Tour de France 2021: Lutsenko, Martin, Bilbao. Livello non eccelso e confronto con il Giro d’Italia

Il Tour de France 2021 è stato vinto da un autentico fuoriclasse quale Tadej Pogacar e sul podio con lo sloveno sono saliti due corridori di rango come Jonas Vingegaard e Richard Carapaz. Il livello della Grande Boucle, tolti i primi tre, però, non è stato eccelso. Wilco Kelderman ed Enric Mas, rispettivamente quinto e sesto, sono indubbiamente due ottimi regolaristi e Ben O’Connor, con l’impresa di Tignes, ha dimostrato di non essere uno qualsiasi. Dalla settima posizione in giù, però, troviamo atleti che hanno reso al di sotto delle proprie possibilità o gente che, verosimilmente, ha colto il piazzamento della carriera.

Sia David Gaudu che Rigoberto Uran hanno sofferto delle crisi pesanti durante questa Grande Boucle. Pello Bilbao, invece, non è sembrato esprimersi sui livelli del Giro 2020, ove sfornò una prestazione incredibile nel tappone di laghi di Cancano. Alexey Lutsenko è prossimo ai ventinove anni e il suo miglior piazzamento in una corsa a tappe di tre settimane, prima del settimo posto conquistato in questo Tour, era una diciannovesima piazza. Guillaume Martin, infine, è un corridore con evidenti limiti che ha approfittato delle fughe per cogliere quella top-10 in un Grand Tour che, in passato, aveva solo sfiorato.

Ad ogni modo, il Tour de France vince comunque il confronto con il Giro d’Italia. Il podio, è inutile girarci intorno, è di ben altra caratura. Tadej Pogacar si è dimostrato un corridore più completo e solido rispetto a Egan Bernal. Il pur sorprendente Damiano Caruso non può essere paragonato a Vingegaard, il quale ha quasi dieci anni in meno rispetto al siciliano e tutt’altra carriera davanti. Il danese, peraltro, ha palesato qualità veramente notevoli sia in salita che a cronometro.

Il testa a testa tra Carapaz e Yates, infine, è nettamente favorevole al primo
. Gli scontri diretti tra i due, d’altronde, parlano chiaro. Ad ogni modo, va detto che, seppur il Tour abbia perso Roglic, il Giro è stato nettamente più penalizzato dai forfait dei vari big. Se Landa, Sivakov, Evenepoel e Buchmann avessero concluso la Corsa Rosa, certamente la forbice tra le due manifestazioni sarebbe stata meno ampia.

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Giro d'Italia 2021 Tadej Pogacar Tour de France 2021

ultimo aggiornamento: 17-07-2021


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis, polemica tra Alexander Zverev e Becker: “Non mi interessa quello che dice. Penso a vincere l’oro alle Olimpiadi”

Atletica, Europei Under 20: bronzi per Lorenzo Simonelli e Federico Guglielmi