Giro d’Italia 2021, nona tappa Castel di Sangro-Campo Felice (Rocca di Cambio): il primo vero arrivo in salita di questa edizione

Eccoci arrivati alla presentazione della nona tappa che caratterizzerà il Giro d’Italia 2021, la Castel di Sangro-Campo Felice (Rocca di Cambio), il primo vero arrivo in salita di questa 104esima edizione della Corsa Rosa. Nei suoi 158 chilometri, questa frazione totalmente aquilana, vedrà sfidarsi i big candidati alla classifica generale. Ma adesso andiamo a scoprirla nel dettaglio.

PERCORSO

Tappone appenninico interamente abruzzese con numerose salite, di cui quattro classificate come GPM. Il tratto dalla partenza fino a Celano presenta una serie di salite lunghe con discese in alcuni tratti impegnative. I primi due GPM del giorno sono il seconda categoria del Passo Godi, al chilometro 35,6, nei suoi 15 chilometri al 4%, e poi la Forca Caruso al chilometro 102,1, lunga 12,7 chilometri al 4,2%.

Dopo Celano, dov’è piazzato il primo traguardo volante, si scalerà il GPM di Ovindoli, una salita di seconda categoria lunga 12,4 chilometri al 5,1%. Quest’ultimo accompagnerà il gruppo alla Piana delle Rocche. Da qui in avanti il percorso diventerà meno impegnativo fino a Rocca di Cambio, dov’è posizionato il secondo traguardo volante del giorno, e dove si svolterà per Campo Felice e immettersi sulla salita finale.

Questa ascesa conclusiva misura circa 6 chilometri e non è particolarmente pendente nella sua prima parte. Da segnalare che tra i 3 chilometri e i 2 chilometri all’arrivo, è presente una lunga galleria illuminata. Dopo quest’ultima, inizieranno i 1600 metri finali interamente su sterrato, con pendenze che, negli ultimi 500 metri all’8,4%, toccano punte del 14%. Il rettilineo finale è ancora in sterrato.

ALTIMETRIA

ULTIMI CHILOMETRI

LE TAPPE PRECEDENTI…

Prima tappa: Torino-Torino
Seconda tappa: Stupinigi-Novara
Terza tappa: Biella-Canale
Quarta tappa: Piacenza-Sestola
Quinta tappa: Modena-Cattolica
Sesta tappa: Grotte di Frasassi – Ascoli Piceno (San Giacomo)
Settima tappa: Notaresco-Termoli
Ottava tappa: Foggia-Guardia Sanframondi

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atletica, World Relays: i convocati dell’Italia ai raggi X. Due generazioni per spingere in alto l’Italia

Giovanni Malagò rivela: “Domani il via alla vaccinazione capillare agli atleti che andranno a Tokyo”