Atletica, Olimpiadi Tokyo: Gaia Sabbatini in semifinale nei 1500 metri, eliminata Federica Del Buono

Gaia Sabbatini si qualifica per le semifinali dei 1500 metri femminili alle Olimpiadi di Tokyo, stampando il tempo di 4’05″41 nella seconda batteria, dove conclude al quarto posto. Fuori invece Federica Del Buono, mai in gara nella prima. L’appuntamento è per il 4 agosto alle 12:00 italiane in relazione alla ventiduenne teramana.

Nella prima batteria Del Buono non riesce mai a incidere nella zona di testa, trovandosi sempre nelle retrovie e terminandoo undicesima con il tempo di 4’07″70, insufficiente anche per entrare nel ripescaggio. Si colloca al primo posto, dopo aver sempre controllato, la canadese Gabriela Debues-Stafford in 4’03″70, con la britannica Laura Muir e la kenyana Winny Chebet a seguirla immediatamente e la finlandese Sara Kuivisto a firmare, con 4’04″10, il record nazionale. Dentro la finale anche l’etiope Freweyni Gebreezibeher e la ceca Kristina Maki.

La seconda batteria, invece, vede una ben più convincente Sabbatini, che dopo la metà gara si porta nella zona di testa per non mollarla più, mentre dietro ci sono problemi, ostruzioni e una caduta, che però non impedisce all’olandese Sifan Hassan di vincere in 4’05″17 davanti all’australiana Jessica Hull, all’americana Elinor Purrier St. Pierre e a Sabbatini, che ferma il cronometro sul 4’05″41 gestendo, una volta visto che bastava rimanere lì per avanzare. Passano anche l’etiope Lemlem Hailu e la ceca Diana Mezulianikova.

L’ultima batteria, di gran lunga la più veloce, vede il passaggio del turno in 4’01″40 della keniana Faith Kipyegon davanti all’ugandese Winnie Naynondo, all’australiana Linden Hall, alla giapponese Nozomi Tanaka, all’americana Heather MacLean e alla britannica Katie Snowden. I ripescaggi favoriscono la canadese Lucia Stafford, la spagnola Marta Perez, la polacca Martyna Galant, l’americana Cory Ann McGee, la belga Elise Vanderelst e la tedesca Caterina Granz.

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vanessa Ferrari oggi, orario e quando gareggia: programma finale corpo libero, tv, ordine di rotazione

Basket, Olimpiadi Tokyo: la Francia ai raggi X. Sfida proibitiva per gli azzurri, ma…