LIVE Biathlon, Staffetta femminile Anterselva in DIRETTA: vince la Russia a sorpresa, l’Italia è quarta e sfiora il podio

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

LA DIRETTA LIVE DELLA MASS START MASCHILE DI BIATHLON DALLE 15.05

13.56: E’ tutto per questa DIRETTA LIVE. Un saluto dalla redazione di OA Sport.

13.54: Un vero peccato per l’Italia che, con Wierer, è arrivata a giocarsi il podio. Purtroppo “Doro” non ha trovato quella precisione al poligono che sarebbe stata necessaria (4 errori nelle sue serie) per ambire al meglio possibile. Tuttavia, la prova d’insieme delle azzurre è estremamente positiva, soprattutto per quanto fatto da Sanfilippo e Carrara, ricordando l’ottima apertura di Vittozzi. Le indicazioni, quindi, in vista dei Mondiali a Pokljuka (Slovenia) sono confortanti.

13.52: Grande prestazione della Russia femminile, dunque, che si porta a casa questo successo meritato con 11″0 di margine sulla Germania e 21″2 sulla Francia. Italia in quarta posizione a 40″5, chiudendo con 8 ricariche totali, a precedere la Bielorussia (+46″5) e la Norvegia (+59″6).

13.51: Ai 23.7 km la russa Kaisheva comanda con 9″1 di margine sulla tedesca Preuss e 15.6 sulla francese Simon. Wierer insegue a 42″1 dalla vetta, con la bielorussa Sola alle calcagna. La norvegese Roeiseland è a 54″1.

13.48: NOOOO!!! Due ricariche per Wierer che avrebbe potuto ambire al podio, che peccato! L’azzurra è quarta a 26″1. La russa Kaisheva comanda con 8″6 e due errori anche per lei, a precedere la tedesca Preuss di 8″6 e la francese Simon a 13″8. Wierer, come detto, è quarta con la bielorussa Sola sulle code. Due errori per la norvegese Roeiseland a 45″3 dalla vetta.

13.47: Ci si avvicina al poligono in piedi e qui si decide tutto!

13.45: Ai 21.7 km coppia di testa formata da Preuss e da Kaisheva. Si avvicinano le inseguitrici con la francese Simon a 29″5, la bielorussa Sola a 30″7 e Wierer a 37″8, che recupera altri secondi rispetto alla vetta.

13.44: Si gestisce in testa alla gara con Preuss che mantiene un vantaggio stabile di 2″9 sulla russa Kaisheva e 32″5 sulla francese Simon. Wierer guadagna 6″4 sulla testa, in quinta piazza. Roeiseland è sesta 1’00″0, mentre molto bene la svedese Oeberg in ottava posizione a 1’20″6.

13.42: Purtroppo Wierer sbaglia in due circostanze in questo poligono a terra ed è quinta a 47″9. Preuss comanda con 2″0 di margine sulla russa Kaisheva e 33″5 sulla bielorussa Sola. Simon è a 36″6 a precedere Dorothea, mentre Roesideland è a 1’05″7 trovando lo zero e prova a rientrare.

13.40: La russa Kaisheva comanda ora con Preuss in testa insieme. A seguire la francese Simon a 23″3, la bielorussa Sola a 27″0 e la nostra Wierer a 36″0. Coppia all’inseguimento alle sue spalle formata dalla ceca Charvatova e da Roeiseland.

13.38: La tedesca Preuss comanda ai 18.7 km con 1″6 di margine sulla russa Kaisheva e 28″7 sulla francese Simon. Wierer è a 43″5, guadagnando qualcosa sulla testa, mentre la norvegese Roeiseland è sesta a 1’13″9.

13.36: La Germania cambia dunque con 3″8 di margine sulla Russia e 28″1 sulla Francia. L’Italia è quinta 46″0 a 18″ dal podio. Servirà la miglior Wierer per centrare il podio, la Norvegia è sesta 1’15″9 con Roeiseland.

13.35: Purtroppo Carrara ora è quinta 38″8 dalla vetta occupata da Herrmann: soffre sugli sci l’azzurra che sta cercando di tenere il passo sulla bielorussa Kruchinkina, mentre la norvegese Eckhoff è a 1’16″”, con un ritmo notevole sugli sci stretti.

13.34: Ai 16.7 soffre purtroppo Carrara che è quarta ora a 28″1, scavalcata dalla francese Braisaz (+22″9).

13.31: GRANDISSIMA CARRARA! L’azzurra trova lo zero in questo poligono in piedi ed è in piena corsa per il podio. Carrara gira a 19″8 dalla vetta occupata dalla russa Mironova. Inseguono la Germania con Herrmann con due ricariche usate in questa serie a 4″9. Alle spalle di Carrara (terza) c’è Braisaz a 19″8 con due ricariche usate. La Norvegia ancora indietro con Eckhoff che è decima e un errore in questo poligono a 1’21″6.

13.30: Ci si avvicina quindi a questo poligono in piedi molto importante.

13.29: Ai 15.7 km Herrmann sembra in gestione con 9.2 di margine sulla russa Mironova e 12.7 sulla bielorussa Kruchinkina a 12″7. Perde un po’ di terrenno Carrara a 17″4 in quarta piazza.

13.27: La tedesca Herrmann in fuga ai 14.7 km con 8″7 di margine sulla Russia con Mironova e con 16″3 sulla Bielorussa con Kruchinkina. Bene Carrara a 17″0, in scia alla bierlosussa.

13.25: La Germania vola via con Herrmann, che usa una ricarica in questa serie a terra, a precedere la Russia con Mironova e la Bielorussia con Kruchinkina, molto bene in questo poligono con lo zero, a 18″5. Carrara che fa uso di una ricarica e rimane in scia alla bielorussa. Chevalier deve ricorrere a due ricariche e la Francia è quinta a 25″5. La Norvegia è undicesima a 1’21″7 con Eckhoff che non trova due bersagli in questa serie a terra.

13.24: Ci si avvicina dunque al poligono a terra e vedremo che cosa succederà.

13.24: Herrmann guida le fila in fuga per la Germania con 9.3 di vantaggio sulla Russia con Mironova ai 13.7 km. Bene Michela Carra che tiene il passo della Francia con Braisaz a 15″0 dalla vetta.

13.22: Adesso la Germania prova a fare la differenza con Herrmann sugli sci: la tedesca con 5″5 di margine sulla russa Mironova e 11″5 su Braisaz. Bene Carrara che è in scia alla transalpina, mentre la Norvegia con Eckhoff deve risalire la china e insegue in 12ma posizione a 1’18″5.

13.20: Brava Sanfilippo che cambia con Michela Carrara a 9.0 dalla vetta, preceduta da Germania, Russia e Francia.

13.18: Agli 11.7 km la tedesca Hettich tira il gruppo con 0″5 di margine sulla russa Akimova. La francese Chevalier è terza a 6″7, mentre Sanfilippo tiene botta 9″8.

13.17: Ai 10.7 km la Russia e la Germania comandano in tandem a precedere di 5″4 la francese Chevalier, mentre Sanfilippo è quarta a 8″6.

13.14: Deve far ricorso a due ricariche Sanfilippo purtroppo in questo poligono in piedi, che quidi gira in quarta posizione a 6″1 dalla vetta. Comanda la Germania con Hettich, con solo una ricarica, a precedere la francese Chevalier (perfetta) a 2″3 e la russa Akimova a 3″1. Alimbekava si è salvata con le ricariche (tre) ed è quinta, mentre sprofonda la Svezia con Elvira Oeberg che deve pagare pegno con tre giri di penalità a 1’49″3, preceduta da Tandrevold che commette anche un errore in questa serie. Le due potenze nordiche sono in 16ma e 17ma posizione.

13.11: Ai 9.7 km Sanfilippo mantiene un margine di 11.4 sulla tedesca Hettich e 12.5 sulla russa Akimova. Le rivali risalgono la china, con la svedese Elvira Oeberg in quarta posizione a 18.3 a precedere l’americana Reid (+26.7), la francese Chevalier (+27.6) e la bielorussa Alimbekava (+28.5).

13.10: Agli 8.7 km Sanfilippo guida con un margine inferiore, per via del fatto che le altre stanno spingendo: la tedesca Hettich è a 14″5, mentre la russa Akimova è a 15″4. La francese Chevalier è a 32″9 a precedere la bielorussa Alimbekava molto veloce fino a questo punto a 38″0.

