Seguici su

Formula 1

F1, Mattia Binotto sul caso Racing Point: “Per noi è in discussione tutta la vettura, valuteremo se fare appello”

Pubblicato

il

Nella giornata di oggi la Fia ha penalizzato la Racing Point di 15 punti, multandola inoltre di 400.000 euro per violazione del regolamento sportivo. Infatti si è ritenuto che le prese d’aria dei freni non siano state progettate dal team di base a Silverstone, ma letteralmente copiate dalla Mercedes del 2019. Al riguardo, il team principal della Ferrari Mattia Binotto si è espresso come segue ai microfoni di SkySport F1.

“Sono quattordici pagine, bisognerà leggerle attentamente. Ci sono ventiquattro ore per presentare eventualmente appello. Da parte nostra ci impegneremo a leggere la sentenza in ogni dettaglio e decidere cosa fare dal nostro punto di vista. Innanzitutto c’è un’ammissione, ovvero che è in qualche modo è stata commessa una violazione regolamentare da parte di Racing Point, e questo è un punto di partenza. Bisogna capire se la penalità è sufficiente o meno e se ci saranno altre imputazioni”

[sc name=”banner-app-2020″]

Tuttavia Binotto ha tenuto a precisare che la Ferrari non ha contestato esclusivamente le prese d’aria dei freni, ma vorrebbe aprire un campo di discussione più ampio: “Riguardo la nostra lettera alla Fia, non era relativa solo alle prese d’aria, ma al concetto dell’intera vettura. Quindi le due cose sono separate. Quello di oggi è un verdetto esclusivamente sulle prese dei freni, ma potrebbe aprire una discussione sull’intera monoposto”.

[sc name=”banner-article”]

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI FORMULA 1

paone_francesco[at]yahoo.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: La Presse

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *