Ginnastica artistica, Serie A1: la Brixia domina a Napoli. Fate meravigliose: Villa, D’Amato, Maggio strepitose al rientro



La Polvere di Magnesio è finalmente tornata dopo otto mesi di digiuno forzato. Il rientro in gara era attesissimo da parte di tutti gli appassionati e degli atleti, i quali sono riusciti a competere dopo lo stop dovuto all’emergenza sanitaria. A segnare la ripartenza è stata la terza tappa della Serie A1 2020 di ginnastica artistica, il massimo campionato italiano a squadre che ha concluso la regular season al PalaVesuvio di Napoli. Le prime sei squadre della classifica generale si sono qualificate alla Final Six, che il prossimo 22 novembre assegnerà lo scudetto.

La Brixia Brescia ha ovviamente confermato tutti i favori del pronostico e ha giganteggiato in lungo e in largo, dominando la gara con una facilità disarmante. Le Campionesse d’Italia hanno infilato il terzo successo consecutivo stagionale, chiudendo così questa fase del torneo a punteggio pieno. Le Fate non hanno deluso le aspettative, praticamente c’era in pedana l’Italia che l’anno scorso conquistò la medaglia di bronzo nella gara a squadre dei Mondiali, con l’assenza per infortunio di Elisa Iorio e di Desiree Carofiglio (ma la milanese avrebbe gareggiato per il Fanfulla). Le ragazze di Enrico Casella sono tornate più forti che mai, con grandissima piglio e molta convinzione nei propri mezzi.

Loading...
Loading...

Giorgia Villa ha regalato grandissime emozioni: la prima parte dell’esercizio alle parallele è stata sontuosa con tantissimi collegamenti (14.850, 5.7 il D Score più basso rispetto al suo massimale, tre decimi di abbuono); la 17enne è stata estremamente convincente alla trave (ottimo il raccolto avvitato, ottiene 13.950 con quattro decimi di bonus); la bergamasca è poi tornata a esibire le quattro diagonali al corpo libero (peccato per un’uscita di pedana sul doppio carpio dietro conclusivo, firma 13.500 con 5.3 come nota di partenza). La capitana, con ancora qualche problemino alla spalla, è stata affiancata splendidamente dalle “gemelle bionde”: Alice D’Amato ha sfoderato un ampissimo doppio avvitamento al volteggio (15.000, tre decimi di bonus) e ha poi meravigliato sugli staggi (14.650, 5.8 il D Score), Asia D’Amato ha piazzato un ottimo dty (14.700) e ha poi commesso un errore alla trave (12.500). All-around per l’altra Fata Martina Maggio (14.350, 13.950, 12.500, 13.350). Un grande plauso per le giovani Angela Andreoli (13.900 al quadrato) e Giorgia Leone (14.850 alla tavola).

Sul podio salgono anche Ginnastica Civitavecchia (153.450) di Giulia Bencini, Giulia Cotroneo, Manila Esposito e il Centro Sport Bollate (150.900) di Giada Grisetti e Micol Minotti, ampiamente distaccate dalle vincitrici Il Giglio Montevarchi rimane giù dal podio per appena due decimi (150.700). Quinta la Juventus Nova Melzo (149.150), sesta l’Artistica 81 Trieste (149.000). Settima la Ginnastica Salerno (146.850), ottava la WSA (145.250), nona la Corpo Libero Gym Team Padova (143.000), decima la Fanfulla Lodi (139.650), undicesima la Gal Lissone (132.000), dodicesima l’Audace (131.150). Da segnalare la bella prova di Lara Mori col body della Giglio Montevarchi (13.450, 13.950, 13.050, 13.550).

A qualificarsi alla Final Six, che il 22 novembre assegnerà lo scudetto, sono queste sei squadre (le prime sei della classifica generale dopo le prime tre tappe): Brixia Brescia (90 punti), Centro Sport Bollate (75), Ginnastica Civitavecchia (73), Giglio Montevarchi (59), Juventus Nova Melzo (59), Artistica 81 Trieste (57). Rimane fuori la WSA (57). Retrocedoo Corpo Libero Gym Team Padova, GAL Lissone, Audace Sport.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI GINNASTICA ARTISTICA

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Simone Ferraro/FGI

Loading...

Lascia un commento

scroll to top