Pagelle Inter-Juventus 2-0, Serie A: Barella incontenibile, Bastoni perfetto. Cristiano Ronaldo fantasma a San Siro

L’Inter ha sconfitto la Juventus per 2-0 nel big match della 18ma giornata di Serie A. A decidere i gol di Vidal e Barella, valsi ai nerazzurri l’aggancio momentaneo al Milan in testa alla classifica. Di seguito le pagelle della partita.

VIDEO HIGHLIGHTS INTER-JUVENTUS 2-0

LA CRONACA DELLA PARTITA

PAGELLE INTER-JUVENTUS 2-0

INTER 

Handanovic, voto 6: chiamato in causa pochissime volte, strepitoso su Chiesa nel finale.

Skriniar, voto 7: fondamentale in impostazione, non si fa sorprendere dalle giocate degli attaccanti bianconeri. Sembra esser tornato quello di un paio di anni fa. 

de Vrij, voto 7: non lascia spazi a Morata e Ronaldo. Solo questo basta a sottolineare una buonissima prestazione.

Bastoni, voto 8: perfetto in copertura, straordinario in costruzione. L’assist per il gol di Barella è una vera e propria perla.

Hakimi, voto 6,5: devastante come di consueto sulla destra, spinge alla grande sulla corsia creando opportunità e pericoli.

Barella, voto 8,5: prima l’assist al bacio, poi un gol spettacolare, partita monstre della mezz’ala della Nazionale. È lui a distruggere la Juventus.

Brozovic, voto 7,5: il croato è perfetto in fase d’impostazione, mandando sempre a vuoto il centrocampo juventino. Un metronomo.

Vidal, voto 7,5: tutto un altro giocatore nel momento decisivo. Segna il gol dell’ex, è sempre nel vivo dell’azione, è molto vivace nel pressing. Dal 76′ Gagliardini, senza voto

Young, voto 6: match sufficiente per l’inglese, che copre al meglio su Chiesa e Kulusevski, senza però spingere. Dal 71′ Darmian, voto 6: entra per difendere al meglio sulla fascia sinistra, sfrutta bene l’occasione. 

Lukaku, voto 7: dominante, come sempre. Porta a spasso con la sua fisicità tutta la difesa bianconera, mettendola in crisi.

Lautaro Martinez, voto 5,5: spreca a porta vuota un tap-in piuttosto semplice che sarebbe valso il raddoppio. Il più in difficoltà dei suoi. Dall’85’ Sanchez, senza voto.

All. Conte, voto 7: prepara al meglio l’incontro, trova tutti i punti deboli degli avversari e finalmente riesce a battere la sua ex squadra. Una partita perfetta, senza pecche, che fa sognare verso lo scudetto.

JUVENTUS

Szczesny, voto 6: il portiere polacco non può nulla nelle occasioni delle due reti di Vidal e Barella.

Danilo, voto 5: è il brasiliano a perdersi l’inserimento di Vidal e a farsi anticipare dallo stacco del cileno. In generale controprestazione, dopo l’ottimo inizio di stagione.

Bonucci, voto 5: non è lui e lo si vede sin dalle prime fasi di gara. Sbaglia in impostazione, perde sempre l’avversario diretto. Insufficiente.

Chiellini, voto 5: soffre Lukaku costantemente, poi è protagonista assieme a Frabotta della “dormita” decisiva per il 2-0 di Barella. 

Frabotta, voto 4,5: partita difficilissima per lui contro un avversario del livello di Hakimi. Decisivo, in negativo, sul gol di Barella, quando perde completamente i tempi di uscita. Dal 57′ Bernardeschi, voto 5,5: entra nel nuovo ruolo di terzino e fa il possibile per provare a coprire su Hakimi.

Chiesa, voto 5: non riesce a trovare quel cambio di passo che lo contraddistingue. Parte a destra, poi passa a sinistra, ma la musica non cambia.

Rabiot, voto 4,5: match da dimenticare per il francese, per lui un’infinità di errori a livello tecnico. Dal 57′ Kulusevski, voto 6: prova ad incidere sulla destra, trova qualche spunto, ma prima Young e poi Darmian lo arginano in qualche modo.

Bentancur, voto 4,5: in crisi in cabina di regia il mediano dell’Uruguay. Brozovic lo oscura completamente, lui sbaglia tutto il possibile.

Ramsey, voto 5: costretto a coprire su Hakimi, non riesce a trovare gli spazi giusti in fase offensiva. Dal 57′ Mckennie, voto 6: entra per dare un po’ di vivacità, ci riesce, ma è inutile per la banda di Pirlo.

Morata, voto 5: pochissimi palloni giocabili per l’iberico, bloccato al meglio dai centrali nerazzurri. Nel secondo tempo è davvero un fantasma.

Cristiano Ronaldo, voto 4,5: prova in tutti i modi a rendersi protagonista, andando a cercare palla sulla trequarti, ma non è la sua giornata e si vede.

All. Pirlo, voto 5: la sua Juventus non è quella vista nelle ultime uscite. Le assenze di De Ligt, Cuadrado e Alex Sandro non possono essere una giustificazione. In crisi con la pressione nerazzurra, neanche i cambi svoltano il match.

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallamano, Mondiali 2021: Germania-Capo Verde decisa a tavolino! Bene Danimarca e Spagna

VIDEO Inter-Juventus 2-0, Highlights, gol e sintesi: Vidal e Barella a segno, i nerazzurri vincono il derby d’Italia!