LIVE Nuoto di fondo, Europei 2021 in DIRETTA: Matteo Furlan, splendido argento dietro a Reymond! Pozzobon di bronzo!

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

14.42: Si chiude così l’Europeo di nuoto di fondo a Budapest e l’Italia conclude con altre due medaglie e vincendo nettamente il medagliere. Grazie per averci seguito e buon pomeriggio!

14.41: Chiude al nono posto Veronica Santoni, superata nel finale dall’ungherese Vas.

14.40: Semper sul podio, in ogni gara, l’Italia del nuoto di fondo agli Europei di Budapest. Sono otto i podi conquistati dagli azzurri in questo splendido appuntamento continentale: 4 ori, 2 argenti e 2 bronzi. Sette gare in programma e otto podi

14.38: Medaglia d’oro dunque per la tedesca Lea Boy, argento per la francese Lara Grangeon e bronzo per l’azzurra Barbara Pozzobon. Siamo in attesa dell’arrivo di Veronica Santoni che era ottava all’ultimo rilevamento

14.36: Grandissimo finale, forti emozioni con la francese Grangeon che è riuscita a trovare le energie per battere l’azzurra, che ha disputato comunque una splendida gara

14.35: E’ BRONZOOOOOOOOOOOOOOO POZZOBOOOOOOOOOOOOOON! Grangeon ha avuto qualcosa in più negli ultimi cinque metri, quarto posto per Somenek Onon

14.34: Che battaglia tra Pozzobon e Grangeon, sarà comunque podio per l’Italia

14.34. Boy taglia il traguardo e porta a casa l’oro. Alle sue spalle è battaglia Pozzobon-Grangeon per l’argento

14.33. Sembra battaglia a due per l’argento, spalla a spalla Pozzobon e Grangeon

14.32. Boy si avvicina al traguardo, Pozzobon e Grangeon sembrano prendere il sopravvento ma attenzione a Somenek Onon che perde qualche centimetro

14.31. Aperte a ventaglio le tre contendenti per il podio, che affrontano l’ultima boa

14.30: Ultima boa superata per la tedesca Boy

14.28: Accenno di rissa alle spalle di Boy. E’ Grangeon, tesissima, a mollare uno schiaffo a Pozzobon, le tre atlete sulla stessa linea

14.27: Il forcing di Pozzobon, Somenek Onon sta soffrendo ma al momento non si stacca

14.26. Pozzobon affianca al secondo posto Grangeon, Somenek Onon alle loro spalle

14.25: Mancano 750 metri al traguardo: Boy supera la zona di rifornimento

14.24: E’ battaglia alle spalle di Boy. Pozzobon sembra avere ancora energie

14.22. Attenzione perchè Grangeon non è riuscita a fare la differenza, Somenek Onon la affianca e Pozzobon è subito dietro

14.18: Grangeon sembra poter staccare Somenek Onon e Pozzobon

14.16: Pozzobon soffre ma resta attaccata a Somenek Onon

14.15: L’azione di Grangeon per staccare le due rivali, alle sue spalle Somenek Onon e Pozzobon

14.13: C’è un terzetto alle spalle di Boy, Grangeon, Somenek Onon, Pozzobon

14.12: Nella gara femminile enorme vantaggio per la tedesca Boy che vola verso l’oro

14.11: Oro per la Francia con Axel Reymond, primo successo di un atleta non italiano a Budapest, argento per Matteo Furlan, settima medaglia per gli azzurri, terzo posto per il russo Kirill Abrosimov. Quarto posto per Alessio Occhipinti, sesto Simone Ruffini

14.10: Ancora una grande gara degli azzurri. E’ mancato qualcosa ad Occhipinti nel finale per il doppio podio. Furlan si è confermato finisseur, peccato per quei pochi metri persi al momento dell’azione di Reymond

14.08: Vince Reymond ma è ARGENTOOOOOOOOOOOOOOO ITALIAAAAAAAAAAAAAAAAAA con Furlan che riesce a sopravanzare Abrosimov, quarto Occhipinti, sesto Ruffini