13.07: GRANDISSIMA SANFILIPPO!!! L’azzurra trova lo zero a terra. L’Italia mantiene del margine con 18″7 di margine sulla tedesca Hettich e 20″9 sulla russa Akimova. La Svezia mantiene il passo con Elvira Oeberg a 30″3. Veloce la Francia con Chevalier che ora è sesta a 39″9, mentre la Norvegia con Tandrevold che commette due errori in questo poligono e dunque 17° posto a 1’53″4.

13.06: Ai 7.7 km Sanfilippo guida sempre in questa staffetta femminile, con un margine rimasto costante sulle immediate inseguitrici: 18.0 sulla tedesca Hettich e 19.1 sulla russa Akimova. Risale la Svezia con Elvira Oeberg a 33″3, stesso discorso per la Francia con Chevalier a 43″3. La norvegese Tandrevold è passata a 1’26″6.

13.04: Sanfilippo guida il gruppo con 18″3 di margine sulla tedesca Hettich e 18″9 sulla russa Akimova. La Francia prova a recuperare con Chevalier, ora a 50″1. Stesso discorso per Tandrevold a 1’30″3 per la Norvegia.

13.01: Italia, dunque, in fuga grazie a Lisa Vittozzi, che cambia con Federica Sanfilippo. La Germania passa a 16.5 e la Russa a 16.9. Più indietro la Francia e la Norvegia: 55″3 sulle transalpine e 1’32″3 sulle norvegesi.

13.00: Vittozzi passa ai 5.7 km con 16.7 di margine sulla Russia con Pavlova e 17.4 sulla Germania con Hinz. Recupera qualcosa su Lisa la russa, ma ottima frazione della sappadina.

12.59: Decisamente attardate la Francia con Bescond a 54″3, mentre la Norvegia con Knotten è a 1’18″9.

12.59: Prova a spingere Vittozzi con 15″8 di margine sulla tedesca Hinz e 18″5 sulla russa Pavlova ai 4.7 km.

12.58: Bravissima Vittozzi che con l’uso della ricarica nella serie in piedi se ne va letteralmente via. Insegue la Germania a 11″0 con Hinz e la Svezia con 13″4. Male la Francia con Bescond che deve affrontare il giro di penalità con 48″0 di ritardo, mentre Knotten trova lo zero e la Norvegia passa a 1’08″4 dal vertice.

12.55: Ai 3.7 km la situazione rientra nei ranghi, nel senso che Vittozzi è stata ripresa. Tomingas guida il gruppo con Bescon, Pavlova e l’azzurra davanti a tutti. La Germania con Hinz è a 10.7 dal quartetto di testa.

12.52: Brava Lisa che prova ad allungare, passando ai 2.7 km con 5″0 di vantaggio su Bescond e 5″7 sull’estone Tomingas. Germania a 15″2 con HJinz, mentre molto attardata la Norvegia con Knotten a 54″9 dal vertice. Davvero sorprendente la sua prestazione al poligono.

12.51: BRAVA VITTOZZI! Grande l’azzurra che trova lo zero con 4″7 di margine sulla svedese Skottheim e 6″2 sulla francese Knotten. Male la Norvegia che si becca il giro di penalità ed a 45″1 dalla vetta.

12.49: Al km 1.7 comanda la russa Pavlova con 0.5 di vantaggio sulla francese Bescond e 1.3 sulla norvegese Knotten. Vittozzi ottava a 3.2. C’è stata una caduta poco prima di questo intermedio che ha coinvolto la finlandese Minkkinen e un’altra atleta ovvero la ceca Puskarcicova.

12.47: Gruppo tirato da Vanessa Hinz (Germania) a precedere la francese Bescond e la russa Pavlova ai 0.7 km. Vittozzi quinta e quindi in controllo.

12.45: SI COMINCIA CON LA STAFFETTA FEMMINILE!

12.42: Tra tre minuti si comincia!

12.39: In questo discorso anche le scelte sui materiali faranno la differenza.

12.36: Come al solito ad Anterselva bisogna curare particolarmente la gestione dello sforzo: tracciato e altitudine richiedono molto fisicamente.

12.33: Notazione importante in casa Austria, l’assenza di Lisa Hauser, realtà di grandissimo livello in questa Coppa del Mondo, ricordando la vittoria nell’individuale e il terzo posto nella mass start ad Anterselva.

