Annemiek Van Vleuten. Contro di loro spicca il nome della giovane statunitense, campionessa iridata di specialità nel 2019, Chloe Dygert. Reduce dallo spaventoso incidente occorso ai Mondiali di Imola 2020, finora ha corso davvero poco, ma il percorso odierno necessita di atlete esplosive come lei.

Attese per una lotta verso il podio anche la svizzera Marlen Reusser e la tedesca Lisa Brennauer. Da non sottovalutare l’australiana Grace Brown, l’eterna statunitense Amber Neben e la giovane e promettente danese Emma Norssgaard. L’Italia si affiderà ancora una volta sulla recentissima medaglia di bronzo della prova in linea Elisa Longo Borghini, il cui bis del podio nipponico non è poi così un’utopia.

Parlando degli orari di partenza (italiani) dei nostri azzurri, Elisa Longo Borghini prenderà il via alle ore 4.54, successivamente, per la prova maschile, Alberto Bettiol scenderà dalla pedana alle ore 8.00; mentre Filippo Ganna chiuderà la batteria alle ore 9.10. 

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE delle due prove a cronometro di Tokyo 2020 riservate al ciclismo su strada dalle ore 4.30. Buon divertimento!

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rugby a 7, Olimpiadi Tokyo: Fiji bis d’oro, battuta la Nuova Zelanda! Argentina, clamoroso bronzo

Ciclismo, una cronometro in salsa Jumbo-Visma e il flop del Belgio con Evenepoel e Van Aert