14.07: Mancano 50 metri. Reymond davanti, Furlan in volata con Abrosimov

14.06: Il podio sembra deciso: Reymond davanti, Furlan e Abrosimov al suo inseguimento. Niente da fare per Occhipinti che si stacca con Bottelier

14.05: Accelerazione da dietro di ABrosimov che ha superato Bottelier e Occhipinti e si è messo a caccia di Furlan

14.05: Reymond in testa all’ultima boa, Furlan cerca di avvicinarsi

14.03: Furlan adesso è secondo! L’azzurro si è messo in caccia di Reymond, Occhipinti ha affiancato e superato Bottelier

14.03: Se ne va il campione del mondo Reymond, ci prova Furlan ad affiancare Bottelier

14.02: Adesso c’è luce tra Reymond e Bottelier, vediamo se gli azzurri reagiranno. Devono superare Bottelier

14.01: Accelera ancora Reymond, fatica Bottelier a tenere il ritmo, alle sue spalle Furlan e Occhipinti

14.00: Mancano 750 metri al traguardo in campo maschile: Reymond davanti, dietro Bottelier, poi Furlan, Occhipinti e Ruffini

13.58: Si ritira la ungherese Olasz

13.56: Ha rotto gli indugi Boy nella gara femminile ai 21.750, Grangeon a 11″, poi Somenek Ocon, Pozzobon, Linka e Sorokina a 20″

13.54: Superata la terz’ultima boa. Santoni superata dal gruppo degli uomini

13.53: Bottelier e Furlan stanno tenendo il ritmo di Reymond. Ruffini si è praticamente riportato sui piedi di Occhipinti

13.52: Mancano circa 1500 metri al traguardo. Ruffini è sesto ma c’è luce fra lui e Sadykov

13.51: Aumenta il ritmo Reymond che mette un po’ di luce fra sè e Bottelier. Si staccano in cinque. Furlan è terzo, Occhipinti è quarto

13.49: Alla boa ancora Reymond avanti, Bottelier insegue, terza piazza per Furlan, poi subito dietro Occhipinti

13.46: Prosegue il forcing di Reymond, Bottelier tiene il ritmo, Furlan e Occhipinti sono alle spalle dell’olandese

13.44: Si ritira il francese Wallart

13.41. inizia l’ultimo giro da 2.500 metri per gli uomini: Reymond, Bottelier, Furlan, Sadykov, Occhipinti, Ruffini, Abrosimov, Galicz

13.40: E’ Bottelier a lanciare l’inseguimento a Reymond. Alle sue spalle Furlan e Occhipinti

13.36: Santoni si stacca in fondo al gruppo. Linka davanti, Boy alle sue spalle, Somenek Onon Sorokina, Grangeon, Pozzobon, Olasz, Kolesnikova davanti

13.34: Gara maschile: Reymond, Furlan, Bottelier, Occhipinti, Sadykov, Abrosimov, Galicz e Ruffini davanti

13.33: Non brillantissime in questo momento all’apparenza Santoni e Pozzobon che sono nella parte finale del gruppo di testa con Linka e Boy che continuano ad tenere il ritmo

13.27: Ai 19.250 metri tra le donne Linka davanti, poi Boy, Olasz, Somenek Onon, Sorokina, Pozzobon, Kolesnikova, Grangeon, Santoni

13.23: Cresce progressivamente il ritmo della gara maschile con Reymond davanti, secondo posto per Occhipinti, terzo Bottelier

13.18: Reymond riprende la testa ma Occhipinti è subito dietro al francese

13.15: Occhipinti si porta in testa quando al traguardo mancano 5 km. Al suo fianco Reymond. Al loro inseguimento ancora Kozubek e Abrosimov

13.08: Al passaggio al 19.250 metri c’è il francese Reymond davanti ma si avvicinano Abrosimov, Occhipinti e Furlan, Sadikov, Kozubek e Ruffini

13.06: Passaggio dei 17.500 metri per le donne: Linka, Boy, Olasz, Sorokina, Somenek Onon, Pozzobon, Kolesnikova, Grangeon, Santoni