12.30: Le squadre favorite sono Norvegia, con le due campionesse Tiril Eckhoff e Marte Olsbu Roeiseland nelle ultime due frazioni, la Francia (vittoriosa ad Anterselva con Julia Simon nella mass start e sul podio nell’individuale con Anais Chevalier-Bouchet), la Svezia trascinata da Elvira e Hanna Oeberg e la solida Germania, senza sottovalutare la Bielorussia e la Russia.

12.27: Nello stesso tempo il Bel Paese sperimenta perché in seconda frazione viene schierata Federica Sanfilippo (nei precedenti stagionali sempre in ultima frazione) e in terza Michela Carrara che vorrà dare tutto per essere all’altezza della situazione.

12.24: La precisione nel tiro è venuta meno negli altri due poligoni soprattutto per questo motivo. La speranza, quindi, è quella di avere in apertura e in chiusura le migliori Vittozzi e Wierer.

12.21: “Doro”, infatti, è stata costretta a spingere sugli sci stretti più del dovuto nel tentativo di recuperare e su un tracciato in quota come questo le risorse fisiche sono messe a dura prova.

12.18: Una prova in partenza in linea nella quale i due bersagli mancati nella seconda serie a terra sono costati molto.

12.15: Spirito di rivalsa che animerà anche Dorothea Wierer, stavolta a chiosa della staffetta: la pluri-campionessa del mondo, dopo aver mancato per poco il podio nell’individuale, è incappata nella mass start in una giornata negativa con 5 errori al poligono e un 17° posto anonimo per lei.

12.12: La sappadina, dopo una prova più che discreta nella 15 km individuale (13° posto con tre errori), si è un po’ persa nella mass start, afflitta dalle imprecisioni di un tiro nella serie a terra che continua a non sorriderle. La prova a squadre può rilanciarla.

12.09: L’Italia propone il quartetto formato da Lisa Vittozzi, Federica Sanfilippo, Michela Carrara e da Dorothea Wierer. Un assetto “sperimentale” con l’inserimento di Carrara in terza frazione, mentre spetterà a Vittozzi aprire e a Wierer chiudere

12.07: Sulle nevi di Anterselva ultimo giorno di gare e ci si augura che la squadra italiana sappia concludere bene sulle nevi di casa.

12.05: Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE della staffetta femminile, prova valida per la Coppa del Mondo di biathlon 2020-2021.

Il programma e le startlist della staffetta femminileLa presentazione della staffetta femminile 

Buongiorno e bentrovati alla DIRETTA LIVE della staffetta femminile, prova valida per la Coppa del Mondo di biathlon 2020-2021. Sulle nevi di Anterselva ultimo giorno di gare e ci si augura che la squadra italiana sappia concludere bene sulle nevi di casa.

L’Italia propone il quartetto formato da Lisa Vittozzi, Federica Sanfilippo, Michela Carrara e da Dorothea Wierer. Un assetto “sperimentale” con l’inserimento di Carrara in terza frazione, mentre spetterà a Vittozzi aprire e a Wierer chiudere. Sia la sappadina che l’altoatesina sono uscite deluse dalla prestazione nella mass start e desiderano rifarsi in questa prova a squadre, consapevoli del fatto che sarà molto complicato andare a podio. Tuttavia, il desiderio è quello di gettare il cuore oltre l’ostacolo e dimostrare di essere competitive in un format che ultimamente non è stato così favorevole ai nostri colori.

Svezia, Norvegia, Francia e Germania sono le selezioni più attrezzate sulla carta per contendersi il gradino più alto del podio e dovrebbero ripetersi anche in questo contesto così particolare. Un tracciato impegnativo soprattutto perché in quota e pertanto la distribuzione dello sforzo sarà fondamentale per rendere al meglio sia al poligono che sugli sci stretti.

OA Sport vi offre la DIRETTA LIVE della staffetta femminile, prova valida per la Coppa del Mondo di biathlon 2020-2021: cronaca in tempo reale e aggiornamenti costanti. Si comincia alle 12.45. Buon divertimento!

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

LIVE Treviso-Olimpia Milano 77-82, Serie A basket in DIRETTA: LeDay e Rodriguez danno la vittoria a Milano

Slittino: vincono Sics/Sics e Geisenberger, quinti Rieder/Rastner. A Steu/Koller la Coppa del Mondo