LIVE Biathlon, Staffetta femminile Canmore 2019 in DIRETTA: vince la Germania davanti a Norvegia e Francia, quarta l’Italia


Buonasera e benvenuti alla diretta live testuale della staffetta 4×6 km femminile della Coppa del Mondo di biathlon in programma a Canmore, in Canada: oggi, venerdì 8 febbraio, alle ore 22.45 italiane Dorothea Wierer, Federica Sanfilippo, Nicole Gontier e Lisa Vittozzi proveranno a far saltare il banco in una gara in cui l’Italia deve recitare il ruolo dell’outsider.

I tecnici azzurri hanno scelto di lasciare fuori Alexia Runggaldier, dunque cambia ancora l’ordine delle frazioniste azzurre: l’Italia sarà al via con Lisa Vittozzi in apertura, poi sarà la volta di Nicole Gontier, che lancerà Dorothea Wierer, mentre in chiusura toccherà a Federica Sanfilippo.

OA Sport vi propone la diretta live della staffetta 4×6 km femminile della Coppa del Mondo di biathlon: oggi, venerdì 8 gennaio, la gara inizierà alle ore 22.45 e per questo motivo la nostra diretta inizierà attorno alle ore 22.30. Buon divertimento con la nostra diretta live testuale in tempo reale! (Foto: Federico Angiolini)

 

STARTLIST E COMPOSIZIONE QUARTETTIPRESENTAZIONE STAFFETTA FEMMINILE – DIRETTA LIVE SPORT INVERNALI

 

 

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

23.59 La nostra diretta termina qui, grazie per averci seguito. Appuntamento al prossimo live, buonanotte da OA Sport.

23.57 Vince la Germania con 20″ sulla Norvegia, seconda. Perde una posizione la Francia, terza a 41″. Italia quarta a 1’40″5.

23.55 Germania con 27″ sulla Francia, 48″ sulla Germania e 1’21” sull’Italia

23.50 Giro di penalità per Sanfilippo, l’Italia scende giù dal podio.

23.46 A metà dell’ultima frazione Germania con 55″ sull’Italia, poi Norvegia a1’25” e Francia a 1’33”.

23.43 Una sola ricarica per DAHLMEIER, Sanfilippo ne usa due e passa a 48″, mentre la Francia ne usa tre e viene scavalcata dalla Norvegia ora terza.

23.40 Dahlmeier stacca Sanfilippo: 13″6 tra Germania ed Italia. Francia a 57″ dalla testa.

23.38 Germania davanti all’Italia di 3″, ma la Francia è a quasi un minuto.

23.35 Herrmann mostruosa sugli sci: Itala e Germania cambieranno praticamente insieme!

23.32 Due ricariche per Wierer, una per Herrmann, tre per Braisaz! Italia prima con 26″ sulla Germania e 46″ sulla Francia!

23.29 Wierer passa  ai 3 km con 33″ sulla Francia e 39″ sulla Germania.

23.26 WIERER PERFETTA!!! 5/5, le altre invece ricaricano!

23.22 Francia agganciata da Germania ed Estonia, ma Wierer ha un margine di 36″.

23.19 L’Italia a metà gara ha 34″ sulla Francia e 42″ su Estonia e Germania!

23.16 Sono 28 i secondi di margine di Gontier su Braisaz, a 47″ l’Estonia con la Germania.

23.14 Magnifica Nicole GONTIER!!! Usa una sola ricarica e lancerà Wierer in solitaria!!

23.09 Molto più lontane le altre formazioni, che usano ricariche! Che frazione finora di Gontier!

23.07 MAGNIFICA GONTIER!!! 5/5 al poligono senza ricariche! Il distacco aumenta! Braisaz passa a 24″.

23.04 Dopo 1 km Gontier mantiene 23″ sulle inseguitrici. Sarà il poligono a dirci quali sono le ambizioni dell’Italia.

23.02 Aumenta Lisa Vittozzi! Al primo cambio Gontier parte con 23″5 su Francia e Germania.

22.57 Impeccabile anche al secondo poligono l’Italia! Vittozzi fa il vuoto: 20″ sulla Germania, seconda.

22.55 Dopo 3.5 Km Vittozzi è insieme a Dunklee, le inseguitrici sono tirare da Chevalier, Francia, a 13″2.

22.52 Primo poligono eccezionale di Vittozzi, che è rapida e precisa! Italia prima dopo la prima serie a terra. Dietro di noi gli USA a 5″3.

