Golf, Renato Paratore: “A Tokyo servono 4 giorni ad alto livello per la medaglia. Ho cambiato il mio gioco”

Dalla sua Roma verso Tokyo: Renato Paratore vola alle Olimpiadi per dare importanza a un anno che, finora, lo ha visto dare il meglio in appuntamenti di livello dell’European Tour. Entrato in sostituzione di Francesco Molinari, va a giocare su un genere di campi che conosce, un fattore che potrebbe dargli una spinta interessante. Abbiamo avuto modo di raggiungerlo poco prima della partenza per il Giappone: la sua è la voce di un uomo carico, che ha chiara la via non solo a cinque cerchi, ma anche del 2021.

Quest’anno è stato per te un po’ di alti e bassi: dagli undicesimi al Porsche European Open e British Masters ai recenti tre tagli non passati. Sembra che ti riesca esaltarti nei tornei più importanti.

Quest’anno ho iniziato male perché ho fatto dei cambiamenti e ho avuto anche una lesione alla mano sinistra che mi ha un po’ rallentato. Ora non ho fatto molti piazzamenti, però il gioco sta migliorando e devo proseguire su quella strada. Ora so che con il lavoro sto ritornando bene, nonostante i risultati non siano al top“.

Hai avuto modo di guardare il percorso di Tokyo?

Non l’ho visto, però ho giocato tante gare in Giappone e di sicuro il campo sarà molto tecnico, non lunghissimo. Ogni volta che abbiamo giocato lì erano così“.

Poter giocare con tutti i grandi campioni con cui hai già giocato allo US Open e in altre occasioni che tipo di sensazione è?

Il field è molto di alto livello, il che è anche meglio, perché dev’essercene uno così. L’obiettivo è quello di andare a medaglia, però bisogna giocare molto bene per quattro giorni“.

Cosa ti aspetti dalle possibilità di interagire, nei limiti del possibile di questa situazione, con il resto degli atleti che si trovano a Tokyo?

Ho visto che ci sono tante restrizioni, quindi non saprei dirti adesso. Quando sarò là vedrò e spero si possa condividere qualcosa con gli altri atleti“.

Foto: Federazione Italiana Golf

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Hockey prato, Olimpiadi: la capitana della Germania in campo con la fascia arcobaleno

Stanotte Italia-Canada alle Olimpiadi, Chicco Blengini: “Non siamo favoriti? Non è determinante. Sentiamo la responsabilità”