DIRETTA F1, GP 70° Anniversario LIVE: Binotto sul caso Racing Point. Si rompe il motore di Vettel

CLICCA QUI PER AGGIORNAE LA DIRETTA LIVE

[sc name=”banner-article”]

LA CRONACA DELLA FP2

RISULTATI E CLASSIFICA FP2

PROBLEMA AL MOTORE, PERDE OLIO LA FERRARI DI SEBASTIAN VETTEL

MATTIA BINOTTO: “PER NOI E’ IRREGOLARE TUTTA LA VETTURA DELLA RACING POINT”

LEWIS HAMILTON: “SODDISFATTO DELLA MIA GIORNATA”

VIDEO MATTIA BINOTTO: “C’E’ STATA UN’AMMISSIONE, LA RACING POINT HA SBAGLIATO”

VIDEO TOTO WOLFF: “SENTENZA RACING POINT? REGOLAMENTO NON CHIARO”

17.37 Grazie per averci seguito, ma rimanete su OA Sport: troverete classiche, cronaca, analisi, approfondimenti, dichiarazioni, video e tantissimo altro. Un saluto sportivo da Federico Militello.

17.36 Da segnalare come Hamilton abbia fatto segnare il miglior tempo con gomme medie….

17.35 Dal box Ferrari confermano: problema al motore per Sebastian Vettel. Non una buona notizia.

17.34 Riassumendo: domani servirà un nuovo miracolo a Charles Leclerc per agguantare la seconda fila. Il monegasco sul passo ha faticato a dismisura, mentre con le medie si è trovato molto più a suo agio Vettel.

17.33 FP2 a senso unico. Mercedes intoccabile sia sul passo gara sia sul giro singolo. Alle sue spalle la consueta ammucchiata per il terzo gradino del podio. Racing Point e Verstappen si equivalgono, ma anche Renault non è distante. Fatica la Ferrari, mentre la McLaren non ha scoperto tutte le proprie carte.

17.30 La classifica finale della FP2.

1 Lewis HAMILTON Mercedes 1:25.606 5
2 Valtteri BOTTAS Mercedes +0.176 4
3 Daniel RICCIARDO Renault +0.815 5
4 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing +0.831 3
5 Lance STROLL Racing Point +0.895 4
6 Nico HULKENBERG Racing Point +1.140 4
7 Charles LECLERC Ferrari +1.206 6
8 Lando NORRIS McLaren +1.261 4
9 Carlos SAINZ McLaren +1.312 4
10 Esteban OCON Renault +1.322 5
11 Alexander ALBON Red Bull Racing +1.354 4
12 Daniil KVYAT AlphaTauri +1.396 5
13 Pierre GASLY AlphaTauri +1.522 4
14 Sebastian VETTEL Ferrari +1.592 7
15 Romain GROSJEAN Haas F1 Team +1.688 3
16 George RUSSELL Williams +1.714 4
17 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing +1.929 6
18 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team +1.976 4
19 Nicholas LATIFI Williams +2.077 5
20 Antonio GIOVINAZZI Alfa Romeo Racing +2.349 5

17.29 Di fatto la FP2 finisce qui.

17.28 BANDIERA ROSSA! Si ferma anche Antonio Giovinazzi! E l’Alfa Romeo è motorizzata dalla Ferrari….

17.26 Vettel ha parlato di motore via radio, ma non è detto che il problema sia quello. Potrebbe anche trattarsi del cambio. Ne sapremo di più nelle prossime ore.

17.24 Bandiere gialle. Vettel, appiedato, scende dalla Ferari.

17.23 PROBLEMA AL MOTORE PER VETTEL! Va in fumo la Ferrari, imponente perdita d’olio per la Ferrari!

17.22 1’31″6 per Verstappen. E’ sul passo delle Racing Point. 1’32″0 per Vettel, non male con le medie.

17.20 Vettel perde 7 decimi dalla Mercedes solo nelle curve a medio/bassa velocità.

17.19 Ferrari meglio al mattino rispetto al pomeriggio. 1’30″980 per Verstappen con gomma media al primo giro, 1’31″7 al secondo passaggio. E’ distante dalla Mercedes.

