Volley, Coppa del Mondo – L’Italia che convince: i migliori azzurri. Zaytsev monumento, Colaci vola, il gruppo ritrovato

ItalysIvanZaytsevmostimpressiveplayerofthematchgetsamascot-2.jpg

L’Italia ha terminato anche la seconda fase della Coppa del Mondo 2015 di volley maschile e si sta trasferendo a Tokyo dove da lunedì partirà la caccia alle Olimpiadi 2016: tre partite capitali (Russia, Argentina e Polonia) per capire se voleremo subito a Rio o se dovremo passare per il torneo continentale di gennaio. Quali sono gli azzurri che hanno convinto maggiormente? Rimandando l’analisi dei “bocciati” a un prossimo articolo.

 

IVAN ZAYTSEV – Lo Zar è stato superlativo in questa prima parte di Coppa del Mondo. Si è caricato la Nazionale sulle spalle contro l’Iran, l’ha trascinata fuori dalle sabbie dell’Egitto, è stato l’unico a provarci contro gli USA. C’è sempre stato il suo zampino, non è mai calato, la forma è davvero al top, ha ritrovato l’entusiasmo dei giorni migliori e la resa tecnica è venuta da sé. Il ruolo di opposto l’ha rinvigorito e ha donato all’Italia il suo vecchio trascinatore.

SIMONE GIANNELLI – Per i puristi ci saranno anche state delle imperfezioni ma ha davvero svolto i suoi compiti nel miglior modo possibile. In fondo non era tanto difficile contro avversari di seconda fascia mentre contro gli Stati Uniti d’America si è dovuto affidare esclusivamente a Zaytsev. Per il resto bravo a trovare l’affinità con Lanza nel match conclusivo della seconda fase contro il Venezuela, MVP contro l’Australia quando ha sbalordito tutti al servizio e a muro. Ora arriva il bello e i due big match più attesi: servirà tirare fuori il coraggio

MASSIMO COLACI – Salvatore della Patria, Voli d’Angelo, Magnete aspirapalloni. L’Italia spesso è rimasta su in ricezione grazie al suo libero che ha sorretto l’intero reparto, permettendo spesso e volentieri di rigiocare palloni su palloni. Ha alleggerito il gioco, facilitando il lavoro di Giannelli. MVP contro la Tunisia, sarà un’arma fondamentale contro il gioco iper offensivo della Russia e quello oculato della Polonia per spingerci verso le Olimpiadi.

GRUPPO – Guardate Zaytsev e Juantorena che applaudono da fuori i compagni battere il Venezuela. Guardate le facce convinte nelle interviste. Guardate il clima comunque disteso dopo la sconfitta contro gli USA. Guardate una squadra che non è mai crollata vistosamente. Il gruppo è unito e motivato, gli azzurri vogliono e possono fare bene, il gioco in campo sta convincendo, c’è affiatamento e interazione tra i reparti. Ora le prove del 9 ma siamo contenti in positivo dopo mesi tormentati.

 

Articoli correlati:

Coppa del Mondo 2015 – Italia ora il trasferimento a Tokyo: riposo, poi la caccia alle Olimpiadi

Coppa del Mondo 2015 – L’Italia che convince: i migliori azzurri. Zaytsev monumentale, Colaci vola, gruppo trovato

Coppa del Mondo 2015 – L’Italia dei “bocciati”: Juantorena fatica, male i centrali, panchina corta

Coppa del Mondo 2015 – Chi sta meglio? Le 12 Nazionali dopo la seconda fase: 4 big per le Olimpiadi

Coppa del Mondo 2015 – Tutte le statistiche: l’Italia brilla con Zaytsev e Colaci

Lascia un commento

Top