22.49 Gruppo compatto, Vittozzi terza dopo 1.5 km.

22.47 In realtà non è partita la Polonia, sono 18 le formazioni in gara.

22.45 Partita la gara, 19 quartetti al via.

22.40 Cinque minuti al via della staffetta

22.35 Le atlete stanno completando l’azzeramento

22.30 I tecnici azzurri hanno scelto di lasciare fuori Alexia Runggaldier, dunque cambia ancora l’ordine delle frazioniste azzurre: l’Italia sarà al via con Lisa Vittozzi in apertura, poi sarà la volta di Nicole Gontier, che lancerà Dorothea Wierer, mentre in chiusura toccherà a Federica Sanfilippo.

22.25 Stanno salendo leggermente le temperature, confermato lo start della staffetta femminile alle ore 22.45

22.20 Buonasera e benvenuti alla diretta live testuale della staffetta 4×6 km femminile della Coppa del Mondo di biathlon in programma a Canmore, in Canada: oggi, venerdì 8 febbraio, alle ore 22.45 italiane Dorothea Wierer, Federica Sanfilippo, Nicole Gontier e Lisa Vittozzi proveranno a far saltare il banco in una gara in cui l’Italia deve recitare il ruolo dell’outsider.

17 Replies to “LIVE Biathlon, Staffetta femminile Canmore 2019 in DIRETTA: vince la Germania davanti a Norvegia e Francia, quarta l’Italia”

  1. Luca46 ha detto:

    Vorrei poter dare anch’io la mia opinione da tifoso. Per chi abbia seguito il biathlon in questi anni anche solo da tifoso come me di certo non può che rimanere sbigottito dal fatto che Wierer sia stata rimontata così facilmente (senza volerla colpevolizzare). E’ chiaro che in situazioni normali avrebbe pressochè mantenuto il vantaggio, magari perdendo qualcosina. Il mio sospetto è che abbia preferito preservare le energie in vista della sprint che ritengo molto importante ai fini della classifica di Coppa del Mondo. Tuttavia c’è anche la possibilità stanchezza oppure una sommatoria delle due. Infatti nell’individuale Wierer era partita bene per poi pagare nel finale. Ci sta possa essere in condizioni non perfette o che abbia patito il clima.
    Credo inoltre che vista la vicinanza di questa tappa con il mondiale andava cancellata per preservare 1) la salute degli atleti 2) il rischio di avere dei mondiali con atleti di vertice non al top e quindi una competizione dal punto di vista qualitativo inferiore al livello. D’altra parte è un discorso utopistico perchè in qualsiasi sport, con mio grandissimo sdegno, ogni decisione presa avviene in funzione di palinsesti televisivi, accordi economico-politici e giro di scommesse.

    1. Andry84 ha detto:

      Mantenere il vantaggio o perdere pochino nell’ ultimo giro da Denise Herrmann è una cosa che non avviene praticamente mai per Wierer, i 20 secondi sono all’ ordine del giorno.
      Diamo un’ occhiata ai tempi dell’ ultimo giro in staffetta e vediamo che la tedesca ha legnato tutte, Olsbu e Eckhoff che sugli sci stanno volando hanno preso circa 14 secondi, e noi pretendiamo che Wierer perda poco? L’ ultimo giro di Wierer è stato circa 3 secondi più lento di quello di Vittozzi che sembrava essere andata fortissimo, ergo ci fosse stata la friulana sarebbe stata ripresa anche lei da Herrmann. È stata la tedesca a fare una prestazione mostruosa degna delle migliori fondiste dello sport cugino.

