Ciclocross, Superprestige 2020-2021: Laurens Sweeck piega Eli Iserbyt e vince il Jaarmarktcross di Niel

Laurens Sweeck (Pauwels Sauzen-Bingoal) piega il compagno Eli Iserbyt e conquista il suo primo successo stagionale nel Jaarmarktcross di Niel, una delle gare più prestigiose ed antiche del panorama ciclocrossistico che, da quest’anno, è entrata a far parte del calendario del Superprestige. Sul gradino più basso del podio, invece, sale uno sfortunatissimo Toon Aerts (Telenet Baloise Lions), il quale ha forato durante il penultimo giro mentre era in testa alla gara insieme a Sweeck ed Iserbyt.

La corsa ha visto Sweeck partire benissimo e rimanere da solo in testa già alla prima tornata grazie alla sua capacità di fare la differenza sulla sabbia. Iserbyt, invece, ha forato poco dopo la partenza ed è stato costretto a rimontare diverse posizioni. Il campione d’Europa, ad ogni modo, nel corso della seconda tornata ha staccato tutti e si è riportato sul titolare della maglia di campione belga. Tuttavia, Iserbyt ha pagato lo sforzo e Sweeck lo ha ristaccato poco dopo.

Il Folletto fiammingo, così, è stato riassorbito dal gruppo alle sue spalle ove Toon Aerts, con un rapporto impossibile, ha pian piano recuperato terreno a Sweeck staccando tutti gli atleti che aveva a ruota, tolto Iserbyt. Aerts, dopo quattro tornate, ha ricucito su Laurens portando con sé lo stesso campione europeo. I tre hanno dato vita a un’intensa battaglia, con Iserbyt che è sembrato sovente quello meno pimpante e in più occasioni ha fatto l’elastico.

Quando Aerts ha forato, però, è stato proprio Eli, con le poche energie rimaste, che ha portato lo scatto che è risultato fatale allo sfortunato Toon. Sweeck, con qualche difficoltà, tuttavia, gli ha preso la ruota. I due hanno cominciato l’ultima tornata insieme e, dopo un tratto da percorrere a piedi, il campione del Belgio ha preso la testa. Sweeck, successivamente, ha dato il colpo di grazia a Iserbyt sull sabbia. Laurens, infatti, ha percorso il segmento più adatto a lui in bici, al contrario del rivale che ha messo il piede a terra e ha perso un paio di metri che sono risultati decisivi, dato che non è riuscito a colmare il gap prima del traguardo. Iserbyt si consola, ad ogni modo, con una piazza d’onore che gli permette di prendere la testa del Superprestige con un punto di vantaggio su Aerts.

luca.saugo@oasport.it

Twitter: @LucaSaugo

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Basket: torna il sereno a Brindisi, tutti negativi i nuovi test legati al Covid-19

Tour de Yorkshire: cancellata l’edizione del 2021, appuntamento al 2022