Volley, World League – Le ambizioni dell’Italia: rivoluzione in gruppo, la novità può sorprendere?

Italia-Brasile-Foro-Italico.jpg

L’Italia partirà a fari spenti alle Final Six della World League, in programma al Maracanazinho di Rio de Janeiro dal 15 al 19 luglio. La nostra Nazionale di volley maschile sbarca a Rio tra tante difficoltà e incertezze, al termine di un girone preliminare caratterizzato da luci e ombre.

E soprattutto la “Cacciata dei Quattro” che ha destabilizzato tutto l’ambiente. La notte brava di Zaytsev, Travica, Sabbi e Randazzo ha praticamente smantellato quel gruppo di titolari che si era formato nel corso degli ultimi mesi.

Persi il capitano, lo schiacciatore simbolo della squadra e che si era costretto a cambiare ruolo, l’opposto titolare e una riserva. Praticamente addio a mezza squadra.

L’invocato Giannelli in cabina di regia, Vettori forzatamente opposto e chiamato ad essere continuo, Birarelli nuovamente capitano al centro con Anzani o Mengozzi, Lanza di banda verosimilmente affiancato da Antonov, Colaci il libero.

 

Insomma si è cambiato totalmente tutto. E se questo gruppo, nuovo ed erede di quanto è imploso nel weekend di Copa Cabana (ma le ruggini c’erano da almeno un anno…), riuscisse davvero a ritrovarsi e a regalarci una magia?

Di solito le imprese e le grandi vittorie scaturiscono proprio dalle improvvisate, dai gruppi più inaspettati, nei momenti meno immaginabili. Potrebbe arrivare il sorpresone. Anzi è forse più probabile dopo la defenestrazione di quanto lo fosse prima.

 

La stagione è partita con molte incognite, con Mauro Berruto in panchina messo più volte in discussione e con un gioco distante anni luce da quello che ci ha caratterizzato per diverse stagioni.

Una squadra che forse non è più squadra, un sestetto titolare mai totalmente stabilizzato, un cambio di modulo che ha lasciato perplessi i più, una serie di infortuni e un rendimento abbastanza deludente.

L’Italia è stata umiliata dall’Australia a Jesolo, ha poi realizzato l’impresa al Foro Italico sconfiggendo il Brasile ma per il resto è sempre andata in difficoltà. In un match si vedevano dei passi in avanti (come nella gara2 di Belgrado, persa solo al tie-break dopo un incontro tirato), in quello successivo si sprofondava nuovamente.

 

Provare a ritrovare una Nazionale coraggiosa, arrembante, motivata, con un po’ di cuore e soprattutto di rendimento. Continuità, affinità tra i reparti, fluidità, una fase offensiva che supporti quella difensiva, un muro che non sia altalenante, un servizio che non sia troppo falloso.

Mauro Berruto ha dichiarato che vuole la Finale per l’oro ma oggettivamente è difficile arrivarci con questa Italia. Felici di essere smentiti, naturalmente.

Il girone iniziale è davvero ostico. Ritroveremo la Serbia che ci ha inflitto ben tre sconfitte nella Pool A e i Campioni del Mondo della Polonia, secondi nella Pool B. Già passare questo turno sarebbe una vera impresa per poi andare a incrociare l’altro raggruppamento dove si daranno battaglia i padroni di casa del Brasile, gli USA detentori del titolo e la Francia vincitrice del secondo livello.

Gli azzurri hanno conquistato due bronzi consecutivi in World League: a Mar del Plata 2013 e a Firenze 2014 vennero raccolti con rammarico. Se la medaglia dovesse arrivare a Rio de Janeiro verrebbe presa con estrema soddisfazione, un nuovo punto di partenza per tornare a essere quello che siamo. Anche se il Maracanazinho chiama l’oro: qui vincemmo il nostro primo titolo Mondiale e la World League 1995.

 

Articoli correlati:

World League – Final Six: tutto il programma, orari e tv

World League – Final Six: si respirano le Olimpiadi! Il Maracanazinho è pronto per Rio 2016

World League – Final Six: montepremi milionario! Quanti soldi per l’Italia?

World League – Final Six: tutti i convocati dell’Italia. A caccia dell’oro

World League – Final Six: tutti gli azzurri ai raggi X. Stagione, stato di forma, obiettivi e…

World League – Final Six: si aprono dualismi “Indesiderati”. Travica vs Giannelli, quattro diagonali e…

World League – Italia che digiuno! La Finale manca da 11 anni, la Coppa da una vita

World League – Final Six. Mauro Berruto: “Vogliamo la Finale. Italia sulla strada giusta, la squadra sta bene”

World League – Tutte le statistiche: Zaytsev è il miglior ricevitore! Le altre classifiche comandano…

World League – L’Italia perde la bussola: liti interne, confronti serrate e…

 

World League – Ivan Zaytsev dopo la cacciata: “Chiedo scusa. Ho tradito tutto il gruppo. Tanta fatica e poi…”

World League – Dragan Travica dopo la cacciata: “Ho commesso una leggerezza. Un capitano non doveva farlo”

World League – Giulio Sabbi dopo la cacciata: “Errore gravissimo. Capita di sbagliare. Chiedo scusa”

World League – Final Six. Italia clamorosa! Cacciati 4 azzurri: Zaytsev e Travica, motivi disciplinari

World League – Final Six. L’Italia ha il suo nuovo capitano. La cacciata di Travica ci regala…

World League – Final Six. La “cacciata dei 4″ rivoluziona l’Italia. Questo il sestetto titolare?

World League – Final Six. Mauro Berruto: “Rispettare i valori quando si veste l’azzurro! L’Italia al centro”

World League – Final Six: l’Italia è a pezzi. Scoppia il gruppo, la cacciata distrugge la Nazionale. E il futuro…

Lascia un commento

Top