      1. Luca46 ha detto:

        Non sono daccordo. Che la tedesca sia andata forte è un conto, la prestazione della Wierer è un altro paio di maniche. Wierer quest’anno ha dimostrato di saper andare forte sugli sci pure lei, soprattutto quando ne ha avuto bisogno. Nel biathlon poi la velocità sugli sci fa parte anche della gestione della gare. Wierer essendo in testa alla coppa del mondo ovviamente ha potuto gestire in molte gare l’andatura sugli sci a proprio piacimento. Io sono convito del fatto che se Wierer fosse partita in ultima frazione con quel vantaggio col cavolo che la tedesca la rimontava. Poi lo hai detto tu stesso che è stata più lenta di Vitozzi quando invece è più veloce. Ovviamente resta solo un mio parere.

        1. riax ha detto:

          luca46,..pare che qui siamo gli unici che non facciamo il tifo ” a prescindere”.
          Un conto è il tifo ed altro è analizzare le gare,…con tutti i condizionamenti che ci possono essere. ( anche se il tifo affettuoso per i nostri colori rimane ovviamente…)

          1. Luca46 ha detto:

            Esatto. Io poi mi illumino gli occhi difronte quello che sta facendo Wierer. Che poi pensare che possa essere rimontata così facilmente sarebbe sminuirla.

      2. Fabio90 ha detto:

        Completamente d’accordo con Andry84, Luca perdonami ma le “sensazioni” sono una cosa, e i numeri freddi e concreti sono altri, come dice bene Andry; la Hermann le ha “legnate” tutte e, come sostiene Ambesi (siccome pare sia importante portare il giudizio degli esperti, anche se preferisco ragionare esclusivamente con la mia testa per analizzare le cose) la tedesca fa uno sport a parte. Ora se anche volessi condividere la tua sensazione di una Wierer magari non eccelsa sugli sci; premerei più sul fatto che fosse lei la “malcapitata” a trovarsi la tedesca dietro, tedesca che per una volta che ha “indovinato” il poligono ha potuto sprigionare tutti i suoi cavalli, cosa che fa solo in parte di solito, trovandosi spesso nelle retrovie e con magari giri di penalità sul groppone (e con tutto ciò è sempre tra le migliori e talvolta la migliore); quindi è uno scenario che fortunatamente si vede poco, perchè fragile al poligono, altrimenti sarebbe la normale consuetudine. Infine se anche la Wierer avesse fatto meglio di quanto? 7/8 secondi? non sarebbe cambiato nulla, e non è questione di essere tifosi,bensì di avere ben chiaro i valori e le caratteristiche di tutti, altrimenti non avrei detto in commenti precedenti anche all’inizio della stagione che le italiane avrebbero potuto sfruttare le assenze di Domracheva e quella parziale di Dahlmeier che sono superiori alle nostre due atlete, ci stanno riuscendo dando vita ad una stagione che è già nella storia dello sport italiano e del Biathlon, perchè ricordiamolo sempre, a parte gli uomini negli anni 90, parliamo di uno sport con risultati modesti prima di questo fantastico gruppo, e con almeno 4 potenze mondiali avanti a noi.

        1. Luca46 ha detto:

          Io non ho discusso ne la forza di Hermann sugli sci ne il fatto che il risultato finale potesse cambiare. Lo dici pure tu che poteva fare 7/8 secondi meglio. Io ho mosso solo del ipotesi sul perchè non abbia fatto meglio. Sul fatto delle assenze non deve togliere nulla a quanto sta facendo Wierer. Wierer è in un momento ottimo della carriera. Se Dahlmeier e Domracheva sono assenti evidentemente avevano bisogno di rifiatare.