13.02: Cresce il ritmo della gara femminile con Linka e Boy per la Germania che cercano di fare la differenza

12.58: Km 16.750 per le donne: Linka, Boy, Olasz, Sorokina, Somenek Onon, Pozzobon, Kolesnikova, Grangeon e Santoni, gruppo più allungato

12.56: Va Linka davanti nella gara femminile in attesa che il gruppo maschile raggiunga quello femminile e lì potrebbe cambiare qualcosa

12.48: Attenzione perchè Reymond e Abrosimov sembrano aver preso in vantaggio considerevole dopo il rifornimento. Alle loro spalle Sadykov, Kozubek e gli azzurri

12.45: Ancora Reymond in testa alla gara maschile, gruppo allungato ai 17.500, fine del settimo giro: alle spalle Kozubek, Abrosimov, Sadykov, Furlan, Huszti, Bottelier, Wallart, Ruffini e Occhipinti

12.38: Al km 15 mila nella gara femminile Boy, Sorokina, Grangeon, Somenek Onon, Olasz, Santoni, Novikova e Pozzobon. Ritmo rallentato rispetto al giro precedente

12.28: Ai 14250 per le donne Boy in testa, poi Sorokina, Grangeon, Pozzobon, Olasz, Somenek Onon, Santoni

12.27: Boy sta continuando nel suo forcing, ha qualche metro di vantaggio. Alle sue spalle Sorokina, nel gruppo le azzurre Santoni e Pozzobon

12.22: Si ritira il trentottenne russo Drattcev

12.19: Reymond aumenta il ritmo, Abrosimov alle sue spalle e poi ci sono Furlan e Occhipinti, gruppo allungato

12.11. Ai 14.250 Reymond prova l’azione nella gara maschile. Al suo inseguimento Abrosimov, Kozubek, Furlan. nelle parti arretrate del gruppo Occhipinti e Ruffini

12.10. Al 12.500 metri, metà gara, Boy in testa, Olasz, Sorokina, Somenek Onon, Novikova, Kolesnikova, Santoni, Pozzobon

11.58: Agli 11.750 metri: Boy, Grangeon, Sorokina, Olasz, Somenek Onon, Pozzobon e Santoni davanti

11.55: Accelera la tedesca Boy nella gara femminile, gruppo in fila indiana

11.51: Al passaggio dei 12.500 metri, a metà gara: Reymond, Abrosimov, Kozubek, Huszti, Sadykov, Wallart, Bottelier, Straka, Furlan

11.42: Agli 11750 Ruffini si fa riassorbire dal gruppo, alle sue spalle Kozubek, Wallart, Abrosimov, Occhipinti, Huszti, Sadykov, Furlan e Reymond

11.41: Ruffini rompe gli indugi e piazza un attacco, Wallart lo segue, Poi Huszti e Kozubek

11.37: Inizia a piovere su Lupa Lake, situazione complicata anche dal punto di vista meteorologico

11.34: Si ritira nella gara femminile Oceane Cassignol, bronzo nella 5 km. Davanti alla fine del quarto giro: Boy, Somenek Onon, poi Sorokina, Olasz, Vas, Santoni, Spiwoks, Kolesnikova, Enkner, Linka, Pozzobon

11.26: Ai 9250 nella gara femminile Boy, Olasz, Somenek Onon, Vas, Santoni, Pozzobon, Grangeon

11.15: “Sgasata” di Ruffini che si porta al terzo posto al km 9250. Kozubek sempre avanti, raggiunto da Husti, al loro inseguimento l’azzurro, Furlan e Occhipinti nel gruppo

11.05: Alla fine del terzo giro Grangeon davanti, alle sue spalle Boy, poi Sorokina, Olasz, Somenek Onon, Santoni, Spiwoks, Kolesnikova, Enkner, Linka, Pozzobon

10.56: Al km 6750 nella gara femminile Grangeon, Boy, Sorokina, Olasz, Somenek Onon, Santoni, Spiwoks, Pozzobon undicesima