17.18 Escursione nell’erba per Stroll.

17.17 Altro buon 1’32″0 per Vettel.

17.15 Ecco Verstappen in pista con le medie. Pit-stop per Leclerc: rientra con le soft.

17.14 Vettel, con gomme medie appena montate, ottiene un buon 1’31″6. Vedremo quale sarà il degrado degli pneumatici.

17.13 Altro 1’33″5 per Leclerc, non ci siamo. La Ferrari è 2 secondi più lenta della Mercedes e 1″5 rispetto alla Racing Point in questo long-run.

17.12 Tanto blistering al posteriore destro per Leclerc.

17.11 Passo da 1’31″8-1’31″9 per la Racing Point con Stroll e Hulkenberg. Sembrano la seconda forza dopo la Mercedes, ma di solito la scuderia inglese tende a calare in gara.

17.10 1’33″9 per Vettel con gomme soft usate. Venerdì negativo per la Ferrari: male sia sul giro secco sia sul passo.

17.09 1’32″5 per Ricciardo con le gomme dure, non è affatto male. Buona Renault.

17.08 La classifica aggiornata:

1 Lewis HAMILTON Mercedes 1:25.606 5
2 Valtteri BOTTAS Mercedes +0.176 4
3 Daniel RICCIARDO Renault +0.815 5
4 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing +0.831 2
5 Lance STROLL Racing Point +0.895 3
6 Nico HULKENBERG Racing Point +1.140 3
7 Charles LECLERC Ferrari +1.206 5
8 Lando NORRIS McLaren +1.261 3
9 Carlos SAINZ McLaren +1.312 4
10 Esteban OCON Renault +1.322 5
11 Alexander ALBON Red Bull Racing +1.354 3
12 Daniil KVYAT AlphaTauri +1.396 4
13 Pierre GASLY AlphaTauri +1.522 3
14 Sebastian VETTEL Ferrari +1.592 6
15 Romain GROSJEAN Haas F1 Team +1.688 3
16 George RUSSELL Williams +1.714 4
17 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing +1.929 5
18 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team +1.976 3
19 Nicholas LATIFI Williams +2.077 5
20 Antonio GIOVINAZZI Alfa Romeo Racing+2.349 4

17.07 Già in crisi di gomme Leclerc! Giro in 1’33”, altissimo! SF1000 regredita rispetto a 5 giorni fa. Da analizzare i dati per comprendere cosa sia cambiato.

17.06 1’30″781 per Hamilton con le medie. Bottas poco dietro. Mercedes 1″5 più veloce della Ferrari sul passo.

17.05 Sul passo Mercedes ovviamente davanti, stanno giocando. Poi Racing Point, Red Bull e Renault. Ferrari in difficoltà.

17.02 Altro 1’32″3 per Leclerc. Probabile che la Ferrari stia girando con tanto carburante a bordo.

17.01 Tempi alti anche per Leclerc. Gira sull’1’32″3 con le medie.

17.00 Vettel, nel primo giro di simulazione di passo gara, paga mezzo secondo secco da Hulkenberg.

16.58 Non era lecito attendersi miracoli dalla Ferrari. Tuttavia questo venerdì sta evidenziando un peggioramento rispetto alla scorsa settimana.

16.57 Albon sale in 11ma posizione a 1″354 da Hamilton, alle spalle di Ocon.

16.55 Leclerc in pista con gomme medie per simulare il passo gara. Vettel prova invece le soft.

16.53 In casa Red Bull continua a faticare Albon, 13° a 1″5.

16.52 Verstappen si migliora con le soft, ma di un solo decimo. E’ quarto a 0.831 da Hamilton. Stupisce Ricciardo, terzo con la Renault a 0.815, sempre con gomme soft.

16.50 Max Verstappen prova ad avvicinare le Mercedes con le gomme soft. E’ dura…

16.49 Norris sale in settima piazza a 1″261 da Hamilton, appena dietro Leclerc che paga 1″206 dalla vetta.

16.46 La classifica aggiornata.

1 Lewis HAMILTON Mercedes 1:25.606 4
2 Valtteri BOTTAS Mercedes +0.176 2
3 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing +0.882 1
4 Lance STROLL Racing Point +0.895 2
5 Nico HULKENBERG Racing Point +1.140 2
6 Charles LECLERC Ferrari +1.206 3
7 Carlos SAINZ McLaren +1.312 2
8 Esteban OCON Renault +1.322 2
9 Lando NORRIS McLaren +1.368 2
10 Daniil KVYAT AlphaTauri +1.396 3
11 Daniel RICCIARDO Renault +1.451 2
12 Pierre GASLY AlphaTauri +1.522 2
13 Alexander ALBON Red Bull Racing +1.553 1
14 Sebastian VETTEL Ferrari +1.592 4
15 Romain GROSJEAN Haas F1 Team +1.688 2
16 George RUSSELL Williams +1.714 3
17 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing +1.929 4
18 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team +1.976 2
19 Nicholas LATIFI Williams +2.077 2
20 Antonio GIOVINAZZI Alfa Romeo Racing +2.349 3

