Quanti soldi guadagnano Nibali e Aru? Stipendio tra i più ricchi per lo Squalo. Calo per il sardo

Quanti soldi guadagnano i ciclisti? Quali sono gli stipendi degli atleti che corrono in bicicletta a livello professionistico? Quali sono le buste paga di chi fatica in gruppo? Sono queste le domande più frequenti tra gli appassionati di ciclismo, soprattutto durante il rigido inverno, quando non ci sono gare su strada e quando bisogna aspettare ancora qualche settimana per gustarsi qualche evento di primo piano.

Indubbiamente l’emergenza sanitaria ha generato una grave crisi a livello globale e lo sport ne ha inesorabilmente risentito, lo stesso ciclismo è andato in difficoltà e ha provato pian piano a recuperare, cercando di restare a galla. Si spera ovviamente che il 2021 possa essere un anno decisamente migliore e che presto la normalità torni a fare capolino nelle nostre vite. I salari degli atleti potrebbero subire delle contrazioni, anche se nella maggior parte dei casi le squadre hanno cercato di onorare al meglio gli impegni presi in occasione delle varie firme sui contratti.

L’Equipe aveva fatto una stima dei 20 ciclisti più pagati nel 2020. La stagione che incomincerà tra poche settimane cambierà però alcuni valori in campo. Ci saranno sicuramente due scossoni importanti nella top-5: il primo riguarda il britannico Chris Froome, l’anno scorso secondo nella speciale classifica con 4,5 milioni di euro e ora pronto ad accasarsi alla Israel Start-Up Nation lasciando la Ineos Grenadiersi (il vincitore di quattro Tour de France non percepirà più quella cifra); il secondo riguarda il nostro Fabio Aru, il quale lascerà la UAE Emirates dopo tre anni durissimi e indosserà la casacca della Qhubeka Asson.

Il Cavaliere dei Quattro Mori era il quinto ciclista più pagato al mondo con circa 2,6 milioni di euro, ma il passaggio alla formazione sudafricana (sempre nel circuito World Tour) porterà a una notevole diminuzione dell’ingaggio. Quanti soldi guadagnerà Fabio Aru nel 2021? Non ci sono cifre ufficiali, ma OA Sport ha provato a effettuare una stima del possibile salario del sardo. Il 30enne potrebbe doversi accontentare di una cifra che spazia tra i 100.000 e i 120.000 euro, ma con probabili generosi bonus economici in base ai risultati ottenuti nelle varie gare (ad esempio un buon piazzamento al Giro d’Italia potrebbe garantire un assegno generoso). Questo nuovo salario fa piombare Fabio Aru nel gruppone dei ciclisti con un guadagno attorno ai 100mila euro.

Vincenzo Nibali, invece, conserva il suo piazzamento nel gotha salariale del ciclismo. Lo Squalo, infatti, è al suo ultimo anno di contratto con la Trek-Segafredo e percepisce circa 2,1 milioni di euro a stagione. Il siciliano cerca riscatto in questa annata, dopo un 2020 un po’ sottotono per i suoi standard, ed è nono nella graduatoria dei ciclisti più pagati, dove comanda sempre lo slovacco Peter Sagan (5 milioni di euro per il tre volte Campione del Mondo in forza alla Bora-hansgrohe).

I CICLISTI PIU’ PAGATI DEL MONDO: LA CLASSIFICA. PETER SAGAN IL PIU’ RICCO

Di seguito il dettaglio di quanti soldi guadagnano Vincenzo Nibali e Fabio Aru, oltre alla classifica dei 10 ciclisti più pagati aggiornata al 2020. Naturalmente si parla degli ingaggi ricevuti dalle squadre, sono esclusi altri introiti derivanti da premi e sponsorizzazioni. Non sono cifre ufficiali, le stime sono state fatte dal quotidiano francese L’Equipe lo scorso maggio.

QUANTI SOLDI GUADAGNANO VINCENZO NIBALI E FABIO ARU?

VINCENZO NIBALI: circa 2,1 milioni di euro a stagione dalla Trek-Segafredo.

FABIO ARU: secondo una stima di OA Sport, circa 100.000-120.000 euro a stagione dalla Qhubeka-Asson. A questa cifra si aggiungono bonus per i risultati di gara.

LA CLASSIFICA DEI CICLISTI PIÙ PAGATI (TOP-10, MAGGIO 2020):

1. Peter Sagan (Bora-hansgrohe) 5 milioni di euro
2. Chris Froome (Team Ineos) 4,5 milioni di euro: la cifra cambierà, nel 2021 correrà per la Israel Start-Up Nation
3. Geraint Thomas (Team Ineos) 3,5 milioni di euro
4. Egan Bernal (Team Ineos) 2,7 milioni di euro
5. Fabio Aru (UAE Emirates) 2,6 milioni di euro: la cifra cambierà, nel 2021 correrà per la Qhubeka-Assos
6. Mikel Kwiatkowski (Team Ineos) 2,5 milioni di euro
7. Julian Alaphilippe (Deceuninck-QuickStep) 2,3 milioni di euro
8. Alejandro Valverde (Movistar) 2,2 milioni di euro
9. Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo) 2,1 milioni di euro
10. Richard Carapaz (Team Ineos) 2,1 milioni di euro

Dati da L’Equipe

LE ANTICIPAZIONI SUL PERCORSO DEL GIRO D’ITALIA 2021

MATTEO DONEGA’: “JONATHAN MILAN E’ UN TALENTO”

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclocross, GP Sven Nys 2021: Ceylin del Carmen Alvarado fulmina Brand a Baal

Giro d’Italia 2021, squadre italiane penalizzate. Una wild card va alla Alpecin-Fenix