10.54: Alla fine del terzo giro (7500 metri) Kozubek ha un piccolo vantaggio, a circa 9″ Wallart, Husti, Sadykov, Reymond, Frach, Furlan, Abrosimov. Ruffini e Occhipinti sono in fondo al gruppo

10.47: Ai 6750 metri nella gara maschile Kozubek in testa, poi Huszti, Reymond, Abrosimov e Furlan, gli altri azzurri nella pancia del gruppo, ritmo non esagerato ora

10.40: Il ceco Kozubek continua a fare l’andatura nella gara maschile

10.37: Al termine del secondo giro Grangeon davanti, gruppo compatto e le azzurre ci sono, al settimo Santoni e al decimo posto Pozzobon

10.35: Nella gara femminile Lara Grangeon rompe gli indugi e si porta al comando del gruppo di testa per alzare il ritmo

10.28: In campo femminile al rifornimento. In testa Vas, poi Boy, Grangeon, Olasz, Sorokina, Somenek Onon, Santoni e Pozzobon

10.26: Si chiude il secondo giro, 5 km percorsi: Kozubek sempre in testa, poi Uszti, Wallart, Sadykov, Reymond, Bottelier, Galicz, Abrosimov, Frach, Straka, Ruffini ha ripreso ed è nella pancia del gruppo, poco più indietro gli altri due azzurri

10.16: Al secondo giro Kozubek, Sadykov, Uszti, Furlan nel gruppo di testa. Ruffini sembra volersi fermare

10.08: Alla fine del primo giro nella gara femminileSomenek Onon e Olasz davati, Boy e Sorokina a 4″, poi Vas, Grangeon e Cassignol, Spiwoks, Santoni e Pozzobon ultima ma comunque in gruppo

10.01: Ungheria davanti anche in campo femminile. E’ Olasz in testa davanti a Somenek Onon. Nel mezzo del gruppo le due azzurre

9.59: Ritmo altissimo in campo maschile. Il ceco Kozubek e l’ungherese Husti davanti con una decina di secondi sul gruppo alla fine del primo giro

9.47: In campo femminile Olasz a fare l’andatura, alle sue spalle Novikova e Grangeon. Azzurre nella pancia del gruppo

9.42: C’è già la prima azione nella gara maschile: davanti c’è Reymond e alle sue spalle Furlan

9.40: Partita la gara femminile

9.35: Sta per partire la gara femminile. Questa la lista delle partenti:

GER LINKA Elea
RUS SOROKINA Ekaterina
ITA POZZOBON Barbara
HUN SOMENEK ONON Kata
RUS NOVIKOVA Mariia
HUN VAS Luca
FRA GRANGEON Lara
AUT ENKNER Johanna
GER SPIWOKS Jeannette
GER BOY Lea
CZE STERBOVA Lenka
FRA CASSIGNOL Oceane
RUS KOLESNIKOVA Sofia
HUN OLASZ Anna
ITA SANTONI Veronica

9.32: Questi i partenti della gara maschile:

HUN HUSZTI David
ITA RUFFINI Simone
HUN GALICZ Peter
CZE KOZUBEK Matej
NED BOTTELIER Lars
RUS SADYKOV Ruslan
RUS DRATTCEV Evgenii
CZE STRAKA Martin
GER FRACH Niklas
ITA OCCHIPINTI Alessio
FRA WALLART Jules
ITA FURLAN Matteo
FRA REYMOND Axel
RUS ABROSIMOV Kirill
MKD POP ACEV Evgenij

9.30: Iniziata la gara maschile

9.26: In campo femminile due le azzurre al via: Barbara Pozzobon, campionessa italiana della distanza nel 2019 e 13ma agli ultimi Mondiali di nuoto e la debuttante Veronica Santoni

9.23: L’Italia schiera in campo maschile una squadra molto agguerrita con uno dei grandi protagonisti della storia di questa specialità, Simone Ruffini, che nel 2015 seppe conquistare la medaglia d’oro iridata. Agli Europei Ruffini non sale sul podio da undici anni (fu argento e bronzo sempre a Budapest nel 2010). Assieme a lui Matteo Furlan, che a Glasgow seppe conquistare la medaglia di bronzo europea proprio su questa distanza e Alessio Occhipinti che invece è stato bronzo nella 25 km ai Mondiali di Gwangju nel 2019.

