LIVE Ginnastica artistica, Olimpiadi Tokyo in DIRETTA: Sunisa Lee vince l’all-around! Andrade e Melnikova a 2 decimi!

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA CRONACA DELLA GARA: LEE VINCE IN VOLATA SU ANDRADE E MELNIKOVA

CHI È SUNISA LEE? CAMPIONESSA OLIMPICA ALL-AROUND

SUNISA LEE LACRIME D’ORO, SIMONE BILES SUGLI SPALTI: IL COMMOVENTE PASSAGGIO DI CONSEGNE

VIDEO GLI ESERCIZI DI SUNISA LEE PER LA VITTORIA

REBECA ANDRADE: 3 CROCIATI ROTTI, POI LA MEDAGLIA OLIMPICA. SI MANGIA L’ORO, I COMPLIMENTI DI NADIA COMANECI

MARTINA MAGGIO E ALICE D’AMATO IN TOP-20, ORA IL TIFO PER FERRARI: “VANESSA SVENTOLA IL TRICOLORE PER NOI”

Grazie a tutti per averci seguito durante questa diretta e vi auguriamo un buon proseguimento di giornata. Restate con noi per cronaca, approfondimenti, video e tanto altro ancora. Appuntamento a domenica 1° agosto per le prime Finali di Specialità, la ginnastica artistica si prende un paio di giorni di pausa alle Olimpiadi di Tokyo 2021 per poi tornare col gran finale.

15.03 Gara spettacolare, avvincente, equilibrata, emozionante, come non si vedeva da tempo. L’assenza di Simone Biles ha aperto le maglie e ci si è divertiti tantissmo, livello tecnico interessante anche se non sono mancate le sbavature.

15.02 Le due italiane: Martina Maggio 19ma (52.265), Alice D’Amato 20ma (51.899). Dopo qualifiche e finale a squadra era difficile chiedere di più, brave per essere arrivate fino a qui.

15.00 La brasiliana Rebeca Andrade festeggia un bellissimo e inatteso argento, ma ha mangiato l’oro: una sbavatura in meno al corpo libero e avrebbe vinto! La russa Angelina Melnikova conquist ail bronzo dopo quello degli ultimi Mondiali. Brava la giovane Urazova all’esordio, Murakami ha dato tutto e strappa la top-5 in casa (56.032). A seguire la belga Nina Derwael (55.965), la cinese Xijing Tang (54.498) e la statunitense Jade Carey (54.199).

14.59 Sunisa Lee sale sul gradino più alto del podio a 18 anni, succedendo ad altre quattro americane: il titolo resta negli States dopo Carly Patterson (Atene 2004), Nastia Liukin (Pechino 2008), Gabby Douglas (Londra 2012), Simone Biles (Rio 2016). Simone Biles era sugli spalti ad applaudire la compagna di squadra.

14.58 SUNISA LEE CAMPIONESSA OLIMPICA ALL-AROUND! La statunitense scoppia letteralmente in lacrime, non riesce a contenerle! Trionfa con 57.433, Rebeca Andrade è seconda con 57.298 (poteva vincerla…). La russa Angelina Melnikova è di bronzo (57.199) davanti alla connazoinale Vladislva Urazova (56.966). Quattro ragazze in mezzo punto! Gara equilibratissime e avvincente.

14.57 Rebeca Andrade ottiene 13.666.

14.56 Rebeca Andrade ha sbagliato nel momento più importante della carriera. Poteva vincere l’oro olimpico, forse si dovrà accontentare del podio. Sunisa Lee assapora la vittoria.

14.55 Le scappa il doppio giro impugnato… Sta rischiando di perdere per piccolezze. Seconda parte sulle note di una samba caliente, interpreta benissimo la sua parte e chiude con doppio carpio, ma esce di pedana. Lascia in giro ancora un altro decimo. A questo punto appare difficile fare 13.8.

14.54 Rondata flick Tsukahara, uscita di pedana! Mette in discussione tutto. Doppio teso avvitato piantato in seconda diagonale!

