Tiro a volo, Olimpiadi Tokyo: la slovacca Zuzana Stefecekova vince nel trap. Terza una storica Perilli per San Marino, Stanco chiude quinta

All’interno dell’Asaka Shooting Range risuona l’inno slovacco. Zuzana Stefecekova infatti si è aggiudicata il concorso di trap femminile di tiro a volo alle Olimpiadi di Tokyo.

In una finale condizionata dalla tensione e dal forte vento la veterana di Nitra, già argento olimpico della specialità nel 2008 a Pechino e nel 2012 a Londra, non parte benissimo salvo poi riprendersi e andare a trovare un ritmo e una precisione che le consentono di vincere di misura 43-42, sui 50 piattelli a disposizione, il testa a testa con la sorpresa americana rappresentata da Kayle Browning.

Questo il resoconto su oro e argento, e il bronzo? Momento storico sul suolo giapponese. Sul terzo gradino del podio è infatti finita dopo un inseguimento lungo anni, passato anche per il quarto posto di Londra 2012, la sammarinese Alessandra Perilliprima incredibile medaglia per il Comitato Olimpico del Monte Titano fondato nel 1960 – capace di spuntarla grazie alla testa di serie n°2 di ingresso alla finale sull’australiana Laetisha Scanlan (26/35 pari), prima di chiudere complessivamente a 29/40.

In quinta posizione invece si è sistemata l’azzurra Silvana Stanco. Per la ragazza classe 1993 (22/30 di score) c’è il grande rammarico di non essere mai pienamente riuscita a entrare in gara commettendo troppi errori soprattutto nelle mini-serie d’esordio in un contest che, in sesta e ultima posizione, ha visto posizionarsi l’australiana Penny Smith (13/25).

Per le trappiste e i trappisti, che fra meno di un’ora vivranno l’appuntamento con la finale maschile individuale, la kermesse olimpica non finisce qui: il 31 luglio infatti sarà il momento della prima gara assoluta di Mixed Team nel proscenio a Cinque Cerchi. L’Italia schiererà i due grandi delusi di oggi: Jessica Rossi e Mauro De Filippis.

Foto: ISSF / Nicolò Zangirolami

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calendario Olimpiadi 30 luglio: orari, tv, programma, streaming. Tutte le gare e le finali

San Marino conquista la prima medaglia della storia alle Olimpiadi! Alessandra Perilli firma l’impresa