16.44 Intanto Toto Wolff e James Allison si divertono ai box con il monopattino. Questo la dice lunga su quanto la Mercedes sia sicura della propria netta superiorità.

16.43 Ferrari, Renault e McLaren, come già la scorsa settimana, sono molto vicine.

16.41 Hamilton dà l’ennesima dimostrazione di superiorità. 1’25″606 con gomme medie. Rifila 0.176 a Bottas, che aveva utilizzato le soft.

16.40 Al momento Mercedes inarrivabile, poi Red Bull, Racing Point e Ferrari. Sappiamo però che la Racing Point tende a calare progressivamente nel corso del fine settimana.

16.39 Non benissimo la Ferrari. 6° Leclerc a 1″030. 9° Vettel a 1″416. Macchina difficile da guidare nel settore centrale. Il tedesco si è esibito in svariate correzioni.

16.36 Hulkenberg quinto a 0.964 (gomme medie). Ferrari in pista con le soft.

16.36 Bottas torna in testa. 1’25″782, 0.129 meglio di Hamilton. Stroll sale in quarta piazza con le medie a 0.719 da Bottas, appena dietro Verstappen.

16.35 Bottas in pista con le soft. Si migliora nel primo settore.

16.33 Una seconda sessione sin qui in ombra per la Ferrari. Si attende un guizzo. Sebastian Vettel è terzultimo, fanno peggio solo le Alfa Romeo di Raikkonen e Giovinazzi, in grande crisi.

16.30 La classifica aggiornata dopo 30 minuti:

1 Lewis HAMILTON Mercedes 1:25.911 2
2 Valtteri BOTTAS Mercedes +0.006 1
3 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing +0.577 1
4 Nico HULKENBERG Racing Point +1.011 1
5 Lando NORRIS McLaren +1.063 1
6 Lance STROLL Racing Point +1.216 1
7 Alexander ALBON Red Bull Racing +1.248 1
8 Carlos SAINZ McLaren +1.304 1
9 Esteban OCON Renault +1.363 1
10 Pierre GASLY AlphaTauri +1.390 1
11 George RUSSELL Williams +1.409 2
12 Daniil KVYAT AlphaTauri +1.557 1
13 Charles LECLERC Ferrari +1.735 2
14 Nicholas LATIFI Williams +1.772 1
15 Daniel RICCIARDO Renault +1.825 2
16 Romain GROSJEAN Haas F1 Team +1.852 1
17 Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team +1.984 1
18 Sebastian VETTEL Ferrari +2.026 2
19 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing +2.426 2
20 Antonio GIOVINAZZI Alfa Romeo Racing +2.525 2

16.28 Le Ferrari per il momento non hanno ancora montato gomme soft. Anche se la differenza di prestazione con le medie appare abbastanza risicata.

16.26 Verstappen sale in terza piazza con le medie a 0.577 da Bottas. Si conferma il “primo degli umani”. Ma anche per la Red Bull c’è poco da fare.

16.25 Ferrari indietro per ora: 11° Leclerc a 1″735, 16° Vettel a 2″026

16.24 Hamilton in testa in 1’25″911. Con le soft fa meglio di appena 6 millesimi di Bottas, che aveva utilizzato le medie.

16.22 Norris sale in quarta piazza con la McLaren a 1″057. Gomme soft anche per il giovane britannico. La Mercede sta dando un secondo a tutti con una mescola di svantaggio. E ora c’è Hamilton con le soft…

16.22 Hulkenberg si migliora con le soft, ma rimane a 1″005 da Bottas, in seconda posizione.

16.20 Eccolo Hamilton. Non è difficile pronosticare che andrà ad inserirsi in prima o seconda posizione…

16.19 1’25″917 per Bottas con gomme medie! Allucinante…2° Stroll con le soft a 1″210. Tutti in pista ora tranne Hamilton e Verstappen.