14.53 Ora tocca a Rebeca Andrade, è il momento della vita. Le serve 13.801 per vincere la gara. Non l’avrebbe detto nemmeno lei. Può farcela!

14.52 Sunisa Lee ottiene 13.700 al corpo libero e chiude la sua gara con 57.433, davanti ad Angelina Melnikova (57.199).

14.51 Chiusura impeccabile per Sunisa Lee. Quasi sicuramente supererà Melnikova perché le basta 13.4, ma ha bisogno di un punteggio più elevato per mettere pressione a Rebeca Andrade.

14.50 Silivas e doppio teso per Lee nelle prime due diagonali.

14.48 Melnikova 13.966! Batte Urazova e si assicura il podio! Mal che vada sarà bronzo, ora attesa per Lee e Andrade. Intanto Alice d’Amato chiude con 13.000 alle parallele.

14.47 Terza diagonale avanti è un semplicissimo avvitamento avanti. Bella la parte artistica, chiusura con doppio carpio e saltello all’arrivo. Un esercizio non impeccabile da parte di Angelina Melnikova, che infatti si mette le mani tra i capelli.

14.46 Doppio teso con un avvitamento in apertura, bellissimo il doppio giro. Encomiabile il doppio teso di seconda linea.

14.45 Al momento Urazova in testa con 56.966, poi Murakami con 56.032 e Derwael con 55.956. Tocca al corpo libero di Angelina Melnikova.

14.43 Solo 13.400 per Urazova, ora Melnikova deve piazzare la zampata se vuole spaventare Lee e Andrade.

14.42 Murakami brava alle parallele con 13.733, lotta per la top-5 ma niente medaglie.

14.40 Tsukahara carpio con saltello dietro all’arrivo, due avvitamento e mezzo in seconda linea. Urazova sembra un po’ in apnea a livello fisico, il doppio raccolto è ben tenuto, perfetta l’ultima diagonale ma controbattere ad Andrade e Lee appare ostico.

14.38 Derwael ottiene 13.466, potrebbe bastarla per la top-5 ma non per il podio. Ora la prova di Urazova, si lotta per le medaglie!

14.36 Questo l’ordine di salita al corpo libero: Derwael, Urazova, Melnikova, Lee, Andrade, Carey.

14.35 Dunque la nuova classifica, prima della rotazione conclusiva. La statunitense Sunisa Lee è al comando con 43.733 e un minimo margine nei confronti della brasiliana Rebeca Andrade (43.632) e della russa Vladislava Urazova (43.566). Subito dietro la russa Angelina Melnikova (43.233). Queste quattro ragazze si giocheranno il podio nella rotazione finale al corpo libero, troppo attardate la belga Nina Derwael (42.532) e la giapponese Mai Murakami (42.299).

14.32 ATTENZIONE: rivisto al rialzo il punteggio di Rebeca Andrade alla trave. Guadagna un decimo, sala a 43.632 ad appena un decimo da Sunisa Lee.

14.31 Andrade ha nelle corde un corpo libero spaziale (infatti sarà anche in finale), ma Urazova e Melnikova possono controbattere. Lee deve tirare fuori l’esercizio con cui vinse l’argento di specialità ai Mondiali 2019.

14.30 CLASSIFICA DOPO TRE ROTAZIONI. La statunitense Sunisa Lee è al comando con 43.733 e un minimo margine nei confronti della russa Vladislava Urazova (43.566) e della brasiliana Rebeca Andrade (43.532). Subito dietro la russa Angelina Melnikova (43.233). Queste quattro ragazze si giocheranno il podio nella rotazione finale al corpo libero, troppo attardate la belga Nina Derwael (42.532) e la giapponese Mai Murakami (42.299). Martina Maggio 15ma (39.499), Alice D’Amato 22ma (38.899).