9.20: Le due gare partiranno alle 9.30 la maschile, alle 9.40 la femminile: sono previste circa cinque ore di gara per la maschile e 5 ore e mezzo per la femminile

9.17: Si assegnano i due titoli della maratona del nuoto, la 25 km maschile e femminile.

9.15: Buongiorno agli amici di OA Sport e benvenuti alla diretta live dell’ultima giornata di gare degli Europei 2021 di nuoto di fondo di scena a Budapest (Ungheria)

IL MEDAGLIERE DEGLI EUROPEI DI NUOTO, TUFFI, ARTISTICO E FONDO: ITALIA TERZA

La cronaca della 5 km maschile: vittoria di Gregorio Paltrinieri – Un nuovo Gregorio Paltrinieri, ora sa vincere anche in volataLa cronaca della 10 km: il trionfo di Gregorio Paltrinieri – Le dichiarazioni di Gregorio Paltrinieri: “Ho fatto a spallate, mi criticano? A me interessa quel che piace a me”Le dichiarazioni dopo la 10 km: “2 gare, 2 ori. Oggi ho visto le stelline, era un preolimpico” – Il palmares di Gregorio Paltrinieri: tutte le medaglie vinte dall’azzurro – Video: la volata vincente di Gregorio PaltrinieriVideo: l’arrivo della 10 kmIl programma del nuoto di fondo agli Europei 2021I convocati dell’Italia per gli Europei del nuoto di fondoIl tour de force di Gregorio Paltrinieri a Budapest 2021 

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE dell’ultima giornata di gare degli Europei 2021 di nuoto di fondo di scena a Budapest (Ungheria). Si assegnano i due titoli della maratona del nuoto, la 25 km maschile e femminile. Tre azzurri nella gara maschile che vedrà quindici nuotatori al via, due le azzurre in partenza nella gara femminile con quindici atlete in lizza.

L’Italia vuole confermarsi nazione regina dell’Europeo di Budapest nel nuoto di fondo e per farlo i cinque italiani in gara oggi cercheranno di sare l’assalto al podio che non è mai stato fallito dalla squadra italiana finora. La 25 km sfugge però ad ogni pronostico, gara incerta, durissima, poco frequentata ma con alcuni specialisti davvero molto forti.

L’Italia schiera in campo maschile una squadra molto agguerrita con uno dei grandi protagonisti della storia di questa specialità, Simone Ruffini, che nel 2015 seppe conquistare la medaglia d’oro iridata. Agli Europei Ruffini non sale sul podio da undici anni (fu argento e bronzo sempre a Budapest nel 2010). Assieme a lui Matteo Furlan, che a Glasgow seppe conquistare la medaglia di bronzo europea proprio su questa distanza e Alessio Occhipinti che invece è stato bronzo nella 25 km ai Mondiali di Gwangju nel 2019. Il francese Reymond ed il russo Abrosimov gli atleti da tenere d’occhio in chiave medaglie.

In campo femminile due le azzurre al via: Barbara Pozzobon, campionessa italiana della distanza nel 2019 e 13ma agli ultimi Mondiali di nuoto e la debuttante Veronica Santoni che proveranno a giocarsela per un piazzamento importante in una gara che ha tante pretendenti, dalla francese Grangeon alla tedesca Spiwoks, alla padrona di casa Olasz.

OA Sport vi offre la DIRETTA LIVE dell’ultima giornata di gare degli Europei 2021 di nuoto di fondo di scena a Budapest (Ungheria), con l’assegnazione dei due titoli della maratona del nuoto, la 25 km maschile e femminile: cronaca in tempo reale e aggiornamenti costanti. Il via è previsto per le 9.30! Buon divertimento

Foto Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tuffi, Europei 2021: Riccardo Giovannini conquista la finale dalla piattaforma, eliminato Larseen all’ultimo tuffo

Nuoto di fondo, Lea Boy domina la 25 chilometri donne. Pozzobon terza, Italia a medaglia in tutte le gare!