WTA Madrid 2021, Elise Mertens elimina Simona Halep. Sabalenka avanza, ultimo quarto Pavlyuchenkova-Muchova

Si completa il quadro degli ottavi di finale nella parte bassa del tabellone del torneo WTA di Madrid, in una giornata contrassegnata dai colpi di scena. Il più grande è quello in apertura, con Simona Halep che si fa sorprendere dalla belga Elise Mertens. In un match di livello molto alto e lungo due ore e mezza, la numero 13 del tabellone è stata più brillante nei momenti decisivi della partita, mentre la rumena, due volte campionessa nella capitale spagnola, è stata penalizzata dai 48 errori non forzati nell’arco dei tre set.

Per la Mertens ai quarti di finale c’è una vecchia conoscenza, quell’Aryna Sabalenka spesso sua compagna di doppio nel recente passato con cui ha sollevato due trofei dello Slam, tra cui l’ultimo Australian Open. La bielorussa ha passeggiato contro l’americana Jessica Pegula: un 6-1 6-2 in 54 minuti che sottolinea il suo ottimo momento di forma, ottenendo così il suo miglior risultato in un grande torneo sulla terra battuta.

Altra maratona nel terzo match di giornata, con l’ultimo quarto di tabellone che oramai è senza padrone. Con l’uscita di scena di Naomi Osaka poteva essere una gran bella occasione per Jennifer Brady, che invece esce sconfitta dal braccio di ferro con Anastasia Pavlyuchenkova in un match da 238 punti giocati. La russa, che torna fra le migliori otto di Madrid dopo un’attesa di ben dieci anni, se la vedrà con Karolina Muchova. 

Quella con Maria Sakkari è una partita da montagne russe: la giustiziera di Naomi Osaka nel secondo turno parte col turbo e stravince 6-0 la prima frazione, poi subisce il ritorno della greca che vince un durissimo tie-break. Ma la numero 16 del tabellone si smarrisce al momento di servire per il set, la ceca è più fredda e ottiene il suo miglior risultato in un WTA 1000 in carriera.

WTA MADRID 2021, RISULTATI 4 MAGGIO

E. Mertens b. S. Halep 4-6 7-5 7-5
A. Sabalenka b. J. Pegula 6-1 6-2
A. Pavlyuchenkova b. J. Brady 7-5 6-7 6-3
K. Muchova b. M. Sakkari 6-0 6-7 7-5

Foto: LaPresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Eurolega 2021, Ettore Messina: “Una grande partita a parte l’ultimo minuto. Le Final Four sono un merito di tutta la società”

Nadal-Alcaraz oggi, Masters1000 Madrid: orario, tv, programma, streaming