14.29 Andrade 13.566, perde la testa della classifica. Lee vola in testa…

14.28 Il punteggio non esce… Andrade è in apnea…

14.26 Attesa per il punteggio di Andrade.

14.24 Bene i salti artistici iniziali e il flick-salto teso smezzato per Andrade, che ha bisogno di 13.9 per restare davanti alla gara. Ruota senza, enjambè, flick smezzato in un fazzoletto. La brasiliana resta in piede, chiude con doppio carpio (passo indietro). Ma a questo punto si candida per il titolo! Ha fatto la trave della vita.

14.22 Sunisa Lee riesce a portare a casa 13.833 e ora mette pressione a Rebeca Andrade. La brasiliana deve restare in piedi.

14.21 Quella oscillazione a vuoto non permette a Martina di prendere più di 12.466 alle parallele. Per la cronaca 13.333 di De Jesus e 13.700 di Gadirova al corpo libero.

14.20 Sunisa Lee non è fluidissima sulla trave, commette qualche sbavatura qua e là e qualche ingenuità di troppo come uno squilibrio sulla coreografia. Ruota senza, smezzato, smezzato di spessore poi l’uscita in doppio avvitamento.

14.18 Martina Maggio alle parallele, purtroppo oscillazione a vuoto sulla staggio alto. Il resto dell’esercizio è valido, ma quell’errore (mancato collegameto e oscillazione) costerà caro in termini di punteggio.

14.17 A questo punto: Urazova 43.566, Melnikova 43.233, Derwael 42.532, Murakami 42.299. Mancano le travi di Lee e Andrade, si indirizza la gara prima dell’ultima rotazione.

14.16 Melnikova resta dietro di sei decimi a Urazova (13.700). Ora il botta e risposta tra Lee e Andrade.

14.14 Melnikova rischia tantissimo in entrata, poi stampa il flick smezzato. Delizioso il flick avvitato, a cui segue una parte a terra e un doppio giro. Tiene il costale, enjambè ad anello. Uscita in doppio carpio perfettamente stoppato.

14.13 E infatti arriva un sublime 14.200. Si mette in posizione di medaglia. Ma ora Melnikova.

14.11 Alice D’Amato esegue il suo doppio avvitamento al volteggio: 14.300 per la genovese che si rialza brillantemente1

14.10 Ingresso eccezionale di Urazova, ottima la serie acrobatica dietro alla trave. Ribalta senza+enajmbè+Onodi: bravissima. Piazza un triplo giro + doppio. Tiene su la ruota senza senza particolari squilibri e chiude in doppio avvitamento e mezzo di qualità. SUPERLATIVA! Attenzione perché è un esercizio spacca gara!

14.08 Derwael porta a casa 13.366, forse sperava in qualche decimo in più. Tocca a Urazova, esercizio cruciale per il podio.

14.07 Esercizio pulito alla trave di Nina Derwael, artisticamente molto valida. Vedremo se i giudici la premieranno. Era importante non cadere.

14.05 Eccellente 14.533 di Murakami al volteggio: ora è davvero in lotta per il podio.

14.04 Tang non è ufficialmente più un fattore: 12.966 al corpo libero. Impeccabile il doppio avvitamento di Murakami, attenzione… Solo 11.533 di Carey, giù dal podio.

14.02 JAREY ALZA BANDIERA BIANCA! Caduta alla trave!

14.01 Andrade sta sognando a occhi aperti, ma Lee le fiata sul collo e sulla carta può avere qualcosa in più alla trave. Melnikova non molla.

14.00 Riscaldamento agli attrezzi. De Jesus, Tang e Gadirova passano al corpo libero, ma ormai sono troppo indietro per le posizioni di vertice.

13.59 Alla trave: Carey, Derwael, Urazova, Melnikova, Lee, Andrade. Attrezzo cruciale, qui è fondamentale non sbagliare. Rotazione che non è favorevole sulla carta ad Andrade, potrebbe sorridere alle russe, dovrebbero faticare anche Carey e Lee. Murakami avrà a disposizione il volteggio: con un salto di qualità potrebbe rientrare nella lotta per le medaglie.