    2. riax ha detto:

      condivido tutte, ma proprio tutte, le tue considerazioni Luca46 🙂

  2. riax ha detto:

    Io qui esprimo i miei commenti sulle gare – li legga meglio-, e sono liberissimo di farlo, senza sminuire o denigrare i commenti altrui, come invece fa lei nei miei confronti. E detesto il calcio di ora che lei apprezza, e non lo commento, mentre apprezzo lo sport della pallanuoto pur non commentandolo. Lei volutamente travisa le mie osservazioni, tifando Doro per la quale tifo anch’ io senza se e senza ma…. parimenti alla Vittozzi attuale però.
    A parte i 2 errori al poligono- che ci possono stare-, ha sorpreso l’ aver preso 30″ in ca. 2 km.- non è da Doro- mentre era in testa. Ecco perchè mi chiedevo se fosse in salute. Ovviamente spero che stia ottimamente e sia dovuto unicamente ad una prestazione da aliena della Hermann, come osservato da tutte le testate specializzate.
    Non bisogna essere esperti per vedere, come tutti, i 7-8-10 errori della Gontier, e rilevare che se questo era (ERA-spero-), il suo attuale stato di forma interlocutorio era meglio far fare esperienza con la giovani in ottica futura.
    Abbiamo visioni diverse, ma io non critico le sue, pur non condividendole, e la invito a fare altrettanto con me.
    Spero di essere stato chiaro e definitivo.

  3. riax ha detto:

    @Giacma82.
    La mia è nell’ aver fatto disputare la gara, mentre secondo me sarebbe stato più opportuno appunto preservare le loro condizioni fisiche ed atletiche per non compromettere le loro chance di vittoria future. Quanti punti hanno loro dato questa staffetta? E quanto energie hanno loro sottratto? E che risultato prestigioso è stato raggiunto? 🙂

    1. Giacma82 ha detto:

      Si concordo che non abbiamo raccolto nulla… La Slovacchia sicuro ha fatto bene e temo che la kuzmina nella sprint le possa suonare….
      La Herrmann davvero… Ma come andava? Ha dato nel course time quasi 30 secondi anche alla eckoff… Ciao buon biathlon e forza ragazze

  4. Giacma82 ha detto:

    Sinceramente anche io sono rimasto un po’ deluso da Doro e dalla controprestazione della Sanfilippo ma ragazzi, abbiamo due atlete che possono vincere la cdm generale e forse anche qualche coppetta di specialità dopo anni… Mi sembra eccessivo un giudizio troppo negativo. Di tutte la più in palla mi pare la Vittozzi.
    Sul fatto che poi potevamo risparmiare Lisa e Doro in vista della sprint forse se ne può ragionare.. Speriamo che non si perdano punti…
    Ciao a tutti

  5. riax ha detto:

    non ci posso credereee! ho visto cose incredibili!, salvo solo Vittozzi e Gontier (finalmente,… che addirittura cambia aumentando il vantaggio ricevuto). A quel punto le avevamo in saccoccia…invece:
    Wierer gira con le moffole copriguanti(!) e nell’ ultimo tratto viene letteralmente mangiata con 30″ dalla Hermann a velocità doppia
    ( ma sta bene?)
    Sanfilippo che litiga anche con il fucile e resuscita Fra e Nor per cui arriviamo 4° con 1’40” sul groppone.
    Ripeto: una fatica inutile, e speriamo che tutte stiano bene.
    Lo sapremo nei prossimi giorni.
    La nazionale slovacca ha avuto “logiche” diverse: vedremo a fine stagione se sono state vincenti.

    1. Fabio90 ha detto:

      Sei sempre eccessivamente critico, insisto con il dire che il Biathlon sta avendo questa tipologia di giudizi da quando per assurdo l’Italia sta avendo successo,perché a parte sporadici risultati passati sopratutto di uomini e della Santer,non abbiamo mai avuto un livello cosi alto;eppure si critica una wierer che ha “osato”fare quanti? 2 errori o forse anche solo 1 in una normalissima e buona frazione,dove é stata superata da un atleta che sugli sci va il doppio del 95% delle atlete attualmente. Se coninciamo a farci la bocca buona sbagliamo,perché l’Italia non é la Germania..non é la Norvegia..e stiamo facendo la storia in questo momento grazie a due campionesse e al fatto che domracheva si sia ritirata e dahlmeier si sia presa inizialmente una pausa.