16.17 In pista anche Bottas, ancora ferma la Red Bull.

16.15 Alto il primo tempo di Leclerc con le medie, quinto a 8 decimi da Hulkenberg, che si è portato in testa. 9° Vettel a 1″127.

16.13 Ecco le Ferrari. Leclerc e Vettel sul tracciato con mescola media.

16.12 Stroll si porta in testa con le gomme soft. 1’27″468, fa 0.289 meglio di Kvyat.

16.10 Non si vedono ancora Ferrari, Red Bull e Mercedes. In pista Stroll con la discussa Racing Point.

16.09 Ricciardo si inserisce in seconda piazza con la Renault a 0.268 da Kvyat con gomme hard. Il russo invece sta utilizzando le medie.

16.09 Raikkonen transita a 9 decimi dal russo dell’AlphaTauri, scuderia italiana.

16.08 1’27″468 per Kvyat, a 6 decimi Magnussen e Grosjean.

16.06 Dentro anche la AlphaTauri di Kvyat.

16.05 Magnussen e Grosjean in pista. E’ la Haas la prima a rompere gli indugi.

16.03 I team temporeggiano, non si vede nessuno in pista.

16.01 Cielo nuvoloso a Silverstone, percentuale di pioggia del 40%.

16.00 INIZIA LA FP2! Semaforo verde!

15.58 Ci siamo, la FP2 durerà 90 minuti come la prima sessione.

15.55 Dunque il GP di Pescara e quello di Marocco sono stati per più di 60 anni i soli “one-hit wonder” nella storia della Formula 1. In questo 2020, a causa dell’emergenza sanitaria generata dalla pandemia di Covid-19, si è aggiunto alla lista anche il Gran Premio di Stiria e altri seguiranno nelle settimane a venire (quali il GP di Toscana, quello di Emilia Romagna e quello dell’Eifel). Cionondimeno, in linea puramente teorica, ognuno di essi potrebbe anche essere replicato un giorno o l’altro. Il GP del 70° anniversario, invece, è destinato a restare unico per definizione.

15.53 Invece nel 1958 il Gran Premio del Marocco fu regolarmente inserito in calendario, peraltro come ultima tappa della stagione, nella quale andò in scena la resa dei conti per il titolo tra la Ferrari di Mike Hawthorn e la Vanwall di Stirling Moss. Quest’ultimo vinse la gara, ma fu proprio l’alfiere del Cavallino Rampante, secondo sul traguardo, a laurearsi campione per un solo punto. La competizione si disputò sul velocissimo tracciato di Ain-Diab, ricavato utilizzando delle strade nei sobborghi di Casablanca. La pista, lunga 7.600 metri, aveva un disegno pressoché rettangolare ed era priva di qualsivoglia misura di sicurezza. Infatti, durante il GP vi fu un terribile incidente nel quale il pilota britannico Stuart Lewis-Evans subì gravissime ustioni, che ne causarono la morte otto giorni dopo. Proprio la tragedia e la pericolosità del tracciato spinsero a non farvi mai più ritorno. Quel Gran Premio resta il primo di sempre disputato in Africa, nonché l’unico in territorio marocchino.

15.49 Il GP di Pescara si disputò esclusivamente nel 1957 e, anche in quel caso, nacque per ragioni d’emergenza. La crisi di Suez, verificatasi nell’autunno del 1956, ebbe pesanti ripercussioni sull’approvvigionamento di petrolio in alcune nazioni europee, dove si verificò un forte innalzamento del prezzo dei carburanti. Il Benelux fu una delle aree più colpite, pertanto sia il Belgio che l’Olanda rinunciarono all’organizzazione dei loro Gran Premi. Per “ridurre i danni”, si decise di inserire in calendario in extremis una seconda gara in Italia, appoggiandosi sul circuito cittadino di Pescara, dove dagli anni ’20 vi si disputava la Coppa Acerbo, una manifestazione alquanto prestigiosa all’epoca. Tuttavia, lo svolgimento del recupero abruzzese fu alquanto sofferto.
In quel 1957 l’opinione pubblica italiana era ancora profondamente colpita dalla Tragedia di Guidizzolo, ovvero l’incidente che sconvolse la XXIV Mille Miglia e che di fatto ne sancì la fine. Proprio in vista del traguardo, la Ferrari di Alfonso de Portago fu vittima dell’esplosione di una gomma che provocò l’uscita di strada ad altissima velocità della vettura, causando la morte del pilota spagnolo, del suo copilota e di nove spettatori. Successivamente la magistratura aprì un’inchiesta in merito a eventuali responsabilità della Scuderia di Maranello nell’accaduto, facendo infuriare Enzo Ferrari, il quale prese la decisione di boicottare tutte le competizioni automobilistiche sul suolo italiano. Nonostante le enormi polemiche, il Drake non cambiò la sua scelta e il Cavallino Rampante non si presentò al via del GP di Pescara, al quale parteciparono solamente 16 monoposto. Vinse Stirling Moss, su Vanwall, davanti a Juan Manuel Fangio, su Maserati. Quella competizione resta tutt’oggi nella storia della Formula Uno come quella disputata sul circuito più lungo in assoluto. Un giro del tracciato cittadino di Pescara misurava infatti ben 25.579 metri, un record mai eguagliato.

