Volley, World League – L’Italia si prende le stelle e la Luna! Asfaltato il Brasile, esplode il Foro: Campioni ko

ItalysIvanZaytsevspikes.jpg

Italy's Ivan Zaytsev spikes


Esplode il Foro Italico! L’Italia ha fatto l’impresa davanti agli 11000 spettatori, sotto il cielo di Roma. Gli azzurri risorgono così all’improvviso dopo l’ultimo weekend da musi tristi e sconfiggono il Brasile!

Nella partita più sentita nel nostro Paese, la vera rivalità del volley maschile internazionale, la banda di Mauro Berruto batte un colpo da urlo che forse nemmeno il tifoso più integralista si aspettava alla vigilia. Travica e compagni, in un match già passato alla storia per il contesto, demoliscono i vicecampioni del Mondo per 3-2 (26-24; 21-25; 25-18; 17-25; 16-14) al termine di un incontro davvero folle, palpitante, emozionante, intensissimo e di grande livello tecnico in alcuni frangenti.

La nostra Nazionale torna così a sconfiggere i maestri dopo un anno dal doppio successo in trasferta (primo weekend della World League 2014) a cui erano seguiti ben tre ko (l’ultimo nella semifinale del torneo itinerante, a Firenze dopo le due squadre si sfideranno nuovamente domenica sera).

Si erano presentati solo per crescere, per verificare lo stato di avanzamento dei lavori, non dando peso al risultato. Senza pressione, probabilmente la miglior condizione per il nostro gruppo, gli azzurri non si sono fatti intimorire da nulla e mandano in visibilio un Foro Italico all’aperto davvero da urlo, replicando così il trionfo dello scorso anno contro la Polonia poi Campionessa del Mondo.

Questo risultato vale anche sostanzialmente la qualificazione alla Final Six della World League che si disputerà tra tre settimane a Rio de Janeiro.

 

 

Mauro Berruto riesce a schiarire il sestetto tipo, quello che aveva conquistato la bella vittoria sulla Serbia in gara2: capitan Dragan Travica in cabina di regia dopo la panchina di domenica scorsa, Luca Vettori in diagonale per riscattare l’opaca prova contro l’Australia, Ivan Zaytsev di banda nella Roma dei suoi esordi affiancato dal rientro di Filippo Lanza che aveva saltato il weekend contro i volleyroos, Simone Anzani ed Emanuele Birarelli riformano la coppia di centrali, Massimo Colaci confermatissimo libero.

L’Italia ha brillato per intensità di gioco, per la capacità di soffrire, per il modo in cui è sempre rimasta incollata all’incontro, dimostrando parecchia freddezza nei momenti che contavano (solitamente nostro tallone d’Achille), annullando addirittura un match-point. Molto bene in tutti i fondamentali: il muro ha retto alla grande contro l’urto di Lucarelli e compagni, servizio incisivo e capace di mettere in difficoltà i verdeoro.

Ivan Zaytsev sontuoso sia in ricezione che in fase offensiva dove è tornato ai suoi abituali standard: 16 punti complessivi per lo Zar. Birarelli davvero pulitissimo, preciso e ben organizzato al centro (4 aces determinanti, 14 punti complessivi). Bella gestione di Dragan Travica che si è anche appoggiato a Vettori. Partita impressionante di Colaci, capace di prendere qualsiasi cosa.

 

Avvio punto a punto. Il Brasile va avanti 3-1; Zaytsev si immola in difesa, Birarelli concretissimo, poi pallonetto per il 4-3. L’Italia trova un nuovo vantaggio (6-5) dopo un attacco violentissimo di Lanza e un out in diagonale di Wallace. Il servizio diventa decisivo: Wallace trova l’ace, poi spara in rete, ma il favore viene ricambiato da Vettori (8-7 per i verdeoro al primo time-out tecnico).

Il Brasile allunga in un amen: Bruninho sale in cattedra, serve i suoi cacciabombardieri in modo meraviglioso, l’Italia molla un filo e va subito sotto (12-8). Birarelli precisissimo e un attacco prolungato dello Zar ci riportano sotto (12-10). Errore di Zaytsev sulla battuta di Murilo. Spettacolo puro sull’attacco-punto di Lanza e poi uno scambio da difese sbalorditive portato a casa da Birarelli (14-12). Invenzione di Zaytsev in attacco con palla staccata, poi Travica mura Lucarelli e rimaniamo in scia (15-18).

Scambio infinito, l’Italia non molla un colpo e costringe Lucarelli all’errore: 18-20. Ace di Travica su Murilo e il parziale rimane apertissimo. Purtroppo il capitano sbaglia il servizio dopo il time-out chiamato dai verdeoro, ma Birarelli ci mette una pezza con un primo tempo (20-21). Birarelli è scatenato! Mura ancora Wallace e regala il pareggio. Italia in palla, fino alla fine! Zaytsev è scatenato, il suo braccio armato si scalda nel momento più importante e gli azzurri volano in vantaggio 22-21. L’arbitro si incaponisce e fischia un fallo di prima a Travica: il Brasile passa avanti 23-22, costringendo Berruto al time-out. Eder sbaglia il servizio, Birarelli lo imita, Zaytsev annulla il set-point e porta tutti ai vantaggi. Ace Vettori, Lucas sbaglia e l’Italia sogna: 1-0!