13.58 Tra poco la terza rotazione di gara.

13.57 Martina Maggio è ottima decima! 27.033 per la brianzola. Alice D’Amato invece 24ma con 24.599.

13.55 CLASSIFICA A META’ GARA. La brasiliana Rebeca Andrade è in testa con 29.966, ha 66 millesimi di vantaggio sulla statunitense Sunisa Lee (29.900). Appena più dietro le russe Angelina Melnikova (29.533) e Vladislava Urazova (29.366). La belga Nina Derwael è quinta a 29.166, l’americana Jade Carey paga dazio ed è a 28.700. Attenzione alla risalita della giapponese Mai Murakami, ora a quota 27.766 e davanti alla cinese Xijing Tang (27.299).

13.54 Si è conclusa la seconda rotazione.

13.52 Jessica Gadirova cade dalla trave. Bye bye anche per lei.

13.51 Sunisa Lee ottiene un punteggio più elevato di Derwael: 15.300, 34 millesimi meglio. Non sembrava superiore, c’è un decimo in più nel D Score (6.8 contro 6.7).

13.50 Per Alice D’Amato un discreto esercizio al corpo libero: 12.966.

13.49 Ahi, Lee va fuori asse sullo staggio alto, recupera ma perde un po’ di smalto. Bene i collegamenti successivi, Tsukahara stoppato in uscita. Brava, ma inferiore a Derwael, sulla carta.

13.48 Il timbrino di Angelina Melnikova: 14.900. La russa è in corsa per le medaglie, come da pronostico. Tocca a Sunisa Lee.

13.46 Bene Stalder, Komova e Pak. Un po’ storta su una piatata, uscita stoppatissima in Tsukahara. Eccellente, anche se potrebbe aver lasciato un paio di decimi in giro.

13.45 Infatti Urazova recita 14.866, ora tocca ad Angelina Melnikova. Deve rispondere alle altre big.

13.44 Stoccata possente di Vladislva Urazova. Che precisione alle parallele: esordio olimpico ma personalità da vendere per la russa, in corsa per una medaglia.

13.43 E infatti arriva un sublime 15.266 (6.7 il D Score) per Nina Derwael! Tocca a Urazova alle parallele.

13.42 Mai Murakami cerca la risalita da dietro! Eccellente 14.000 al corpo libero, sarà anche avversaria di Vanessa Ferrari in finale.

13.40 Intanto un bel 14.033 per Martina Maggio col suo avvitamento e mezzo al volteggio.

13.39 Tkatchev, Stalder-Tkatchev-carpio, Tkatchv-aperto con mezzo giro, Chow-Pak. Piantata 360, uscita stampata in Tsukahara. IMPECCABILE ESECUZIONE. Magia di Derwael, le sue parallele sono incredibili.

13.37 Tang ottiene 13.066 nonostante la caduta. Per Carey 13.500 sugli staggi. Ora lo show di Nina Derwael.

13.35 Il doppio passaggio staggio alto-basso è ben eseguito, ok anche piantata-Shapo, ma sbaglia una granvolta. Tsukahara in uscita. Carey non poteva certo inventarsi una magia sugli staggi. Sugli spalti c’è Simone Biles…

13.34 Intanto ottimo 14.666 di Andrade, si è letteralmente superata alle parallele. Ora tocca a Jade Carey.

13.32 CADUTA DI TANG! Elemento in avanti, inciampa e scivola giù. Non arriverà la medaglia, che errore della cinese sull’attrezzo preferito…

13.30 Modestissimo 12.166 per Dos Santos alla trave. Addio sogni di gloria per la francese, anche con corpo libero e volteggio di lusso non riuscirà a rientrare su tutte le altre big. Vedismo se Tang farà meglio sui 10 cm.

13.29 Andrade si difende benissimo con Maloney, Tkatchev e Pak. Non benissimo sulla piantata, uscita stoppata in Tsukahara perfetta. E a questo punto può davvero sognare, ha superato indenne un attrezzo ostica.

13.27 Enorme sbilanciamento di De Jesus Dos Santos in entrata alla trave, si è salvata per miracolo dalla caduta. Bene la serie acrobatica dietro ma sta lasciando indietro decimi preziosi. Enorme passo indietro sul doppio raccolto in uscita. Difficile puntare al podio.

13.25 Si stanno per concludere i minuti di riscaldamento, tra poco si parte. Rotazione cruciale per capire come si girerà a metà gara e capire quali dinamiche assumerà questa finale. Le big sono su attrezzi ostici come trave e parallele dove la caduta è sempre dietro l’angolo.

13.22 Questa è una rotazione favorevole a Derwael e Lee, due specialiste sugli staggi. Melnikova e Urazova possono fare benissimo, Andrade potrebbe andare in apnea. Murakami può fare benissimo al quadrato, Tang e De Jesus devono sfruttare la trave.

13.21 Alle parallele saliranno nell’ordine: Andrade, Carey, Derwael, Urazova, Melnikova, Lee. De Jesus, Tang e Gadirova alla trave. Murakami al corpo libero insieme ad Alice D’Amato, Martina Maggio al volteggio (le due azzurre si esibiranno per ultime).

13.20 Tra poco la seconda rotazione.

13.18 CLASSIFICA DOPO LA PRIMA ROTAZIONE. La brasiliana Rebeca Andrade è in testa con 15.300, Jade Carey insegue a 15.200, poi Angelina Melnikova (14.633), Sunisa Lee (14.600) e Vladislava Urazova (14.500). Queste cinque ragazze si sono esibite al volteggio, poi Tang col 14.233 alla trave e Derwael con 13.900 al volteggio. De Jesus 13.833, Murakami 13.766. Tutto apertissimo. Martina Maggio 13.000 al corpo libero, Alice D’Amato 11.633 al corpo libero causa caduta.

13.17 Si è conclusa la prima rotazione.

13.13 Giulia Steingruber non è nella forma dei giorni migliori, ma comunque la svizzera è in gara e ottiene 13.333 al corpo libero.

13.12 Jennifer Gadirova sbaglia alle parallele: 12.400, troppo poco per provare a sperare in un risultato degno di nota a fine gara.

13.11 Xijing Tang fa il suo dovere alle parallele, uno degli attrezzi a lei più congeniali: 14.233 per la cinese, ottima base di partenza.

13.10 Doppio avvitamento anche per Angelina Melnikova al volteggio e ottiene 14.633, migliore di Lee e Urazova. Ovviamente il Cheng di Andrade e Carey è inarrivabile.

13.09 Attenzione alla trave di Mai Murakami! 13.766, potrebbe anche provare a risalire per le medaglie!

13.09 Bravissima Martina Maggio al corpo libero: 13.000, l’azzurra sta gareggiando con un dolorino al ginocchio.

13.08 Vladislava Urazova stoppa il suo doppio avvitamento alla tavola anche se ha incrociato le gambe in arrivo e timbra 14.500, è in scia a Sunisa Lee. De Jesus 13.833 alle parallele, buon punteggio per la francese.

13.07 Attesa infinita per il punteggio di De Jesus alle parallele, non esce. E Tang si crogiola nell’attesa… Girano le russe al volteggio.

13.05 Infatti soltanto un avvitamento e mezzo per la Campionessa del Mondo alle parallele, ottiene un difensivo 13.900. Ovviamente tenterà la bordata alle parallele.

13.04 Jade Carey tiene botta, solo un decimo meno della brasiliana: 15.200. Ottimo avvio per l’americana. Ora la belga Nina Derwael, deve difendersi su questo attrezzo.

13.03 Jade Carey replica ad Andrade con un Cheng, ma l’esecuzione non è stata brillante come quella della brasiliana. Un po’ sporco l’arrivo con un saltello sul posto.

13.02 Punteggione di Andrade al volteggio! 15.300. Melanie De Jesus ha invece commesso una sbavatura su un collegamento alle parallele, gambe tese in uscita e incrocio: poteva fare meglio.

13.01 Alice D’Amato paga purtroppo la caduta alla trave: 11.633. Gadirova ottiene 13.666 sugli staggi.

13.00 SPETTACOLAREEEEEEEE! Cheng da brividiii! Apertura sontuosa di Rebeca Andrade, piede però sulla riga in atterraggio. Da capire come verrà giudicato.

