F1, test Abu Dhabi: quali piloti parteciperanno? C’è Fernando Alonso. Polemica per l’assenza di Ferrari con Sainz

Continuano le polemiche alla vigilia dei test post stagionali della F1, previsti ad Abu Dhabi martedì 15 dicembre. Michael Masi, direttore di gara della massima formula, ha fatto chiarezza sulla situazione. L’australiano ha spiegato che saranno ammessi tutti i piloti che non hanno preso parte a tempo pieno nel Mondiale di F1 2020. Molte squadre non potranno dunque avere tra le proprie fila i titolari del prossimo anno e portarsi avanti con la preparazione per il 2021. La giornata, riservata teoricamente ai giovani piloti, non vedrà una griglia colma di rookie.

La FIA ha permesso infatti a dei volti noti come lo spagnolo Fernando Alonso e il polacco Robert Kubica di scendere in pista e svolgere il regolare compito nonostante molti anni di esperienza nel ‘Circus’. I due, personaggi che non hanno bisogno di presentazioni, sono accompagnati da alcuni importanti ex come il belga Stoffel Vandoorne o l’elvetico Sebastien Buemi. 

Andiamo con ordine a scoprire per ogni formazione chi potrà prendere parte ai test post-stagionali di Abu Dhabi. La Mercedes, consapevole di non poter puntare sul britannico George Russell, ha optato per il già citato Vandoorne. Il 28enne ha militato in Formula E con la casa di Stoccarda nella scorsa stagione ed era uno dei papabili per rimpiazzare il britannico Lewis Hamilton, out dopo esser rimasto positivo al Coronavirus nel GP di Sahkir.

Ferrari deve fare a meno dell’iberico Carlos Sainz Jr, nuovo alfiere titolare della Rossa per il 2021. I responsabili della casa di Maranello hanno cercato in tutti i modi di avere l’attuale pilota McLaren in scena per la prima volta al posto di Vettel. Il nostro Antonio Fuoco (protagonista nel GT con Ferrari) si alternerà al volante della SF1000 con il russo Robert Shwarztman, membro della FDA ed assoluto protagonista con Prema nella FIA F2 2020.

Red Bull punta sull’esperto Buemi. Assente dalla F1 dal 2011, lo svizzero è un volto noto dell’endurance con tre 24 Ore di Le Mans all’attivo, due titoli nel FIA World Endurance Championship e la vittoria nella Formula E nella stagione 2015-2016. Oltre a lui vedremo all’opera il giovane estone Juri Vips, in scena con DAMS nella FIA F2 di quest’anno e pilota di riserva per la squadra austriaca in occasione del GP di Turchia, manifestazione in cui Buemi non era disponibile per la concomitanza con l’8h del Bahrain.

Come Ferrari e Mercedes anche Aston Martin (attuale Racing Point) non può puntare sul tedesco Sebastian Vettel, pilota che nel 2021 sarà accanto al canadese Lance Stroll. Stesso discorso per l’australiano Daniel Ricciardo che avrebbe dovuto partecipare ai test con McLaren. Per non sappiamo chi scenderà in pista per queste strade nel test che chiuderà l’attività in pista di questo complesso 2020. 

Fernando Alonso è stato annunciato con la Renault. L’asturiano, campione del mondo nel 2005 e nel 2006, torna nella F1 prima del rientro previsto nel prossimo anno. Lo spagnolo rientra dopo aver vinto il Mondiale Endurance, due 24 Ore di Le Mans ed aver inseguito il successo nella 500 Miglia di Indianapolis.

La bandiera giapponese è protagonista in AlphaTauri. Marino Sato e Yuki Tsunoda (miglior esordiente della FIA F2 2020) sono i due alfieri scelti dalla compagine di Faenza. A differenza di Marino, Yuki ha già testato la massima formula ad Imola e molto probabilmente il 2021 lo vedrà gareggiare a tempo pieno al posto del russo Daniil Kvjat. 

Callum Illott ed il già citato Robert Kubica sono stati scelti da Alfa Romeo. Il primo, pilota inglese che fino all’ultima prova ha cercato di strappare al tedesco Mick Schumacher il titolo nella F2 2020, sarà all’opera insieme all’esperto polacco che, oltre all’apparizione in qualche prova libera, ha partecipato con BMW nel DTM.

Il fresco campione della F2, Mick Schumacher, siederà al volante con il Team Haas, mentre il britannico Jack Aitken e l’israeliano Roy Nissany si alterneranno alla guida della Williams. 

I PILOTI E LE SQUADRE CON CUI DISPUTERANNO I TEST POST-STAGIONALI DI ABU DHABI

Mercedes – Stoffel Vandoorne

Ferrari – Robert Shwarztman, Antonio Fuoco

Red Bull – Juri Vips, Sebastien Buemi

Aston Martin – TBC

Renault – Fernando Alonso

McLaren – TBC

AlphaTauri – Marino Sato, Yuki Tsunoda

Alfa Romeo – Callum Ilott, Robert Kubica

Haas – Mick Schumacher

Williams – Jack Aitken, Roy Nissany

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuovi sport olimpici Parigi 2024: l’Italia sorride per l’arrampicata. Ma la breakdance…

Olimpiadi, Giovanni Malagò: “Per il Cio siamo a rischio sanzioni. Il Coni deve avere la sua autonomia”