Ginnastica artistica, Europei 2019: Alice d’Amato, la rottura del crociato, il dramma e la medaglia. Il racconto commovente di Folco Donati

Folco Donati è una delle personalità più importanti e influenti nel panorama ginnico in Italia, è il Presidente della Brixia Brescia che domina la Serie A (la Leonessa è lanciata verso il 17esimo scudetto, il sesto consecutivo) e in quella società sono nati i più grandi fenomeni della nostra Polvere di Magnesio a partire da Vanessa Ferrari fino ad arrivare alle Fate della classe 2003. E oggi uno dei nostri quattro giovani fenomeni si è consacrato, Alice d’Amato ha vinto la medaglia di bronzo alle parallele agli Europei: la genovese ha confezionato un autentico show a Stettino ed è salita sul podio continentale ad appena 16 anni. Il percorso della biondina ligure è stato molto tortuoso e caratterizzato da due bruttissimi infortuni.

Alice avrebbe potuto smettere di praticare ginnastica artistica alcuni anni fa. Non ha però mai mollato ed è passata per due recuperi quasi impossibili, la storia del suo viaggio verso l’Austria per farsi operare al crociato ha i connotati di una storia a lieto fine: dal baratro all’apoteosi. Il viaggio in macchina da Brescia a Linz con tanti aneddoti, l’intervento della speranza, la rinascita, poi un nuovo stop per problemi al malleolo, poi la ripartenza e oggi la consacrazione tra le grandi. Il racconto di Folco Donati è commovente, racconta alla perfezione il significato di questa medaglia e rende bene l’idea di chi sia la nostra Alice d’Amato. Ve lo proponiamo.

 

ARTICOLI CORRELATI:

Alice D’Amato e Marco Lodadio, i volti puliti dell’Italia che vince. Un movimento tornato al top 

Alice D’Amato, Principessa di Bronzo! Epocale medaglia alle parallele, l’Italia festeggia con la Fata Bionda

Chi è Alice d’Amato? La Principessa di Bronzo, dagli infortuni alla medaglia

Alice d’Amato nella storia, prima italiana sul podio alle parallele! 13^ medaglia all-time, rotto un digiuno di 5 anni

Marco Lodadio, Cavaliere del Castello! Argento stellare agli anelli, che bis dopo i Mondiali

Chi è Marco Lodadio? Il rivoluzionario d’argento, dall’apoteosi mondiale a un nuovo podio

Italia, due medaglie in due minuti. Emozioni per cuori forti, D’Amato e Lodadio antologici

Le pagelle dell’Italia: Alice d’Amato e Marco Lodadio, medaglie sonanti

Medagliere Europei: Italia quarta, domina la Russia

Finali di Specialità: i podi e i risultati di oggi

VIDEO Alice d’Amato, bronzo alle parallele agli Europei. Riviviamo l’esercizio dell’azzurra

VIDEO Marco Lodadio, argento agli anelli agli Europei. Riviviamo l’esercizio dell’azzurro

VIDEO Gli esercizi dei nuovi Campioni, cinque Finali di Specialità da brividi

Enrico Casella: “Sono troppo contento per Alice d’Amato, Europei bellissimi. Le ragazze hanno fatto tanto”

Marco Lodadio: “Orgoglioso di essere un Signore degli Anelli, Italia tornata al suo blasone. Ora voglio una cena con la Roma”

Alice d’Amato, la rottura del crociato, il dramma e la medaglia. Il racconto commovente di Folco Donati

 

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Simone Ferraro/FGI

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Alice d'Amato Brixia Brescia Europei 2019 ginnastica Folco Donati

ultimo aggiornamento: 13-04-2019


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Moto3, Risultato Qualifiche GP USA 2019: Niccolò Antonelli mago della pioggia, è pole ad Austin!

Pallanuoto, Euro Cup 2019: Herceg Novi-Marsiglia 7-7. I transalpini conquistano il trofeo