12.58 Ottimo doppio avvitamento di Sunisa Lee al volteggio, altissima in volo, atterraggio stoppato. 14.600. Ora tocca a Rebeca Andrade alla tavola, mentre Jessica Gadirova apre alle parallele.

12.56 Alice D’Amato è purtroppo caduta sul flick salto smezzato. Il resto dell’esercizio è stato molto pulito, peccato.

12.55 SI PARTEEEE!

12.52 Iniziano i minuti di riscaldamento agli attrezzi.

12.50 Prosegue la presentazione alle giurie nel deserto Ariake Gymnastics Centre.

12.49 I riflettori saranno puntati sul volteggio nella prima rotazione, ma ci sono tante pretendenti impegnati alle parallele dunque bisognerà destreggiarsi tra due attrezzi, seguendo poi anche Alice e Martina in apertura tra 10 cm (occhio anche a Mai Murakami) e quadrato.

12.47 Ricordiamo che gli USA hanno vinto gli ultimi quattro all-around olimpici: Carly Patterson ad Atene 2004, Nastia Liukin a Pechino 2008, Gabby Douglas a Londra 2012, Simone Biles a Rio 2016. Riusciranno a difendere lo scettro o lo perderanno come nella gara a squadre?

12.46 Com’è andata negli ultimo otto anni in questo format di gara? Simone Biles ha vinto 5 Mondiali (2013, 2014, 2015, 2018, 2019) e 1 Olimpiade (Rio 2016). Solo una volta era assente all’evento perché in anno sabbatico: ai Mondiali di Montreal 2017 vinse la statunitense Morgan Hurd.

12.45 Le ginnaste stanno per entrare all’Ariake Gymnastics Centre, poi si presenteranno alle varie giurie e successivamente inizieranno i minuti di riscaldamento agli attrezzi.

12.43 Regna l’incertezza, tutte le ragazze possono puntare in alto e saranno determinanti gli errori. L’importante è non sbagliare, sentiranno tutte la tensione perché nessuna si aspettava di poter battagliare per laurearsi Campionessa Olimpica, ma poi l’assenza della Biles ha aperto scenari incredibili e inattesi.

12.41 Ricordiamo che è assente anche la canadese Ellie Black a causa di un infortunio, è stata rimpiazzata dalla riserva olandese Lieke Wevers.

12.40 Alice D’Amato aprirà la rotazione alla trave, dove figura anche Mai Murakami (si aprirà per quarta). Martina Maggio sarà la prima al corpo libero.

12.39 Alle parallele asimmetriche, invece, inizierà la rincorsa di altre pretendenti: le britanniche Jessica Gadirova e Jennifer Gadirova, la francese Melanie De Jesus Dos Santos, la cinese Xijing Tang.

12.38 A seguire l’ordine olimpico, dunque partendo dal volteggio sarano: la statunitense Sunisa Lee, la brasiliana Rebeca Andrade, la statunitense Jade Carey, la belga Nina Derwael, la russa Vladislava Urazova, la russa Angelina Melnikova.

12.36 La Francia vuole sognare in grande con Melanie De Jesus Dos Santos, appannata tra qualifiche e finale a squadre ma indubbiamente talentuosa sul giro completo. Da osservare la giapponese Maia Murakami (male nel turno preliminare), le gemelle britanniche Jessica e Jennifer Gadirova.

12.34 La cinese Xijing Tang, seconda ai Mondiali 2019 dietro a Biles e davanti a Melnikova, non ha brillato in qualifica ma ha i mezzi per mettersi in mostra. La belga Nina Derwael, Campionessa del Mondo alle parallele, è abile anche a trave e corpo libero: può e deve provarci.

12.32 La Russia punta tantissimo su Angelina Melnikova, capitana della squadra che ha trionfato due giorni fa. Miss Ginnastica è solidissima, ha punti di forza tra parallele e corpo libero, ma deve evitare gli errori che spesso l’hanno limitata in carriera. Vladislava Urazova è alla prima uscita olimpica della carriera, vedremo se pagherà l’emozione. Fuori Viktoriia Listunova causa regola dei passaporti, è la Campionessa d’Europa.