      1. riax ha detto:

        Ascoolta bene Fabio90, sarò meglio che ti dia il dovuto. Prima ti avevo risposto in modo educato, seppur irritato dal tuo tono provocatoriamente inquisitorio, ma vedo che insisti con la stessa musica.
        Ti sia chiaro che io faccio qui le osservazioni, sportive, che mi sento di fare e del tuo parere nel merito non me ne potrebbe fregare di meno.
        Quanto alla mia competenza, sappi che sono stato agonista – con discreti risultati per un civile amatore- per 25 anni sia in competizioni FISI nazionali ( anche C.I.A.) che in Granfondo nazionali ed estere. Nonchè Istruttore di sci di fondo CONI per i C.A.S. E per decenni sono stato di persona a fianco sia dei CT azzurri (M e F) che di alcuni atleti/e plurimedagliati a Olimpiadi e Mondiali. Atleti ed Atlete che tu, se “90” è la tua data di nascita, puoi conoscere solo consultando il libro delle LEGGENDE del nostro sci di fondo.
        Quanto a questo “sport di nicchia” (biathlon) non l’ ho mai praticato – a differenza dell’ altro- ma ho avuto amici che lo facevano ed ho ancora il manoscritto di allenamento datomi anni fa da Ubaldo Prucker ( ora allenatore della squadra giapponese di biathlon).
        Quindi il biathlon lo seguo da prima che tu nascessi ( a Dobbiaco ho gareggiato prima e dopo che papà Santer costruisse lo stadio di fronte al suo albergo, e tifavovo le sue ragazze – Nathalie morosata con il mito- ).
        Michela Ponza l’ ho conosciuta da bambina a Bibbione quando assistetti suo papà ( che conoscevo dalle piste di fondo) alla fine di un Triathlon del Cavallino completamente stremato sdraiato su una panchina con un grappolo d’ uva… ( mi disse…” sei un angelo”.. 🙂 ). Quindi stai sereno.
        Io non faccio solo il tifo, che faccio , ma guardo anche i fatti. E leggo anche i commenti di altre testate specializzate, oltre a questa.
        Per me la staffetta di ieri non andava corsa se si vogliono salvaguardare i possibili risultati di vertice delle nostre due migliori, sia per le Coppe assolute che ai Mondiali. Soprattutto in quelle condizioni climatiche, come ha fatto la Slovacchia. Le previsioni di oggi sono ancora peggiori e la gara è stata spostata: com’ è però che ho letto su IBU che sotto -15° non si sarebbe dovuto gareggiare? Di Doro ho osservato -come tutti- che ha preso 30″ nell’ ultimo tratto sciato( troppo)…non ho parlato di errori, quindi leggi bene. Spero stia bene, e non sia stanca.
        Detto questo,…ma la Hermann…… latte di alce al mattino, brodo di castoro, carne di caribù essiccata e succo d’ acero??? :):):)
        Buon biathlon.

        1. Fabio90 ha detto:

          Che senso ha allora scrivere qui,fregandosene dei commenti altrui? Per leggersi da solo? Io commento da anni qui, e mi pare che il principio sia diverso.Giá fortunatamente vi é Santangelo a fare gli articoli,non abbiamo bisogno di sottoarticoli. Lei puó avere mille titoli e aver conosciuto tutto il mondo del biathlon,ma nei giudizi mi pare non abbia ben chiaro la posizione della nostra Italia nella storia di questo sport,sembra lei commenti la Nazionale di calcio o pallanuoto. A leggerla,chi non avesse visto la gara,avrebbe pensato ad una prova non positiva della Wierer,ora o la wierer é condannata allo 0 al poligono a vita,oppure mi pare che la gara sia stata buona, questa considerazione se sommata a quella che sarebbe stato meglio schierare una juniores che la Gontier,non ne fa di lei francamemte l’esperto a cui si eleva. E il mio tono non é provocatorio, e nemmeno inquisitorio,motivo per il quale sono giá serenissimo,ero semplicemente meravigliato di una lettura anomala sulle atlete,ancor piu sorpreso se del settore,che a quanto pare non sempre é indice di buona analisi.

  6. riax ha detto:

    IBU World Cup
    ‏Account verificato @IBU_WC
    5 min5 minuti fa

    Update: The women’s relay in #CAN19 today has also been confirmed — 45 minutes to go!
    🙁

Lascia un commento

scroll to top