Prada Cup, Luna Rossa sconfitta all’esordio da Ineos. Decisiva la partenza, ma buone risposte

Luna Rossa debutta con una sconfitta nella Prada Cup. C’era tanta attesa per l’esordio dell’imbarcazione italiana nella competizione che designerà lo sfidante di Team New Zealand per la conquista della America’s Cup, il trofeo sportivo più antico al mondo. Il team tricolore si è dovuto arrendere al cospetto di Ineos Uk, grandissima rivelazione di questa prima giornata di regate nella baia di Auckland (Nuova Zelanda): dopo aver travolto gli statunitensi di American Magic con un vantaggio di addirittura 1’20”, la barca timonata da Sir Ben Ainslie ha battuto Luna Rossa con un margine di 28” e vola in testa alla classifica generale con 2 punti.

James Spithill e compagni restano al palo, con 0 punti all’attivo al pari di American Magic (entrambe hanno disputato soltanto una regata). Lo scontro diretto di domani notte (ore 03.00) sarà già importante per cercare di capire quali sono davvero i valori in campo, perché per il momento Ineos Uk ha fatto saltare il banco contro pronostico e ha avuto la meglio contro le due favorite della vigilia. Quantomeno Luna Rossa è rimasta in partita per tutti i 25 minuti di regata, mentre gli americani sono letteralmente sprofondati e hanno preso una scoppola non indifferente, come dimostra il ritardo cronometrico al traguardo.

La seconda regata di giornata si è decisa su un unico aspetto: la partenza. Le manovre in avvio hanno sostanzialmente indirizzato la contesa andata in scena sull’esigente campo di regata C (vicino alla costa), con un vento che soffiava da sud-ovest tra i 10 e i 12 nodi (condizioni di media intensità). Ineos Uk è stata più brava a leggere la situazione, ha beffato Luna Rossa allo start, si è presa il lato destro decisamente più veloce e lo ha difeso strenuamente durante i sei tratti di gara (3 di bolina e 3 di poppa).

L’imbarcazione italiana si è mantenuta attorno ai 20 secondi di distacco per tutta la gara, cercando a più riprese di trarre in inganno i rivali e di trovare una situazione più favorevole, ma non riuscendo mai sostanzialmente a ricucire il gap che si era creato nei primissimi minuti di competizione. Da annotare che James Spithill e compagni sono scesi in acqua con le volanti, aspetto tecnico su cui si era tanto chiacchierato negli ultimi giorni e su cui si attende ancora una risposta: vanno per forza usate oppure si possono nascondere?

LA CRONACA DELLA REGATA

Ineos Uk entra da sinistra, dunque con 10 secondi di vantaggio su Luna Rossa. Le manovre di partenza sono intensissime, l’imbarcazione italiana prova a prendersi la destra del campo di regata, ma i britannici la “spingono” verso sinistra e transitano per primi sulla linea di partenza, beneficiando del miglior lato del campo di regata. Luna Rossa deve dunque rifugiarsi sulla sinistra, venendo costretta anche a una virata aggiuntiva per prendere il primo gate. BRITAnnia vira con 15” di vantaggio al termine del primo tratto di bolina e poi in poppa aumenta ulteriormente il proprio margine, passando con 22”.

In situazioni di vento a favore è praticamente impossibile recuperare per chi viene da dietro, Luna Rossa quantomeno non sprofonda e poi cerca una magia nel secondo tratto di bolina: dimezza momentaneamente lo svantaggio (circa 130 metri), ma poi Ineos chiude nuovamente il lato destro e riallunga nuovamente transitando con 23” di vantaggio al gate 3. Il penultimo tratto di poppa non cambia gli equilibri in campo, la barca sponsorizzata da Prada e Pirelli riesce a recuperare qualcosina nell’ultima bolina e passa al gate 5 con 13” di ritardo, ma la rimonta è impossibile negli ultimi istanti di gara e Ineos Uk trionfa con 28” di margine.

VIDEO: RIGUARDA PER INTERO LE DUE REGATE DI OGGI

JAMES SPITHILL: “CI HANNO VIRATO DAVANTI IN PARTENZA, NON POTEVAMO FARE DI PIU’ “

RISULTATI E CLASSIFICA DOPO LA PRIMA GIORNATA

LA CRONACA DELLA VITTORIA DI INEOS UK CONTRO AMERICAN MAGIC

DIFFERITE E REPLICHE PRIMA GIORNATA IN TV: ORARI E PROGRAMMA SU RAI E SKY

Foto: Luna Rossa Press

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Lascia un commento

Prada Cup, Ineos Uk travolge American Magic! Dominio totale dei britannici, trionfo a sorpresa

Biathlon, tutti contro la Norvegia nella staffetta maschile a Oberhof. L’Italia sogna il podio