12.30 Gli USA si giocano due carte di lusso per il titolo. Sunisa Lee (terza domenica) fa affidamento su parallele e corpo libero per fare saltare il banco. Jade Carey entra per sostituire Biles (non in qualifica) e ha un’acrobatica da urlo per fare saltare il banco.

12.28 La brasiliana Rebeca Andrade si presenta col miglior punteggio di accredito (in qualifica fu seconda alle spalle della Biles). La verdeoro è reduce da tre operazioni al crociato, può fare affidamento su eccellenti volteggio e corpo libero.

12.26 L’Italia sarà presente con due ginnaste: Alice D’Amato e Martina Maggio. Non ci sono grandi velleità di piazzamento, l’obiettivo è quello di fare bella figura ed esperienza. La top-15 è il traguardo concreto, ma sarà una grande emozione per le ragazze che si sono qualificate alla prima esperienza olimpica.

12.24 Si preannuncia grande spettacolo anche perché la gara sarà decisamente equilibrata e incerta: Simone Biles è assente per i noti problemi di cui si è tanto parlato negli ultimi due giorni, dunque ci sono almeno una decina di ragazze in grado di puntare alla medaglia d’oro e al podio.

12.22 La gara inizierà alle ore 12.50 all’Ariake Gymnastics Centre. Oggi si incorona la Reginetta della Polvere di Magnesio, la ginnastica più completa sui quattro attrezzi.

12.20 Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE della final all-around femminile delle Olimpiadi di Tokyo 2021.

La presentazione della garaLe speranze delle italianeOrdine di rotazione

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE della Finale all-around femminile alle Olimpiadi di Tokyo 2021. All’Ariake Gymnastics Centre si assegnano le prime medaglie individuali tra le donne e si preannuncia grandissimo spessore per la gara che premia la ginnasta più abile e completa. Doveva essere la gara di Simone Biles, ma l’icona della ginnastica artistica non si presenterà in pedana a causa dei problemi mentali che la affliggono: la Campionessa dei Giochi di Rio 2016, cinque volte vincitrice dei Mondiali, dovrà cedere il suo scettro e la lotta per la medaglia d’oro è davvero serratissima.

La brasiliana Rebeca Andrade ha a sorpresa il miglior punteggio di ingresso. La sudamericana, però, non partirà con i favori del pronostico, che invece pendono su altre tre ragazze: la statunitense Sunisa Lee, le russe Angelina Melnikova, Vladislava Urazova. L’americana è estremamente completa ed esprime una ginnastica molto concreta e spettacolare. La capitana della Russia sa come ci si comporta in certe gare, ma il suo storico parla anche di tanti errori nei momenti cruciali.

Da tenere in serissima considerazione la belga Nina Derwael, la cinese Xijing Tang e la statunitense Jade Carey, che entra all’ultimo minuto come sostituta di Biles. In ultima battuta la francese Melanie De Jesus Dos Santos e la giapponese Mai Murakami. Possibili outsider le due britanniche Jessica e Jennifer Gadirova, oltre alla cinese Yufei Lu. Italia in gara con Alice D’Amato e Martina Maggio: cercheranno di rientrare nella top-15, sono state bravissime ad arrivare fino a qui e a essere protagoniste nella gara a squadre.

OA Sport vi propone la DIRETTA LIVE della Finale all-around femminile alle Olimpiadi di Tokyo 2021: cronaca in tempo reale, minuto dopo minuto, esercizio dopo esercizio, per non perdersi davvero nulla. Si inizia alle ore 12.50. Buon divertimento a tutti.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ginnastica, Maggio e D’Amato in top-20 all-around. Domani in Italia, tifo per Ferrari: “Forza Vanessa, sventola il tricolore”

Scherma, Elisa Di Francisca critica il ct Cipressa: “Non è all’altezza come Cerioni. Un errore Errigo all’ultimo assalto”