Show Player

Volley, Finale Scudetto SuperLega 2019: dominio di Civitanova! Perugia demolita in trasferta, verdetto rinviato alla decisiva gara-5



Il verdetto emerso dalla partita di questa sera non ammette repliche: servirà gara-5 per conoscere il nome della squadra vincitrice della SuperLega 2018-2019, il massimo campionato nazionale di volley maschile. Con una prestazione praticamente perfetta di fronte al proprio pubblico, Civitanova ha infatti sconfitto Perugia nel quarto incontro della serie della Finale Scudetto ristabilendo la parità sul punteggio di 2-2. La formazione allenata da Fefè De Giorgi si è imposta con il risultato finale di 3-0 (25-20; 25-21; 25-19) in un incontro durato 81′ e letteralmente dominato dai marchigiani grazie ad una maggiore incisività al servizio e alla solidità del muro. L’opposto bulgaro Tsvetan Sokolov (16 punti) è stato il migliore realizzatore, ma il premio di MVP della sfida è sicuramente del centrale cubano Robert Landy Simon (11 punti con quattro ace e tre muri). Serata da dimenticare invece per gli uomini di Lorenzo Bernardi, mai realmente in partita nonostante la possibilità di chiudere la serie con una partita di anticipo. WIlfredo Leon e compagni potranno comunque giocare in casa la sfida decisiva in programma martedì 14 maggio alle ore 20.30.

Perugia comincia meglio e prova subito a scappare grazie all’ace di Leon aiutato dal nastro (2-4). La diagonale di Lanza e l’errore di Sokolov convincono De Giorgi ad interrompere il gioco (5-8), ma al rientro in campo Simon realizza tre servizi vincenti consecutivi, infiamma il pubblico di casa mettendo in grande difficoltà la ricezione di Colaci e rovescia completamente la situazione (12-11). Gli ospiti perdono sicurezza e Atanasijevic si vede murare il proprio attacco da un monumentale Cester (15-14). Leal insiste con un turno al servizio estremamente aggressivo e scava un buon margine tra le due squadre (18-14), mentre gli uomini di Bernardi sbagliano troppo dai nove metri non trovando mai l’occasione di accorciare (22-18). Nel finale è ancora Leal a firmare il punto dai nove metri che chiude il primo set sul punteggio di 25-20.

Loading...
Loading...

Nel secondo parziale è ancora Simon dai nove metri a fare malissimo a Perugia trovando il primo allungo (3-1). La squadra umbra riesce a ritrovare la parità grazie al muro di De Cecco, quindi la sfida procede sul filo dell’equilibrio (7-7). Sokolov trova il nuovo break fermando Leon e l’errore di Lanza permette ai padroni di casa di aumentare il vantaggio (14-11). Dopo il timeout di Bernardi, uno spettacolare contrattacco firmato Juantorena amplia il divario (16-12), ma Leon prova a caricarsi sulle spalle la squadra e accorcia le distanze con due attacchi vincenti consecutivi (18-16). Nel momento più delicato però Sokolov e Juantorena non concedono nulla e mantengono invariato il margine (21-18), quindi il regalo di Atanasijevic che non riesce ad evitare il servizio completamente fuori misura di Leal scrive la parola fine sul secondo set ancora prima del mani fuori di Simon per il 25-21.

Il copione sembra cambiare in avvio di terzo parziale, con l’ace di Atanasijevic che suona la carica per Perugia (1-2). Civitanova non si scompone e la magia di seconda di Bruno rimette subito il punteggio in parità (5-5). Lo strappo dei padroni di casa arriva poco più avanti, grazie al muro di Simon e all’attacco di prima intenzione di Sokolov sulla ricezione lunga degli avversari (11-8). Leon ancora una volta accorcia le distanze, ma l’errore di Ricci costa carissimo e ristabilisce il distacco (14-11). L’azione che sintetizza la partita è il devastante muro di Simon che annulla il connazionale Leon e manda completamente in confusione la squadra di Bernardi, come dimostra l’ingenua invasione di Atanasijevic (18-13). Il tecnico ospite prova a motivare la propria formazione con il timeout, ma l’esito dell’incontro è segnato e la parallela di Sokolov vale il 25-19 che chiude la sfida.

[embedit snippet=”adsense-articolo”]

 

roberto.pozzi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Roberto Bartomeoli / LivePhotoSport

Loading...

Lascia un commento

scroll to top