Volley, Olimpiadi Tokyo: l’Argentina ai raggi X. De Cecco, Conte e tanti giocatori da non sottovalutare

E’ la sorpresa del torneo olimpico, è riuscita a qualificarsi contro tutti i pronostici, superando le forche caudine del girone di ferro ed eliminando nientemeno che gli Stati Uniti e non si vuole fermare qui l’Argentina, che sta giocando un volley di grande qualità grazie al lavoro del tecnico Marcelo Rodolfo Mendes.

Il direttore d’orchestra, neanche a dirlo, è una conoscenza degli appassionati italiani e risponde al nome di Luciano De Cecco che sta giocando un torneo olimpico di altissimo spessore. Grande qualità, precisione, intelligenza tattica e capacità di innescare gli attaccanti come pochi altri. Del lavoro di De Cecco sta usufruendo al meglio tutta la batteria di attaccanti della “albiceleste”.

La rivelazione in attacco si chiama Bruno Lima, l’opposto argentino che è in testa a tutte le classifiche di rendimento del torneo olimpico. Percentuali elevate per il 25enne di San Juan, protagonista del campionato turco con la maglia dell’Afyon, che è stato una spina nel fianco in particolare di Brasile, Francia e Stati Uniti con le sue direzioni di attacco difficilmente marcabili.

Al centro un altro giocatore che in Italia è molto conosciuto e di grande sostanza come il centrale di Civitanova Sebastian Solé, che sta disputando un buon torneo, ma la vera rivelazione è il centrale Augustìn Loser, 24 anni, punto fermo del Tourcoing nel campionato francese e fra i migliori nella classifica di rendimento a muro a Tokyo.

In banda un’altra vecchia conoscenza del campionato italiano, Facundo Conte, figlio d’arte di quell’Hugo che fu attore protagonista dell’ultima grande Argentina del volley, che gioca in Brasile nel Sada, ed Ezequiel Palacios, che gioca nell’Isola di Formosa (massima serie argentina), ed è stato preferito al momento all’ex schiacciatore di Ravenna Christian Poglajen. Arriva dal campionato italiano anche il libero, Santiago Danani, che nella scorsa stagione ha vestito la maglia di Padova e dal prossimo anno giocherà a Berlino.

Foto Fivb

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Orari premiazioni Jacobs e Tamberi. Programma e quando sentire l’Inno di Mameli alle Olimpiadi

Judo, fioccano i cambi di categoria per gli italiani verso Parigi 2024. Manuel Lombardo passa ai -73 kg