Ginnastica artistica, Serie A: tutte le stelle della Final Six. Le Fate e le big che si sfideranno per lo scudetto


Nel weekend del 21-22 novembre andrà in scena la Final Six della Serie A 2020 di ginnastica artistica. Al PalaVesuvio di Napoli si assegneranno gli scudetti del massimo campionato italiano a squadre con l’innovativo format degli scontri diretti. Vediamo quali sono le stelle e le ginnaste di punte da tenere in forte considerazione nel fine settimana che concluderà questa tormentata stagione agonistica.

Riflettori puntati principalmente sulle Fate, lanciatissime verso la conquista del settimo scudetto consecutivo con la Brixia Brescia. La Leonessa è praticamente l’equivalente della Nazionale Italiana che ai Mondiali 2019 conquistò la medaglia di bronzo nella gara a squadre (Elisa Iorio è assente per infortunio, proprio come Desiree Carofiglio che non è però tesserata per le Campionesse d’Italia). Giorgia Villa e Asia D’Amato, fresche del trionfo nel concorso generale ai Campionati Assoluti, vogliono brillare nuovamente, proprio come Martina Maggio che è esplosa due settimane fa, trionfando alla trave ed arrivando ad appena mezzo decimo dalle due rivali.

Loading...
Loading...

Alice D’Amato andrà a caccia di un nuovo sussulto dopo essere caduta nella sua ultima uscita, attenzione anche alle giovani Angela Andreoli, Giorgia Leone, Veronica Mandriota che hanno nelle gambe dei mezzi importanti. Va precisato che le ragazze non gareggeranno su tutti gli attrezzi: il fatto che ogni squadra debba schierare soltanto due atlete in ogni specialità costringerà i tecnici ad effettuare alcuni giochi di strategia. La trave di Giorgia Villa, le parallele di Alice D’Amato e il volteggio di Asia D’Amato sembrano però essere una garanzia.

Se la Brixia è la super favorita per lo scudetto, la lotta per gli altri due gradini del podio è molto aperta. Civitavecchia può fare affidamento su giovani di lusso come Manila Esposito, Chiara Vincenzi, Giulia Cotroneo e se la giocherà con il Giglio Montevarchi della veterana Lara Mori, visto che il Centro Sport Bollate ha rinunciato alla gara perché ha dovuto sostenere un periodo di quarantena. Completano il quadro la Juventus Nova Melzo di Melissa Bignotti e Chiara Vergani e l’Artistica 81 Trieste di Francesca Noemi Linari, Giovanna Novel e Tea Ugrin.

Al maschile, invece, si preannuncia un’equilibrata sfida a tre per lo scudetto: la Ginnastica Pro Bustese di Ludovico Edalli e Ares Federici, la Ginnastica Salerno di Tommaso De Vecchis e Salvatore Maresca, la Spes Mestre di Nicolò Mozzato e Stefano Patron sembrano avere qualcosa in più dei rivali anche se non vanno sottovalutate la Ares di Edoardo De Rosa e Ivan Brunello, la Giovanile Ancona di Lay Giannini e Lorenzo Casali, la Virtus Pasqualetti Macerata di Matteo Levantesi, Paolo Principi e Andrea Cingolani.

LA NOSTRA STORIA 

OA Sport nacque l’11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L’attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell’arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all’Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Folco Donati

Loading...

Lascia un commento

scroll to top