America’s Cup, Luna Rossa-New Zealand: due filosofie differenti. Velocità vs manovrabilità

6 marzo 2021. Mancano ormai meno di undici giorni all’inizio dell’America’s Cup tra i padroni di casa di Emirates Team New Zealand e Luna Rossa, vincitrice della Prada Cup dopo aver sconfitto in finale i britannici di Ineos Team UK con un secco 7-1. Sino a quella data non conosceremo il reale potenziale di Te Rehutai, ma al tempo stesso proseguirà anche lo sviluppo del Team Prada Pirelli: l’obiettivo è compiere un ulteriore gradino di crescita in vista della sfida ai temibili maori, autentica bestia nera degli italiani.

New Zealand è più forte di Luna Rossa? Ieri alcuni esperti si sono esposti sull’argomento. Molto potrebbe dipendere dalle condizioni di vento che le flotte troveranno nel Golfo di Hauraki. Appare palese, ad ogni modo, che italiani e neozelandesi abbiano perseguito una filosofia completamente differente nella realizzazione delle barche. I Kiwi hanno puntato tutto su velocità ed aerodinamica, per stessa ammissione dello skipper Peter Burling: “Alla fine la Coppa America è una gara di velocità. E abbiamo visto che, se non sei veloce come Ineos, alla fine perdi“.

Diversa invece la concezione di Luna Rossa, più propensa a valorizzare la fase di manovra. Lo ha spiegato Francesco Mongelli, marinaio che si occupa di analizzare i dati e sviluppare la componente elettronica nel Team Prada Pirelli: “Adesso vedremo a che punto saranno arrivati i neozelandesi, di sicuro non saranno lenti. Non dobbiamo mai dimenticare che queste regate hanno i boundary che sono molto stretti. Andando a 30 nodi, sei costretto a virare dopo 30, 60 o 90 secondi. Essere performanti con vento leggero significa anche dare importanza alla fase di accelerazione dopo le strambate. Bisogna quindi capire se conta di più andare forte sul dritto oppure fare la somma per arrivare in boa per primi. Bisogna mettere in conto di perdere qualcosa sul dritto e magari non essere super veloci in un determinato angolo. Questa somma però deve fare più degli altri. American Magic ha sempre dimostrato una velocità sui foil di primissimo livello, mentre sulle manovre pagava sempre un pochino rispetto a noi“.

America’s Cup, New Zealand imita Luna Rossa: provato il doppio timoniere! E le partenze…

Ruggero Tita, in un’intervista ad OA Sport, ha spiegato molto bene le differenze concettuali tra Emirates Team New Zealand e Luna Rossa: “La barca che hanno costruito i neozelandesi fa capire che non vogliono vincere con le manovre o il controllo, ma con la velocità. Il fatto che abbiano carenato l’equipaggio in questi pozzetti chiusi dà dal punto di vista aerodinamico un grande vantaggio, dall’altra parte riduce parecchio la visibilità del campo di regata che si ha e, di conseguenza, la manovrabilità del mezzo. Noi come Luna Rossa, avendo due timonieri, abbiamo sempre il vantaggio di portare la barca al massimo nelle manovre. Inoltre è un vantaggio avere un timoniere sottovento, che nelle situazioni più difficili può aiutare. Il grande vantaggio di Luna Rossa è di aver regatato molto in questi mesi. Già disputare le semifinali della Prada Cup ha portato i ragazzi ad un livello più alto. Per i Kiwi, che non regatano da tanto tempo, sarà tosta ritrovarsi in partenza con due mastini come Bruni e Spithill

Tita, che parteciperà alle prossime Olimpiadi di Tokyo in coppia con Caterina Banti nella classe Nacra17, pensa che la compagine italiana dovrà provare a valorizzare i propri punti di forza: “Sono ottimista perché credo nelle grandissime potenzialità di Luna Rossa. Credo che col vento leggero abbiamo una marcia in più. Le condizioni in questa stagione ad Auckland stanno andando verso brezze più leggere. Credo che la coppia Spithill-Bruni sia quasi imbattibile nelle partenze. Credo fermamente che Luna Rossa sia una delle barche che manovri meglio in questa Coppa America. Bisogna capire quanto sono cresciuti i neozelandesi da quando li abbiamo affrontati a dicembre per l’ultima volta. Dopo la prima regata, ma già dopo la prima bolina, potremo fare delle analisi più approfondite“.

Foto: Luna Rossa Press

RUGGERO TITA: “NZ HA PUNTATO SU VELOCITA’ E AERODINAMICA, LUNA ROSSA HA TANTI PUNTI DI FORZA”

LUNA ROSSA AMA IL VENTO LEGGERO: LO TROVERA’ A MARZO? IL PARERE DEGLI ESPERTI

QUANTI SOLDI SPENDONO LUNA ROSSA E NEW ZEALAND? I BUDGET MILIONARI A CONFRONTO

MAX SIRENA: “VOLEVANO MANDARCI A CASA PIANGENDO, INVECE CI SIAMO CARICATI”

CHI E’ PIU’ FORTE TRA LUNA ROSSA E TEAM NEW ZEALAND? IL PARERE DEGLI ESPERTI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

America’s Cup, quanti soldi spendono Luna Rossa e New Zealand? I budget milionari a confronto

America’s Cup, Luna Rossa ama il vento leggero. Lo troverà a marzo? Il parere degli esperti