 

L’inizio del secondo parziale è nuovamente punto a punto. Il Brasile tiene la testa avanti, l’Italia tallona. Gli azzurri giocano molto bene a muro e in difesa, in fase offensiva non temiamo i verdeoro. Zaytsev ben presente, Vettori molto aggressivo, la gestione di Travica si fa apprezzare. Wallace e Lucas tengono in alto i verdeoro e si arriva sul 10-11. Il Brasile qui allunga grazie al servizio di Wallace: gli azzurri faticano a ricevere e si esce solo sul 12-14 grazie a una forzatura a rete dello Zar. Un’invasione a rete, vista solo dal video challenge, tiene l’Italia lì sul 14-16. Qui sembra finire il set: un nostro attacco viene toccato dal muro brasiliano, si vede nettamente al video challenge ma gli arbitri sbagliano la valutazione. Al ritorno in campo Vettori viene stampato e i verdeori salgono 19-15. Travica sbaglia un palleggio facile che ci avrebbe regalato un comodo attacco per il 17-19, Eder pesca l’ace del 22-17 e il Brasile impatta la contesa dopo che l’Italia è riuscita ad annullare tre set-point.

 

L’Italia in vantaggio sul 5-4 nel terzo set grazie a un ace in flottante di Birarelli, poi arriva anche l’ace di Vettori per il primo break (7-5) subito restituito e si va punto a punto fino a 11-11. Tre errori in fila, da una parte e dall’altra al servizio. Arriva un vincente assurdo da parte di Zaytsev dopo un salvataggio miracoloso degli azzurri (12-11) e troviamo un nuovo break grazie a un attacco out degli avversari (14-12). Un loro grave errore in fase di impostazione ci spedisce addirittura sul 16-12: massimo vantaggio dell’intero incontro per il secondo time-out tecnico. L’Italia sfrutta al meglio il suo attacco e tiene molto bene i quattro punti di vantaggio, i verdeoro iniziano anche a sbaragliare in fase offensiva e gli azzurri non hanno alcun problema a portare in porto anche il terzo set.

 

L’Italia trova subito il break in avvio di quarto set grazie a Vettori (3-1). Il Brasile tiene botta ma si entra nel momento Zaytsev che in attacco è davvero favoloso grazie a un’importante varietà di colpi (6-6). Lanza cerca una sciarpa ingiustificata e il Brasile riesce ad allungare (7-10). Lucarelli trova il mani-out del nostro muro e i verdeoro ingranano (12-8), costringendo Berruto a chiamare il time-out. La musica non cambia, il Brasile ritrova quel servizio che era mancato nel terzo set e piazza il 18-12 che sembra spedire già tutti al tie-break. Inutile la girandola finale di cambi per l’Italia, ormai già con la testa al quinto parziale.

 

Il tie-break si apre con uno scambio infinito, l’Italia ha l’occasione per chiudere con Lanza ma tutto sfuma. Lo schiacciatore sbaglia ancora e il Brasile fa subito il break (2-0). Grande attacco di Zaytsev, Wallace sparacchia out e si ritorna in parità (4-4). Ace di Birarelli, ottenuto grazie al video challenge e l’Italia va in vantaggio per la prima volta (5-4), bomba di Zaytsev, ace di Vettori e gli azzurri trovano il break (7-5). Lunga discussione su un possibile ace di Vettori (il video challenge non chiarisce le idee), Travica inventa qualcosa di spettacolare per Anzani che attacca al centro e trova l’8-6 scaldando gli animi.

Zaytsev trova l’ace del 9-6 ma gli arbitri non lo vedono! E così Wallace trovi il pari a quota 8. Bomba di Lanza, poi muro di Travica. Italia senza paura contro i vicecampioni del Mondo, il 10-8 ci fa sognare. Lucarelli trova il pari (10-10). Lanza è l’uomo del tie-break, il Brasile attacca out, gli azzurri sono sul 12-10 e vedono la meta. Lucas non molla e impatta grazie a un doppio attacco vincente. I verdeoro sono incredibili, tirano su di tutto e concretizzano il 13-12. Gli azzurri non sono da meno e portano a casa uno scambio infinito grazie a una forzatura di Birarelli. Lucas si procura il primo match-point, Vettori lo annulla. Aceeeeeee di Birarelli, ribalta tutto e porta l’Italia a un punto dalla vittoria che arriva su un loro muro out!

 

Articoli correlati:

World League – L’Italia si prende la Luna e le stelle! Impresa al Foro Italico: asfaltato il Brasile

World League – Le pagelle dell’Italia: impresa sul Brasile! Stellare Zaytsev, granitico Birarelli, azzurri da sogno

World League – Berruto: “L’Italia ha riacceso il fuoco”. Zaytsev: “Giochiamo sempre al Foro”. Travica: “Il cuore!”

World League – VIDEO: il punto della vittoria! Vettori mani-out, l’Italia sconfigge il Brasile!

 

(foto FIVB)

Lascia un commento

Top