15.48 Sono tempi bui. Ma sapete in questi 70 anni chi ha vinto più titoli mondiali piloti? La Ferrari. E costruttori? La Ferrari. Consoliamoci così, in attesa di tornare a lottare per un titolo.

15.43 Il GP 70° Anniversario, ovviamente, non sarà replicato. È davvero interessante notare come, nei sessant’anni che vanno dal 1959 al 2019, se una gara è entrata in calendario, poi sia sempre stata replicata. Appuntamenti dalla vita effimera, quali i GP di Las Vegas, Pacifico e Lussemburgo, hanno comunque tutti avuto a disposizione quantomeno due edizioni. Alla categoria degli eventi unici, come il Gran Premio del 70° anniversario, appartengono invece solamente il Gran Premio di Pescara e quello del Marocco.

15.37 Intanto la FIA ha spiegato la sanzione alla Racing Point (15 punti di penalità nella classifica costruttori e 400000 euro di multa): “Non vogliamo che dal prossimo anno ci siano 8 o 10 Mercedes in F1. Non deve diventare la norma“.

15.33 Questa mattina abbiamo assistito alla solita manifestazione di superiorità da parte della Mercedes. Tuttavia la Ferrari appare ampiamente in corsa per giocarsi il podio anche in questo fine settimana. Certo, servirà ancora una volta un pizzico di buona sorte.

15.25 Ben ritrovati amici di OA Sport. Dalle 16.00 assisteremo alla FP2 del GP del 70° Anniversario di F1 a Silverstone.

Cronaca prove libere 1Classifica tempi FP1Racing Point penalizzata e multata di 400mila euro

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE delle prove libere 2 del GP del 70° Anniversario, quinta tappa del Mondiale F1 che va in scena a Silverstone. Si torrna in pista dopo la sessione disputata all’ora di pranzo, si preannuncia un pomeriggio torrido con temperaturre particolarmente elevate in Gran Bretagna. I piloti avranno a disposizione 90 minuti di tempo per trovare il giusto feeling col tracciato e per proseguire il lavoro di messa a punto sulle proprie monoposto, ne vedremo davvero delle belle sul tracciato inglese e capiremo ancora di più quali sono i valori in campo per il resto del weekend.

Valtteri Bottas ha firmato il miglior tempo nella FP1 e ha risposto presente ma il compagno di squadra Lewis Hamilton è parso stellare sul passo gara. Le due Mercedes hanno oggettivamente una marcia in più e sembrano non avere rivali, ma dovranno comunque stare attenti al baldanzoso Max Verstappen che può dire la sua al volante della Red Bull. La Ferrari è in ripresa, Charles Leclerc (quinto) e Sebastian Vettel (settimo) possono provare a essere della partita per un buon piazzamento. Attenzione alle Racing Point di Lance Stroll e Nico Hulkenberg dopo aver incassato la penalizzazione.

[sc name=”banner-app-2020″]

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE delle prove libere 2 del GP del 70° Anniversario, quinta tappa del Mondiale F1 che si disputa a Silverstone: cronaca in tempo reale, minuto dopo minuto, per non perdersi davvero nulla. Si inizia alle ore 16.00 e si andrà avanti fino alle ore 17.30. Buon divertimento a tutti.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI F1

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

MotoGP, Michele Pirro sostituirà Francesco Bagnaia nel GP d’Austria della prossima settimana

MotoGP, Maverick Vinales: “Difficile guidare a Brno, asfalto pieno di dossi. Non è facile mettere a punto la moto”