Seguici su

Pattinaggio Artistico

Pattinaggio, Mondiali: grande Italia, seconda nel medagliere

Pubblicato

il

Grazie a l’oro di Anna Cappellini e Luca Lanotte nella danza ed al bronzo di Carolina Kostner nel singolo femminile, l’Italia ha chiuso al secondo posto del medagliere dei Campionati Mondiali di pattinaggio di figura 2014, organizzati dalla città giapponese di Saitama. Proprio la squadra di casa, trascinata da Mao Asada e Yuzuru Hanyu, ha ottenuto il primo posto, unica a vincere due medaglie d’oro e tre metalli complessivi.

#

NAZIONE

ORI

ARGENTI

BRONZI

TOTALE

1

Giappone

2

1

0

3

2

Italia

1

0

1

2

3

Germania

1

0

0

1

4

Russia

0

2

0

2

5

Canada

0

1

1

2

6

Francia

0

0

1

1

Spagna

0

0

1

1

Considerando anche le “piccole medaglie” attribuite alla fine di ogni segmento di gara (programma corto e libero di ogni specialità), viene messo ancor più in evidenza il dominio nipponico, mentre l’Italia è terza alle spalle della Germania, che ottiene tre ori grazie alla coppia di artistico Aliona Savchenko/Robin Szolkowy.

 

#

NAZIONE

ORI

ARGENTI

BRONZI

TOTALE

1

Giappone

6

2

1

9

2

Germania

3

0

0

3

3

Italia

2

1

1

4

4

Russia

1

4

3

8

5

Canada

0

3

3

6

6

Francia

0

1

2

3

Spagna

0

1

2

3

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

1 Commento

1 Commento

  1. ale sandro

    29 Marzo 2014 at 22:09

    Bel mondiale per l’Italia. Davvero tanti complimenti alla coppia Cappellini – Lanotte vincitrice di un oro tanto inaspettato quanto meritato. Ormai si confermano tra le prime 5-6 coppie al mondo, senza dimenticare che diverse coppie sul podio a Sochi o a Saitama sono ormai prossime al ritiro, e nonostante il livello molto vicino di tutte quante, questo vorrà dire che nei prossimi 4 anni tutti dovranno fare i conti anche con il duo azzurro.
    Che dire della Kostner alla sesta medaglia mondiale. Una grandissima campionessa che , immagino, chiude una carriera fatta di costanza a livelli altissimi e longevità, nonchè di grandi capacità artistiche oltre a quelle tecniche. In bocca al lupo per il suo futuro, qualsiasi sia la sua scelta.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *